Giovedì 18 Dicembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Viaggiare e imparare, a spasso per l’Europa
Erasmus da Rotterdam, il ceco Comoenius ma anche l’ateniese Socrate e il nostrano Leonardo. Nomi che divengono acronimi, uniti sotto il comune vessillo dell’Unione Europea, per diffondere la conoscenza e la reciproca comprensione
di Eleonora Boggio

Nietzsche docet. Il principio dell’eterno ritorno non è un’opinione.
Questo presupposto è doveroso per quanto sto per raccontarvi.
E’ l’anno 1998 quando, tormentata dalle nebbie padane, decido di compiere un viaggio che diverrà poi il “viaggio” per antonomasia della mia vita.
Studentessa universitaria alle prese con un’articolata tesi di laurea, ovvero il “multi-culturalismo” attraverso la prospettiva del pensatore liberale Joseph Raz, mi rendo conto di aver scelto e di dover affrontare un tema inedito per i tempi, a cominciare dai materiali: irreperibili in Italia.
Se Maometto non va alla montagna ...
Pronta per la partenza
Detto ben noto quello del profeta che nicchia a dirigersi verso la montagna; sarà quest’ultima a dover spostarsi verso di lui.
E così avviene, in toni meno biblici, alla sottoscritta. Al di là delle mie proporzioni lillipuziane, mi sposto quindi verso il “profeta” rappresentato dai Paesi Bassi (di nome, ma non di fatto, per via dell’aspetto “atletico” dei suoi abitanti); il tutto grazie a un programma di interscambio tra paesi europei.
E dove, se non a Rotterdam, patria del pensatore liberale per eccellenza, avrebbe potuto portarmi il “mio Erasmus”? Complice il mio relatore e un libretto decoroso, vinco una borsa di studio della durata di un semestre.
In ballottaggio: l’università di Malaga, dalla rinomata cattedra di economia politica e la Rotterdam Universiteit, culla del multi-culturalismo. Ancora una volta prende la parola il mio relatore che, indifferente ai miei desideri di correre verso lidi latini e spiagge calienti, sceglie per me una ventosa Rotterdam invernale.
Erasmus, il pioniere
Erasmus Statue
Non poteva che chiamarsi Erasmus il programma foriero della mia “Campagna d’Olanda”. Il progetto viene alla luce nel 1994 sebbene, per quel che concerne il panorama italiano, nel 1998 potevo venire considerata una vera pioniera.
Cosa si intende per Erasmus, al di là del lungimirante artefice del mondo di Utopia? Erasmus, che negli anni ha guadagnato l’epiteto di “Mundus”, è un programma finalizzato al miglioramento della qualità dell’istruzione europea e, insieme, allo sviluppo della comprensione interna mediante la cooperazione con i paesi terzi.
Il programma seleziona corsi europei nel secondo livello dell’istruzione superiore, che in Italia corrispondono a quelli di una laurea specialistica e ai master universitari di primo o secondo livello.
La programmazione è discrezionale e dipende dalle scelte dello studente.
Io, ed esempio, avevo optato per un seminario dedicato al pensiero del perfezionista John Rawls, un secondo di economia politica e un terzo sulla storia dell’avanguardia esistenzialista, sebbene il ricordo più vivido resti quello dell’esame: “croce e delizia”, sostenuto rigorosamente in inglese.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Veglione della Befana
Valido solo il 5 gennaio 2015
Il luogo più bello del mondo
Valido solo il 25 Gennaio 2015
Offerte di viaggio
Crociera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
Capodanno in Slovenia tra terme e cultura
Grantour della Turchia
NOTIZIE
18/12/14 - Gastronomia
“Si può fare un cenone o un pranzo di Natale low cost,  risparmiando senza...
18/12/14 - Festival
A St. Croix, nelle Antille, per un mese intero si celebrerà il CRUCIAN CHRISTMAS FESTIVAL....
18/12/14 - Cataloghi
Il nuovo catalogo Gastaldi1860 sull’Africa del Sud valido fino a dicembre 2015 propone idee...
17/12/14 - Neve
Arrivato alla quarta edizione, Artesina Freeride Fest, è ormai considerato l’evento...
17/12/14 - Musica per viaggiare
“Fai musica con chi fa musica”. Questo l’obiettivo della scuola Padovarte Musica,...
Trasformismo positivo
Non sempre il trasformismo, di moda nella scena politica italiana, è negativo. A volte la...
Coquillage e collezionismo per cene gourmet
Nel centro di Torino, a pochi passi dai Murazzi, La Bourriche è un nuovo ristorante per gli...
Rieti "piccante" al peperoncino
Per la prima volta la città di Rieti tira fuori il suo... cuore piccante. Per quattro giorni...
Agustìn Lara, leggenda messicana
Ma non si può narrare la vita "toda pasiòn y melancolìa" del "Flaco de Oro" (Il mingherlino d'oro)...
Celiaci, vegetariani e vegani "on the road"
Uno degli obiettivi della tecnologia è quello di semplificare la vita dell’uomo nella...
Le Marche al meglio
Da giovedì 4 a domenica 7 settembre, il loggiato di San Francesco di Fabriano si...
Rif marocchino, paradiso naturale e "artificiale"
"A" come Abdelkrim, "B" come Bab Taza, "C" come Chaouen, "D" come D-Dc. Spiegazione: Abdelkrim era...
Il Caucaso nel piatto, tra aromi muschiati e spezie...
Le Olimpiadi invernali hanno fatto conoscere il nome di Sochi (si pronuncia Soci) in...
A piedi sulle tracce di Artusi
  Il centenario della morte di Pellegrino Artusi, che cade il 30 marzo, verrà celebrato...
Codice a Sbarre
Insegnare una professione ai detenuti per quando usciranno è socialmente importante. Spesso...
Orticolario: giardinaggio evoluto
A Villa Erba si è appena conclusa questa splendida esposizione autunnale di fiori, piante...
LIBRI E GUIDE
La dieta dell'acqua di Nicola Sorrentino, con Paola Gambino, Salani Editore. Euro 12,90
Turista per professione di Laura Celotto, EEE, pagine 176, Euro 13,00. Versione e-book, euro 4,99.
TUTTI I DOSSIER
1.0704720020294