Lunedì 22 Dicembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Diabolik, il culto dell’antieroe
Una calzamaglia nera che lascia libere solo due fessure di ghiaccio. Una fiammante “Jaguar E” per scorrazzare nelle vie di Clerville e al suo fianco un amore “impossibile”, Eva Kant. Ecco Diabolik: fascinoso quarantenne, re dei fumetti
di Eleonora Boggio

Affascinante, criptico, tagliente, impossibile.
È Diabolik il primo antieroe che rivoluzionò il panorama dei fumetti. Nero come la calzamaglia che indossa. Fosco come le storie che vive. Misterioso come le sue origini delle quali poco si sa. Amato dagli uomini, ma letto da un congruo numero di donne.
Personaggio arrivato con un treno delle “Nord”
Le sorelle Giussani con il collaboratore Mario Gomboli
Tutto cominciò da un’intuizione. Quella che ebbero le sorelle Angela e Luciana Giussani, affacciandosi dal balcone della loro casa su Piazzale Cadorna, una mattina di una calda estate. Correva l’anno 1962 e Angela, che già da due anni conosceva il mondo dell’editoria grazie al marito Gino Sassoni, titolare della casa editrice Astoria, osservava il fluire dei pendolari delle Ferrovie Nord. L’annoiato esodo giornaliero dei lavoratori la indusse a tentare un esperimento: la creazione di un fumetto innovativo: per formato e contenuti.
Dopo una gestazione lunga e travagliata durata qualche mese, “Astorina”, la casa editrice fondata dalle sorelle Giussani aprì i battenti e con i primi freddi arrivò in edicola Diabolik, che rivoluzionò il panorama della fumettistica italiana a cominciare dal formato; proposto in versione tascabile, il fumetto era un espediente dedicato ai lavoratori che tutti i giorni convergevano su Milano attraverso monotoni viaggi in treno. Non solo: Diabolik incarnava lo scomodo ruolo del primo vero antieroe.
Vietato ai minori?
Il primo numero esce nel novembre 1962
Violento e talvolta cinico, al punto da indurre le sorelle Giussani a circoscrivere l’ambito di lettura. Fu così posta un’etichetta che indicava “fumetto per adulti”, peraltro subito rimossa per evitare l’identificazione di Diabolik con una testata porno. Una risposta tiepida da parte del pubblico e l’uscita in sordina, dovuta anche a un prezzo alto rispetto a quello degli altri concorrenti (150 lire contro una media di 100) non fecero presagire nulla di buono.
Eppure, nel giro di pochi anni si assistette a un proliferare di fumetti “neri”.
Era esploso il fenomeno degli eroi cattivi, in antitesi al perbenismo borghese dei protagonisti disneyani. Capostipite della corrente dei cloni neri, Kriminal, che debutta in edicola nel Luglio del 1964. Pochi mesi dopo sarà la volta di Satanik, seguito a ruota dai meno fortunati Sadik, Spettrus e Demoniak.
Alla base di questo calderone di supereroi in calzamaglia c’era una violenza ai limiti del sadismo che ben strideva con i connotati sfumati delle caste avventure di Topolino, Nembo Kid o della Pimpa.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Tra orchidee ed erbe spontanee
Da Maggio 2015 a Luglio 2015
Adolphe Sax in mostra
Dall'8 febbraio 2014 all'11 gennaio 2015
Offerte di viaggio
Alla scoperta dell'Iran
Crociera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
Un nuovo anno in Thailandia
NOTIZIE
22/12/14 - Curiosità
Il London City Airport ha messo a disposizione dei passeggeri un originale servizio per inviare...
19/12/14 - Festival
Dal 26 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015 ritorna a Genova e Rapallo il Circumnavigando Festival, la...
19/12/14 - Mostre
Il Museo Nazionale del Cinema di Torino rimarrà aperto per tutte le festività,...
19/12/14 - Mostre
Sabato 20 dicembre 2014, alle ore 16.00, a Cosenza, presso il Palazzo Arnone, sarà...
18/12/14 - Concerti
L’Harlem Gospel Choir, chiamato calorosamente dai fan “Gente di Dio che viene da...
Panamà di gusto
In questa stagione quando a Mosca comincia a fare più freddo (ma mi sembra cha anche in...
Nella Valle degli Asparagi
Nel territorio che circonda Bolzano, l’arrivo della bella stagione è segnato da un...
San Paolo del Brasile, decollo verticale
C'è un fenomeno "Brasile" in fase di espansione. Musicisti, stilisti, designer, stanno esportando...
Calda voglia di spider
  La bella stagione è ormai alle porte. La primavera è arrivata con il suo...
Un vino da "niente" che convince
  È un’azienda vinicola giovane quella che Sergio Ambrosini sta facendo fiorire a...
Sulle orme di Enzo Ferrari
La “Parma – Poggio di Berceto” è stata una gloriosa corsa di...
Sauna, basta la parola
Tra i temi di un viaggio in Finlandia non può mancare il wellness, che qui è...
Bard medievale, anche nei cibi e nelle bevande
Fontina, fromadzo, toma di Gressoney, reblec, salignoun, seras, formaggi freschi, caprini, brossa,...
Tropici nostrani. In attesa dei "bagnanti mutanti"
La Liguria di Ponente era una terra bellissima. Poi si è popolata di seconde case, riempita di...
Guadalajara, vivace "innamorata" messicana
Una canzone resa celebre dalla mitica interpretazione di Jorge Negrete nei primi anni Quaranta, ben...
Il treno e la rivoluzione dell'ora
Quando ruotiamo leggermente il polso e come si dice comunemente, "guardiamo" l'ora, abbiamo...
LIBRI E GUIDE
NUR. La luce nascosta dell'Afghanistan di MoniKa Bulaj, Editore Electa, pagine 256, 163 illustrazioni, Euro 39,00.
La semplicità delle piccole cose. Ricordi ed emozioni di Agostino Picicco, editore ED Insieme, Terlizzi (Ba), pagine 160, Euro 10,00.
TUTTI I DOSSIER
1.0882060527802