Lunedì 30 Marzo 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Torino: Mole del cinema
Fascino, discrezione e imponenza di un monumento che ha fatto della settima arte la sua ragion dessere. Tra nebbie e icone sabaude Torino presenta il Museo Nazionale del Cinema
di Eleonora Boggio

La Mole Antonelliana
Sar un caso ma, compiendo un percorso a ritroso dalla cima della Mole, la prima locandina proprio "Solaris" risposta sovietica di Andrei Tarkosvskij, alla kubrickiana "2001, Odissea nello Spazio" che le fa da eco di fianco.
Sar un caso. Ma proprio per questa curiosa coincidenza che sul Museo del Cinema di Torino immediatamente calato un impalpabile velo di fascino che mi ha seguito in un iter spazio temporale lungo un giorno intero.
Ero l per la registrazione di Solaris, quello televisivo. Poteva trattarsi di una location come altre destinata ad unarchiviazione automatica al termine delle riprese.
Poteva esserema non lo stato.
Una mole di museo
Mostre temporanee ospitate presso il museo
Andiamo con ordine. 167,5 metri di altezza per la struttura in muratura pi alta dEuropa. Basata su un progetto dellarchitetto novarese Alessandro Antonelli e commissionata dalla Comunit israelita nel 1863 vide linserimento sulla massiccia base di 47 metri della guglia che lo port allelegante altezza di oggi. Ceduta poi al Comune di Torino fu consacrata a Museo Civico e in seguito, per volont di Vittorio Emanuele II, a sede del Ricordo Nazionale dell'Indipendenza Italiana.
Ironia della sorte: quella che doveva essere licona della citt di Mirafiori non fu mai utilizzata. Da virtuale sinagoga, ad ipotetica stazione ferroviaria per diventare, solo con lapprossimarsi del cambio di millennio, la sede reale di una teca che ha fatto della finzione la sua ragion dessere: il Museo Nazionale del Cinema.
La domanda sul perch un architetto sessantacinquenne abbia deciso di elevare una struttura tanto ardita ancora priva di risposta. Che sia frutto di follia o seme della genialit dellestroso Antonelli poco importa visto che dal 19 Luglio del 2000 ha vestito i panni della settima arte e si aperta allo schizoide quanto contraddittorio mondo dei fotogrammi.
Dove lunica realt la finzione.
2001: Odissea della Mole
La cupola della Mole
Sei anni di lavoro dequipe di Gianfranco Gritella e Antes Bortolotti, sono serviti per ridare vita ad un tempio mai divenuto tale. Sulla scia dello slogan di Antonelli secondo cui "le opere devono diventare tali anche se cambia la destinazione" il talento creativo di Gritella ha permesso che dopo settimane di polemiche, rinvii e delusioni la mole abbia esposto al pubblico le sue preziose collezioni.
Rinnovata nel suo insieme propone un assetto nuovo destinato a poter accogliere i percorsi museali. In un alternante dinamismo di spazi pieni e vuoti la scala elicoidale sospesa nel nulla, diventa il punto di snodo di una visita in cui spazio e tempo paiono fondersi in ununica dimensione.
In cui lo spettatore diventa protagonista delle pellicole che si succedono.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Costiera Amalfitana
Dal 01 al 03 maggio 2015 - Quota € 318,00
Lubiana e Portorose
Dal 1 al 3 maggio 2015 " Quota da € 285,00
Offerte di viaggio
Pasqua a New York
Crociera alle Bahamas
India e Nepal
NOTIZIE
30/03/15 - Mostre
Il quadro raffigurante il 'San Giovanni Battista' realizzato da Michelangelo Merisi, detto...
30/03/15 - Expo Milano 2015
L’Adige è terra di prodotti di qualità e tracciabilità e non poteva...
27/03/15 - Neve
Sabato 11 aprile ritorna la “Pozza dei Mat”, la festa di chiusura della stagione...
27/03/15 - Cataloghi
Quest’anno, per la prima volta, Turbanitalia distribuirà due cataloghi distinti, uno...
27/03/15 - Tecnologia
Dal 3 al 5 Aprile 2015, a La Thuile in Valle d’Aosta, verrà presentato per la prima...
Il linguaggio segreto del gioco
Giocare è il lavoro dei bambini. Il gioco antidoto allo stress, per apprendere la consapevolezza...
Frida Kahlo, oltre il mito
Il corpo malato, la vita funestata, i tormenti fisici, gli autoritratti feriti, nella breve...
Islanda, miracolo di acqua e di fuoco
Verde smeraldo dei prati, nero delle grandi spiagge di basalto al di sotto di imponenti scogliere,...
Stoccolma. Romanzo giallo (blu)
Dopo averlo seguito per oltre 2.000 pagine, Mikael Blomkvist è diventato un caro, vecchio...
Reporters Sans Frontières. A difesa dei giornalisti
Strano mondo il nostro. E si che la libertà d'espressione dovrebbe essere il presupposto necessario...
Pfund, "Der schnste Milchladen der Welt"
E' come metter piede in un vero e proprio museo della ceramica. Pareti, soffitti, bancone sono un...
La prima volta di Cagliari. "Gay pride" al Poetto
  Evento storico per la comunità LGBT sarda. Per la prima volta Cagliari (e la...
Novità e anniversari al Salone dell'Auto di Parigi 2014
Il Salone dell’Auto di Parigi, che si appena concluso, ha visto la presentazione di numerose...
City car in passerella con le serie speciali
  La Fiat ha lanciato la Fiat 500 GQ, serie speciale nata dalla collaborazione con...
La cucina di Dio
  Il pranzo del Sabato, il giorno sacro degli ebrei, è un momento intimo per tutta la...
Nel trevigiano, la "Bengodi" del formaggio
Mangiare in bottega è la nuova formula proposta dalla Latteria Perenzin a Bagnolo di San...
LIBRI E GUIDE
Il Poeta Buongustaio 30 storie e ricette tradizionali in rime 20 sonetti mangerecci di Gianni Seviroli, Edizioni Panico, Galatina (Le), pagine 174, Euro 16,00.
Turista per professione di Laura Celotto, EEE, pagine 176, Euro 13,00. Versione e-book, euro 4,99.
TUTTI I DOSSIER
0.1512610912323