Sabato 18 Aprile 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Torino: Mole del cinema
Fascino, discrezione e imponenza di un monumento che ha fatto della settima arte la sua ragion dessere. Tra nebbie e icone sabaude Torino presenta il Museo Nazionale del Cinema
di Eleonora Boggio

La Mole Antonelliana
Sar un caso ma, compiendo un percorso a ritroso dalla cima della Mole, la prima locandina proprio "Solaris" risposta sovietica di Andrei Tarkosvskij, alla kubrickiana "2001, Odissea nello Spazio" che le fa da eco di fianco.
Sar un caso. Ma proprio per questa curiosa coincidenza che sul Museo del Cinema di Torino immediatamente calato un impalpabile velo di fascino che mi ha seguito in un iter spazio temporale lungo un giorno intero.
Ero l per la registrazione di Solaris, quello televisivo. Poteva trattarsi di una location come altre destinata ad unarchiviazione automatica al termine delle riprese.
Poteva esserema non lo stato.
Una mole di museo
Mostre temporanee ospitate presso il museo
Andiamo con ordine. 167,5 metri di altezza per la struttura in muratura pi alta dEuropa. Basata su un progetto dellarchitetto novarese Alessandro Antonelli e commissionata dalla Comunit israelita nel 1863 vide linserimento sulla massiccia base di 47 metri della guglia che lo port allelegante altezza di oggi. Ceduta poi al Comune di Torino fu consacrata a Museo Civico e in seguito, per volont di Vittorio Emanuele II, a sede del Ricordo Nazionale dell'Indipendenza Italiana.
Ironia della sorte: quella che doveva essere licona della citt di Mirafiori non fu mai utilizzata. Da virtuale sinagoga, ad ipotetica stazione ferroviaria per diventare, solo con lapprossimarsi del cambio di millennio, la sede reale di una teca che ha fatto della finzione la sua ragion dessere: il Museo Nazionale del Cinema.
La domanda sul perch un architetto sessantacinquenne abbia deciso di elevare una struttura tanto ardita ancora priva di risposta. Che sia frutto di follia o seme della genialit dellestroso Antonelli poco importa visto che dal 19 Luglio del 2000 ha vestito i panni della settima arte e si aperta allo schizoide quanto contraddittorio mondo dei fotogrammi.
Dove lunica realt la finzione.
2001: Odissea della Mole
La cupola della Mole
Sei anni di lavoro dequipe di Gianfranco Gritella e Antes Bortolotti, sono serviti per ridare vita ad un tempio mai divenuto tale. Sulla scia dello slogan di Antonelli secondo cui "le opere devono diventare tali anche se cambia la destinazione" il talento creativo di Gritella ha permesso che dopo settimane di polemiche, rinvii e delusioni la mole abbia esposto al pubblico le sue preziose collezioni.
Rinnovata nel suo insieme propone un assetto nuovo destinato a poter accogliere i percorsi museali. In un alternante dinamismo di spazi pieni e vuoti la scala elicoidale sospesa nel nulla, diventa il punto di snodo di una visita in cui spazio e tempo paiono fondersi in ununica dimensione.
In cui lo spettatore diventa protagonista delle pellicole che si succedono.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 3 - 
Week-end e tempo libero
Tra orchidee ed erbe spontanee
Da Maggio 2015 a Luglio 2015
Trenino 100 valli & Laghi
Dal 1 al 3 maggio 2015 - Quota da € 298,00
Offerte di viaggio
India e Nepal
Crociera alle Bahamas
L'isola del cioccolato
NOTIZIE
17/04/15 - Internet
E' online il suo nuovo sito internet della Fédération Internationale des Logis...
17/04/15 - Feste e folclore
In Istria nord occidentale, le sue quattro perle, Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie, offrono il...
17/04/15 - Italia centro
Per il Wall Street Journal, Orvieto è il paradiso dell’arte. Parola del più...
17/04/15 - Alberghi
Il 2015 ha regalato a Cortina un modo completamente nuovo di vivere la vacanza: il “residence...
17/04/15 - Cultura
Sono 24 le città italiane che concorrono al titolo di capitale italiana della cultura per...
Vernacoliere: un giornale dalla lingua lunga
Somigliano, le parole e gli scritti di Cardinali, alle onde di quel Mare Tirreno che, anche nei...
Per, quando il turismo fa bene
  Nonostante Cusco sia città patrimonio dell’Umanità e meta di turismo...
New York: tour nei luoghi simbolo della comunit gay
  Un tour nei luoghi simbolo della comunità GLBT a stelle e strisce non può...
Pink Punk
Dopo il Plaza Athénée di Parigi, l'Husa Princesa di Barcelona, il Palm Resorts di Las...
Vigevano. I sapori del riso
Sarà al castello visconteo sforzesco di Vigevano, nel cuore della pianura Padana, la prima...
L'estate arcobaleno di Roma e Milano
  Premiato come Best Event Awards 2011, Gay Village 2012 si conferma, anche quest’anno,...
Il Myanmar degli scrittori
"Profumi d'olio di cocco e di legno di sandalo, cannella e zafferano erano sospesi sull'acqua e...
La Birra dei primati
Era l’anno 1759, cioè esattamente 250 anni fa… Il trentaquattrenne signor...
Gli antichi Re neri del Camerun
Cera una volta un re. Anzi ce nerano diversi, a nord del Monte Camerun, il vulcano attivo pi...
Un giorno a Hong Kong
Chek Lap Kok è il nome dell'aeroporto di Hong Kong. Costruito interamente sul mare, come...
Lungo il cammino, ma grande la meta! Tutti sul...
  Poteva la distanza e la pioggia scoraggiare i pellegrini, ormai lanciati? NO! Si inizi il...
LIBRI E GUIDE
Federico Barbarossa e la Battaglia di Monte Porzio Catone di Jennifer Radulovic, editore Jouvence (Gruppo Mim edizioni) pagine 208, Euro 18,00.
Non volare via di Sara Rattaro, Garzanti, pagine 224, Euro 14,90.
TUTTI I DOSSIER
0.17122387886047