Martedì 2 Settembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Viva la Siesta!
Un neurologo austriaco elenca i grandi benefici arrecati dalla sana abitudine spagnola (e tuttora sapientemente praticata nel sud Italia) del riposo postprandiale. Tra i più noti “Siestisti”, Camilo Josè Cela, Einstein, Edison
di Gian Paolo Bonomi

L’enorme importanza a quella paciosa abitudine ispanica chiamata “Siesta” è stata ahinoi sminuita dai folli ritmi frenetici della vita di oggidì e dall’angoscia di produrre e accumulare, ma, a giudicare da quel che dicono gli economisti e più prosaicamente dalla difficoltà di arrivare a fine mese, più corriamo e ci agitiamo e meno produciamo, sicché potremmo essere paragonati a un motore che gira in folle e talvolta finisce pure per fondere. 
Via dalla pazza folla ...
La Venere dormiente di Giorgione (1910)
Chi pratica attualmente la Siesta è considerato un vecchio “demodé”, un essere fuori dal tempo, un relitto spazzato via dai “Moderni Ritmi di Vita”, un disadattato a vivere mode frenetiche di “clackson” suonati nel sedere appena il semaforo diventa verde, ore di guida a passo d’uomo tra una targa dietro e un’altra davanti.
Una volta i “padrùn” e i loro dipendenti inframmezzavano il lavoro con una sosta, meglio se casalinga, in grazia di dio, si chiamasse “pisolino” o “pennichella”.
Adesso, invece, al “break”, ti capita di vedere grandi “manager” mangianti sugnosi “toast” in piedi, in bar “decibelizzati”, fianco fianco a urlanti “juke-box”.
Dormire per ben fare
C'è aria di pennichella?
E dire che i benefici della Siesta sono più che noti. Ma è meglio ribadirli e contestualmente chiarirne ulteriori dettagli. Benemerito è pertanto l’intervento di un neurologo austriaco, specialista del sonno, Manfred Walzl, che ha voluto dimostrare che la Siesta aumenta la produttività lavorativa.
La pratica di una dormitina postprandiale è frequentissima a sud dei Pirenei (a Madrid e dintorni il galateo continua a suggerire di non telefonare a casa della gente tra le 15 e le 17) ma ovviamente non è solo spagnola e potrebbe definirsi universale (e vige soprattutto in funzione delle situazioni ambientali e climatiche).
La Siesta è persino oggetto di studio nell’ambito della produttività del lavoro, con aziende all’avanguardia che concedono ai dipendenti un’ora di riposo (vero, non rumorose partite al “flipper”) mentre quelle più tradizionali sono tuttora restie.
Venti dipendenti di una banca di Graz saranno oggetto di uno studio da parte di Walzl, avente per oggetto la dimostrazione che la Siesta migliora l’apprendimento e la memoria, aumenta il rendimento cerebrale e quindi conferisce migliori risultati all’azienda. In termini campanilistici, il neurologo austriaco vuole inoltre minimizzare la “spagnolità” della Siesta giacché, a suo dire, ogni essere umano è predisposto a concedersi un riposino a metà giornata.
Walzl spera di poter ricavare entro tre mesi i primi risultati dell’indagine sui citati bancari della capitale della Stiria, ospitati dall’ottobre 2003 in tre camere adibite al riposo e definite “Nap Lounges” (sale da Siesta), una vera e propria nicchia dedicata la relax.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Dichiarare amore in volo
Fino al 19 ottobre 2014
Todi APPy Days
Dal 25 al 28 settembre 2014
Offerte di viaggio
Crociera nel Mediterraneo Occidentale
Crociera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
Alla scoperta dell'India tra yoga e spiritualità
NOTIZIE
02/09/14 - Animali
Tutti i giorni fino al 15 settembre, dalle ore 10 alle ore 17, gli esperti dell’Acquario di...
02/09/14 - Consumi
"Alberghi fatiscenti, sovrapprezzi non previsti, smarrimento dei bagagli e ritardi nei voli: sono...
02/09/14 - Mercati
Secondo l’Hotel Price Index di Hotels.com, il prezzo medio pagato per una camera...
02/09/14 - Mobilità dolce
Saranno 33 le città coinvolte nell'undicesima edizione della Giornata nazionale del Trekking...
02/09/14 - Alberghi
Il nuovo Ibis Adelaide ha aperto al pubblico dopo un'opera di ristrutturazione da 65 milioni di...
Occhio al risparmio
Quattro once, circa 112 grammi di rivestimento spalmati sull’intera superficie di un aereo....
Riapre la spiaggia di "Shark" el Sheikh. Sapevate che...
Sapevate che... La ministra Brambilla ha annunciato che sono stati stanziati dal Fondo Nazionale di...
Spigolando tra turismo e dintorni. Sapevate che...
Sapevate che... Alla recente Fitur (la Bit spagnola) di Madrid girava aria di crisi (meno 13% lo...
In Lombardia la Neve non è Uguale per Tutti
Sapevate che... Turisticamente parlando l’Italia è messa (molto) male? Secondo il...
Una vetrina per il turismo "slow" e consapevole
Dal 30 marzo al 1 aprile torna la nona edizione di Fa' la cosa giusta!, la fiera del consumo...
L'e-commerce tiene a galla il turismo
Gli acquisti di pacchetti turistici nello scorso mese di aprile del 2013 in Italia sono...
Come rilanciare il Turismo nel Bel Paese
Gentile Signora Brambilla, Ministra del Turismo ricorrendo a una seconda parte della lettera...
Alitalia, un'italianità a caro prezzo
Sapevate che... Tra le (tante) speranze coltivate a ogni fine anno (alias auguri 2013) gli italiani...
Controllo totale
Come tutti sapete, da ieri è in funzione presso il Terminal 5 dell’aeroporto di Roma...
Fiumicino, cambia il nome di Terminal e aree di imbarco
Lo scalo della capitale adotta il sistema di identificazione numerica dei Terminal (1, 2, 3, 5) e...
Valentina, un fumetto da Triennale
Bisogna arrivare in Bovisa, alla periferia di Milano, per rivedere Valentina di Guido Crepax, uno...
LIBRI E GUIDE
I grandi miti della psicologia popolare di Lilienfeld S.O., Lynn S.J., Ruscio J., Beyerstein B.L., Raffaello Cortina Editore, pagine 392, Euro 26,00.
Manuale dello chef di Claudio Sadler, Giunti Editore, Fotografie di Francesca Brambilla e Serena Serrani, pagine 288, Euro 19,90.
TUTTI I DOSSIER
1.1913759708405