Lunedì 24 Novembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Una notte al Cairo
N zombie n vampiri, protagonisti della notte africana, ma due amiche italiane alla ricerca delle atmosfere, tra laffascinante e il proibito, delle ore buie e insieme illuminate della pi grande metropoli dAfrica
di Eleonora Boggio

Cairo vista dalla torre
Il Cairo, da sempre, custodisce identit differenti. Gioca a nascondino con le sue anime diverse: quella copta, che ospit le prime comunit cristiane esistenti al mondo, la cui reliquia principale una torre, eretta nel 98 dopo Cristo.
Unaltra islamica, che conduce il visitatore attraverso un viaggio nel tempo lungo oltre sei secoli, racchiusa nel vecchio rione medievale.
Qui, quartieri come Darb el-Ahmar offrono un dedalo di vicoli, dove piace perdersi tra case di mattoni crudi e venditori ambulanti disposti a barattare un asino con due capre.
Poi c la faccia fluida: quella del Nilo, attraversato dai barconi e sfiorato dalle feluche, primitive imbarcazioni a vela che acrobaticamente volteggiano quasi senza fendere lacqua.
Ulteriore aspetto della capitale egiziana, a torto considerato il pi immediato, quello rappresentato dalla piana di Giza, che si estende per diciotto chilometri lungo la riva occidentale del Nilo, intrisa di mistero nonostante il flusso di turisti che ad ogni ora del giorno sfila in processione.
Da questo melting-pot nasce Il Cairo, metropoli dal traffico caotico e dallesubero di abitanti che sfiorano i sedici milioni. Dato valido, al netto delle zone non censite dove si accalcano almeno altri cinque milioni di residenti.
Happy Hours a Zamalek
Traffico cittadino
In perenne metamorfosi Il Cairo si addormenta tardi. Le attivit non aprono prima delle undici del mattino e le insegne tendono a non spegnersi mai.
Sarei spiazzata se non ci fosse unamica, piemontese allanagrafe anche se ormai completamente integrata nel modus vivendi cairota, a condurmi alla scoperta dei segreti di questa tentacolare citt.
Sono le cinque di pomeriggio e il mio obiettivo di toccare il maggior numero di locali nellarco di una notte. Saliamo su un taxi e dopo una contrattazione durata dieci minuti che vede limporto passare da venticinque a cinque Lire egiziane (pari ad un solo Euro) in mancanza di un tariffario fisso, inesistente in Egitto, raggiungiamo il distretto di Zamalek.
lora dellaperitivo, il nostrano happy hours, anche se il rito del dopolavoro non sembra essere cos sentito. Sar il caldo soffocante che non invoglia a buttarsi su buffet luculliani, ma qui di pizzette o insalate non c nemmeno lombra.
Solo arachidi accompagnate dalla locale birra Stella, chiarissima e di gradazione leggera; rimedio indiscusso ai trentacinque gradi esterni.
Raggiungiamo il Caf Tabasco, vera mecca per i cultori della caffeina.
Arabico, tostato, moka o espresso si accompagnano alle variazioni del cappuccino, egiziano e marocchino. Il tutto leggendo un buon libro o una rivista acquistabile direttamente allinterno.
Cibi e bevande alleuropea
Abou El Sid
Noto un particolare che rimarr una costante allinterno di questo itinerario: indipendentemente dalla tipologia del locale, in Egitto si pu mangiare a qualsiasi ora. Crolla cos unaltra mia convinzione: sia carne che alcolici non sono banditi.
Lo capisco entrando al Abou El Sid dove, certa di integrarmi alle abitudini locali, chiedo un karkad. Legiziano al bancone mi guarda basito: sembra, infatti, che qui vengano serviti cocktail tra i migliori del Cairo.
Si sta avvicinando lora di cena. Per sedare il languore che si sta facendo strada tra stomaco ed esofago, raggiungiamo lAubergine, ristorante di ispirazione vegetariana. Lambientazione rarefatta lo rende un po impersonale. Stessa cosa per il White: bianco di nome e freddo di fatto. Colpa di unaria condizionata improponibile? Forse: fatto sta che decidiamo di non indugiare ulteriormente.
Risaliamo in taxi alla volta della Down Town. Per raggiungerla costeggiamo il Nilo zeppo di barconi illuminati. Sono locali frequentati esclusivamente da una fauna turistica e per questo cari e asettici. Il pi gettonato lAl-Mawal, di ispirazione libanese, reputato di gran pregio.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Adolphe Sax in mostra
Dall'8 febbraio 2014 all'11 gennaio 2015
Relax tra terme e montagne
Valido fino al 30 novembre 2014
Offerte di viaggio
Capodanno da favola a New York
In India per festeggiare il nuovo anno
Carinzia: l'inverno è donna!
Ricette dal Mondo
Ricette dal Mondo
NOTIZIE
24/11/14 - Mostre
Dal 26 novembre al  17 dicembre l’Istituto Cervantes di Napoli in collaborazione con...
21/11/14 - Curiosità
Cerchiamo di sfatare insieme cinque miti sull’Australia, terra lontana che attira ogni anno...
21/11/14 - Eventi e mostre
Dal 20 novembre 2014 a fine gennaio 2015 chi attraverserà la Galleria San Federico a Torino...
21/11/14 - Fiere
Da giovedì 4 dicembre a lunedì 8 dicembre 2014, il Palazzo dei Congressi di Roma...
21/11/14 - Salute
Domenica 23 novembre 2014 si svolgerà a San Vendemiano (TV) la prima edizione della...
Auto d'epoca pronte a ripartire
Qualche settimana fa al Polo Fieristico di Milano si è svolta la seconda edizione del salone...
"Intermobilisti" dell'ultima ora
Al triplice fischio che sanciva il 18° scudetto dell'Inter, il pensiero dei tifosi nerazzurri...
A New York apre "The Out"
  Si chiama “The Out” ed è il primo hotel gay friendly della Grande Mela....
Una spider per l'estate
  Nella storia dell’auto numerose spider sono state protagoniste di film famosi, tanto...
Abitare a Venezia
Il “pensiero” espresso da Marcel Proust è quasi sicuramente quello che ha...
Tra i monti della Val Pusteria
A 1.400 metri di altitudine, lontani dalla quotidianità, la vita è scandita dai ritmi...
Europa: i paesi dove i gay vivono meglio
  Non tutti i Paesi sono uguali. Così come esiste una classifica di quelli in cui gli...
Weekend gustoso ad Ardesio
  Quella del 4 e 5 agosto ad Ardesio in Valle Seriana, “Ardesio DiVino 2012”, non...
La Birra dei primati
Era l’anno 1759, cioè esattamente 250 anni fa… Il trentaquattrenne signor...
Psico-Vienna con Sigmund
Vienna, Leopold Museum, Sala X. Entrate e guardate. Egon Schiele (1890-1918) "Autoritratto con...
Cuscus, il Mediterraneo in grani
  L’estate toglie la voglia di cucinare a Chef Boris (soffre troppo il caldo) e...
LIBRI E GUIDE
Càneve e spelònce a cura di Marco Rech, Serena Turrin, edito da DBS Zanetti, pagine 190, Euro 10,00.
I luoghi della musica Bari di Angelo Pascual De Marzo, Edizioni Il Mondo della Luna, Euro 20,00.
TUTTI I DOSSIER
1.0879571437836