Martedì 2 Settembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Cipro, fra storia, mitologia e “gossip”
E’ un’autentica “Isola dei Famosi”, quella incastonata nel Mediterraneo orientale, fra Siria e Turchia. Una “storia” lunga millenni che ha visto svolgersi vicende umane vissute in comune con l’Italia
di Gian Paolo Bonomi

Kourion
Nell’antichità, dal 58 a.C., Cipro appartenne per più di quattro secoli all’Impero Romano (Cicerone vi svolse l’importante incarico di console, Antonio la regalò a Cleopatra) e costituì la prima tappa dell’itinerario percorso dal cristianesimo per arrivare all’Urbe romana. Nella storia più recente, verso il XIII secolo, a una forte presenza commerciale dei Genovesi (più propensi ad “avere la loro convenienza” che a spendere soldi in costose occupazioni militari di un territorio) seguì il dominio veneziano. Estintasi nel 1489 la dinastia francese dei Lusignani, Cipro fu infatti ceduta alla Serenissima dall’ultima regina, Caterina Cornaro.
Crocevia del mondo antico
Nicosia
Il dominio veneziano su Cipro durò meno di un secolo (1489-1571) e si concluse con l’assedio di Famagosta e il martirio di Marcantonio Bragadin, scorticato vivo dai Turchi, nonostante le garanzie di incolumità fornite da Lala Mustafà).
Oltre alla citata vicenda bellica, Famagosta (dal 1974 - corsi e ricorsi storici - occupata dall’esercito turco) è legata alla fiction e alla Storia del Belpaese per altre due vicende. Verdi vi ambientò l’Otello e Leonardo - durante un poco documentato viaggio giovanile nel Mediterraneo orientale - vi soggiornò per costruire una porta delle possenti mura (quella del Mare, a Famagosta chiamata Porta Leonardo Da Vinci). Ulteriore curiosità culturale, durante i quasi cent’anni di presenza della Serenissima i complicati nomi greci delle più importanti località di Cipro furono più comodamente tradotti in italiano (Lefkosia/Nicosia, Ammochostos/Famagosta, Lemesos/Limassol). Romani (antichi) e Veneziani costituiscono soltanto una scarna parte delle genti che si trasferirono a Cipro per una lunga o breve presenza: eccone il corposo elenco: Assiri, Persiani, Fenici, Greci, Macedoni, Egizi, Bizantini, Arabi, Francesi, Turchi e infine Inglesi.
L’isola del rame
Paphos, Apollo, particolare di un mosaico
La presenza di tanti popoli non può che prescindere una storia antichissima (risalgono al nono millennio a.C. alcuni insediamenti reperiti lungo le coste). Nell’Età del Rame la scoperta sull’isola del prezioso minerale, in dimensioni tanto abbondanti da averle dato il nome (Kypros in greco significa rame) rese Cipro importante nella storia. Estratto nella zona di Paphos - alcune miniere sono aperte da tremila anni - il rame veniva esportato in tutto il Mediterraneo dai Fenici (Kytion, l’attuale Larnaka, fu il loro più importante scalo commerciale nell’isola).
Verso il 1400 a.C., con lo sbarco di mercanti Micenei provenienti da Creta, inizia il processo di ellenizzazione: da quel tempo lingua, religione e usanze parlano greco. Tra l’ottavo e il quarto secolo a.C., fu la volta di Assiri, Egiziani (di Amosis II) e Persiani, fin quando, nel 333, Cipro entrò a far parte dell’impero Macedone (e Alessandro Magno fu il primo personaggio di uno dei tanti famosi “gossip” ospitati sull’isola; vedi i già citati, focosi amanti Antonio e Cleopatra). Né mancò, prima di Roma, uno stato ellenistico dei Tolomei che lasciò interessanti Tombe dei Re, oggidì visitabili nella allora capitale Paphos (in greco, “tutta luce”).
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 4 - 
Week-end e tempo libero
Sapore di sale, sapore di Lago
Dal 22 al 28 settembre
Giardini in fiore
Dal 29 marzo al 31 ottobre 2014
Offerte di viaggio
Calabria: mare e relax in famiglia
Tour guidato in moto lungo la Route 66
Trekking, balene e citta' in Canada
NOTIZIE
02/09/14 - Animali
Tutti i giorni fino al 15 settembre, dalle ore 10 alle ore 17, gli esperti dell’Acquario di...
02/09/14 - Consumi
"Alberghi fatiscenti, sovrapprezzi non previsti, smarrimento dei bagagli e ritardi nei voli: sono...
02/09/14 - Mercati
Secondo l’Hotel Price Index di Hotels.com, il prezzo medio pagato per una camera...
02/09/14 - Mobilità dolce
Saranno 33 le città coinvolte nell'undicesima edizione della Giornata nazionale del Trekking...
02/09/14 - Alberghi
Il nuovo Ibis Adelaide ha aperto al pubblico dopo un'opera di ristrutturazione da 65 milioni di...
La Westside "Story" di Zurigo
L’Archeologia Industriale cominciò a svilupparsi attorno agli anni Cinquanta in...
Copenaghen: castelli e "affari" reali
  È appena giunto sugli schermi italiani il film danese pluripremiato “A Royal...
"Due band, due terrazze... e una città che balla"
  Cosa vi viene in mente quando pensate a Napoli? Sicuramente la maggior parte di voi...
Martinica, intrigante come la sua "beguine"
C'è chi dice che la Martinica abbia due anime. Se non si alza lo sguardo verso il cielo, si vede la...
Su il cappello! Siamo a Montappone
La moda, si sa, è ciclica e si brucia subito. Accessori che sembravano ormai definitivamente...
Dietro il vetro, l'America
Dalle nostre parti, dicono, "con la cultura non si mangia". Diversamente devono aver pensato gli...
Gayart nel cuore delle Dolomiti segrete
  Le Dolomiti da cartolina sono quelle che tutti conoscono e fotografano. Sono,...
S'udiva una volta. Note antiche a Innsbruck
  Anche per il 2012 Innsbruck si prepara per il tradizionale Festival di Musica Antica. Il...
La città degli Dei
Arriva per la prima volta in Italia un percorso per conoscere la storia, la cultura, l'arte di uno...
Edith Wharton e la sua terra
Malgrado lo skyline sia quello caratterizzante di molte città degli Stati Uniti, Boston ha...
Vincenzo Vela e i suoi "personaggi"
A Ligornetto, piccolo centro del Canton Ticino, c'è la casa-museo dello scultore...
LIBRI E GUIDE
Non volare via di Sara Rattaro, Garzanti, pagine 224, Euro 14,90.
Mamma, papà: devo dirvi una cosa di Giovanni e Paola Dall'Orto, Sonda edizioni, pagine 200, Euro 14,00.
TUTTI I DOSSIER
1.082937002182