Domenica 24 Maggio 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Ginseng, la radice della vita
Le luci rosse e blu (Yang e Yin) delle lanterne di carta di riso, sono i colori dei contrari. Positivo e negativo, opposti e complementari. Ricordano che non c bene senza male e che forse il ginseng la linea che li separa
di Nico Tondini

Korea, piante di ginseng
Lo troverete sicuramente su Internet. Digitando la parola chiave ginseng si aprono migliaia di pagine che elencano le miracolose virt medicinali e il potere rinvigorente della radice della vita.
Chi pensi che la pianta del ginseng sia una prerogativa di Corea e Cina, commette un errore madornale. Certo, questi due paesi sono i maggiori produttori e consumatori della magica radice, ma solo gli addetti ai lavori sanno che esiste anche il ginseng giapponese, lhimalayano del Nepal, le variet americane del nord e del nord est; persino in Siberia si produce una qualit speciale di questa rara e costosissima pianta.
Ne esistono due variet: bianco e rosso. Il ginseng rosso si divide in Paradiso, il migliore, e nel meno pregiato Code. La radice dritta e perfetta chiamata Jiksam, le altre, con qualche imperfezione, sono il Bangoksam e Cocksam.
Radice per tutti i mali
Prodotti a base di ginseng
Pi di duemila anni fa i cinesi chiamavano questa radice, la cui forma ricorda il corpo umano, jen-shen, cio a somiglianza duomo.
In Asia il ginseng cos importante, ricercato, usato in mille modi nella medicina tradizionale, da meritarsi persino un proverbio : Il genere umano ha la sua pi alta espressione nel saggio, il mondo minerale nelloro, le pietre preziose hanno la regina nella giada e il mondo vegetale ha il suo re nel ginseng.
Questa consacrazione non un caso. Proprio i cinesi ne scoprirono le fantastiche propriet e le sfruttarono. Li-Shi-Chen, scienziato della dinastia Ming, nel suo libro Delle erbe medicamentose attribuisce al ginseng alte qualit curative: un rimedio per il corpo affaticato, per il riequilibrio della pressione sanguigna, per la tensione nervosa, per il calo di memoria, per la riattivazione delle funzioni psichiche e organiche ed anche un ottimo antidolorifico per i reumatismi.
Quando nel 1843 il botanico russo Meyer decise che era venuto il momento di classificare questa pianta ( una araliacea e conta sei differenti specie) tenne conto dei grandi poteri che aveva il ginseng e la chiam Panax Ginseng. Come dire pan (tutto) e axos (medicina); quindi la medicina che cura tutto, la panacea medicamentosa in forma di radice.
In Corea, il migliore
Piantagioni di ginseng a Kumsan
Il ginseng sudcoreano , a detta degli esperti, il migliore del mondo.
E in questo piccolo lembo di Oriente che si coltiva la migliore variet della radice della vita. E nella provincia coreana di Chollabuk-Do che pi di mille e cinquecento anni fa iniziato lo sfruttamento e la commercializzazione della radice a forma di uomo.
Nelle gole strette e ombrose intorno alla cittadina di Kumsan, ai piedi del picco di Kwanumbul, il giovane Kang (cos racconta la leggenda) trov, su indicazione del dio della montagna, la pianta medicinale dalle piccole bacche rosse. Fece bere un decotto di radici alla madre ammalata, che prodigiosamente guar.
Dopo questo miracolo il ginseng inizi ad essere coltivato su larga scala. Che linizio di questa saga botanica sia dovuto al leggendario contadino Kang o forse a qualche agronomo cinese che trov in Corea un microclima ideale per la coltivazione della radice, ha poca importanza. Quello che conta che il ginseng prodotto in Corea ha surclassato in quantit e qualit quelli nepalese, cinese e giapponese.
Il Ginseg selvatico rarissimo, unaraba fenice. Un suo eventuale ritrovamento (lultimo in Corea risale agli anni Sessanta) fa notizia in tutta la nazione e per il fortunato scopritore si aprono orizzonti di gloria e di ricchezza. Per le sue indubbie qualit, per la difficolt di reperirlo naturalmente e per la grande richiesta, gli abitanti di Kumsan lo coltivano da secoli e lo esportano in tutto il mondo.
Se la cittadina piemontese di Alba lemblema e la patria del tartufo bianco, famosa e rinomata in tutto il mondo, cos Kumsan lo per il ginseng.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 
Week-end e tempo libero
Tra orchidee ed erbe spontanee
Da Maggio 2015 a Luglio 2015
Offerte di viaggio
L'isola del cioccolato
NOTIZIE
22/05/15 - Arte
“La Madonna con Bambino e San Giovannino” ritrovata nelle collezioni di Villa Carlotta,...
22/05/15 - Avvenimenti
In occasione delle celebrazioni per il quinto centenario della nascita di S. Filippo Neri, nel...
22/05/15 - Mobilit dolce
Torna, attesissimo, “In viaggio sulle Orobie”, alla terza edizione dopo quelli sulle...
22/05/15 - Feste e folclore
Gli amanti della buona birra artigianale da oggi  fino a domenica potranno degustare tutte...
22/05/15 - Bambini e ragazzi
Sabato 23 e domenica 24 maggio, al museo del castello di San Giorgio, a La Spezia, si terrà...
Alto Adige, le alpi del wellness
Clima mite e aria pura di montagna, una destinazione ideale per un soggiorno termale: Merano ...
A Livigno la grande festa del Telemark
La Skieda di Livigno (Sondrio) è il festival del telemark, la tecnica di discesa che viene...
In Sardegna per ritrovare la silhouette
  Pronte per la prova bikini? Per superarla c’è chi è già corso ai...
Conosciamo la Basilicata volando sulle Dolomiti
È una tradizione che si ripete anno dopo anno nel periodo estivo dal 3 luglio al 15...
Montagna. Consigli svizzeri
Il più alto numero di incidenti in montagna si verifica camminando. Secondo Upi, Ufficio...
Sciare nella Valle del Cervino
Stiamo per entrare nell’anno in cui si celebreranno i 150 anni dalla prima ascensione al...
Svizzera: bianche distese invernali
St. Moritz, la stazione turistica più elegante della Svizzera, ha  festeggiato i 150...
Unoasi griffata Zegna
Qui tutti lo chiamavano Gildo, anche se nessuno intuiva che un giorno il nome di quel ragazzo di...
Tempo di neve. Vita in Valchiavenna
Mi trovo in una nota località sciistica di moda negli anni d’oro della Lombardia da...
La musica va in settimana bianca
Nel cuore delle Dolomiti, dal 24 al 31 gennaio, tornano a risuonare per il quinto anno le note di...
Un fine settimana da birdwatcher
  Il viaggio degli uccelli migratori è iniziato. Milioni di esemplari stanno facendo...
LIBRI E GUIDE
NUR. La luce nascosta dell'Afghanistan di MoniKa Bulaj, Editore Electa, pagine 256, 163 illustrazioni, Euro 39,00.
Non volare via di Sara Rattaro, Garzanti, pagine 224, Euro 14,90.
TUTTI I DOSSIER
0.16587495803833