Venerdì 28 Novembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Torino “Caput” libri
Virgola. Punto esclamativo. Due punti. Segni di interpunzione minori; quasi orpelli o “frills”, come dice oggi il marketing. Codici, segni inventati, regole condivise e non troppo tiranne di un testo che hanno aiutato ad affinare la comunicazione scritta
di Valerio Griffa

Tutti quei segni, che vanno dal semplice punto all’ “at” commerciale (inglese) che in Italia da qualche anno chiamiamo “chiocciola” e che danno senso e ritmo al susseguirsi dei segni altri, le parole, sono stati lo spunto vincente che ha convinto l’Unesco ad assegnare a Torino la leadership mondiale per il libro. Capitale Mondiale, per un anno, dall’aprile 2006 all’aprile 2007, in collaborazione con Roma. 
Storici “compleanni” letterari
"Bookstock", letture al palazzo del ghiaccio
I segni, dunque, insieme ad un’altra “idea formidabile”, quella del “Grand Re-Tour”, il tour sette-ottocentesco di formazione (alla Goethe, alla Stendhal) ri-visto come “salita al nord”, da Palermo a Torino e fino a Monaco di Baviera.
Per la verità, questo Grand Tour alla rovescia è già, da tempo, il leit motiv dell’intellighenzia “sudista”, costretta, non per “divertissement” ad emigrare verso nord. Insomma, un reality “realista”. Ma, nella finzione letteraria, l’idea è di grande fascino.
Perché da aprile ad aprile? Quasi elementare (Watson): perché l’Unesco, dovendo scegliere due personaggi letterari universali, ha optato per Otello e Don Chisciotte, nelle sembianze dei loro inventori e il 23 aprile è curiosamente l’anniversario della nascita di William Shakespeare (1564) e della morte di Miguel de Cervantes (1616).
Data fausta, dunque. Simbolica e onirica. Torino ci sta giocando dall’aprile 2006 quando, a poche settimane dall’Olimpiade, ha iniziato quest’avventura con entusiasmo. Per esempio, con due memorabili notti bianche di grande successo: una con letture chiamata “Bookstock” perché i partecipanti erano sdraiati nell’atrio del palazzo del ghiaccio dentro sacchi a pelo (Woodstock e i suoi raduni hippy, il riferimento semiletterario) ad ascoltare Baricco&Co; l’altra di musica e testi, chiamata “Volumi all’idrogeno” (“Jukebox all’idrogeno”, il manifesto beat psichedelico di Allen Ginsberg, l’allusione). E con una straordinaria partecipazione ad un programma culturale basato sul libro, che coinvolge biblioteche, librerie, case editrici, teatri, musei e gallerie, scuole di scrittura, premi letterari, fondazioni, compagnie teatrali e di danza, associazioni culturali.
Lo “spettacolo” dei libri
Atrium Torino
Il libro non più come oggetto, ma il libro come evento (qualcuno lo dice veramente bene: la parola che esce dal libro e si fa agorà) sulla scia di quel che si è fatto nelle varie edizioni della Fiera del Libro, con la premiata ditta di timonieri Rolando Picchioni-Ernesto Ferrero.
Spettacolarizzare il libro vuol dire fare marketing letterario. Vuol dire invogliare all’acquisto e alla lettura con lo “specchietto” di personaggi dello spettacolo, dello star system, dell’establishment o addirittura del gossip, più o meno colto. Vuol dire abbattere il muro di prevenzione che spesso la carta stampata suscita, in quanto “slow” in un mondo di oggetti “fast”.
Torino, dunque. Con il “Look of the City” giallo delle recenti Universiadi, banner sul libro, vasi porta-shangai (aste disposte alla rinfusa, in diagonale, come nell’omonimo gioco) le scritte luminose sugli shanghai giganti e i gigatotem. Esaurito, nei mesi scorsi, un programma che ha visto passare dalla Mole il “gotha” letterario internazionale, come Saramago, Coetzee, Soyinka, Gordimer, Grass, Naipaul, Rushdie, Walcott, Hillman, si appresta, in questo inizio di primavera 2007, a portare l’opera a compimento.
Ecco dunque  il ‘programma illustrato’: un po’ di quel che è stato, un po’ di quel che resta.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Tour da Oscar
Valido fino a Dicembre 2014
Luminarie di Salerno, Amalfi e Napoli
Dal 5 all'8 dicembre 2014
Offerte di viaggio
Crociera alle Bahamas
Grantour della Turchia
Benessere ad alta quota
NOTIZIE
28/11/14 - Paesaggi
La sequoia gigante è l’albero più grande del mondo in termini di volume,...
27/11/14 - Premi
L'Assemblea generale dell'Unesco ha iscritto la pratica agricola della Vite ad...
27/11/14 - Enogastronomia
Hanno scelto l'Umbria i soci AGIVI - Associazione Giovani Imprenditori Vinicoli Italiani, per...
27/11/14 - I luoghi della fede
Il patrimonio culturale ecclesiastico del Piemonte e delle Valle d’Aosta è stato...
27/11/14 - Curiosità
Torna anche quest’anno con un nuovo spettacolo la tombola dei femminielli di Napoli...
O mia bèla polpetina...
  Tanto tempo fa, un amico milanese invitò Chef Boris a una strana esperienza...
Tropici nostrani. In attesa dei "bagnanti mutanti"
La Liguria di Ponente era una terra bellissima. Poi si è popolata di seconde case, riempita di...
"Whiskey" d'Irlanda: una vocale che conta
Per un certo "glorioso" periodo di spot televisivi d'antan, in Italia il più grande esperto di...
Barolo, finalmente il museo del vino
Autorità locali, regionali e nazionali taglieranno il nastro, sabato 11 settembre,...
La costata più famosa
Uno va a Firenze e gli viene in mente che deve trovare un posto dove fanno una fiorentina buona. ...
A Milano l'ultima moda è Aperiterme
  Sveglia alle 6.30. Appena il tempo di fare colazione e vestirsi che già devo correre...
In moto, dove cacciava l'uomo preistorico
Il nostro viaggio, quello vero e ammaliante, comincia a Macerata, dopo aver attraversato la parte...
Magic Water
L’acqua che elimina l’acqua, fa la vita snella, mantiene giovani, rende belli dentro e...
Lampredotto. A Firenze è un un'istituzione
Il lampredotto è uno dei quattro stomaci del bovino, è una trippa, una frattaglia. A...
Il tesoro della Provincia di Cuneo
Ottanta anni sono tanti. La Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba celebra a giorni questo...
La malga e la cultura della montagna
  Asiaghi di tutto il mondo unitevi. Questo è il coraggioso e innovativo messaggio...
LIBRI E GUIDE
Le storie dietro le fotografie di Steve McCurry, Electa-Phaidon, pagine 264, 320 illustrazioni, euro 59,00.
Mamma, papà: devo dirvi una cosa di Giovanni e Paola Dall'Orto, Sonda edizioni, pagine 200, Euro 14,00.
TUTTI I DOSSIER
1.1324019432068