Lunedì 22 Dicembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
“Quer pasticciaccio brutto de Alitalia...”
Fiumicino, Linate, Malpensa tanti progetti, tante voglie, tante pruderie localistiche. Ma di fare squadra e badare agli interessi nazionali e soprattutto di “Bandiera”, quelli dell’Alitalia e del Bel Paese, pare non interessi ad alcuno...
di "El Maestro"

Equipaggio AZ
“Il morbo infuria, il pan ci manca, su AZ sventola, bandiera bianca!”. Siamo giunti al “redde rationem”. E chi renderà conto e a chi, del progressivo “rallentato” scivolio verso il basso della tanto amata Compagnia di Bandiera? A futura memoria, le considerazioni (pertinenti) di chi ha avuto a che fare negli anni con le “italiche ali”.
Prima di tutto ammetto e confesso tanta immodestia e millanteria: mi ritengo infatti, per svariati motivi, assolutamente all’altezza di giudicare la pluridecennale, indegna “vicenda Alitalia”.
Gli svariati motivi? Eccoli. Per più di dieci lustri (cinquant’anni) ho avuto a che fare con la Compagnia di (ex) Bandiera. Ex, perché è ora di finirla con ‘sta storia della “Compagnia” e della “Bandiera”: chi vola se ne fotte di logo, livree e vessilli, sceglie il “facente volare” che costa meno, che a bordo tratta bene il cliente, che è puntuale, che sciopera poco, e proprio non gli va di dover ripianare da quasi mezzo secolo il “rosso” altrui per il semplice fatto che possedere un identico passaporto non obbliga un povero cristo che lavora a mantenere bande di incapaci, succedutisi a far danni per lustri e lustri (mentre qualche compagnia aerea dei Paesi vicini falliva pure, ma tante altre campavano facendo i soldi). 
La “Grande Mignotta”
Nel dettaglio, con Alitalia ho avuto a che fare in tre differenti situazioni. Prima: come utente. Seconda: come (vabbè) modesto scrivano. Terza: come tour operator (fors’anche della “mutua”, ma sempre tour operator a suo tempo fui). Eccomi pertanto a poter giustificare una certa titolarità (quanto a esperienza e capacità) nel narrare e spiegare come la beneamata Mamma Alitalia si è progressivamente trasformata in una Grande Mignotta (che come tutte le donnacce dissipatrici conclude la carriera senza il becco di un quattrino, anzi, l’Alitalia è pure piena di debiti) eppertanto sarebbe d’uopo che si facesse da parte (poeticamente parlando, fallisse) trasferendo i suoi libri in tribunale.
Svizzera docet
Swissair
Fallimento: e cosa c’è di tanto strano da essere normalmente possibile a Berna/Zurigo ma non a Roma? Lo dichiarò, appunto, Swissair in una notte, il fallimento: dimezzò aerei, personale, rotte, dopodiché il mattino dopo ripartì in grazia di dio senza che nessuno “sguizzero” la menasse, spandendo lacrime sul Sacro vessillo Rossocrociato, agitando il nazional-popolare campanaccio delle mucche al pascolo e confondendo i debiti accumulati da managers, piloti, stewards e hostess con l’oltraggio arrecato allo svizzero orgoglio di Guglielmo Tell.
E francamente gli Svizzeri fecero bene (come quasi sempre) perché non vedo davvero cosa c’entrasse il sullodato Guglielmo Tell, per certo schiumante di rabbia eppertanto rivoltantesi nel sarcofago, con un manager pirla inventante assurde rotte assolutamente deficitarie o personale di volo sindacalizzato (eppertanto corporativamente protetto dai sindacati) che appena vedeva una bella “Iurnata ‘e Sole” prendeva su, si “dava malato”, dopodiché andava ad abbronzarsi a “Fregenen”, ridente, non meno che nota, località balneare visitabile sul Lago dei Quattro Cantoni.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Le iniziative invernali di Aquila Bianca
Dal 17 gennaio 2015 al 28 febbraio 2015
Vivi il Natale al Bioparco di Roma
Valido dal 22 dicembre 2014 al 07 gennaio 2015
Offerte di viaggio
Capodanno da favola a New York
Ultimo dell'anno in Baviera
L'isola del cioccolato
NOTIZIE
22/12/14 - Ambiente
Nel gennaio scorso, Europcar, azienda europea di autonoleggio, e WeForest, organizzazione...
22/12/14 - Paesi lontani
L’UNESCO ha stilato queste classifiche con il nobile scopo di identificare tutti i luoghi o...
22/12/14 - Paesaggi
Uno scrigno di meraviglie concentrate in poche manciate di chilometri: questo è Terra...
22/12/14 - Arte
Da venerdì 5 dicembre, il Polo Reale di Torino è una realtà, costituito dalla...
22/12/14 - Curiosità
Il London City Airport ha messo a disposizione dei passeggeri un originale servizio per inviare...
Alitalia, un'italianità a caro prezzo
Sapevate che... Tra le (tante) speranze coltivate a ogni fine anno (alias auguri 2013) gli italiani...
Viaggio all'estero? Quali prepagate portare con sé
Per molte persone organizzare un viaggio in un paese estero è una prassi e pensare alla...
Vercelli, le foto di Ralph Gibson e Jill Mathis
Il museo Arca di Vercelli esporrà dal 30 aprile le fotografie di Ralph Gibson e Jill Mathis...
Ultime dal web
Si chiama Bluemapia.com, è una nuova community online che intende riunire gli amanti della vela e...
Michelangelo Pistoletto al castello Svevo di Bari
Il castello svevo di Bari ospita sino a marzo dell'anno prossimo l'installazione "Terzo Paradiso"...
Napoli è più vicina a Istanbul
La Turkish Airlines dopo Roma, Milano, Venezia, Bologna e Genova ha scelto Napoli per la sua sesta...
Rogaska, il benessere in un bicchier d'acqua
  Tutti sappiamo come l'acqua sia fonte di vita e di salute. Meno note ai più,...
Mart, da Rovereto a New York
Il museo d'arte contemporanea di Rovereto presenta ancora sino all'11 ottobre "Immaginare New...
Il turismo responsabile in Italia: cosa ne frena lo...
L’interesse per il turismo responsabile e sostenibile è cresciuto sensibilmente negli...
Il mare più bello in Sardegna, Puglia e Toscana
  Giunta alla tredicesima edizione, la Guida Blu è il vademecum dell’estate che...
Battaglia nei cieli d'Italia
Sapevate che… A cuccare il ricco business di Milano & dintorni, Alitalia (come dicono a...
LIBRI E GUIDE
Le avventure di Ulisse e altre storie di Geraldine McCaughrean, Mondadori, pagine 192, Euro 7,90
Non volare via di Sara Rattaro, Garzanti, pagine 224, Euro 14,90.
TUTTI I DOSSIER
1.3275439739227