Lunedì 3 Ottobre 2022 - Anno XX
Urbino con vista Palazzo Ducale

Urbino con vista Palazzo Ducale

Pesaro Urbino l’Italia in una provincia

Dal litorale Adriatico alla vette dell’Appennino. L’offerta turistica della provincia di Pesaro Urbino tra atmosfere suggestive e silenziose dell’entroterra. Arte, musica, cultura, chiese, teatri, ville storiche. Urbino luogo centrale del Rinascimento italiano.

Pesaro Urbino Pesaro piazza con la fontana

Pesaro

Le Marche stanno vivendo ancora le difficoltà del terremoto. I marchigiani però sono gente laboriosa, che non molla. Qui  si trova la maggior concentrazione di imprese. “Oggi le Marche fanno tendenza per la bellezza e il saper fare; viaggiare nei nostri territori è una scoperta continua e l’offerta turistica è qualificata” ha detto Raimondo Orsetti, dirigente della Regione Marche, nell’incontro avuto a Milano con la stampa e gli operatori turistici per presentare l’offerta turistica della provincia di Pesaro Urbino. “Abbiamo valori e caratteristiche che ci fanno essere competitivi” ha aggiunto il presidente della Camera di Commercio Pesaro e Urbino, Alberto Drudi.  Un territorio capace di competere sul mercato nazionale e internazionale e che sa fare squadra nella promozione condivisa dell’offerta turistica. “Nello spazio di poche decine di chilometri convivono mare e monti, spiagge sabbiose e di ciottoli, alcuni dei borghi più belli al mondo e i parchi naturali, le atmosfere suggestive e silenziose dell’entroterra e le ville storiche, lo sport e le sedi termali, l’enogastronomia e i luoghi di cultura, le rocche e chiese”, ha sottolineato Amerigo Varotti, vice presidente dell’ente camerale.

Pesaro Urbino: il Rinascimento italiano

Pea

Gradara, il Castello

Pesaro Urbino è una realtà con valori che non si possono ignorare. E’ terra del Rinascimento italiano. E poi ci sono le figure simbolo, veri e propri testimonial immortali: da Rossini a Raffaello, dalla Tebaldi a Bramante, da Lisippo alla Gioconda fino a Valentino Rossi e Luciano Pavarotti. Contrasti infiniti. Una straordinaria contaminazione di generi e di tradizioni che rendono questo territorio uno scrigno di sorprese. Qui si trovano  9 Borghi più belli d’Italia sui 23 assegnati alla regione Marche. Lungo la costa sono state assegnate le Bandiere Blu a Pesaro, Fano, Gabicce Mare, Mondolfo-Marotta (17 nelle Marche); Bandiere Arancioni: Frontino, Gradara, Mercatello sul Metauro, Mondavio (4 sulle 21 assegnate alle Marche). Nel corso degli anni si è diffusa la cultura dell’ospitalità. Un ambiente ideale per vivere una vacanza, possibile tutto l’anno. Amerigo Varotti ha raccontato l’offerta turistica con grande passione, aneddoti e curiosità. La provincia di Pesaro e Urbino “si è completamente reinventata: un cambiamento epocale per una provincia che è stata nei secoli prima agricola e poi a forte vocazione manifatturiera”, ha spiegato Varotti. “A cambiare sono state le persone, a cominciare dagli imprenditori del turismo. Hanno modificato la propria visione, sostenendola con progetti e investimenti significativi. Un effetto domino che ha generato buone prassi e sinergie importanti”.

Info: www.turismo.marche.itwww.turismo.pesarourbino.it

Leggi anche:

Week end a Tirano e Grosio tra arte e storia

Ponza, l’isola che c’è!

Short Break a Sant’Agata de’ Goti: storia, cultura e cibo nel borgo fortezza

© RIPRODUZIONE RISERVATA