Martedì 2 Settembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Umbria. A Spello l'arte si mostra con i fiori
La processione del Corpus Domini nella cittadina umbra, ha rinnovato lo spettacolo dell’ “Infiorata”. Vie e piazze abbellite da meravigliose composizioni e da tappeti di fiori, disposti da vecchi e giovani sotto la guida di esperti infioratori
di Rosangela Castelli

Particolare della Infiorata vincitrice dell'edizione 2008
Per la festa del Corpus Domini, che quest’anno è coincisa con la data del 25 maggio, gli abitanti di Spello (provincia di Perugia) nello spazio di una notte hanno realizzato autentici, incredibili capolavori. Strade, piazze e vicoli percorsi dalla processione, sono stati ricoperti con quadri e tappeti fioriti. Opere di notevole bellezza, uniche ed effimere. Effimere perché durano solo poche ore. Di incredibile bellezza, perché interamente realizzate con i colori della natura. Non inchiostri o vernici, ma solo petali, milioni di petali, dalle innumerevoli tonalità. Sapientemente utilizzati, sotto l’abile guida dei maestri infioratori, con estrema precisione e infinita pazienza, per ore e ore i fiori vengono disposti secondo schemi precisi, seguendo accurati bozzetti. Nel corso degli anni, per il livello e la qualità artistica, quella di Spello è diventata una delle Infiorate più conosciute e apprezzate al mondo.
Dal 1930, miliardi di fiori
La prima Infiorata del 1930 (Photo Hispellum)
Le Infiorate artistiche di Spello in onore del Corpus Domini risalgono agli inizi del Novecento, grazie all’iniziativa di una donna che, intorno al 1930, disegnò sulla strada una semplice figurazione floreale con ginestre e finocchi.
In poco tempo prese piede a Spello la composizione artistica del tappeto fiorito che trasformò la festa del Corpus Domini in un’occasione gioiosa in cui tutte le famiglie prima, gruppi di infioratori sempre più esperti poi, potevano confrontare i propri lavori e premiare quelli giudicati migliori per abilità tecnica, precisione e creatività.  
Organizzata negli ultimi quarant’anni dalla Pro Spello e poi dall’Associazione “Le Infiorate di Spello”, con il patrocinio della Regione e degli Enti locali, la manifestazione richiama decine di migliaia di visitatori che possono ammirare il risultato di un complesso e difficile lavoro; lavoro che richiede settimane e addirittura mesi di paziente preparazione.
La natura dell’Umbria, a Spello
La separazione dei petali
Tra le fasi preliminari più importanti e impegnative dell’evento, vanno annoverate in primo luogo la ricerca e la raccolta di fiori e quindi la selezione e la conservazione dei petali. I tre mesi dedicati alla raccolta vedono alla fine un milione e mezzo di fiori raccolti, sessantacinque diverse specie floreali  e novanta tonalità di colore.
Nei giorni che precedono il “Corpus Domini” si assiste a una vera e propria mobilitazione generale. Nutrite squadre di infioratori si disperdono lungo i pendii del monte Subasio e nelle vallate umbre. Tantissimi cittadini trascorrono le serate nei pianterreni delle case, separando i petali in base ai colori e tritando finemente le erbe profumate.
L’unicità delle Infiorate è data proprio dalla tecnica di esecuzione, che comporta l’uso esclusivo di elementi vegetali, non trattati con agenti chimici o conservativi, né con coloranti artificiali o polverizzati.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
La Banda del Talos Festival
Dal 4 al 14 settembre
Todi APPy Days
Dal 25 al 28 settembre 2014
Offerte di viaggio
Viaggio Missionario del Sorriso
Crociera nel Mediterraneo Occidentale
In fuoristrada alla scoperta dell'Australia
NOTIZIE
02/09/14 - Animali
Tutti i giorni fino al 15 settembre, dalle ore 10 alle ore 17, gli esperti dell’Acquario di...
02/09/14 - Consumi
"Alberghi fatiscenti, sovrapprezzi non previsti, smarrimento dei bagagli e ritardi nei voli: sono...
02/09/14 - Mercati
Secondo l’Hotel Price Index di Hotels.com, il prezzo medio pagato per una camera...
02/09/14 - Mobilità dolce
Saranno 33 le città coinvolte nell'undicesima edizione della Giornata nazionale del Trekking...
02/09/14 - Alberghi
Il nuovo Ibis Adelaide ha aperto al pubblico dopo un'opera di ristrutturazione da 65 milioni di...
Da Sant'Ambrogio a San Salvador. Un Lombardo ai Caraibi
La clamorosa scoperta è merito degli uomini del RIS (Rispolveriamo Inconsistenti...
Mercatini di Natale allo spread
Volendo, mercatini di Natale ce ne sono anche a Cinisello Balsamo, Rapallo, Frascati, Ceppaloni,...
Il Cairo "appesa" a un Nilo
Stormi di colombi volteggiano nel cielo. Compiono improvvise acrobazie, scendono in picchiata verso...
Pirenei con il "ferrocarrill"
Il ruscello precipita con una rombante cascata in mezzo a una stretta valle. Su una parete arranca...
Uscita dall'Oltretomba
… È l'attimo che sta tra la morte e la vita, istante che, in questa esatta sequenza,...
Le dieci città più sottovalutate del Sud Italia
Il titolo di “città più sconosciuta del Sud Italia” secondo la classifica...
Dove il bianco Natale non delude mai
Già prima della diffusione del cristianesimo in Finlandia veniva celebrata la festa della...
Barbagia. Acque di morte e rinascita
Natura incontaminata e una ricca vegetazione è lo scenario che contraddistingue Bitti,...
L'illuminata Salerno
  Abituati, purtroppo, a certi stereotipi sul Meridione, visitare Salerno è una bella...
Hanno spostato il Sinai di Mosè
Su un masso c'è un graffito con un occhio che emana raggi come il sole. Su un altro spuntano due...
El-Alamein, apocalisse "vista-mare"
La storia che segue ebbe inizio quindici anni fa con una sigaretta e una "valigia". Mi trovavo nel...
LIBRI E GUIDE
Scoprire Parigi in Metro Da un'idea di Fabienne Kriegel; testi di Anne-Claire Ruel, Auriélie Clair, Catherine Taret Gremese edizioni, pagine 386, Euro 19,50.
Omega me autori vari, Trenta Editore, pagine 224, Euro 19,50.
TUTTI I DOSSIER
1.0140509605408