Venerdì 6 Marzo 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Vivienne Westwood, l’arte della moda
A Milano, una mostra ripercorre i 35 anni di attività della stilista londinese che ha rotto i tabù della cultura e del costume
di Veronica Addazio

Vivienne Westwood fotografata da Rankin
“Hai una vita molto più interessante se indossi abiti unici”. Parola di Vivienne Westwood, o meglio di Queen Viv, come la chiamano da sempre a Londra. E, in effetti, l’inglese Vivienne può essere definita a pieno titolo una queen, una regina rivoluzionaria nella storia del costume e della moda contemporanea.
A Milano, una mostra dedicata alla stilista e ai suoi oltre 35 anni di attività inaugura la stagione artistica autunnale proprio in occasione della settimana della moda.
Dal 26 settembre fino al 20 gennaio del 2008, nelle sale di Palazzo Reale che hanno ospitato Caravaggio, Giotto e Kandinsky, la moda si fa arte attraverso un viaggio nel colpo di scena e nell’anticonformismo che caratterizzano sin dagli esordi lo stile dell’artista londinese.
Nata nel ‘41 nel Derbyshire, figlia della workin’ class britannica, Vivienne Westwood fugge da un destino da maestra elementare, rompe il suo matrimonio e incontra Malcom Edwards, meglio conosciuto come Malcom McLaren, futuro fondatore del gruppo musicale punk Sex Pistols. A Londra comincia a disegnare vestiti e in King’s Road apre “Let it rock”, il suo primo negozio di abbigliamento. E’ l’inizio di un percorso che porterà Queen Viv a stravolgere la moda inglese e i suoi tabù culturali fino poi a ottenere, nel 2006, l’onorificenza di Dama da parte della Regina Elisabetta II in riconoscimento del contributo dato al mondo della moda.

Harris Tweed, 1978/8
Dal settembre del 1970, anno della sua prima passerella, passando attraverso la rivoluzione punk degli anni Ottanta, per arrivare ai capi di alta moda dell’attuale maison Vivienne Westwood Ltd, la rassegna milanese ripercorre l’intero arco cronologico della carriera della stilista - artista proponendo al pubblico un’antologia di 150 abiti e alcuni video con le immagini di alcune delle sue sfilate più famose.
“Tosta, geniale e avventurosa”, come l’ha definita Carlo d’Amario, amministratore delegato Vivienne Westwood Ltd, Viv “è diventata un pilastro vitale del sistema della moda britannica e ha riproposto nell’immaginario popolare una delle più classiche figure della mitologia western: quella dell’outlaw, (il fuorilegge, ndr), che è riuscito a sfuggire allo sceriffo, ricostruendosi una vita rispettabile”.
Sperimentando senza sosta, la stilista di Londra ha giocato con le forme, le geometrie e i tessuti di abiti e accessori, spesso dal gusto erotico e dark, sempre ideati nel segno della trasgressione e della libertà espressiva.

Leaf Tights, 1989-90
Nei saloni di Palazzo Reale si possono così osservare da vicino tessuti scozzesi, crinoline, corsetti, montoni. Ci sono le celebri zeppe “mock – croc” che Naomi Campbell indossava nel 1993 quando cadde in passerella o l’”Uomo senza pantaloni”, un manichino che indossa calzamaglie color carne con una foglia di fico verde applicata sulle parti intime.
Accanto alle prime foto di Vivienne in calze nere nel negozio di King’s Road, ci sono poi gli abiti da sera damascati ispirati alle arti pittoriche e letterarie del Rinascimento. Perché se la stilista ha saputo rompere gli schemi del costume contemporaneo, nello stesso tempo ha anche voluto salvare il ricordo del passato racchiudendo in sè, come ha sottolineato la curatrice Claire Wilcox, un particolare tipo di “britishness”, che combina sia l’anti-conformismo che il senso della tradizione.            
La mostra di Milano arriva direttamente da Oltremanica. E’ stata organizzata infatti dal celebre Victoria & Albert Museum di Londra che nel 2004 ha voluto celebrare con una rassegna i 34 anni di carriera della Westwood. La tappa italiana rappresenta così l’appuntamento più recente di un tour che, partito dall’Inghilterra, ha toccato Canberra, Shangai, Taipei, Tokyo, Dusseldorf, Bangkok e San Francisco.  

“Vivienne Westwood”, dal 26 settembre al 20 gennaio 2008
Milano, Palazzo Reale
Orari: lunedì 14.30 – 19.30;
da martedì a domenica 9.30 – 19.30;
giovedì 9.30 – 22.30  
Per informazioni: www.comune.milano.it/palazzoreale     
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Castelli del Ducato di Parma
Dal 25 al 26 aprile 2015 â€" Quota da € 192,00
Costiera Amalfitana
Dal 01 al 03 maggio 2015 - Quota € 318,00
Offerte di viaggio
India e Nepal
Pasqua Lago di Bled e Lubiana
Carinzia: l'inverno è donna!
NOTIZIE
06/03/15 - Trasporti
Un pensiero speciale che consente di viaggiare a metà prezzo per l’intera primavera:...
06/03/15 - Paesi lontani
Il Kenya non è solo fauna selvaggia o paesaggi mozzafiato, il vero volto di questo Paese si...
06/03/15 - Italia centro
La regione Umbria è finita sotto i riflettori della stampa inglese che oltre ad elogiarne le...
06/03/15 - Arte
Dal 6 marzo al 30 maggio alla Paolo Maria Danesi Gallery di Trento, Davide Coltro,...
06/03/15 - Sport
Anche quest’anno Tirrenia, Compagnia Italiana di Navigazione, è al fianco della Porto...
Estate in musica a Senigallia
Dal 9 luglio al 20 agosto, tutti i giovedì sera alle 21, la cittadina marchigiana ospita i...
Expo 2015: la Serbia esonerata dalle spese del padiglione
Giuseppe Manzo, Ambasciatore d'Italia a Belgrado, ha consegnato a Rasim Ljajic, vicepremier e...
A Pila, fine settimana per tutti i gusti
Il prossimo fine settimana Pila offre tre proposte legate all’enogastronomia e al benessere....
Milano, nasce il Museo dei bambini
La Rotonda della Besana di Milano ospiterà, almeno per i prossimi otto anni, il primo Museo...
Come difendere le opere d'arte nelle chiese
Il Comando Carabinieri per Tutela Patrimonio Culturale ha presentato una guida per prevenire i...
Turismo: caccia allo "scoop" di fine anno
20 novembre - Antàn, in quel di Novara, all'apparire delle prime nebbioline, un signore di mestiere...
Miniguida dei 192 Paesi ONU: Timor Est-Tunisia
Timor Est - Sarà anche che (si diceva un tempo) "piccolo è bello", sta di fatto che...
Ricordiamoci delle Ferrovie dimenticate
La Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate, che si svolge domenica 3 marzo, si annuncia anche...
Emilia Romagna: il buon vivere diventa vacanza
 Migliaia di chilometri di spazi per godersi la vita all’aria aperta, grande cultura e...
L'Italia è Stanca. Sapevate che...
Sapevate che... Secondo le principali gazzette del turismo, Valtur è in crisi nera (300...
Ultime dal mondo del turismo
Entro la fine dell'anno si riuniranno gli ‘Stati generali' del turismo "con lo scopo di...
LIBRI E GUIDE
Cicloturismo, il bello del viaggiare in bicicletta guida scaricabile gratis su www.lifeintravel.it
In Viaggio di Laura Gemini, FrancoAngeli, pagine 176, Euro 21,00.
TUTTI I DOSSIER
1.578183889389