Giovedì 2 Ottobre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Vivienne Westwood, l’arte della moda
A Milano, una mostra ripercorre i 35 anni di attività della stilista londinese che ha rotto i tabù della cultura e del costume
di Veronica Addazio

Vivienne Westwood fotografata da Rankin
“Hai una vita molto più interessante se indossi abiti unici”. Parola di Vivienne Westwood, o meglio di Queen Viv, come la chiamano da sempre a Londra. E, in effetti, l’inglese Vivienne può essere definita a pieno titolo una queen, una regina rivoluzionaria nella storia del costume e della moda contemporanea.
A Milano, una mostra dedicata alla stilista e ai suoi oltre 35 anni di attività inaugura la stagione artistica autunnale proprio in occasione della settimana della moda.
Dal 26 settembre fino al 20 gennaio del 2008, nelle sale di Palazzo Reale che hanno ospitato Caravaggio, Giotto e Kandinsky, la moda si fa arte attraverso un viaggio nel colpo di scena e nell’anticonformismo che caratterizzano sin dagli esordi lo stile dell’artista londinese.
Nata nel ‘41 nel Derbyshire, figlia della workin’ class britannica, Vivienne Westwood fugge da un destino da maestra elementare, rompe il suo matrimonio e incontra Malcom Edwards, meglio conosciuto come Malcom McLaren, futuro fondatore del gruppo musicale punk Sex Pistols. A Londra comincia a disegnare vestiti e in King’s Road apre “Let it rock”, il suo primo negozio di abbigliamento. E’ l’inizio di un percorso che porterà Queen Viv a stravolgere la moda inglese e i suoi tabù culturali fino poi a ottenere, nel 2006, l’onorificenza di Dama da parte della Regina Elisabetta II in riconoscimento del contributo dato al mondo della moda.

Harris Tweed, 1978/8
Dal settembre del 1970, anno della sua prima passerella, passando attraverso la rivoluzione punk degli anni Ottanta, per arrivare ai capi di alta moda dell’attuale maison Vivienne Westwood Ltd, la rassegna milanese ripercorre l’intero arco cronologico della carriera della stilista - artista proponendo al pubblico un’antologia di 150 abiti e alcuni video con le immagini di alcune delle sue sfilate più famose.
“Tosta, geniale e avventurosa”, come l’ha definita Carlo d’Amario, amministratore delegato Vivienne Westwood Ltd, Viv “è diventata un pilastro vitale del sistema della moda britannica e ha riproposto nell’immaginario popolare una delle più classiche figure della mitologia western: quella dell’outlaw, (il fuorilegge, ndr), che è riuscito a sfuggire allo sceriffo, ricostruendosi una vita rispettabile”.
Sperimentando senza sosta, la stilista di Londra ha giocato con le forme, le geometrie e i tessuti di abiti e accessori, spesso dal gusto erotico e dark, sempre ideati nel segno della trasgressione e della libertà espressiva.

Leaf Tights, 1989-90
Nei saloni di Palazzo Reale si possono così osservare da vicino tessuti scozzesi, crinoline, corsetti, montoni. Ci sono le celebri zeppe “mock – croc” che Naomi Campbell indossava nel 1993 quando cadde in passerella o l’”Uomo senza pantaloni”, un manichino che indossa calzamaglie color carne con una foglia di fico verde applicata sulle parti intime.
Accanto alle prime foto di Vivienne in calze nere nel negozio di King’s Road, ci sono poi gli abiti da sera damascati ispirati alle arti pittoriche e letterarie del Rinascimento. Perché se la stilista ha saputo rompere gli schemi del costume contemporaneo, nello stesso tempo ha anche voluto salvare il ricordo del passato racchiudendo in sè, come ha sottolineato la curatrice Claire Wilcox, un particolare tipo di “britishness”, che combina sia l’anti-conformismo che il senso della tradizione.            
La mostra di Milano arriva direttamente da Oltremanica. E’ stata organizzata infatti dal celebre Victoria & Albert Museum di Londra che nel 2004 ha voluto celebrare con una rassegna i 34 anni di carriera della Westwood. La tappa italiana rappresenta così l’appuntamento più recente di un tour che, partito dall’Inghilterra, ha toccato Canberra, Shangai, Taipei, Tokyo, Dusseldorf, Bangkok e San Francisco.  

“Vivienne Westwood”, dal 26 settembre al 20 gennaio 2008
Milano, Palazzo Reale
Orari: lunedì 14.30 – 19.30;
da martedì a domenica 9.30 – 19.30;
giovedì 9.30 – 22.30  
Per informazioni: www.comune.milano.it/palazzoreale     
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Adolphe Sax in mostra
Dall'8 febbraio 2014 all'11 gennaio 2015
Dichiarare amore in volo
Fino al 19 ottobre 2014
Offerte di viaggio
Riposo e benessere tra le Dolomiti
Crociera alle Bahamas
Alla scoperta dell'Iran
NOTIZIE
02/10/14 - Fiere
Per generare nuovo business bisogna saper rompere gli schemi. Con queste parole è stata...
02/10/14 - Festival
In Toscana si celebra dal 9 al 19 ottobre la Settimana della Cultura. Il sito web di...
02/10/14 - Solidarieta'
Domenica 26 ottobre, Opera San Francesco per i Poveri Onlus (OSF) rinnova il suo invito...
01/10/14 - Enogastronomia
In Trentino, trascinati dal gusto dei suoi tipici prodotti enogastronomici. A partire dal 3 ottobre...
01/10/14 - Tecnologia
Hotels.com presenta oggi una novità per la sua app Android: la possibilità di...
La Liguria raccontata da blogger e turisti
«Dobbiamo surfare l’onda della comunicazione 2.0 se non vogliamo rimanere sommersi nel...
Milano, da Burri al Nouveau Réalisme
14 gennaio - Ancora qualche settimana per ammirare a Milano due importanti capitoli dell’arte...
Writers a Parigi
Ancora sino al 29 novembre la Fondazione Cartier per l'arte contemporanea di Parigi apre al mondo...
Si parte con le "app"
La Sita, multinazionale specializzata nella fornitura di servizi tecnologici e di comunicazione per...
Grand Opening su Tappeto Rosso
Belle ragazze gentili ed eleganti alla reception. Una vera esposizione di gadget destinati agli...
Presentata a Milano una nuova frontiera di mobilità...
Per chi parte da Milano per recarsi a Hong Kong o verso le altre destinazioni del grande network...
Spigolando tra turismo e dintorni. Sapevate che...
25 novembre - Sapevate che... I pendolari viaggianti sui treni delle ex FFSS "stanno studiando da...
Lezione finale "Etico-Economico-Turistica" del Mundial...
Non si adonterà il cortese lettore non sportivo se torno a commentare quanto accaduto...
Luce su Giorgione
L'evento dell’anno, per Castelfranco Veneto e gli amanti del Rinascimento, si chiama...
Expo, un'altra storia italiana. Sapevate che...
Sapevate che... La presidente dell'Expo, Bracco, ha "puntato" l'amministratore delegato, Stanca,...
Milano - Londra, dalla porta di casa a quella dell'albergo ...
Quando si acquista un biglietto aereo, spesso non si pensa che si deve anche andare e tornare...
LIBRI E GUIDE
Maria Callas di Roberta Maresci, Gramese Editore, pagine 160, Euro 12,90.
Le storie dietro le fotografie di Steve McCurry, Electa-Phaidon, pagine 264, 320 illustrazioni, euro 59,00.
TUTTI I DOSSIER
1.2277150154114