Domenica 31 Agosto 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Torino: Mole del cinema
Fascino, discrezione e imponenza di un monumento che ha fatto della settima arte la sua ragion dessere. Tra nebbie e icone sabaude Torino presenta il Museo Nazionale del Cinema
di Eleonora Boggio

La Mole Antonelliana
Sar un caso ma, compiendo un percorso a ritroso dalla cima della Mole, la prima locandina proprio "Solaris" risposta sovietica di Andrei Tarkosvskij, alla kubrickiana "2001, Odissea nello Spazio" che le fa da eco di fianco.
Sar un caso. Ma proprio per questa curiosa coincidenza che sul Museo del Cinema di Torino immediatamente calato un impalpabile velo di fascino che mi ha seguito in un iter spazio temporale lungo un giorno intero.
Ero l per la registrazione di Solaris, quello televisivo. Poteva trattarsi di una location come altre destinata ad unarchiviazione automatica al termine delle riprese.
Poteva esserema non lo stato.
Una mole di museo
Mostre temporanee ospitate presso il museo
Andiamo con ordine. 167,5 metri di altezza per la struttura in muratura pi alta dEuropa. Basata su un progetto dellarchitetto novarese Alessandro Antonelli e commissionata dalla Comunit israelita nel 1863 vide linserimento sulla massiccia base di 47 metri della guglia che lo port allelegante altezza di oggi. Ceduta poi al Comune di Torino fu consacrata a Museo Civico e in seguito, per volont di Vittorio Emanuele II, a sede del Ricordo Nazionale dell'Indipendenza Italiana.
Ironia della sorte: quella che doveva essere licona della citt di Mirafiori non fu mai utilizzata. Da virtuale sinagoga, ad ipotetica stazione ferroviaria per diventare, solo con lapprossimarsi del cambio di millennio, la sede reale di una teca che ha fatto della finzione la sua ragion dessere: il Museo Nazionale del Cinema.
La domanda sul perch un architetto sessantacinquenne abbia deciso di elevare una struttura tanto ardita ancora priva di risposta. Che sia frutto di follia o seme della genialit dellestroso Antonelli poco importa visto che dal 19 Luglio del 2000 ha vestito i panni della settima arte e si aperta allo schizoide quanto contraddittorio mondo dei fotogrammi.
Dove lunica realt la finzione.
2001: Odissea della Mole
La cupola della Mole
Sei anni di lavoro dequipe di Gianfranco Gritella e Antes Bortolotti, sono serviti per ridare vita ad un tempio mai divenuto tale. Sulla scia dello slogan di Antonelli secondo cui "le opere devono diventare tali anche se cambia la destinazione" il talento creativo di Gritella ha permesso che dopo settimane di polemiche, rinvii e delusioni la mole abbia esposto al pubblico le sue preziose collezioni.
Rinnovata nel suo insieme propone un assetto nuovo destinato a poter accogliere i percorsi museali. In un alternante dinamismo di spazi pieni e vuoti la scala elicoidale sospesa nel nulla, diventa il punto di snodo di una visita in cui spazio e tempo paiono fondersi in ununica dimensione.
In cui lo spettatore diventa protagonista delle pellicole che si succedono.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Un nuovo Artelibro
Dal 18 al 21 settembre 2014
Equiturismo e benessere
11-13 luglio; 9-11 agosto; 8-10 settembre
Offerte di viaggio
Matrimonio da sogno alle Maldive
Costa Rica, Nicaragua, Panama: El Mundo Verde
Self drive in moto lungo la Route 66
NOTIZIE
29/08/14 - Arte
Fino al 21 settembre si può visitare la mostra “Simboli vivi”. L'esposizione...
29/08/14 - Turismo
Si rinnova l'appuntamento con il TTT – Tourism Think Tank dal 30 settembre al 1 ottobre 2014...
29/08/14 - Mestieri vecchi e nuovi
Quello del casaro è uno dei mestieri più antichi, che per essere svolto oggi...
29/08/14 - Trasporti
Interessante l’indagine di flightright.it, un portale online dedicato ai passeggeri del...
29/08/14 - Enogastronomia
Friuli DOC, la fiera enogastronomica regionale del Friuli Venezia Giulia, torna a Udine...
Bugatti, il sogno compie 100 anni
Anche se i francesi tentano di scipparcelo mettendogli l'accento sulla "i", Ettore Bugatti era...
Api in cucina
È un dato di fatto che le api sono da qualche tempo in pericolo: i mutamenti climatici e i...
Sicurezza fra le nuvole
L'ammaraggio di emergenza dell'ATR 72 della Tuninter tunisina al largo di Palermo, ha colpito...
Da Milano a Melzo, con Leonardo "poliziotto"
Tutto inizia negli anni Ottanta del secolo scorso. I cittadini vogliono salvare dalla demolizione...
Divise d'Autore. La Moda sa come fare
Quando l’eroe, tornato dalla guerra, dice che lascerà la vita militare, la fidanzata...
Mi spruzzo un abito ed esco
Le due gocce di Chanel n° 5, usate come pigiama da Marilyn, ora non farebbero più colpo....
Sulle spiagge di Flic En Flac
“Una terra profumata e baciata dalle carezze del sole”, secondo Baudelaire. Queste sono...
Grandi battaglie (di soldatini) sotto il Monte Rosa
Il gusto di giocare con i soldatini unito al modellismo e alla passione per la storia o per il...
Cuscus, il Mediterraneo in grani
  L’estate toglie la voglia di cucinare a Chef Boris (soffre troppo il caldo) e...
Pranzi Reali in Piemonte
Sotto la regia della Regione Piemonte, alcuni dei migliori chef piemontesi, tutti con almeno una...
"Eco" e "Supercar" sotto il cielo di Ginevra
  Il Salone dell’Auto di Ginevra è una delle esposizioni più interessanti...
LIBRI E GUIDE
Sapori e saperi delle Dolomiti a cura di Serena Turrin, edizioni DBS Zanetti, 152 pagine, foto a colori, Euro 13,00.
Io sono un mito di Francesca Bonazzoli, Michele Robecchi, Electa, pagine 144, illustrazioni 175, Euro 19,90.
TUTTI I DOSSIER
0.84953808784485