Martedì 23 Settembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Viva la Siesta!
Un neurologo austriaco elenca i grandi benefici arrecati dalla sana abitudine spagnola (e tuttora sapientemente praticata nel sud Italia) del riposo postprandiale. Tra i più noti “Siestisti”, Camilo Josè Cela, Einstein, Edison
di Gian Paolo Bonomi

L’enorme importanza a quella paciosa abitudine ispanica chiamata “Siesta” è stata ahinoi sminuita dai folli ritmi frenetici della vita di oggidì e dall’angoscia di produrre e accumulare, ma, a giudicare da quel che dicono gli economisti e più prosaicamente dalla difficoltà di arrivare a fine mese, più corriamo e ci agitiamo e meno produciamo, sicché potremmo essere paragonati a un motore che gira in folle e talvolta finisce pure per fondere. 
Via dalla pazza folla ...
La Venere dormiente di Giorgione (1910)
Chi pratica attualmente la Siesta è considerato un vecchio “demodé”, un essere fuori dal tempo, un relitto spazzato via dai “Moderni Ritmi di Vita”, un disadattato a vivere mode frenetiche di “clackson” suonati nel sedere appena il semaforo diventa verde, ore di guida a passo d’uomo tra una targa dietro e un’altra davanti.
Una volta i “padrùn” e i loro dipendenti inframmezzavano il lavoro con una sosta, meglio se casalinga, in grazia di dio, si chiamasse “pisolino” o “pennichella”.
Adesso, invece, al “break”, ti capita di vedere grandi “manager” mangianti sugnosi “toast” in piedi, in bar “decibelizzati”, fianco fianco a urlanti “juke-box”.
Dormire per ben fare
C'è aria di pennichella?
E dire che i benefici della Siesta sono più che noti. Ma è meglio ribadirli e contestualmente chiarirne ulteriori dettagli. Benemerito è pertanto l’intervento di un neurologo austriaco, specialista del sonno, Manfred Walzl, che ha voluto dimostrare che la Siesta aumenta la produttività lavorativa.
La pratica di una dormitina postprandiale è frequentissima a sud dei Pirenei (a Madrid e dintorni il galateo continua a suggerire di non telefonare a casa della gente tra le 15 e le 17) ma ovviamente non è solo spagnola e potrebbe definirsi universale (e vige soprattutto in funzione delle situazioni ambientali e climatiche).
La Siesta è persino oggetto di studio nell’ambito della produttività del lavoro, con aziende all’avanguardia che concedono ai dipendenti un’ora di riposo (vero, non rumorose partite al “flipper”) mentre quelle più tradizionali sono tuttora restie.
Venti dipendenti di una banca di Graz saranno oggetto di uno studio da parte di Walzl, avente per oggetto la dimostrazione che la Siesta migliora l’apprendimento e la memoria, aumenta il rendimento cerebrale e quindi conferisce migliori risultati all’azienda. In termini campanilistici, il neurologo austriaco vuole inoltre minimizzare la “spagnolità” della Siesta giacché, a suo dire, ogni essere umano è predisposto a concedersi un riposino a metà giornata.
Walzl spera di poter ricavare entro tre mesi i primi risultati dell’indagine sui citati bancari della capitale della Stiria, ospitati dall’ottobre 2003 in tre camere adibite al riposo e definite “Nap Lounges” (sale da Siesta), una vera e propria nicchia dedicata la relax.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Tra arte e laguna
Valido fino al 31 dicembre 2014
Todi APPy Days
Dal 25 al 28 settembre 2014
Offerte di viaggio
Alla scoperta dell'India tra yoga e spiritualita'
Crociera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
Matrimonio da sogno alle Maldive
NOTIZIE
23/09/14 - Lavoro
Crewlink, partner ufficiale di Ryanair nella formazione e selezione, terrà una serie di...
23/09/14 - Cultura
Parte la prima stagione di Prospettive Critiche, un ciclo di incontri nel campo delle scienze...
23/09/14 - Tecnologia
È stata appena rilasciata la versione mobile di booking.dolomiti.org, il portale di booking...
22/09/14 - Eventi e mostre
Giovedì 25 settembre Dialogo nel buio - il percorso multisensoriale, in totale assenza di...
22/09/14 - Trasporti
Italia e Svizzera hanno firmato un accordo bilaterale in materia di trasporto ferroviario, visto il...
Amazzonia e Iquitos: il Perù oltre le Ande (3)
Lascio Trujillo e il nord del Perù dopo aver imparato cose interessanti. Ho per esempio...
Altroconsumo, le mosse per viaggiare al tempo della crisi
Sono tempi duri, ma proprio per questo è necessario di tanto in tanto concedersi una...
Turismo unito d'America
Prima o poi doveva capitare. Gli Stati Uniti d'America erano rimasti tra i pochi Paesi al mondo a...
Quando la vacanza può divenire un incubo
Vale la pena ripeterlo: succede ad ogni latitudine che viaggiatori e turisti, ma anche popolazioni...
Il viaggio per tutti
Delle volte una frase banale scatena delle riflessioni interiori molto serie. Durante una normale...
Una tassa anche sul vento
Sapevate che … Eccellente esperto di Turismo, Mondointasca Gossip prevede che...
La prima guida turistica donna
Il 20 febbraio si celebra in tutto il mondo la “Giornata Internazione della Guida...
Siamo un po' meno Standard e un po' più Poor. Sapevate...
Sapevate che... Il Robespierre di Trenitalia ex FFSS con magnanima generosità (forse...
Spigolando tra turismo e dintorni
Sapevate che… Da adesso in avanti chi vola con Alitalia da Malpensa farà bene a "portarsi dietro"...
Colombia, frivoli appunti di viaggio
Italia, posto caro (nel senso di soldi) e governanti “prendenti-per-il-sedere”. Milano,...
Turismo Alfabetizzato
A – Alitalia, abbiamo già dato (e i managers Alitalia - che cuccavano paghe fino a 6...
LIBRI E GUIDE
Manuale dello chef di Claudio Sadler, Giunti Editore, Fotografie di Francesca Brambilla e Serena Serrani, pagine 288, Euro 19,90.
Il bambino scambiato di Kenzaburo Oe, Garzanti, pagine 448, Euro 24.00.
TUTTI I DOSSIER
1.1769559383392