Lunedì 28 Luglio 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Torino: Mole del cinema
Fascino, discrezione e imponenza di un monumento che ha fatto della settima arte la sua ragion dessere. Tra nebbie e icone sabaude Torino presenta il Museo Nazionale del Cinema
di Eleonora Boggio

La Mole Antonelliana
Sar un caso ma, compiendo un percorso a ritroso dalla cima della Mole, la prima locandina proprio "Solaris" risposta sovietica di Andrei Tarkosvskij, alla kubrickiana "2001, Odissea nello Spazio" che le fa da eco di fianco.
Sar un caso. Ma proprio per questa curiosa coincidenza che sul Museo del Cinema di Torino immediatamente calato un impalpabile velo di fascino che mi ha seguito in un iter spazio temporale lungo un giorno intero.
Ero l per la registrazione di Solaris, quello televisivo. Poteva trattarsi di una location come altre destinata ad unarchiviazione automatica al termine delle riprese.
Poteva esserema non lo stato.
Una mole di museo
Mostre temporanee ospitate presso il museo
Andiamo con ordine. 167,5 metri di altezza per la struttura in muratura pi alta dEuropa. Basata su un progetto dellarchitetto novarese Alessandro Antonelli e commissionata dalla Comunit israelita nel 1863 vide linserimento sulla massiccia base di 47 metri della guglia che lo port allelegante altezza di oggi. Ceduta poi al Comune di Torino fu consacrata a Museo Civico e in seguito, per volont di Vittorio Emanuele II, a sede del Ricordo Nazionale dell'Indipendenza Italiana.
Ironia della sorte: quella che doveva essere licona della citt di Mirafiori non fu mai utilizzata. Da virtuale sinagoga, ad ipotetica stazione ferroviaria per diventare, solo con lapprossimarsi del cambio di millennio, la sede reale di una teca che ha fatto della finzione la sua ragion dessere: il Museo Nazionale del Cinema.
La domanda sul perch un architetto sessantacinquenne abbia deciso di elevare una struttura tanto ardita ancora priva di risposta. Che sia frutto di follia o seme della genialit dellestroso Antonelli poco importa visto che dal 19 Luglio del 2000 ha vestito i panni della settima arte e si aperta allo schizoide quanto contraddittorio mondo dei fotogrammi.
Dove lunica realt la finzione.
2001: Odissea della Mole
La cupola della Mole
Sei anni di lavoro dequipe di Gianfranco Gritella e Antes Bortolotti, sono serviti per ridare vita ad un tempio mai divenuto tale. Sulla scia dello slogan di Antonelli secondo cui "le opere devono diventare tali anche se cambia la destinazione" il talento creativo di Gritella ha permesso che dopo settimane di polemiche, rinvii e delusioni la mole abbia esposto al pubblico le sue preziose collezioni.
Rinnovata nel suo insieme propone un assetto nuovo destinato a poter accogliere i percorsi museali. In un alternante dinamismo di spazi pieni e vuoti la scala elicoidale sospesa nel nulla, diventa il punto di snodo di una visita in cui spazio e tempo paiono fondersi in ununica dimensione.
In cui lo spettatore diventa protagonista delle pellicole che si succedono.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 3 - 
Week-end e tempo libero
Sinfonia d'estate in Val di Fassa
Dall'8 luglio al 26 agosto 2014
Gusto ad Alta Quota sulle Dolomiti
Dal 17 maggio all'1 novembre 2014
Offerte di viaggio
Islanda in Mountain Bike
Self drive in moto lungo la Route 66
Viaggio Missionario del Sorriso
NOTIZIE
28/07/14 - Avvenimenti
Giovedì 31 luglio, dalle 17 alle 23, il Galata Museo del Mare di Genova festeggia il suo...
28/07/14 - Città d'arte
Le ville, i giardini, i palazzi e le masserie del Salento, dove la vacanza non è e non...
28/07/14 - Voli
Sono iniziati i collegamenti aerei diretti Ancona-Tirana di Blu-express, la low cost di Blue...
28/07/14 - Curiosità
A Salsomaggiore Terme, lunedì 4 agosto alle ore 21, si darà il via alla celebrazione...
28/07/14 - Cultura
Appuntamento con la cultura, i libri e la lettura di Parolario: la quattordicesima edizione si...
Roero, le dolcezze del Miele
"Favi colanti le tue labbra, oh sposa, miele e latte nella tua bocca", dice il Cantico dei Cantici....
Solidarietà in punta di dito
Un gioco o qualcosa di più? Il nome Subbuteo risuona nelle orecchie dei "ragazzi" degli anni...
Cityteller, le città si raccontano
Dalla Roma di Dan Brown alla Piombino di Silvia Avallone, alla Napoli di Luciano De Crescenzo....
Cene imperiali
Quest'anno ricorre il 180° anniversario della nascita dell'Imperatore d'Austria Francesco...
Investigatori buongustai
Invito a cena con delitto è in programma sabato 23 ottobre dalle 20.15 al Castello dei Rossi...
Crostacei, l'oro rosso del West (svedese)
  L’autunno segna la stagione della pesca ai crostacei, una delle specialità...
Campioni in Seminario
Alta Maremma, 18 maggio 1949. Un pullman sta salendo dalla stazione ferroviaria di Follonica verso...
Auto d'epoca pronte a ripartire
Qualche settimana fa al Polo Fieristico di Milano si è svolta la seconda edizione del salone...
Estate 2012: Torre del Lago è pronta a ripartire
  L’estate si avvicina. Il caldo e la bella stagione lasceranno alle spalle le...
Nel Vallese un week-end per "enonauti"
Quando si pensa al vino, la mente viaggia quasi automaticamente verso quei paesi di grande...
Bolgheri, tra Carducci e nobiltà
Una quindicina d'anni fa, Bolgheri ha rischiato di fare la fine di Capalbio. Ma quando è arrivato...
LIBRI E GUIDE
I grandi miti della psicologia popolare di Lilienfeld S.O., Lynn S.J., Ruscio J., Beyerstein B.L., Raffaello Cortina Editore, pagine 392, Euro 26,00.
Scoprire Parigi in Metro Da un'idea di Fabienne Kriegel; testi di Anne-Claire Ruel, Auriélie Clair, Catherine Taret Gremese edizioni, pagine 386, Euro 19,50.
TUTTI I DOSSIER
0.89064884185791