Lunedì 22 Dicembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Una notte al Cairo
N zombie n vampiri, protagonisti della notte africana, ma due amiche italiane alla ricerca delle atmosfere, tra laffascinante e il proibito, delle ore buie e insieme illuminate della pi grande metropoli dAfrica
di Eleonora Boggio

Cairo vista dalla torre
Il Cairo, da sempre, custodisce identit differenti. Gioca a nascondino con le sue anime diverse: quella copta, che ospit le prime comunit cristiane esistenti al mondo, la cui reliquia principale una torre, eretta nel 98 dopo Cristo.
Unaltra islamica, che conduce il visitatore attraverso un viaggio nel tempo lungo oltre sei secoli, racchiusa nel vecchio rione medievale.
Qui, quartieri come Darb el-Ahmar offrono un dedalo di vicoli, dove piace perdersi tra case di mattoni crudi e venditori ambulanti disposti a barattare un asino con due capre.
Poi c la faccia fluida: quella del Nilo, attraversato dai barconi e sfiorato dalle feluche, primitive imbarcazioni a vela che acrobaticamente volteggiano quasi senza fendere lacqua.
Ulteriore aspetto della capitale egiziana, a torto considerato il pi immediato, quello rappresentato dalla piana di Giza, che si estende per diciotto chilometri lungo la riva occidentale del Nilo, intrisa di mistero nonostante il flusso di turisti che ad ogni ora del giorno sfila in processione.
Da questo melting-pot nasce Il Cairo, metropoli dal traffico caotico e dallesubero di abitanti che sfiorano i sedici milioni. Dato valido, al netto delle zone non censite dove si accalcano almeno altri cinque milioni di residenti.
Happy Hours a Zamalek
Traffico cittadino
In perenne metamorfosi Il Cairo si addormenta tardi. Le attivit non aprono prima delle undici del mattino e le insegne tendono a non spegnersi mai.
Sarei spiazzata se non ci fosse unamica, piemontese allanagrafe anche se ormai completamente integrata nel modus vivendi cairota, a condurmi alla scoperta dei segreti di questa tentacolare citt.
Sono le cinque di pomeriggio e il mio obiettivo di toccare il maggior numero di locali nellarco di una notte. Saliamo su un taxi e dopo una contrattazione durata dieci minuti che vede limporto passare da venticinque a cinque Lire egiziane (pari ad un solo Euro) in mancanza di un tariffario fisso, inesistente in Egitto, raggiungiamo il distretto di Zamalek.
lora dellaperitivo, il nostrano happy hours, anche se il rito del dopolavoro non sembra essere cos sentito. Sar il caldo soffocante che non invoglia a buttarsi su buffet luculliani, ma qui di pizzette o insalate non c nemmeno lombra.
Solo arachidi accompagnate dalla locale birra Stella, chiarissima e di gradazione leggera; rimedio indiscusso ai trentacinque gradi esterni.
Raggiungiamo il Caf Tabasco, vera mecca per i cultori della caffeina.
Arabico, tostato, moka o espresso si accompagnano alle variazioni del cappuccino, egiziano e marocchino. Il tutto leggendo un buon libro o una rivista acquistabile direttamente allinterno.
Cibi e bevande alleuropea
Abou El Sid
Noto un particolare che rimarr una costante allinterno di questo itinerario: indipendentemente dalla tipologia del locale, in Egitto si pu mangiare a qualsiasi ora. Crolla cos unaltra mia convinzione: sia carne che alcolici non sono banditi.
Lo capisco entrando al Abou El Sid dove, certa di integrarmi alle abitudini locali, chiedo un karkad. Legiziano al bancone mi guarda basito: sembra, infatti, che qui vengano serviti cocktail tra i migliori del Cairo.
Si sta avvicinando lora di cena. Per sedare il languore che si sta facendo strada tra stomaco ed esofago, raggiungiamo lAubergine, ristorante di ispirazione vegetariana. Lambientazione rarefatta lo rende un po impersonale. Stessa cosa per il White: bianco di nome e freddo di fatto. Colpa di unaria condizionata improponibile? Forse: fatto sta che decidiamo di non indugiare ulteriormente.
Risaliamo in taxi alla volta della Down Town. Per raggiungerla costeggiamo il Nilo zeppo di barconi illuminati. Sono locali frequentati esclusivamente da una fauna turistica e per questo cari e asettici. Il pi gettonato lAl-Mawal, di ispirazione libanese, reputato di gran pregio.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Le iniziative invernali di Aquila Bianca
Dal 17 gennaio 2015 al 28 febbraio 2015
Vivi il Natale al Bioparco di Roma
Valido dal 22 dicembre 2014 al 07 gennaio 2015
Offerte di viaggio
Australia Fantastica con Chiariva
Ultimo dell'anno in Baviera
Grantour della Turchia
NOTIZIE
22/12/14 - Ambiente
Nel gennaio scorso, Europcar, azienda europea di autonoleggio, e WeForest, organizzazione...
22/12/14 - Paesi lontani
L’UNESCO ha stilato queste classifiche con il nobile scopo di identificare tutti i luoghi o...
22/12/14 - Paesaggi
Uno scrigno di meraviglie concentrate in poche manciate di chilometri: questo è Terra...
22/12/14 - Arte
Da venerdì 5 dicembre, il Polo Reale di Torino è una realtà, costituito dalla...
22/12/14 - Curiosità
Il London City Airport ha messo a disposizione dei passeggeri un originale servizio per inviare...
Un angolo per buongustai nella Roma di Trilussa
A Roma, nel cuore di Trastevere, all’angolo tra piazza Trilussa e vicolo del Moro,...
Firenze, per la pace con l'arte
Firenze langue. Possibile, con un patrimonio artistico e architettonico tra i più pregevoli e...
Psico-Vienna con Sigmund
Vienna, Leopold Museum, Sala X. Entrate e guardate. Egon Schiele (1890-1918) "Autoritratto con...
In Trentino la festa del raccolto delle mele
Il 9 e il 10 ottobre, per la settima volta, la trentina Val di Non organizza Pomaria, un omaggio...
Mi spruzzo un abito ed esco
Le due gocce di Chanel n° 5, usate come pigiama da Marilyn, ora non farebbero più colpo....
A Brunico, un soggiorno dai molteplici "piaceri"
  L’Alpine Wellness Resort Majestic di Brunico, in provincia di Bolzano, è un...
Celiaci, vegetariani e vegani "on the road"
Uno degli obiettivi della tecnologia è quello di semplificare la vita dell’uomo nella...
Riso (non più) amaro
Adesso è tempo di raccolta nei campi gialli intorno a Vercelli e le mondine di una volta ci...
Turisti preda dei ristoratori
  Il Turismo in Italia non solo fa (quasi) pena ma costa pure assai. E non dica il critico...
Il tesoro della Provincia di Cuneo
Ottanta anni sono tanti. La Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba celebra a giorni questo...
L'Eritrea nel piatto
  Questa settimana andiamo in Africa. In Eritrea. Se siete stati qualche volta in un...
LIBRI E GUIDE
Sapori e saperi delle Dolomiti a cura di Serena Turrin, edizioni DBS Zanetti, 152 pagine, foto a colori, Euro 13,00.
Il Poeta Buongustaio 30 storie e ricette tradizionali in rime 20 sonetti mangerecci di Gianni Seviroli, Edizioni Panico, Galatina (Le), pagine 174, Euro 16,00.
TUTTI I DOSSIER
1.0913939476013