Martedì 23 Dicembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Torino: Mole del cinema
Fascino, discrezione e imponenza di un monumento che ha fatto della settima arte la sua ragion dessere. Tra nebbie e icone sabaude Torino presenta il Museo Nazionale del Cinema
di Eleonora Boggio

La Mole Antonelliana
Sar un caso ma, compiendo un percorso a ritroso dalla cima della Mole, la prima locandina proprio "Solaris" risposta sovietica di Andrei Tarkosvskij, alla kubrickiana "2001, Odissea nello Spazio" che le fa da eco di fianco.
Sar un caso. Ma proprio per questa curiosa coincidenza che sul Museo del Cinema di Torino immediatamente calato un impalpabile velo di fascino che mi ha seguito in un iter spazio temporale lungo un giorno intero.
Ero l per la registrazione di Solaris, quello televisivo. Poteva trattarsi di una location come altre destinata ad unarchiviazione automatica al termine delle riprese.
Poteva esserema non lo stato.
Una mole di museo
Mostre temporanee ospitate presso il museo
Andiamo con ordine. 167,5 metri di altezza per la struttura in muratura pi alta dEuropa. Basata su un progetto dellarchitetto novarese Alessandro Antonelli e commissionata dalla Comunit israelita nel 1863 vide linserimento sulla massiccia base di 47 metri della guglia che lo port allelegante altezza di oggi. Ceduta poi al Comune di Torino fu consacrata a Museo Civico e in seguito, per volont di Vittorio Emanuele II, a sede del Ricordo Nazionale dell'Indipendenza Italiana.
Ironia della sorte: quella che doveva essere licona della citt di Mirafiori non fu mai utilizzata. Da virtuale sinagoga, ad ipotetica stazione ferroviaria per diventare, solo con lapprossimarsi del cambio di millennio, la sede reale di una teca che ha fatto della finzione la sua ragion dessere: il Museo Nazionale del Cinema.
La domanda sul perch un architetto sessantacinquenne abbia deciso di elevare una struttura tanto ardita ancora priva di risposta. Che sia frutto di follia o seme della genialit dellestroso Antonelli poco importa visto che dal 19 Luglio del 2000 ha vestito i panni della settima arte e si aperta allo schizoide quanto contraddittorio mondo dei fotogrammi.
Dove lunica realt la finzione.
2001: Odissea della Mole
La cupola della Mole
Sei anni di lavoro dequipe di Gianfranco Gritella e Antes Bortolotti, sono serviti per ridare vita ad un tempio mai divenuto tale. Sulla scia dello slogan di Antonelli secondo cui "le opere devono diventare tali anche se cambia la destinazione" il talento creativo di Gritella ha permesso che dopo settimane di polemiche, rinvii e delusioni la mole abbia esposto al pubblico le sue preziose collezioni.
Rinnovata nel suo insieme propone un assetto nuovo destinato a poter accogliere i percorsi museali. In un alternante dinamismo di spazi pieni e vuoti la scala elicoidale sospesa nel nulla, diventa il punto di snodo di una visita in cui spazio e tempo paiono fondersi in ununica dimensione.
In cui lo spettatore diventa protagonista delle pellicole che si succedono.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Il luogo più bello del mondo
Valido solo il 25 Gennaio 2015
I Mercatini di Natale di Levico Terme
Valido dal 22 novembre 2014 al 06 gennaio 2015
Offerte di viaggio
Australia Fantastica con Chiariva
L'isola del cioccolato
Carinzia: l'inverno è donna!
NOTIZIE
23/12/14 - Alberghi
Al tramonto la “città rossa” splende più che mai. In lontananza la catena...
22/12/14 - Ambiente
Nel gennaio scorso, Europcar, azienda europea di autonoleggio, e WeForest, organizzazione...
22/12/14 - Paesi lontani
L’UNESCO ha stilato queste classifiche con il nobile scopo di identificare tutti i luoghi o...
22/12/14 - Paesaggi
Uno scrigno di meraviglie concentrate in poche manciate di chilometri: questo è Terra...
22/12/14 - Arte
Da venerdì 5 dicembre, il Polo Reale di Torino è una realtà, costituito dalla...
San Maurizio Canavese: Piemonte a tavola
Se c’è una cosa che colpisce arrivando alla Credenza di San Maurizio Canavese è...
Parmigiana o Moussaka? Derby Italia-Grecia
Chef Boris confessa una sua debolezza: è goloso. Ma non di tutto e non di dolci. Ci sono...
Una "montagna" di salute in Pusteria
Quarantacinque camere di design con quattordici stili diversi per rispecchiare la...
Formaggi d'autore in vetrina
Se a maggio vi trovate nelle Marche e siete golosi di tomini, mozzarelle e provole segnatevi...
Sulla rotta dei salmoni
Mitica terra dell'oro e delle corse con le slitte sulla neve, l'Alaska è un territorio coperto da...
Codice a Sbarre
Insegnare una professione ai detenuti per quando usciranno è socialmente importante. Spesso...
Il Belgio di Folon
Il Belgio gli ha dato i natali. Jean-Michel Folon nasce a Uccle, nei pressi di Bruxelles, nel 1934....
A Merano, l'arte d'avanguardia nell'Hotel
A Merano, le “concept rooms” di tre artisti contemporanei (Elisabeth Hölzl,...
In moto, dove cacciava l'uomo preistorico
Il nostro viaggio, quello vero e ammaliante, comincia a Macerata, dopo aver attraversato la parte...
Honduras: così lontano, così sconosciuto
Il Paese centroamericano è sconosciuto ai più; la sua capitale, Tegucigalpa, ha un comico...
Le ricchezze di Giuseppe Verdi
Giuseppe Verdi, nato povero, accumulò in vita una ricchezza colossale, paragonabile a quella dei...
LIBRI E GUIDE
La semplicità delle piccole cose. Ricordi ed emozioni di Agostino Picicco, editore ED Insieme, Terlizzi (Ba), pagine 160, Euro 10,00.
Ritorno in India di Anand Giridharadas, Dalai editore, pagine 368, Euro 19,00.
TUTTI I DOSSIER
1.0410919189453