Venerdì 24 Ottobre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Pallone Mondiale “rateizzato”. “Balompediche” di un quasi-italiano -1
di Gian Paolo Bonomi

Italia-Ghana, stadio di Hannover (Foto:afp)
Allora ecco finalmente il Mondiale di Calcio (perché dicono i “Mondiali” quando di torneo ce n'è solo uno? Ha parimenti ragionissimo a incacchiarsi il mio amico Rino Tommasi quando sente dire “Finalissima”, come se prima della partita “Finale” ce ne fosse stata un'altra). E con il Mondiale ecco i consigli su come seguirli da parte di un vecchio Sportman (chi non ci crede passi in bottega a vedere quanti accrediti o biglietti di ingresso in stadi di calcio, di tennis, circuiti di F1, ippodromi, ho collezionato in quasi cinquant’anni al seguito dei grandi avvenimenti sportivi, descrivendoli o portando la gente a vederli). 
Sta per cominciare …
In primo luogo nessuno perda una partita, si vedano tutte (ma proprio tutte tutte) dal primo all'ultimo minuto, perché saranno tutte partite vere. E pazienza se nel frattempo le nostre signore saranno scappate da casa per andare a farci un cornetto: sarà mica una malattia da mettersi a letto! Finito il match, però, si spenga immantinente il televisore senza stare a sentire “le palle e l’aria fritta” di commenti, sviolinate, becera retorica sciovinista, orripilanti rèclames di telefonini, cuochi e veline trasformati in opinion leader, leccate di sedere a giocatori dalla grande arte “balompedica” ma dal tasso di intelligenza zero.
E' cominciato …
Tifose dell'Ecuador (Foto:afp)
E vedendo partite vere, gente allegra e tifo genuino ti rendi conto del recente danno provocato da squallidi personaggi nostrani. Ma veniamo alle cose belle.
Bravissimo l’Ecuador contro la Polonia e meravigliosi i suoi tifosi (ugualmente simpatici i costaricani durante il match con la Germania) venuti dal Sudamerica a tifare per una squadra che potrebbe anche fare molta strada in questo torneo.
E che tenerezza quei cinquemila “ecuadorianos” (ah, in italiano “equatoriali”, non “ecuadoregnos”) convenuti nella Plaza de Toros di Vista Alegre a Madrid a impazzire di gioia. Questi poveri emigrati sì, che meriterebbero di vincere il Mundial, tra stenti, vita da paria, partiti da casa per un tozzo di pane (quando c'è); mica come certa gente piena di spocchia che, lasciamo perdere .... Forza Ecuador (e pure forza Ghana, alla faccia di stupidi sciovinismi pallonari)!
E bravi anche quelli di Trinidad & Tobago; l’intero Paese ha una popolazione inferiore a quella dei nostri ministri, viceministri, sottosegretari ecc ecc e nonostante l'inferiorità numerica, per metà partita la loro squadra di pallone ha imposto il pari alla Svezia ...
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Tra arte e laguna
Valido fino al 31 dicembre 2014
Sport & Spa tra le Dolomiti
Dal 7 settembre al 3 novembre 2014
Offerte di viaggio
Alla scoperta del Botswana
Capodanno da favola a New York
Grantour della Turchia
NOTIZIE
24/10/14 - Animali
Mercoledì 29 ottobre, a Roma, al Dipartimento di botanica dell'Università La...
24/10/14 - Cultura
Il Semestre di Presidenza italiana del Consiglio dell’Unione Europea (1 luglio - 31 dicembre...
23/10/14 - Arte
Centotrentatre candeline ci vorrebbero sulla torta per festeggiare Pablo Picasso, nato a Malaga in...
23/10/14 - Mobilità dolce
"I monitoraggi effettuati dai nostri Uffici all'estero ci segnalano che la scelta di una...
23/10/14 - Libri
Un viaggio alla scoperta delle tradizioni culinarie e delle peculiarità gastronomiche...
Federalberghi, 2009 in flessione
Il 2009 ha chiuso con un calo, tra italiani e stranieri, pari al 3,8%, che equivale a quasi 10...
Urueña, intrigante "Città del Libro", nella Castilla y Leon
La cultura è in svendita in molti paesi. Indagini e studi denunciano un calo di alfabetizzazione...
Orgoglio lituano
Il 2009 è un anno molto importante per la Lituania. Il Paese, il più grande e più meridionale dei...
È nato il comitato per il "Turismo Accessibile"
Mettere al centro dell'attenzione il cittadino e i suoi diritti è buona regola della...
Cartagena de Indias, perla del "Caribe"
La colombiana Cartagena de Indias, Patrimonio dell’Umanità dal 1984, oltre a una buona...
Che palle queste "serate" negli alberghi milanesi!
È finita l'estate e con l'autunno - puntuali come una cambiale (si diceva una volta, prima che le...
Il Mondo non ha fretta
Si chiama Carla Vitantonio la vincitrice di "Movimenti", il concorso lanciato l'estate scorsa dal...
Miniguida delle località "minori" della Spagna/6
Garachico - (Tenerife, Canarie) Sulla costa ovest, sotto il Teide (la più alta montagna di...
Dubrovnik-Ragusa: tra il "Cava" e le citazioni latine
Ho già narrato a oltranza la ‘gita premio’ da me goduta lungo la maliarda costa...
Attrazione Abu Dhabi
Grazie alle ricchezze provenienti dal petrolio, gli stati della Penisola Arabica hanno investito...
Italiani in viaggio: prenotazioni sul web e con largo...
I dati parlano chiaro, la Rete è il mezzo più usato dagli italiani per prenotare un...
LIBRI E GUIDE
Il giro del mondo in 80 isole Lucrezia Argentiero, Iter Edizioni, pagine 144, Euro 11.90
Manuale dello chef di Claudio Sadler, Giunti Editore, Fotografie di Francesca Brambilla e Serena Serrani, pagine 288, Euro 19,90.
TUTTI I DOSSIER
1.245491027832