Giovedì 30 Ottobre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Viva la Siesta!
Un neurologo austriaco elenca i grandi benefici arrecati dalla sana abitudine spagnola (e tuttora sapientemente praticata nel sud Italia) del riposo postprandiale. Tra i più noti “Siestisti”, Camilo Josè Cela, Einstein, Edison
di Gian Paolo Bonomi

L’enorme importanza a quella paciosa abitudine ispanica chiamata “Siesta” è stata ahinoi sminuita dai folli ritmi frenetici della vita di oggidì e dall’angoscia di produrre e accumulare, ma, a giudicare da quel che dicono gli economisti e più prosaicamente dalla difficoltà di arrivare a fine mese, più corriamo e ci agitiamo e meno produciamo, sicché potremmo essere paragonati a un motore che gira in folle e talvolta finisce pure per fondere. 
Via dalla pazza folla ...
La Venere dormiente di Giorgione (1910)
Chi pratica attualmente la Siesta è considerato un vecchio “demodé”, un essere fuori dal tempo, un relitto spazzato via dai “Moderni Ritmi di Vita”, un disadattato a vivere mode frenetiche di “clackson” suonati nel sedere appena il semaforo diventa verde, ore di guida a passo d’uomo tra una targa dietro e un’altra davanti.
Una volta i “padrùn” e i loro dipendenti inframmezzavano il lavoro con una sosta, meglio se casalinga, in grazia di dio, si chiamasse “pisolino” o “pennichella”.
Adesso, invece, al “break”, ti capita di vedere grandi “manager” mangianti sugnosi “toast” in piedi, in bar “decibelizzati”, fianco fianco a urlanti “juke-box”.
Dormire per ben fare
C'è aria di pennichella?
E dire che i benefici della Siesta sono più che noti. Ma è meglio ribadirli e contestualmente chiarirne ulteriori dettagli. Benemerito è pertanto l’intervento di un neurologo austriaco, specialista del sonno, Manfred Walzl, che ha voluto dimostrare che la Siesta aumenta la produttività lavorativa.
La pratica di una dormitina postprandiale è frequentissima a sud dei Pirenei (a Madrid e dintorni il galateo continua a suggerire di non telefonare a casa della gente tra le 15 e le 17) ma ovviamente non è solo spagnola e potrebbe definirsi universale (e vige soprattutto in funzione delle situazioni ambientali e climatiche).
La Siesta è persino oggetto di studio nell’ambito della produttività del lavoro, con aziende all’avanguardia che concedono ai dipendenti un’ora di riposo (vero, non rumorose partite al “flipper”) mentre quelle più tradizionali sono tuttora restie.
Venti dipendenti di una banca di Graz saranno oggetto di uno studio da parte di Walzl, avente per oggetto la dimostrazione che la Siesta migliora l’apprendimento e la memoria, aumenta il rendimento cerebrale e quindi conferisce migliori risultati all’azienda. In termini campanilistici, il neurologo austriaco vuole inoltre minimizzare la “spagnolità” della Siesta giacché, a suo dire, ogni essere umano è predisposto a concedersi un riposino a metà giornata.
Walzl spera di poter ricavare entro tre mesi i primi risultati dell’indagine sui citati bancari della capitale della Stiria, ospitati dall’ottobre 2003 in tre camere adibite al riposo e definite “Nap Lounges” (sale da Siesta), una vera e propria nicchia dedicata la relax.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Relax e costiera amalfitana
Dall'1 aprile al 31 ottobre 2014
Luminarie di Salerno, Amalfi e Napoli
Dal 5 all'8 dicembre 2014
Offerte di viaggio
Crociera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
Australia Fantastica con Chiariva
Tour di Capodanno in Cilento
NOTIZIE
30/10/14 - Premi
Scade il primo dicembre il termine per partecipare al concorso internazionale "Fotografare il...
30/10/14 - Solidarieta'
Dal 6 al 15 novembre, nella sede del Consiglio della Provincia Autonoma di Trento - Atrio Palazzo...
30/10/14 - Alberghi
Hilton Worldwide ha annunciato la firma di un accordo di franchising con la società GdF...
30/10/14 - Trasporti
American Airlines e Cadillac hanno dato vita a una partnership che offre una serie di vantaggi...
30/10/14 - Città d'arte
Al via oggi, giovedì 30 ottobre, la XVII edizione della Borsa Mediterranea del Turismo...
Il risparmio viaggia sullo smartphone
Il nuovo consumatore italiano è mobile. Ha uno smartphone in tasca, che utilizza per...
Bled diventa perla delle Alpi
Il comune di Bled, nella Slovenia nord occidentale, è entrato a far parte della rete Alpine Pearls,...
Vademecum Zibaldonico tra Romagna e Ferrara
Ogni anno, ai primi di luglio, compio una canonica (34 anni) gita nel Ferrarese e nelle Romagne....
Turismo altalenante
Il turismo in Italia ha contrastato la crisi con una tenuta maggiore rispetto ad altri settori...
Siena: viaggio nell'antichità tra vino, mito e storia
  Nella città famosa per il Palio, dal 24 novembre al 5 maggio, inizia un viaggio alla...
Le sette porte di Skopje
20 novembre - Una notizia per ragazzi creativi sotto i 30 anni: è ufficialmente aperto il bando di...
L'Italia l'Inghilterra e le Olimpiadi
Sapevate che... La cerimonia di inaugurazione ha reso grande la storia British? Fantastica la...
Grandi Navi Veloci fa rotta verso Sud-Ovest
Ariodante Valeri è il Direttore Generale di Grandi Navi Veloci dal giugno 2007. Veneziano,...
Abbigliamento sportivo a prova di sole
Columbia, marchio americano di abbigliamento sportivo, ha presentato la sua collezione...
Il consumatore del futuro è qui
Risulta in crescita il trend degli acquisti “multicanale”, realizzati dopo la ricerca...
Un patentino per capire il proprio cane. Sapevate che...
Sapevate che... Per 50 euro la Facoltà Medica Veterinaria dà un "Patentino per capire...
LIBRI E GUIDE
Cosa vuoi fare da grande di Ivan Baio e Angelo Orlando Meloni, Del Vecchio Editore, pagine 184, Euro 12,00.
Le avventure di Ulisse e altre storie di Geraldine McCaughrean, Mondadori, pagine 192, Euro 7,90
TUTTI I DOSSIER
1.2667760848999