Lunedì 2 Marzo 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Torino: Mole del cinema
Fascino, discrezione e imponenza di un monumento che ha fatto della settima arte la sua ragion dessere. Tra nebbie e icone sabaude Torino presenta il Museo Nazionale del Cinema
di Eleonora Boggio

La Mole Antonelliana
Sar un caso ma, compiendo un percorso a ritroso dalla cima della Mole, la prima locandina proprio "Solaris" risposta sovietica di Andrei Tarkosvskij, alla kubrickiana "2001, Odissea nello Spazio" che le fa da eco di fianco.
Sar un caso. Ma proprio per questa curiosa coincidenza che sul Museo del Cinema di Torino immediatamente calato un impalpabile velo di fascino che mi ha seguito in un iter spazio temporale lungo un giorno intero.
Ero l per la registrazione di Solaris, quello televisivo. Poteva trattarsi di una location come altre destinata ad unarchiviazione automatica al termine delle riprese.
Poteva esserema non lo stato.
Una mole di museo
Mostre temporanee ospitate presso il museo
Andiamo con ordine. 167,5 metri di altezza per la struttura in muratura pi alta dEuropa. Basata su un progetto dellarchitetto novarese Alessandro Antonelli e commissionata dalla Comunit israelita nel 1863 vide linserimento sulla massiccia base di 47 metri della guglia che lo port allelegante altezza di oggi. Ceduta poi al Comune di Torino fu consacrata a Museo Civico e in seguito, per volont di Vittorio Emanuele II, a sede del Ricordo Nazionale dell'Indipendenza Italiana.
Ironia della sorte: quella che doveva essere licona della citt di Mirafiori non fu mai utilizzata. Da virtuale sinagoga, ad ipotetica stazione ferroviaria per diventare, solo con lapprossimarsi del cambio di millennio, la sede reale di una teca che ha fatto della finzione la sua ragion dessere: il Museo Nazionale del Cinema.
La domanda sul perch un architetto sessantacinquenne abbia deciso di elevare una struttura tanto ardita ancora priva di risposta. Che sia frutto di follia o seme della genialit dellestroso Antonelli poco importa visto che dal 19 Luglio del 2000 ha vestito i panni della settima arte e si aperta allo schizoide quanto contraddittorio mondo dei fotogrammi.
Dove lunica realt la finzione.
2001: Odissea della Mole
La cupola della Mole
Sei anni di lavoro dequipe di Gianfranco Gritella e Antes Bortolotti, sono serviti per ridare vita ad un tempio mai divenuto tale. Sulla scia dello slogan di Antonelli secondo cui "le opere devono diventare tali anche se cambia la destinazione" il talento creativo di Gritella ha permesso che dopo settimane di polemiche, rinvii e delusioni la mole abbia esposto al pubblico le sue preziose collezioni.
Rinnovata nel suo insieme propone un assetto nuovo destinato a poter accogliere i percorsi museali. In un alternante dinamismo di spazi pieni e vuoti la scala elicoidale sospesa nel nulla, diventa il punto di snodo di una visita in cui spazio e tempo paiono fondersi in ununica dimensione.
In cui lo spettatore diventa protagonista delle pellicole che si succedono.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Castelli del Ducato di Parma
Dal 25 al 26 aprile 2015 " Quota da € 192,00
Costiera Amalfitana
Dal 01 al 03 maggio 2015 - Quota € 318,00
Offerte di viaggio
Crociera alle Bahamas
Carinzia: l'inverno è donna!
L'isola del cioccolato
Città d'arte
Ricette dal Mondo
Mobilità dolce
NOTIZIE
27/02/15 - Sport
Dal 5 al 7 marzo la “Super Classica” ACI vedrà sfidarsi lungo strade panoramiche...
27/02/15 - Bambini e ragazzi
Tutti a bordo. I ragazzi potranno andare a lezione di educazione ambientale su un’aula di una...
27/02/15 - Voli
Delta Air Lines potenzierà dal prossimo mese i collegamenti fra l’Italia e il John F....
27/02/15 - Arte
Moda e tecnologia, due sinergici fiori all’occhiello di Milano. La città meneghina nel...
27/02/15 - Fiere
L’appuntamento primaverile di Mercanteinfiera promette un ricco parterre. Questa fiera...
Algeri. Desiderio d'aperture
La visione d'assieme di Algeri e della sua baia, con le case vecchie della Casbah abbarbicate sul...
Un modo nuovo di fare turismo. Anzi, antico
Una sciagurata politica dei trasporti iniziata negli anni ’70 ha portato l’Italia a...
Lo stufato del Sabato
Il cibo è cultura? Crea identità? Porta avanti una tradizione? Queste sono le domande...
Gastro-(dis)avventure estive
Nel precedente scritto avevo scagliato un J’accuse a certi ristoranti lamentando...
Altro che vacanze bestiali!
C’è chi dice che gli animali facciano una vita da cani. Chi lo dice non conosce Pixi....
Vini di Tunisia
La Tunisia ha proprio deciso di fare il grande balzo nel mondo dei poli attrattivi del turismo di...
L'Umbria per #winelovers
Dal 14 al 17 febbraio, amanti del vino e blogger da tutto il mondo si riuniranno a Terni in una...
Sulle orme di Enzo Ferrari
La “Parma – Poggio di Berceto” è stata una gloriosa corsa di...
La birra parla italiano
Cinquanta birre prodotte in tutte le regioni d’Italia partecipano al Primo Concorso nazionale...
Australia, l'abbraccio del deserto
  Due drag-queen e un transessuale attraversano l'Australia a bordo di un pullman, prima...
Terre di Siena: terre di terme, terre di acque
  Nove centri termali in poco più di 3800 chilometri quadrati, raggruppati in 7 comuni:...
LIBRI E GUIDE
I luoghi della musica Bari di Angelo Pascual De Marzo, Edizioni Il Mondo della Luna, Euro 20,00.
Cosa vuoi fare da grande di Ivan Baio e Angelo Orlando Meloni, Del Vecchio Editore, pagine 184, Euro 12,00.
TUTTI I DOSSIER
1.1350569725037