Sabato 7 Marzo 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
La Fuggerei di Augusta
Un quartiere a "equo canone" del 1500. E la vera attrazione turistica di questa bella e nobile citt della Baviera. Unistituzione benefica creata da Jakob Fugger, famoso mercante del tempo
di Federico Formignani

Saugassentor, il portone d'ingresso
Chi vi abita, sa che deve rientrare prima delle dieci di sera, altrimenti i portoni si chiudono inesorabilmente e ha inizio la notte tranquilla e sicura della Fuggerei. I cancelli verranno riaperti alle cinque del mattino successivo.
Se qualche residente costretto a rincasare dopo le fatidiche dieci di sera, poco male. Basta metter mano al borsellino e pagare al guardiano notturno pochissimi centesimi di Euro di pedaggio per il disturbo.
Gli verr sicuramente raccomandato di non far rumore per non interrompere il sonno o le quiete meditazioni degli straordinari abitanti di questa cittadella: i poveri (quasi tutti anziani) di Augusta.
Una piccola citt autonoma
Mittlere Gasse
La Fuggerei una piccola citt compresa nella pi grande citt di Augsburg, fondata, questa, nell'anno 15 a.C. da Druso e Tiberio, figliastri dell'imperatore Augusto. Si chiamava Augusta Vindelicorum, perch i Vindlici abitavano la zona compresa fra le terre dei Reti a sud e quelle dei Celti pi a nord, entrambe sottomesse dagli uomini di Roma.
Per quattrocento anni Augusta stata capoluogo provinciale dell'Impero Romano e per altri cinquecento una libera Citt Imperiale. Posta a quasi cinquecento metri d'altitudine, circondata dai fiumi Lech e Wertach, Augusta registra un notevole sviluppo nel XV secolo, periodo nel quale acquisisce prestigio e potenza nell'intera Germania, grazie soprattutto ad alcune ricche famiglie di commercianti, i Fugger e i Welser pi di altre, cos potenti da arrivare persino ad aiutare le finanze di re e imperatori, debilitate dalle ricorrenti e onerose spese militari.
Si sa: i commerci, se ben condotti, generano ricchezza e la ricchezza, se amministrata da persone di buoni sentimenti e di provata fede, pu favorire la realizzazione di iniziative particolari. E' il caso della Fuggerei che vede la propria nascita, come istituzione sociale, nell'anno 1516.
Fugger il ricco
Jakob Fugger
Ideatore e fondatore di questa oramai antica comunit, successiva in occidente al fenomeno dei Beghinaggi del Belgio, Jakob Fugger il Ricco (aggettivo che spiega tutto o quasi) nato nel 1459 e morto nel 1525. Con i fratelli Ulrich e Georg, Jakob Fugger, uomo probo e religiosissimo, finanzia diverse iniziative commerciali e lavora cos bene e cos onestamente da meritarsi la piena fiducia e la conseguente nomina a "banchiere" degli imperatori Carlo V e Massimiliano I.
Crea nel contempo un "fondo di carit" speciale (conto di Sant'Ulrico) e ordina la costruzione, terminata entro l'anno 1521, della Fuggerei, il particolare nucleo abitativo di Augusta, la sua citt.
Col documento di donazione Jakob Fugger precisa le condizioni giuridiche che regolano il reclutamento degli ospiti e detta alcuni punti fondamentali di comportamento e di usufrutto degli appartamenti. Punti in vigore anche ai nostri giorni.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Mantova e navigazione del Mincio
Dal 28 al 29 marzo 2015 - Quota da € 195,00
Fiera Creattiva
Dal 05 al 08 marzo 2015
Offerte di viaggio
Pasqua in Oman
Crociera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
Crociera alle Bahamas
NOTIZIE
06/03/15 - Trasporti
Un pensiero speciale che consente di viaggiare a metà prezzo per l’intera primavera:...
06/03/15 - Paesi lontani
Il Kenya non è solo fauna selvaggia o paesaggi mozzafiato, il vero volto di questo Paese si...
06/03/15 - Italia centro
La regione Umbria è finita sotto i riflettori della stampa inglese che oltre ad elogiarne le...
06/03/15 - Arte
Dal 6 marzo al 30 maggio alla Paolo Maria Danesi Gallery di Trento, Davide Coltro,...
06/03/15 - Sport
Anche quest’anno Tirrenia, Compagnia Italiana di Navigazione, è al fianco della Porto...
Ostrava, a piccoli passi tra musica e liberty
La conoscenza di nuove realtà: paesi, città vicino casa o all’altro capo del...
Ho scoperto la Vera Sardegna
Andate! Andate pure a Porto Cervo. In Costa Smeralda! Ammassatevi nella piazzetta a pagare 20 euro...
Tanzania, gioiello d'Africa
‘Le voci degli animali in libertà hanno un altro suono, più minaccioso certo ma...
Sardegna, benessere mediterraneo
Dopo aver esplorato l’entroterra è arrivata l'ora di mollare gli ormeggi. La...
Carcassonne e Viollet-le-Duc
Il bicentenario della nascita di Eugène Viollet-le-Duc, nato a Parigi nel 1814, è...
Le perle delle Alpi
Lasciate pure a casa le chiavi della macchina. Per visitare le perle delle Alpi basta il treno,...
Seychelles, le isole del Matriarcato
Laggiù, in mezzo al mare, comandano le donne. Più esattamente le mamme, che prendono...
Berna, città degli Orsi bruni
Non è necessario attendere gli europei di calcio che si giocheranno nel 2008, nello Stade de...
Pianosa, da carcere a luogo naturale protetto
Mi sono fermato spesso sui tornanti elbani che portano a Punta Nera. E' la parte meno transitata...
Siracusa, sirena sicula d'oriente
Impossibile avere una meta. Per le strade di Siracusa peregrinare è d’obbligo,...
I Castelli del Biellese
Per ovviare alle consuete domeniche a piedi o alle passeggiate milanesi lungo Corso Vittorio...
LIBRI E GUIDE
Il tango e il mare di Monica Maria Fumagalli, Abrazos Editore, Euro 12,00.
Sapori e saperi delle Dolomiti a cura di Serena Turrin, edizioni DBS Zanetti, 152 pagine, foto a colori, Euro 13,00.
TUTTI I DOSSIER
1.3246209621429