Mercoledì 23 Aprile 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Ambiente
Lampadine spente per un'ora
Il 28 marzo monumenti, aziende e case che aderiscono all'iniziativa del WWF, "Earth Hour", spengono le luci per sessanta minuti. Intanto l'associazione ambientalista disegna la mappa delle specie animali che rischiano l'estinzione a causa dei cambiamenti climatici
a cura della Redazione

Colosseo a luci spente (Foto: G. Marcoaldi)

Si chiama Earth Hour, l'Ora della Terra, la campagna del WWF che invita a spegnere le luci delle città e dei loro monumenti più rappresentativi sabato 28 marzo dalle 20.30 alle 21.30. L'iniziativa, partita due anni fa da Sydney, intende catalizzare l'attenzione sulle emergenze ambientali del pianeta, sensibilizzzando il più alto numero di persone intorno a questo tema. L'obiettivo è quello di coinvolgere un migliaio di grandi e piccoli centri dal Pacifico alle coste atlantiche e la campagna ha potuto assumere una fisionomia globale grazie alla diffusione sul web e al coinvolgimento dei frequentatori dei principali social network.

Ottanta cittā italiane al buio
Lo spegnimento delle luci dell'Harbour Bridge a Sydney (Foto:

Le prime a spegnersi alle 20,30 in punto saranno le Chatham Islands, un piccolo arcipelago al largo delle coste neozelandesi. Queste isole rappresentano il luogo più lontano dall’Italia, distano infatti circa 19.250 chilometri dal centro di Roma. Dalla Nuova Zelanda in poi le luci si spegneranno progressivamente a Sydney, Pechino, Tokyo, Bangkok, Nuova Delhi, Mumbai, passando, solo per citare alcune città, per Parigi, Atene, Madrid, Budapest, Copenaghen e finire a ovest con Rio de Janeiro, New York, Las Vegas, San Francisco. Per quanto riguarda l’Italia, saranno circa ottanta le città partecipanti all’evento, tra queste Roma, Venezia, Milano,Torino, Genova, Pisa, Napoli, Palermo. Il nostro Paese è il quinto al mondo dopo Australia, Francia, Canada, Belgio con il maggior numero di città partecipanti ed è ancora possibile farlo fino al 28 marzo, basta l’adesione del sindaco del comune coinvolto e lo spegnimento di un monumento simbolico per la città.

L'effetto clima e le specie a rischio
Gli orsi polari potrebbero scomparire entro la fine di questo secolo

Aspettando il 28 marzo, il WWF ha commissionato uno studio per monitorare l’impatto che i cambiamenti climatici avranno sulle specie animali e i risultati sono piuttosto preoccupanti: il 90% dei coralli della Grande Barriera Corallina potrebbe scomparire entro il 2050, lo stesso vale per il 75% dei pinguini di Adelia dell’Antartico e per gli orsi polari che potrebbero essere spazzati via del tutto entro la fine di questo secolo. “Se non agiamo subito –osserva l’associazione ambientalista - le temperature globali supereranno la soglia pericolosa dei 2°C in più rispetto alle temperature dell’epoca preindustriale, e molte specie, compreso l’uomo, saranno minacciate. La Mappa del WWF mostra chiaramente che l’”Effetto Clima” non risparmia nessuna regione al mondo costituendo anche per gli animali una minaccia globale che si aggiunge a quelle già esistenti come la deforestazione, il consumo del territorio, il prelievo non sostenibile delle risorse, il commercio e il bracconaggio”. (16/03/09)

 

Link utili:

www.wwf.it/oradellaterra/

www.youtube.com/WWFItalia

www.facebook.com/home.php?#/group.php?gid=54869508713&ref=ts

www.myspace.com/wwfitalia

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
25 Aprile in Salento
25-26-27 aprile 2014
I sapori della Maremma
16 - 17 - 18 maggio 2014
Offerte di viaggio
Safari sulla neve nel leggendario artico
Terre artiche in motoslitta
A Cabo Verde e' tempo di wind e kite surf
NOTIZIE
23/04/14 - I luoghi della fede
Sabato 26 aprile sarà inaugurata la chiesetta della Madonna della Neve di Busto Garolfo, in...
23/04/14 - Internet
Etihad Airways, la compagnia area nazionale degli Emirati Arabi Uniti, apre una nuova...
23/04/14 - Ambiente
Sapevate che ogni anno milioni di tonnellate di rifiuti finiscono sulle strade, negli oceani, sulle...
23/04/14 - Cultura
Un museo archeologico che raccoglie i reperti più importanti dell'antica Medma, la...
23/04/14 - Tempo libero
'Ninfeamus - Dire, fare, sbocciare', l'appuntamento annuale dedicato alla promozione della...
In moto, sui monti della Prima Guerra Mondiale
Decido di fuggire per un giorno dall'afa della pianura e parto in sella alla mia moto per...
Ruote sul ghiaccio
In Trentino ci sono almeno un paio di posti dove è possibile cimentarsi con freno e...
Lunga vita ai fiumi
Oltre 600 volontari hanno setacciato in tutte le regioni italiane le sponde di 29 fiumi alla...
Parco del Mercantour con "vista mare"
Svetta in una particolare tonalità di blu il Parco Nazionale del Mercantour, che si estende tra due...
Con guanti e rastrelli per pulire il mondo
Da venerdì 25 a domenica 27 settembre Legambiente chiama a raccolta soci e volontari per...
Sulla neve in sicurezza
Valanghe, incidenti sulla neve, scivolate sul ghiaccio e ipotermia sono alcuni dei pericoli a cui...
Valerio e Silvia Travi: l'ultimo reportage
Dall'India, al Sikkim, al Tibet. Dalle terre del Sahara all'estremo nord europeo e americano; vale...
Sentieri italiani uniti
L’unità d’Italia si fonda sulle differenze, anche nei sentieri per le...
Ginseng, la radice della vita
Lo troverete sicuramente su Internet. Digitando la parola chiave "ginseng" si aprono migliaia di...
In gita sul Grande Fiume
Con maggio è ripresa la navigazione sul Po. Il battello è operativo dal porto di S....
Estonia, l'invasione alata
Se una rondine non fa primavera, un milione di rondini la fanno. Eccome. Ogni anno, per due volte,...
LIBRI E GUIDE
Figli di una shamandura di Claudio Di Manao, Maneges Editoriale, pagine 176, Euro 12,00.
Io sono un mito di Francesca Bonazzoli, Michele Robecchi, Electa, pagine 144, illustrazioni 175, Euro 19,90.
TUTTI I DOSSIER
2.0488409996033