Martedì 27 Gennaio 2015 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Campane del Tirolo
Una fabbrica storica di Innsbruck, passata dai cannoni dei tempi di guerra al vero e riconosciuto simbolo di pace: le campane
di Graziano Capponago del Monte

La storia, risaputo, non si fa con i se e con i ma, per almeno divertente pensare "cosa sarebbe successo se?" E questo nostro "se" ci porta indietro nel tempo, alla fine del XVI secolo quando la Spagna cercava di fermare la crescente potenza marittima dellInghilterra.
Tutti conoscono la storia della disfatta del corpo di spedizione navale spagnolo lInvencible Armada", sbaragliata dalla flotta inglese. Merito certo delle doti strategiche dei comandanti britannici ma anche dei cannoni delle loro navi. Cannoni pi leggeri e maneggevoli che permisero un maggiore volume di fuoco. Nella vittoria di Sua Maest britannica, una parte non secondaria la gioc il Tirolo, perch proprio vicino a Innsbruck furono fusi quei cannoni. Non si conosce il nome dei maestri fonditori, ma tra loro potrebbe benissimo esserci stato un Grassmayr, visto che questa famiglia possiede una propria fonderia a Innsbruck fin dal 1599.
Cannoni per le guerre, campane per la pace
Johann Grassmayr e signora brindano al termine di una fusione
I Grassmayr si sono dovuti nei secoli barcamenare tra alterne vicende politiche. Oggi, Peter, 43 anni, la XIV generazione di fonditori, fortunatamente per lui si potuto dedicare solamente alle campane. Simbolo di pace per eccellenza, dalla sua fonderia sono nate, tra le altre, le campane per la cattedrale di Mostar, la cittadina martoriata durante i combattimenti tra serbi e bosniaci. Fa effetto vederla lucida e pronta per la spedizione nelledificio di Brennerstrae che ospita la fabbrica, gli uffici, il negozio e il Museo della Campana. Fa ancora pi effetto se la accostiamo idealmente alla lettera esposta nel museo datata 1939 con la quale si vietava luso del bronzo per fondere le campane in vista dei preparativi tedeschi (lAustria era stata "annessa" alla Germania nazista lanno precedente) per quella che sarebbe diventata la II Guerra Mondiale.
Il Museo della Campana Grassmayr di Innsbruck una delle attrazioni pi visitate della citt. Specialmente dagli italiani. Occupa il piano terra delledificio. Nella prima sala sono esposti e spiegati i tipi diversi di campane dallantichit ai giorni nostri e dallEstremo Oriente (patria di origine di questo strumento) allEuropa.
Un grande tabellone spiega il procedimento di costruzione e, sul pavimento tre circonferenze puntinate indicano le misure delle campane pi grosse, rispettivamente fabbricata dai Grassmayr, fabbricata in Austria e il record del mondo, la campana del Cremlino. Sono esposti anche lo spaccato in scala di una torre campanaria, i materiali di lavoro e una piccola colubrina in bronzo; le didascalie sono in tedesco, ma in vendita un libretto in italiano che spiega i materiali messi in mostra. Nella saletta un audiovisivo (in tedesco) racconta la storia della famiglia Grassmayr. Volendo possibile assistere alla fusione di una campana, basta chiedere linvito.
Come fabbricare una campana
Sollevamento dello stampo di una campana
incredibile come sia concettualmente semplice la costruzione di una campana. Per prima cosa si crea una struttura di argilla a forma appunto di campana su un sostegno cavo di normali mattoni chiamato nocciolo. Largilla viene spalmata con una sagoma di legno che riproduce la sezione della campana. Questa forma fatta ruotare sul suo asse e in questo modo modella esattamente il materiale refrattario. Per accelerare lasciugatura del nocciolo viene acceso un fuoco di carbone sotto di esso.
La seconda fase quella della preparazione della falsa campana. Sul nocciolo ormai seccato si stende uno strato di acqua e cenere a scopo isolante e su questo si applica un altro strato di argilla. Si crea cos quello che sar lo stampo. Su di esso si applica un leggero strato di cera sul quale sono fissate le eventuali immagini sacre e le lettere dellepigrafe, anchesse in cera. In pratica si ripete la prima fase, con la differenza che questa volta la sagoma di legno pi piccola perch stato ritagliato quello che sar lo spessore della campana.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Le iniziative invernali di Aquila Bianca
Dal 17 gennaio 2015 al 28 febbraio 2015
Fiera Creattiva
Dal 05 al 08 marzo 2015
Offerte di viaggio
Benessere ad alta quota
Australia Fantastica con Chiariva
Alla scoperta dell'Iran
NOTIZIE
27/01/15 - Festival
L’universo della piccola nautica dà appuntamento ad operatori e appassionati del...
27/01/15 - Montagna
Il più vasto e soleggiato altipiano d’Europa nel cuore delle Dolomiti, invita a essere...
27/01/15 - Mostre
Un fulgore d’oro accoglierà il visitatore nella cinquecentesca Sala delle Arti e delle...
27/01/15 - Expo Milano 2015
Da maggio a ottobre 2015 Franciacorta sarà l’Official Sparkling Wine...
26/01/15 - Navi
Chi l’ha detto che la crociera è un viaggio per coppie senza figli? Le moderne navi...
Shenzhen, figlia di Hong Kong
Direttamente dall'aeroporto di Hong Kong, si può salire a bordo di comodi autobus che per...
Turismo sostenibile, arriva l'app per promuoverlo
Scegliere l’opzione di trasporto più rapida, economica e “green”...
Pfund, "Der schnste Milchladen der Welt"
E' come metter piede in un vero e proprio museo della ceramica. Pareti, soffitti, bancone sono un...
Meraviglie dallo Spazio
La più veloce macchina mai costruita: lo Space Shuttle. Ad oltre ventisettemila chilometri...
Guadalajara, vivace "innamorata" messicana
Una canzone resa celebre dalla mitica interpretazione di Jorge Negrete nei primi anni Quaranta, ben...
Tango alla milanese
Pochi conoscono le opere di Enrique Santos Discepolo, ma molti si ricordano di una sua celebre...
Goldoni e l'antiquaria
"Benvenuto, Sior Carlo, come state?" - "Un gran bene. E voi, Isabella?" -"Tiro avanti con queste...
Turismo spaziale, nuova avventura
Era il 21 aprile del 1961 quando Yuri Gagarin, a bordo della navicella Vostok I, volò alto nel...
Dolce come l'aceto
Il balsamico tradizionale di Modena e quello di Reggio Emilia con l'aceto non c'entrano nulla, o...
Le Marchesine "nobili" del bresciano
  Non solo sanno fare buon vino. Ma sanno anche venderlo. All’Azienda agricola Le...
Gustare Gorizia
Eppure di cose da dire, il Friuli, ne ha. E sta rapidamente recuperando i modi per dirle. Gorizia,...
LIBRI E GUIDE
Io sono un mito di Francesca Bonazzoli, Michele Robecchi, Electa, pagine 144, illustrazioni 175, Euro 19,90.
I grandi miti della psicologia popolare di Lilienfeld S.O., Lynn S.J., Ruscio J., Beyerstein B.L., Raffaello Cortina Editore, pagine 392, Euro 26,00.
TUTTI I DOSSIER
1.155905008316