Giovedì 24 Luglio 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Viva la Siesta!
Un neurologo austriaco elenca i grandi benefici arrecati dalla sana abitudine spagnola (e tuttora sapientemente praticata nel sud Italia) del riposo postprandiale. Tra i più noti “Siestisti”, Camilo Josè Cela, Einstein, Edison
di Gian Paolo Bonomi

L’enorme importanza a quella paciosa abitudine ispanica chiamata “Siesta” è stata ahinoi sminuita dai folli ritmi frenetici della vita di oggidì e dall’angoscia di produrre e accumulare, ma, a giudicare da quel che dicono gli economisti e più prosaicamente dalla difficoltà di arrivare a fine mese, più corriamo e ci agitiamo e meno produciamo, sicché potremmo essere paragonati a un motore che gira in folle e talvolta finisce pure per fondere. 
Via dalla pazza folla ...
La Venere dormiente di Giorgione (1910)
Chi pratica attualmente la Siesta è considerato un vecchio “demodé”, un essere fuori dal tempo, un relitto spazzato via dai “Moderni Ritmi di Vita”, un disadattato a vivere mode frenetiche di “clackson” suonati nel sedere appena il semaforo diventa verde, ore di guida a passo d’uomo tra una targa dietro e un’altra davanti.
Una volta i “padrùn” e i loro dipendenti inframmezzavano il lavoro con una sosta, meglio se casalinga, in grazia di dio, si chiamasse “pisolino” o “pennichella”.
Adesso, invece, al “break”, ti capita di vedere grandi “manager” mangianti sugnosi “toast” in piedi, in bar “decibelizzati”, fianco fianco a urlanti “juke-box”.
Dormire per ben fare
C'è aria di pennichella?
E dire che i benefici della Siesta sono più che noti. Ma è meglio ribadirli e contestualmente chiarirne ulteriori dettagli. Benemerito è pertanto l’intervento di un neurologo austriaco, specialista del sonno, Manfred Walzl, che ha voluto dimostrare che la Siesta aumenta la produttività lavorativa.
La pratica di una dormitina postprandiale è frequentissima a sud dei Pirenei (a Madrid e dintorni il galateo continua a suggerire di non telefonare a casa della gente tra le 15 e le 17) ma ovviamente non è solo spagnola e potrebbe definirsi universale (e vige soprattutto in funzione delle situazioni ambientali e climatiche).
La Siesta è persino oggetto di studio nell’ambito della produttività del lavoro, con aziende all’avanguardia che concedono ai dipendenti un’ora di riposo (vero, non rumorose partite al “flipper”) mentre quelle più tradizionali sono tuttora restie.
Venti dipendenti di una banca di Graz saranno oggetto di uno studio da parte di Walzl, avente per oggetto la dimostrazione che la Siesta migliora l’apprendimento e la memoria, aumenta il rendimento cerebrale e quindi conferisce migliori risultati all’azienda. In termini campanilistici, il neurologo austriaco vuole inoltre minimizzare la “spagnolità” della Siesta giacché, a suo dire, ogni essere umano è predisposto a concedersi un riposino a metà giornata.
Walzl spera di poter ricavare entro tre mesi i primi risultati dell’indagine sui citati bancari della capitale della Stiria, ospitati dall’ottobre 2003 in tre camere adibite al riposo e definite “Nap Lounges” (sale da Siesta), una vera e propria nicchia dedicata la relax.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 
Week-end e tempo libero
World Music Festival tra le ninfee
12 giugno, 17 e 26 luglio 2014
Todi APPy Days
Dal 25 al 28 settembre 2014
Offerte di viaggio
Gran Tour del Peru'
Viaggio Missionario del Sorriso
Iran e Armenia: le storie millenarie
NOTIZIE
24/07/14 - Curiosità
La città con più napoletani al mondo non è Napoli ma San Paolo del Brasile....
24/07/14 - Città d'arte
Un tesoro prezioso e di immenso pregio storico è stato riconsegnato al culto e agli amanti...
24/07/14 - Arte
Van Gogh. L’uomo e la terra è il titolo della mostra che aprirà a Palazzo...
24/07/14 - Solidarieta'
Per il secondo anno consecutivo Tirrenia Compagnia Italiana di Navigazione ospiterà a bordo...
24/07/14 - Cultura
La casa editrice milanese Iperborea ha reso noto che sono aperte le iscrizioni ai nuovi corsi di...
Alitalia buona per gli acquisti di primavera
Sapevate che… Alitalia ha cominciato l’anno con un occhio al salvadanaio e un altro al...
La Sicilia roccaforte dell'omofobia?
  Non c’è dubbio che negli ultimi anni la sensibilità degli americani sui...
Riscoprire il lusso del silenzio
Atout France, l'Agenzia per lo sviluppo turistico della Francia, ha presentato a Milano la guida...
Spigolando tra turismo e dintorni
Sapevate che… Mondointasca (web-magazine online) "Ha sempre ragione!"?Corriere della Sera (ça va...
Norvegia: "Powered by Nature"
Dal 24 al 27 maggio ha avuto luogo a Milano "NorWeek010", una iniziativa promossa dalla Reale...
Miniguida dei 192 Paesi ONU: Tagikistan-Thailandia
Tagikistan - Un posticino mica male (ma si fa per dire, anzi, si fa per scrivere scherzosamente)...
Basta con le macchinette mangiasoldi
Sapevate che … Con lo slogan “Rilanciamo Milano” (Corriere 14/6) Patrizio...
Spigolando tra turismo e dintorni. Sapevate che...
20 gennaio - Sapevate che... È finalmente venuta alla luce (dopo una gestazione di circa tre...
Feria di San Fermìn, ultimo atto
Rieccomi dunque a Pamplona (quante volte ci sono stato per i Sanfermines? chi lo sa) e tra le tante...
Emilio Longoni tra i gioielli dimenticati
La galleria d'arte moderna di Milano, in via Palestro, ospita l'omaggio ai 150 anni dalla nascita...
Come viaggiano i business men
Un totale di 29,8 milioni di viaggi effettuati, con una leggera flessione nel numero di trasferte...
LIBRI E GUIDE
Maria Callas di Roberta Maresci, Gramese Editore, pagine 160, Euro 12,90.
Il bambino scambiato di Kenzaburo Oe, Garzanti, pagine 448, Euro 24.00.
TUTTI I DOSSIER
1.1535270214081