Giovedì 18 Settembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Umbria. A Spello l'arte si mostra con i fiori
La processione del Corpus Domini nella cittadina umbra, ha rinnovato lo spettacolo dell’ “Infiorata”. Vie e piazze abbellite da meravigliose composizioni e da tappeti di fiori, disposti da vecchi e giovani sotto la guida di esperti infioratori
di Rosangela Castelli

Particolare della Infiorata vincitrice dell'edizione 2008
Per la festa del Corpus Domini, che quest’anno è coincisa con la data del 25 maggio, gli abitanti di Spello (provincia di Perugia) nello spazio di una notte hanno realizzato autentici, incredibili capolavori. Strade, piazze e vicoli percorsi dalla processione, sono stati ricoperti con quadri e tappeti fioriti. Opere di notevole bellezza, uniche ed effimere. Effimere perché durano solo poche ore. Di incredibile bellezza, perché interamente realizzate con i colori della natura. Non inchiostri o vernici, ma solo petali, milioni di petali, dalle innumerevoli tonalità. Sapientemente utilizzati, sotto l’abile guida dei maestri infioratori, con estrema precisione e infinita pazienza, per ore e ore i fiori vengono disposti secondo schemi precisi, seguendo accurati bozzetti. Nel corso degli anni, per il livello e la qualità artistica, quella di Spello è diventata una delle Infiorate più conosciute e apprezzate al mondo.
Dal 1930, miliardi di fiori
La prima Infiorata del 1930 (Photo Hispellum)
Le Infiorate artistiche di Spello in onore del Corpus Domini risalgono agli inizi del Novecento, grazie all’iniziativa di una donna che, intorno al 1930, disegnò sulla strada una semplice figurazione floreale con ginestre e finocchi.
In poco tempo prese piede a Spello la composizione artistica del tappeto fiorito che trasformò la festa del Corpus Domini in un’occasione gioiosa in cui tutte le famiglie prima, gruppi di infioratori sempre più esperti poi, potevano confrontare i propri lavori e premiare quelli giudicati migliori per abilità tecnica, precisione e creatività.  
Organizzata negli ultimi quarant’anni dalla Pro Spello e poi dall’Associazione “Le Infiorate di Spello”, con il patrocinio della Regione e degli Enti locali, la manifestazione richiama decine di migliaia di visitatori che possono ammirare il risultato di un complesso e difficile lavoro; lavoro che richiede settimane e addirittura mesi di paziente preparazione.
La natura dell’Umbria, a Spello
La separazione dei petali
Tra le fasi preliminari più importanti e impegnative dell’evento, vanno annoverate in primo luogo la ricerca e la raccolta di fiori e quindi la selezione e la conservazione dei petali. I tre mesi dedicati alla raccolta vedono alla fine un milione e mezzo di fiori raccolti, sessantacinque diverse specie floreali  e novanta tonalità di colore.
Nei giorni che precedono il “Corpus Domini” si assiste a una vera e propria mobilitazione generale. Nutrite squadre di infioratori si disperdono lungo i pendii del monte Subasio e nelle vallate umbre. Tantissimi cittadini trascorrono le serate nei pianterreni delle case, separando i petali in base ai colori e tritando finemente le erbe profumate.
L’unicità delle Infiorate è data proprio dalla tecnica di esecuzione, che comporta l’uso esclusivo di elementi vegetali, non trattati con agenti chimici o conservativi, né con coloranti artificiali o polverizzati.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Si festeggia Torgnon d'Outon
Dal 31 ottobre al 9 novembre2014
Tra rose, storie e leggenda
Da Aprile a Novembre (chiuso Luglio e Agosto)
Offerte di viaggio
Riposo e benessere tra le Dolomiti
Alla scoperta dell'India tra yoga e spiritualita'
Crociera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
NOTIZIE
17/09/14 - Fiere
La quattordicesima edizione di NoFrills, in calendario alla Fiera di Bergamo il 26 e 27 settembre,...
17/09/14 - Showcase
Il Columbus Day (12 ottobre) segnerà l’inizio di una serie di eventi che vedranno ENIT...
17/09/14 - Consumi
Skyscanner, portale che si occupa della ricerca di viaggi online, ha lanciato una nuova guida sui...
17/09/14 - Tecnologia
Martedì 16 settembre in occasione della Vogue Fashion Night Out di Milano ha debuttato...
16/09/14 - Enogastronomia
A pochi minuti dalla città d'arte di Verona, nella parte orientale della Pedemontana...
La fragorosa energia della Dabkah libanese
La Dabkah (traslitterata anche come Dabkeh, Debka, Debkah), danza diffusa in tutto il medio...
Bosch, modernità e mistero
Ancora fino al 20 marzo palazzo Grimani, a Venezia, espone la pittura di Hieronymus Bosch. Rara...
Notte ad Arles con Vincent Van Gogh
  A settembre la Provenza è illuminata da una luce più calda di quella della...
Dieci aforismi sul "Viaggio"
Ho cercato qualche bella frase sul significato del viaggiare. Eccone dieci.   Scarpantibus La...
Bucarest tutta da scoprire
  Per chi non fosse mai andato in Romania, un viaggio in questa terra è...
In Provenza per Pablo Picasso
30 gennaio - Sulle tracce di Picasso, dalla costa Azzurra ad Avignone. La Francia meridionale si...
Brindisi nella Grande Mela
  A poco più di un mese dalla fine del 2013, NYC & Company, ente ufficiale per la...
Il racconto del mondo
  Il Festival della Letteratura di Viaggio quest’anno arriva alla sua quinta edizione....
Con il treno a vapore fino a Caporetto
Quasi cento anni fa italiani e austriaci si combatterono aspramente sul fronte dell'Isonzo fino...
Polpenazze dream
... Siamo in Valtenesi, il cui nome gli autoctoni vogliono far derivare da valle degli Ateniesi. Se...
Israele, la storia infinita
Un viaggio in Israele può avere molte chiavi di lettura oltre al misticismo dei luoghi della...
LIBRI E GUIDE
Il giro del mondo in 80 isole Lucrezia Argentiero, Iter Edizioni, pagine 144, Euro 11.90
Andare a piedi Filosofia del Camminare di Frédéric Gros, Garzanti, pagine 232, Euro 14,90.
TUTTI I DOSSIER
1.0740809440613