Venerdì 21 Novembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Umbria. A Spello l'arte si mostra con i fiori
La processione del Corpus Domini nella cittadina umbra, ha rinnovato lo spettacolo dell’ “Infiorata”. Vie e piazze abbellite da meravigliose composizioni e da tappeti di fiori, disposti da vecchi e giovani sotto la guida di esperti infioratori
di Rosangela Castelli

Particolare della Infiorata vincitrice dell'edizione 2008
Per la festa del Corpus Domini, che quest’anno è coincisa con la data del 25 maggio, gli abitanti di Spello (provincia di Perugia) nello spazio di una notte hanno realizzato autentici, incredibili capolavori. Strade, piazze e vicoli percorsi dalla processione, sono stati ricoperti con quadri e tappeti fioriti. Opere di notevole bellezza, uniche ed effimere. Effimere perché durano solo poche ore. Di incredibile bellezza, perché interamente realizzate con i colori della natura. Non inchiostri o vernici, ma solo petali, milioni di petali, dalle innumerevoli tonalità. Sapientemente utilizzati, sotto l’abile guida dei maestri infioratori, con estrema precisione e infinita pazienza, per ore e ore i fiori vengono disposti secondo schemi precisi, seguendo accurati bozzetti. Nel corso degli anni, per il livello e la qualità artistica, quella di Spello è diventata una delle Infiorate più conosciute e apprezzate al mondo.
Dal 1930, miliardi di fiori
La prima Infiorata del 1930 (Photo Hispellum)
Le Infiorate artistiche di Spello in onore del Corpus Domini risalgono agli inizi del Novecento, grazie all’iniziativa di una donna che, intorno al 1930, disegnò sulla strada una semplice figurazione floreale con ginestre e finocchi.
In poco tempo prese piede a Spello la composizione artistica del tappeto fiorito che trasformò la festa del Corpus Domini in un’occasione gioiosa in cui tutte le famiglie prima, gruppi di infioratori sempre più esperti poi, potevano confrontare i propri lavori e premiare quelli giudicati migliori per abilità tecnica, precisione e creatività.  
Organizzata negli ultimi quarant’anni dalla Pro Spello e poi dall’Associazione “Le Infiorate di Spello”, con il patrocinio della Regione e degli Enti locali, la manifestazione richiama decine di migliaia di visitatori che possono ammirare il risultato di un complesso e difficile lavoro; lavoro che richiede settimane e addirittura mesi di paziente preparazione.
La natura dell’Umbria, a Spello
La separazione dei petali
Tra le fasi preliminari più importanti e impegnative dell’evento, vanno annoverate in primo luogo la ricerca e la raccolta di fiori e quindi la selezione e la conservazione dei petali. I tre mesi dedicati alla raccolta vedono alla fine un milione e mezzo di fiori raccolti, sessantacinque diverse specie floreali  e novanta tonalità di colore.
Nei giorni che precedono il “Corpus Domini” si assiste a una vera e propria mobilitazione generale. Nutrite squadre di infioratori si disperdono lungo i pendii del monte Subasio e nelle vallate umbre. Tantissimi cittadini trascorrono le serate nei pianterreni delle case, separando i petali in base ai colori e tritando finemente le erbe profumate.
L’unicità delle Infiorate è data proprio dalla tecnica di esecuzione, che comporta l’uso esclusivo di elementi vegetali, non trattati con agenti chimici o conservativi, né con coloranti artificiali o polverizzati.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Tra arte e laguna
Valido fino al 31 dicembre 2014
In Slovenia terme e mercatini
Dal 6 all'8 dicembre 2014
Offerte di viaggio
In India per festeggiare il nuovo anno
Crociera alle Bahamas
Alla scoperta dell'Iran
NOTIZIE
21/11/14 - Curiosità
Cerchiamo di sfatare insieme cinque miti sull’Australia, terra lontana che attira ogni anno...
21/11/14 - Eventi e mostre
Dal 20 novembre 2014 a fine gennaio 2015 chi attraverserà la Galleria San Federico a Torino...
21/11/14 - Fiere
Da giovedì 4 dicembre a lunedì 8 dicembre 2014, il Palazzo dei Congressi di Roma...
21/11/14 - Salute
Domenica 23 novembre 2014 si svolgerà a San Vendemiano (TV) la prima edizione della...
20/11/14 - Ambiente
Si svolgerà questa sera alle ore 18.00 presso il museo di Casa Martelli di Firenze...
L'Oratorio di Santo Stefano a Lentate sul Seveso
L’Oratorio di Lentate sul Seveso è un piccolo gioiello trecentesco che meglio splende...
Orvieto, moderna città della "lentezza"
Non l'Umbria delle notissime Perugia, Assisi, Gubbio, ma quella defilata e un po' snobbata, quella...
Amiata… e dintorni, antico vulcano dai cento tesori
Se si sale alla grande Croce in ferro del 1910 in vetta al Monte Amiata, a 1.737 metri, a cavallo...
Amore a tavola
Nel giorno di San Valentino, la gastronomia si conferma una delle chiavi di maggiore appeal nelle...
Da Giotto a Gentile in mostra
Una mostra di grande suggestione e impatto, sottolineata dagli itinerari lungo il percorso urbano...
Storia di una valigia abbandonata
Shanghai, l’addio - Mercoledì 3 aprile 2013, l'altro ieri, nella stanza 1006 del Grand...
Bronzi di Riace. Restaurati, ma "giacenti"
  Vi chiedete dove siano i Bronzi di Riace? Ebbene, li ho visti due giorni fa. Non sono al...
Luci magiche a Chartres
Arrivando di notte al crocevia tra Bretagna, Normandia e Castelli della Loira, non sarebbe poi...
Il purè di Pierino a Viganò
Andare a cena da Pierino Penati a Viganò è come entrare in un piccolo sogno...
Il miracolo dell'Italian Chapel
Siamo alle Orcadi, isole in cui la nostra sfolgorante (ancorché ora appannata)...
La guida turistica è sul lettore Mp3
Da qualche tempo amministrazioni comunali e consorzi turistici hanno cominciato a offrire ai...
LIBRI E GUIDE
Il Poeta Buongustaio 30 storie e ricette tradizionali in rime 20 sonetti mangerecci di Gianni Seviroli, Edizioni Panico, Galatina (Le), pagine 174, Euro 16,00.
Le avventure di Ulisse e altre storie di Geraldine McCaughrean, Mondadori, pagine 192, Euro 7,90
TUTTI I DOSSIER
1.1496250629425