Mercoledì 3 Settembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Diabolik, il culto dell’antieroe
Una calzamaglia nera che lascia libere solo due fessure di ghiaccio. Una fiammante “Jaguar E” per scorrazzare nelle vie di Clerville e al suo fianco un amore “impossibile”, Eva Kant. Ecco Diabolik: fascinoso quarantenne, re dei fumetti
di Eleonora Boggio

Affascinante, criptico, tagliente, impossibile.
È Diabolik il primo antieroe che rivoluzionò il panorama dei fumetti. Nero come la calzamaglia che indossa. Fosco come le storie che vive. Misterioso come le sue origini delle quali poco si sa. Amato dagli uomini, ma letto da un congruo numero di donne.
Personaggio arrivato con un treno delle “Nord”
Le sorelle Giussani con il collaboratore Mario Gomboli
Tutto cominciò da un’intuizione. Quella che ebbero le sorelle Angela e Luciana Giussani, affacciandosi dal balcone della loro casa su Piazzale Cadorna, una mattina di una calda estate. Correva l’anno 1962 e Angela, che già da due anni conosceva il mondo dell’editoria grazie al marito Gino Sassoni, titolare della casa editrice Astoria, osservava il fluire dei pendolari delle Ferrovie Nord. L’annoiato esodo giornaliero dei lavoratori la indusse a tentare un esperimento: la creazione di un fumetto innovativo: per formato e contenuti.
Dopo una gestazione lunga e travagliata durata qualche mese, “Astorina”, la casa editrice fondata dalle sorelle Giussani aprì i battenti e con i primi freddi arrivò in edicola Diabolik, che rivoluzionò il panorama della fumettistica italiana a cominciare dal formato; proposto in versione tascabile, il fumetto era un espediente dedicato ai lavoratori che tutti i giorni convergevano su Milano attraverso monotoni viaggi in treno. Non solo: Diabolik incarnava lo scomodo ruolo del primo vero antieroe.
Vietato ai minori?
Il primo numero esce nel novembre 1962
Violento e talvolta cinico, al punto da indurre le sorelle Giussani a circoscrivere l’ambito di lettura. Fu così posta un’etichetta che indicava “fumetto per adulti”, peraltro subito rimossa per evitare l’identificazione di Diabolik con una testata porno. Una risposta tiepida da parte del pubblico e l’uscita in sordina, dovuta anche a un prezzo alto rispetto a quello degli altri concorrenti (150 lire contro una media di 100) non fecero presagire nulla di buono.
Eppure, nel giro di pochi anni si assistette a un proliferare di fumetti “neri”.
Era esploso il fenomeno degli eroi cattivi, in antitesi al perbenismo borghese dei protagonisti disneyani. Capostipite della corrente dei cloni neri, Kriminal, che debutta in edicola nel Luglio del 1964. Pochi mesi dopo sarà la volta di Satanik, seguito a ruota dai meno fortunati Sadik, Spettrus e Demoniak.
Alla base di questo calderone di supereroi in calzamaglia c’era una violenza ai limiti del sadismo che ben strideva con i connotati sfumati delle caste avventure di Topolino, Nembo Kid o della Pimpa.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Dichiarare amore in volo
Fino al 19 ottobre 2014
Un nuovo Artelibro
Dal 18 al 21 settembre 2014
Offerte di viaggio
Australia Fantastica con Chiariva
Crociera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
Matrimonio da sogno alle Maldive
NOTIZIE
03/09/14 - Fiere
Al via il 3 ottobre a Monforte d’Alba (CN) la prima Borsa Internazionale del Turismo Outdoor,...
03/09/14 - Città d'arte
D'estate i musei statali hanno avuto un ottimo risultato in termini di visitatori. I dati si...
03/09/14 - Trasporti
Nuove tariffe per i collegamenti diretti low cost Milano-Bergamo – Roma Fiumicino di...
02/09/14 - Animali
Tutti i giorni fino al 15 settembre, dalle ore 10 alle ore 17, gli esperti dell’Acquario di...
02/09/14 - Consumi
"Alberghi fatiscenti, sovrapprezzi non previsti, smarrimento dei bagagli e ritardi nei voli: sono...
Zanzibar, l'isola dei buongustai
Le rotte marine che conducevano ai porti sicuri di quest'isola al largo della Tanzania, hanno...
Grandi battaglie (di soldatini) sotto il Monte Rosa
Il gusto di giocare con i soldatini unito al modellismo e alla passione per la storia o per il...
Paris au Chocolat
  Ci sono città dove si potrebbe andare mille volte e mille volte scoprire qualcosa di...
Homo Actualis
Per quanto oggi l’uomo, nel vestire, osi più di suo padre e suo nonno, le...
"Street food" alla maltese
Che freddo a Mosca… -15°! Ha fatto bene il mio amico Lev Jurievic ad andare a lavorare a...
Langhe, intima geografia delle parole
È così in tutti i luoghi che ci appartengono. In quelli, poi, densi di suggestioni letterarie...
"Dual Career". Donne con la valigia
Ottimo stipendio, avanzamento di carriera, cambio di vita. Ci si pensa in famiglia, se ne discute...
Dolce come l'aceto
Il balsamico tradizionale di Modena e quello di Reggio Emilia con l'aceto non c'entrano nulla, o...
Ho scoperto l'acqua calda...
Nella Repubblica Ceca si contano più di trenta centri termali e centinaia di sorgenti...
Quando la provincia "fa cultura"
La tanto bistrattata "provincia" è, nell'accezione comune, un luogo considerato lontano anni luce...
Sua maestà il tartufo bianco
Asciano, Buonconvento, Monteroni d'Arbia, Rapolano Terme e San Giovanni d'Asso sono cinque piccoli...
LIBRI E GUIDE
Il giro del mondo in 80 isole Lucrezia Argentiero, Iter Edizioni, pagine 144, Euro 11.90
In Viaggio di Laura Gemini, FrancoAngeli, pagine 176, Euro 21,00.
TUTTI I DOSSIER
0.92462205886841