Lunedì 3 Ottobre 2022 - Anno XX
Inviato un po’ speciale alla Fitur di Madrid

Inviato un po’ speciale alla Fitur di Madrid

Diario di una gita a Madrid alla Fitur (la Bit spagnola). Per chi prima o poi viaggiasse laddove si parla spagnolo a sud dei Pirenei o nell’America ispanica potrà trovare utile le informazioni e i dati riportati

Aereo Iberia per Madrid20 Gennaio. Volo Iberia (buon servizio a bordo ma ormai magnare & bere sono a livello Low Cost’, addio bei tempi …) a Madrid da Linate, che resta il migliore aeroporto del mondo, nel senso di più comodo (c’era anche Congonhas, a San Paolo, atterravi tra le case, ma non so se c’è ancora). Imbarco, in british, check in, tremendamente incasinato: prima di chiedermi, al gate finale, se avevo apps o quel che l’è (evviva i tickets d’antàn, roba concreta che infilavi tra le mutande e non perdevi più, adesso sei schiavo di un quadratino che sull’ipad o quel che l’è si allarga in tanti altri miniquadratini che per andare nell’aereo devi sfregare su un minivideo) faccio passare il bagaglio ai raggi X e mi chiedono cos’è una roba che sembra un minibazooka dopodiché mi tocca aprire il trolley (antan la valigia) e mostrare un bel salame di Felino. A bordo (bella rimpatriata!) vedo il quasi mio coscritto Luis Zanone (quest’anno 86, razza Vej Piemont) e allora vai con l’amarcord (ay ay ay quel Mondiale in Argentina, un mito). E tra i volanti diretti alla Fitur trovo pure il Manlio Olivero, padrùn e gran capo della Gdsm (e saputo che oltre alla Hertz rappresenta il Madagascar lo informo che quell’enorme isola è uno dei pochi posti del mondo da me non ancora visti, ma lungi da me scippare inviti: basterebbe qualche sconticino).

bacalao-tajada-a-casa-labra-di-madrid

Bacalao tajada a casa labra di Madrid

Appena decollati potrei ormai sostituire l’ufficiale di rotta (quante volte ho sorvolato Marsiglia e su Barcelona si punta su Zaragoza e si scende verso Madrid?) ma neanche stavolta (si atterrerà dopo 2 ore esatte) riesco a battere un lontano record, 1 h e 45’ (ma in quei tempi di boom non si risparmiava kerosene). Giunto alla Fitur (buono il servizio di navetta, in english shuttle, in spagnolo lanzadera) credo di aver guadagnato tempo prestampandomi l’accredito stampa, solo che intaso un marchingegno che legge tutte quelle righine parallele dette anche barre. Superato anche questo ulteriore casino tecnologico, appena entrato in Fitur noto che ancorché sapientemente riempiti (panche per relax, fiori & piante e quant’altro, e c’è pure un’area shopping tipo Montenapoleone) non mancano gli spazi liberi (è la crisi, baby, ma soprattutto sono il turismo, e le sue fiere, che cambiano).
Ma questa prima apparizione dura poco. Il tempo di trovare Carlos Hernandez (ex Lìder Maximo del Turismo spagnolo a Milano, e lì si divenne amici, dopodiché, ahilui –almeno secondo me- è finito a Roma) e si va in centro. Ma lì ci dividiamo. Lui e la sposa Carmen vanno a vedere il “Flauto Magico” mentre io (un po’ perché privo di biglietto/entrada’ –e l’opera mozartiana sta registrando enorme successo al madrileño Teatro Real-), un po’ perché devo tenere “al dia”, al corrente, la mia aficiòn lettrice) me ne vado a fare un bel giro di bar, osterie con finale al ristorante (alla fine dell’opera si proseguirà per il Molino de la Hoz, laddove Carlos & Carmen mi ospitano in una Casa de Campo che più bucolica non si può).

merluza-a-la-gallega

Merluza a la gallega

Rieccomi pertanto (ma quei saggi dei latini non dicevano forse che Repetita Juvant?) a “Casa Labra 1860” (Tetuan 25, a 10 mt dalla Puerta del Sol), locale storico non meno che tipico, quindi animatamente affollato. E onesto: ancorché Madrid sia abbastanza cara, ma non come Barcellona per bere un trago/sorso (contrariamente a quanto avviene sotto la Madonnina) non ti devi svenare. Esempi?  Una caña, birra spillata, 1 euro e15, idem per un vermut (de grifo, spillato), una ‘tajada de bacalao’, delizioso merluzzo fritto 1.35, per non parlare di saporite croquetas che paghi (addirittura) zero e 95. E si parla di assaggi ammanniti al momento, mica il nostrana, e costosamente scema Happy Hour con gli avanzi del ristorante di fianco. Ultimate un paio di degustazioni a Casa Labra proseguo il mio canonico itinerario godereccio trasferendomi in (calle) Echegaray a La Venencia. Beninteso non senza aver verificato che in (plaza) Canalejas ‘c’è ancora’ La Violeta, un datato negozio vendente caramelle (lo dice il nome) al sapore di viola. E fortunatamente ‘c’è ancora’ (non si sa mai, quante volte ti capita di tornare in un posto e ahinoi scoprire è stato chiuso per far posto a un tragico non meno che demenziale Fast Food).
E quanto a La Venencia, possa durare più dei corvi sulla Torre di Londra e delle scimmie sulla Rock di Gibilterra. Trattasi infatti di un locale che non soltanto è situato in una delle strade più suggestive di Madrid ma possiede pure ottimi Finos (così son chiamati i vini di Jerez) beninteso spillati da botti il cui ‘age’ definirei ‘inconnu’. E a La Venencia (tra un Fino e un altro da 1.90, con aceitunas/olive, e non date la mancia, la rifiutano) incontro pure gente disponibile a charlar/ciacolare. Stavolta, però, il mio colto interlocutore (per certo uno che sulla Guerra Civil, 1936 – 39) ne sa quasi quanto me, quasi quasi mi incolpa di aver avuto uno zio che non solo aiutò Franco a passare lo Stretto di Gibilterra ma fondò pure l’Aviaciòn Legionaria del Tercio (da cui l’attuale X nera in campo bianco della Fuerza Aerea spagnola). Assolto con una ultima ‘copa’ dalle responsabilità politiche di cui al citato zio, mi congedo dall’erudito neoamico de La Venencia e vado a cenare alla Casa Gallega in Bordodores. Sarò anche uno stolto ripetitivo, ma da tanti anzi tantissimi anni la Merluza a la Gallega che lì degusto (29.50 comprendenti pure il coperto, una tapa/assaggio di Pulpo a la Gallega e un bel calice di Ribera del Duero) è, da sempre, “da inginocchiatoio”.

Leggi la seconda puntata: “Alla Fitur di Madrid tra turismo e cucina

© RIPRODUZIONE RISERVATA