Martedì 26 Maggio 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Umbria. A Spello l'arte si mostra con i fiori
La processione del Corpus Domini nella cittadina umbra, ha rinnovato lo spettacolo dell’ “Infiorata”. Vie e piazze abbellite da meravigliose composizioni e da tappeti di fiori, disposti da vecchi e giovani sotto la guida di esperti infioratori
di Rosangela Castelli

Particolare della Infiorata vincitrice dell'edizione 2008
Per la festa del Corpus Domini, che quest’anno è coincisa con la data del 25 maggio, gli abitanti di Spello (provincia di Perugia) nello spazio di una notte hanno realizzato autentici, incredibili capolavori. Strade, piazze e vicoli percorsi dalla processione, sono stati ricoperti con quadri e tappeti fioriti. Opere di notevole bellezza, uniche ed effimere. Effimere perché durano solo poche ore. Di incredibile bellezza, perché interamente realizzate con i colori della natura. Non inchiostri o vernici, ma solo petali, milioni di petali, dalle innumerevoli tonalità. Sapientemente utilizzati, sotto l’abile guida dei maestri infioratori, con estrema precisione e infinita pazienza, per ore e ore i fiori vengono disposti secondo schemi precisi, seguendo accurati bozzetti. Nel corso degli anni, per il livello e la qualità artistica, quella di Spello è diventata una delle Infiorate più conosciute e apprezzate al mondo.
Dal 1930, miliardi di fiori
La prima Infiorata del 1930 (Photo Hispellum)
Le Infiorate artistiche di Spello in onore del Corpus Domini risalgono agli inizi del Novecento, grazie all’iniziativa di una donna che, intorno al 1930, disegnò sulla strada una semplice figurazione floreale con ginestre e finocchi.
In poco tempo prese piede a Spello la composizione artistica del tappeto fiorito che trasformò la festa del Corpus Domini in un’occasione gioiosa in cui tutte le famiglie prima, gruppi di infioratori sempre più esperti poi, potevano confrontare i propri lavori e premiare quelli giudicati migliori per abilità tecnica, precisione e creatività.  
Organizzata negli ultimi quarant’anni dalla Pro Spello e poi dall’Associazione “Le Infiorate di Spello”, con il patrocinio della Regione e degli Enti locali, la manifestazione richiama decine di migliaia di visitatori che possono ammirare il risultato di un complesso e difficile lavoro; lavoro che richiede settimane e addirittura mesi di paziente preparazione.
La natura dell’Umbria, a Spello
La separazione dei petali
Tra le fasi preliminari più importanti e impegnative dell’evento, vanno annoverate in primo luogo la ricerca e la raccolta di fiori e quindi la selezione e la conservazione dei petali. I tre mesi dedicati alla raccolta vedono alla fine un milione e mezzo di fiori raccolti, sessantacinque diverse specie floreali  e novanta tonalità di colore.
Nei giorni che precedono il “Corpus Domini” si assiste a una vera e propria mobilitazione generale. Nutrite squadre di infioratori si disperdono lungo i pendii del monte Subasio e nelle vallate umbre. Tantissimi cittadini trascorrono le serate nei pianterreni delle case, separando i petali in base ai colori e tritando finemente le erbe profumate.
L’unicità delle Infiorate è data proprio dalla tecnica di esecuzione, che comporta l’uso esclusivo di elementi vegetali, non trattati con agenti chimici o conservativi, né con coloranti artificiali o polverizzati.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 3 - 
Week-end e tempo libero
Tra orchidee ed erbe spontanee
Da Maggio 2015 a Luglio 2015
Offerte di viaggio
L'isola del cioccolato
NOTIZIE
25/05/15 - Arte & Genio
Collocata nel cuore dell’edificio storico dell’Università Statale di Milano e...
25/05/15 - Italia centro
Con un programma molto vasto ed oltre 25 serate nelle principali cantine del centro Italia, la...
25/05/15 - Curiosità
Con “Milano sotterranea” Beatrice Mancini ci porta per mano alla scoperta di canali,...
25/05/15 - Mostre
Grande successo a Shangai per la Puglia, rappresentata dagli scatti di Roberto Rocca. Il fotografo...
25/05/15 - Musica per viaggiare
C’è anche il sassofonista Stefano Di Battista tra gli ospiti dell’atteso...
La danza algerina degli Amazigh
Tra le montagne della Cabilia, nell'Algeria berbera, risuonano i ritmi ossessivi dei tamburi tbal e...
Ripensare l'energia
Architetti, artisti, scienziati hanno collaborato al progetto di ricerca e alla mostra aperta a...
Assistenti di viaggio...
Dal 29 giugno al 22 settembre prossimi il Museo Diocesano di Susa (TO) ospiterà la mostra...
Martinica, intrigante come la sua “beguine”
C'è chi dice che la Martinica abbia due anime. Se non si alza lo sguardo verso il cielo, si vede la...
Barbagia. Acque di morte e rinascita
Natura incontaminata e una ricca vegetazione è lo scenario che contraddistingue Bitti,...
In Chocolate we trust
“Un cioccolatino al giorno leva il medico d’attorno” non è lo slogan di...
Arte lombarda dai Visconti agli Sforza
“Arte lombarda dai Visconti agli Sforza. Milano al centro dell’Europa” è...
Istria, atmosfere veneziane
Affacciata sull'Adriatico, la campagna istriana offre piacevoli visioni; è generosa di...
Mantova, gli arazzi dei Gonzaga
Gli arazzi, gli "affreschi mobili" del XVI secolo, che i Gonzaga fecero realizzare dalle virtuose...
Delfi e la sua indicibile sacralità
Delfi è un luogo sacro. Lo era due millenni e mezzo fa e, se il suo aspetto monumentale...
Le bellezze e i luoghi di Piero della Francesca
Durante la Bit di Milano, presso lo stand della regione Toscana, è stata presentata una...
LIBRI E GUIDE
Mamma, papà: devo dirvi una cosa di Giovanni e Paola Dall'Orto, Sonda edizioni, pagine 200, Euro 14,00.
Cosa vuoi fare da grande di Ivan Baio e Angelo Orlando Meloni, Del Vecchio Editore, pagine 184, Euro 12,00.
TUTTI I DOSSIER
0.2253360748291