Giovedì 24 Aprile 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Vivienne Westwood, l’arte della moda
A Milano, una mostra ripercorre i 35 anni di attività della stilista londinese che ha rotto i tabù della cultura e del costume
di Veronica Addazio

Vivienne Westwood fotografata da Rankin
“Hai una vita molto più interessante se indossi abiti unici”. Parola di Vivienne Westwood, o meglio di Queen Viv, come la chiamano da sempre a Londra. E, in effetti, l’inglese Vivienne può essere definita a pieno titolo una queen, una regina rivoluzionaria nella storia del costume e della moda contemporanea.
A Milano, una mostra dedicata alla stilista e ai suoi oltre 35 anni di attività inaugura la stagione artistica autunnale proprio in occasione della settimana della moda.
Dal 26 settembre fino al 20 gennaio del 2008, nelle sale di Palazzo Reale che hanno ospitato Caravaggio, Giotto e Kandinsky, la moda si fa arte attraverso un viaggio nel colpo di scena e nell’anticonformismo che caratterizzano sin dagli esordi lo stile dell’artista londinese.
Nata nel ‘41 nel Derbyshire, figlia della workin’ class britannica, Vivienne Westwood fugge da un destino da maestra elementare, rompe il suo matrimonio e incontra Malcom Edwards, meglio conosciuto come Malcom McLaren, futuro fondatore del gruppo musicale punk Sex Pistols. A Londra comincia a disegnare vestiti e in King’s Road apre “Let it rock”, il suo primo negozio di abbigliamento. E’ l’inizio di un percorso che porterà Queen Viv a stravolgere la moda inglese e i suoi tabù culturali fino poi a ottenere, nel 2006, l’onorificenza di Dama da parte della Regina Elisabetta II in riconoscimento del contributo dato al mondo della moda.

Harris Tweed, 1978/8
Dal settembre del 1970, anno della sua prima passerella, passando attraverso la rivoluzione punk degli anni Ottanta, per arrivare ai capi di alta moda dell’attuale maison Vivienne Westwood Ltd, la rassegna milanese ripercorre l’intero arco cronologico della carriera della stilista - artista proponendo al pubblico un’antologia di 150 abiti e alcuni video con le immagini di alcune delle sue sfilate più famose.
“Tosta, geniale e avventurosa”, come l’ha definita Carlo d’Amario, amministratore delegato Vivienne Westwood Ltd, Viv “è diventata un pilastro vitale del sistema della moda britannica e ha riproposto nell’immaginario popolare una delle più classiche figure della mitologia western: quella dell’outlaw, (il fuorilegge, ndr), che è riuscito a sfuggire allo sceriffo, ricostruendosi una vita rispettabile”.
Sperimentando senza sosta, la stilista di Londra ha giocato con le forme, le geometrie e i tessuti di abiti e accessori, spesso dal gusto erotico e dark, sempre ideati nel segno della trasgressione e della libertà espressiva.

Leaf Tights, 1989-90
Nei saloni di Palazzo Reale si possono così osservare da vicino tessuti scozzesi, crinoline, corsetti, montoni. Ci sono le celebri zeppe “mock – croc” che Naomi Campbell indossava nel 1993 quando cadde in passerella o l’”Uomo senza pantaloni”, un manichino che indossa calzamaglie color carne con una foglia di fico verde applicata sulle parti intime.
Accanto alle prime foto di Vivienne in calze nere nel negozio di King’s Road, ci sono poi gli abiti da sera damascati ispirati alle arti pittoriche e letterarie del Rinascimento. Perché se la stilista ha saputo rompere gli schemi del costume contemporaneo, nello stesso tempo ha anche voluto salvare il ricordo del passato racchiudendo in sè, come ha sottolineato la curatrice Claire Wilcox, un particolare tipo di “britishness”, che combina sia l’anti-conformismo che il senso della tradizione.            
La mostra di Milano arriva direttamente da Oltremanica. E’ stata organizzata infatti dal celebre Victoria & Albert Museum di Londra che nel 2004 ha voluto celebrare con una rassegna i 34 anni di carriera della Westwood. La tappa italiana rappresenta così l’appuntamento più recente di un tour che, partito dall’Inghilterra, ha toccato Canberra, Shangai, Taipei, Tokyo, Dusseldorf, Bangkok e San Francisco.  

“Vivienne Westwood”, dal 26 settembre al 20 gennaio 2008
Milano, Palazzo Reale
Orari: lunedì 14.30 – 19.30;
da martedì a domenica 9.30 – 19.30;
giovedì 9.30 – 22.30  
Per informazioni: www.comune.milano.it/palazzoreale     
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Mostra archeologica
Dal 25 gennaio al 31 maggio 2014
Roma a bordo del Ristotram
Valido fino al 23 aprile 2014
Offerte di viaggio
Calcio, Fiorentina e terme in Toscana
In tour nel nord del Madagascar
Safari sulla neve nel leggendario artico
NOTIZIE
24/04/14 - Animali
Il bioparco Zoom di Cumiana, alle porte di Torino, presenta l’habitat Hippo Underwater. Si...
24/04/14 - Turismo
Saranno 5,1 milioni (3,8 milioni maggiorenni e 1,3 milioni minorenni) gli italiani che si...
24/04/14 - Vini
L’Umbria presenterà i propri vini agli appassionati milanesi martedì 29 aprile,...
24/04/14 - Bambini e ragazzi
Si avvicina l'estate e il pensiero dei genitori va alle vacanze dei figli. Un'idea diversa dal...
24/04/14 - Spettacoli
Arriva alla settima edizione Milano incontra la Grecia, festival di respiro europeo, che ha lo...
Come viaggiano i business men
Un totale di 29,8 milioni di viaggi effettuati, con una leggera flessione nel numero di trasferte...
Turismo è qualità del tempo libero (2)
Il Turismo vende sensazioni e sogni incompiuti, è un'industria il cui prodotto non è valutabile,...
15 compagnie hanno già acquistato l'Airbus A380
Airbus ha già raccolto 154 ordini per il nuovo modello di velivolo A380, presentato a Tolosa in una...
Splendore a Verona
Resteranno in mostra fino al 29 luglio 2007 le opere esposte a Verona a Palazzo della Ragione, per...
A Venezia, passando dal world wide web
VeneziaSì espande la sua attività nei servizi on line per i turisti della Serenissima. Il braccio...
Alitalia-Etihad. Da "cose turche" a "cose arabe"
Info - A proposito di Alitalia e del suo “salvataggio” (solita storia da 60 anni, e...
Il Salone del Gusto a Torino
Apre la sesta edizione del Salone del Gusto dal 26 al 30 ottobre 2006 a Torino. La manifestazione...
Merano città giardino
Due eventi in calendario per la primavera confermano la tradizionale immagine di Merano "città...
Spigolando tra turismo e dintorni
Sapevate che ... Il Comune di Napoli esclude tassativamente di organizzare una Feria identica ai...
A Prato con "Il gusto della storia"
Che sapore aveva la torta nuziale di Ginevra Datini e quali erano i segreti delle ricette...
Un week end al Parco del Ticino
Mamme e papà, se volete uscire, sabato 30 aprile e domenica 1 maggio, potete farlo. A una...
LIBRI E GUIDE
Il colore della paura di Roero Di Cortanze Gérard, Garzanti, pagine 304, Euro 18.60.
I marmocchi di Agnes di Brendan O'Carroll, Neri Pozza Editore, pagine 192, € 15,00.
TUTTI I DOSSIER
2.5421919822693