Lunedì 30 Marzo 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Viaggiare e imparare, a spasso per l’Europa
Erasmus da Rotterdam, il ceco Comoenius ma anche l’ateniese Socrate e il nostrano Leonardo. Nomi che divengono acronimi, uniti sotto il comune vessillo dell’Unione Europea, per diffondere la conoscenza e la reciproca comprensione
di Eleonora Boggio

Nietzsche docet. Il principio dell’eterno ritorno non è un’opinione.
Questo presupposto è doveroso per quanto sto per raccontarvi.
E’ l’anno 1998 quando, tormentata dalle nebbie padane, decido di compiere un viaggio che diverrà poi il “viaggio” per antonomasia della mia vita.
Studentessa universitaria alle prese con un’articolata tesi di laurea, ovvero il “multi-culturalismo” attraverso la prospettiva del pensatore liberale Joseph Raz, mi rendo conto di aver scelto e di dover affrontare un tema inedito per i tempi, a cominciare dai materiali: irreperibili in Italia.
Se Maometto non va alla montagna ...
Pronta per la partenza
Detto ben noto quello del profeta che nicchia a dirigersi verso la montagna; sarà quest’ultima a dover spostarsi verso di lui.
E così avviene, in toni meno biblici, alla sottoscritta. Al di là delle mie proporzioni lillipuziane, mi sposto quindi verso il “profeta” rappresentato dai Paesi Bassi (di nome, ma non di fatto, per via dell’aspetto “atletico” dei suoi abitanti); il tutto grazie a un programma di interscambio tra paesi europei.
E dove, se non a Rotterdam, patria del pensatore liberale per eccellenza, avrebbe potuto portarmi il “mio Erasmus”? Complice il mio relatore e un libretto decoroso, vinco una borsa di studio della durata di un semestre.
In ballottaggio: l’università di Malaga, dalla rinomata cattedra di economia politica e la Rotterdam Universiteit, culla del multi-culturalismo. Ancora una volta prende la parola il mio relatore che, indifferente ai miei desideri di correre verso lidi latini e spiagge calienti, sceglie per me una ventosa Rotterdam invernale.
Erasmus, il pioniere
Erasmus Statue
Non poteva che chiamarsi Erasmus il programma foriero della mia “Campagna d’Olanda”. Il progetto viene alla luce nel 1994 sebbene, per quel che concerne il panorama italiano, nel 1998 potevo venire considerata una vera pioniera.
Cosa si intende per Erasmus, al di là del lungimirante artefice del mondo di Utopia? Erasmus, che negli anni ha guadagnato l’epiteto di “Mundus”, è un programma finalizzato al miglioramento della qualità dell’istruzione europea e, insieme, allo sviluppo della comprensione interna mediante la cooperazione con i paesi terzi.
Il programma seleziona corsi europei nel secondo livello dell’istruzione superiore, che in Italia corrispondono a quelli di una laurea specialistica e ai master universitari di primo o secondo livello.
La programmazione è discrezionale e dipende dalle scelte dello studente.
Io, ed esempio, avevo optato per un seminario dedicato al pensiero del perfezionista John Rawls, un secondo di economia politica e un terzo sulla storia dell’avanguardia esistenzialista, sebbene il ricordo più vivido resti quello dell’esame: “croce e delizia”, sostenuto rigorosamente in inglese.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Trenino 100 valli & Laghi
Dal 1 al 3 maggio 2015 - Quota da € 298,00
Pasqua a Matera e nel Salento
Dal 3 al 6 aprile 2015 - Quota da € 385,00
Offerte di viaggio
Carinzia: l'inverno è donna!
Pasqua in Oman
Pasqua a New York
NOTIZIE
30/03/15 - Mostre
Il quadro raffigurante il 'San Giovanni Battista' realizzato da Michelangelo Merisi, detto...
30/03/15 - Expo Milano 2015
L’Adige è terra di prodotti di qualità e tracciabilità e non poteva...
27/03/15 - Neve
Sabato 11 aprile ritorna la “Pozza dei Mat”, la festa di chiusura della stagione...
27/03/15 - Cataloghi
Quest’anno, per la prima volta, Turbanitalia distribuirà due cataloghi distinti, uno...
27/03/15 - Tecnologia
Dal 3 al 5 Aprile 2015, a La Thuile in Valle d’Aosta, verrà presentato per la prima...
Jamòn de Pata Negra: vita da porci per il piacere del palato
Con questa terza puntata si conclude il servizio sulla storia del più famoso prosciutto...
Sapori, saperi e ospitalità della Franciacorta
Si è dovuto aspettare una decina di giorni in più del previsto, ma ora tutta la...
Parto (per l'estero), tradisco e torno
  C’è chi dice agli infedeli che, per non essere scoperti, basta non tradire. Chi...
I "cristalli" del quadrifoglio d'Irlanda
Vi sentite goffi elefanti in una cristalleria? Trascorrete le giornate vagheggiando che un...
Riso (non più) amaro
Adesso è tempo di raccolta nei campi gialli intorno a Vercelli e le mondine di una volta ci...
Provenza. Benessere del corpo e della mente
Della “Provincia Narbonensis”, che i Romani occuparono dalla seconda metà del...
Perù, quando il turismo fa bene
  Nonostante Cusco sia città patrimonio dell’Umanità e meta di turismo...
Niente di personale, anzitutto
Nessuno fa caso al fatto che il PC si chiama così perché è un personal...
Le strade del pane
Da rituale e forse un po' distratto gesto quotidiano, il gesto di spezzare il pane si trasforma in...
Abitare a Venezia
Il “pensiero” espresso da Marcel Proust è quasi sicuramente quello che ha...
Gustare Gorizia
Eppure di cose da dire, il Friuli, ne ha. E sta rapidamente recuperando i modi per dirle. Gorizia,...
LIBRI E GUIDE
Non volare via di Sara Rattaro, Garzanti, pagine 224, Euro 14,90.
Alfabeto figurativo Trenta opere d'arte spiegate ai più piccoli di Tomaso Montanari, Skira editore, pagine 108 con 40 tavole a colori, Euro 15,00.
TUTTI I DOSSIER
0.14682292938232