Viaggiare e imparare, a spasso per l’Europa
Erasmus da Rotterdam, il ceco Comoenius ma anche l’ateniese Socrate e il nostrano Leonardo. Nomi che divengono acronimi, uniti sotto il comune vessillo dell’Unione Europea, per diffondere la conoscenza e la reciproca comprensione
di Eleonora Boggio

Nietzsche docet. Il principio dell’eterno ritorno non è un’opinione.
Questo presupposto è doveroso per quanto sto per raccontarvi.
E’ l’anno 1998 quando, tormentata dalle nebbie padane, decido di compiere un viaggio che diverrà poi il “viaggio” per antonomasia della mia vita.
Studentessa universitaria alle prese con un’articolata tesi di laurea, ovvero il “multi-culturalismo” attraverso la prospettiva del pensatore liberale Joseph Raz, mi rendo conto di aver scelto e di dover affrontare un tema inedito per i tempi, a cominciare dai materiali: irreperibili in Italia.
Se Maometto non va alla montagna ...
Pronta per la partenza
Detto ben noto quello del profeta che nicchia a dirigersi verso la montagna; sarà quest’ultima a dover spostarsi verso di lui.
E così avviene, in toni meno biblici, alla sottoscritta. Al di là delle mie proporzioni lillipuziane, mi sposto quindi verso il “profeta” rappresentato dai Paesi Bassi (di nome, ma non di fatto, per via dell’aspetto “atletico” dei suoi abitanti); il tutto grazie a un programma di interscambio tra paesi europei.
E dove, se non a Rotterdam, patria del pensatore liberale per eccellenza, avrebbe potuto portarmi il “mio Erasmus”? Complice il mio relatore e un libretto decoroso, vinco una borsa di studio della durata di un semestre.
In ballottaggio: l’università di Malaga, dalla rinomata cattedra di economia politica e la Rotterdam Universiteit, culla del multi-culturalismo. Ancora una volta prende la parola il mio relatore che, indifferente ai miei desideri di correre verso lidi latini e spiagge calienti, sceglie per me una ventosa Rotterdam invernale.
Erasmus, il pioniere
Erasmus Statue
Non poteva che chiamarsi Erasmus il programma foriero della mia “Campagna d’Olanda”. Il progetto viene alla luce nel 1994 sebbene, per quel che concerne il panorama italiano, nel 1998 potevo venire considerata una vera pioniera.
Cosa si intende per Erasmus, al di là del lungimirante artefice del mondo di Utopia? Erasmus, che negli anni ha guadagnato l’epiteto di “Mundus”, è un programma finalizzato al miglioramento della qualità dell’istruzione europea e, insieme, allo sviluppo della comprensione interna mediante la cooperazione con i paesi terzi.
Il programma seleziona corsi europei nel secondo livello dell’istruzione superiore, che in Italia corrispondono a quelli di una laurea specialistica e ai master universitari di primo o secondo livello.
La programmazione è discrezionale e dipende dalle scelte dello studente.
Io, ed esempio, avevo optato per un seminario dedicato al pensiero del perfezionista John Rawls, un secondo di economia politica e un terzo sulla storia dell’avanguardia esistenzialista, sebbene il ricordo più vivido resti quello dell’esame: “croce e delizia”, sostenuto rigorosamente in inglese.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 
Week-end e tempo libero
Tour sull'Arno in barchetto
Valido fino al 30 settembre 2014
Dichiarare amore in volo
Fino al 19 ottobre 2014
Offerte di viaggio
Islanda in Mountain Bike
Corciera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
Sud Tirol: cammino nel tempio dei Larici
Ricette dal Mondo
Stili di vita
Ricette dal Mondo
NOTIZIE
16/04/14 - Eventi e mostre
Il 15 aprile dell’anno prossimo, pochi giorni prima dell’apertura di Expo 2015, una...
16/04/14 - Viaggi
Innsbruck ha questo di bello. Ha il fascino storico e le comodità delle grandi capitali...
16/04/14 - Città d'arte
Nella piazza delle armi del Castello Sforzesco, a Milano, dominano la scena da qualche giorno le...
16/04/14 - Turismo
Come organizzare un viaggio in Finlandia? C’è solo l’imbarazzo della scelta....
16/04/14 - Turismo
Il cinema e le fiction tv rappresentano un ottimo veicolo di promozione territoriale. Lo ha capito...
Tra i monti della Val Pusteria
A 1.400 metri di altitudine, lontani dalla quotidianità, la vita è scandita dai ritmi...
Scorribanda a New York
Sempre sensazionali, sempre travolgenti, sempre un po' oppressivi.  Molti mi erano sconosciuti....
Motoryacht d'epoca a Imperia
Ci sarà Meltemi, la barca varata nel 1931 che ha fatto il giro del globo e ospitato Elton...
Genova capitale della pesca
Slow Fish torna a Genova per la quarta volta dal 17 al 20 aprile. Organizzata da Slow Food e...
Note sotto la torre pendente
Sei serate estive di musica classica e jazz. Dal 18 giugno al 6 luglio torna a Pisa l'ottava...
Acque e fanghi per purificare e tonificare
  Acque millenarie che curano e proteggono e che si uniscono all’esperienza e alla...
Natale in Messico, posadas e pastorelas
Il periodo di Natale si celebra con musica, canti, danze, fiori spettacolari chiamati...
The veil of darkness - Il velo del mistero
Indossare il velo, nella maggior parte dei paesi arabi, è ancora pratica comune ai nostri giorni....
Taste of Ireland (Sapori d'Irlanda)
"Tutti i matrimoni sono felici. È fare colazione insieme tutti i giorni la causa di tutti i guai"....
Nel Vallese, emozioni tra acque e ghiacciai
  Sentirsi liberi, in un ambiente puro, tra cime coperte di neve e boschi verdi, al riparo da...
Portogallo, terra di Grandi Navigatori
Laggiù, nell’estremo sudovest di un’Europa sempre più rassegnata a subire...
LIBRI E GUIDE
NUR. La luce nascosta dell'Afghanistan di MoniKa Bulaj, Editore Electa, pagine 256, 163 illustrazioni, Euro 39,00.
Le donne di Panjaur di Anita Rau Badami, Marsilio Editori, pagine 400, Euro 19,50.
TUTTI I DOSSIER
2.098757982254