Venerdì 31 Ottobre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Le strade del pane
Sono tante, gustose e “storicamente” importanti. Alimento dalle nobili origini, il pane assume, a seconda delle zone geografiche e del reperimento di materie prime, forme e sapori diversi. E’ da sempre la base per la famosa “dieta mediterranea”
di Elisabetta Pina

Da rituale e forse un po’ distratto gesto quotidiano, il gesto di spezzare il pane si trasforma in narrazione di segreti della millenaria civiltà dei campi, scandita nelle stagioni di semina, maturazione e trebbiatura. E poi macine, mulini, forni accesi: l’arte della panificazione ha origini antichissime e affascinanti.
Il pane degli antichi popoli
Pane con sesamo
Qualche millennio prima della nascita di Cristo il pane era un impasto di cereali macinati grossolanamente, poi cotto su una griglia appoggiata su una pietra calda. Una tradizione ancora viva in molte popolazioni dell’Africa Orientale.
Nel corso dei secoli l’uomo ha evoluto la sua conoscenza nella coltivazione e nell’utilizzo dei cereali, fino al grande evento della scoperta del lievito, attribuita alla cultura degli antichi Egizi che consideravano il pane cibo degli dèi.
Tanto che Ramsete III, in trent’anni di regno, offrì ai templi ben sette milioni di sacchi di pagnotte. Dall’Egitto in poi, l’arte della panificazione passò in tutte le culture del bacino del Mediterraneo. Infatti anche i Greci contribuirono al miglioramento della lavorazione del frumento, aggiungendo nuovi aromi e sapori. Non furono da meno i Romani, che introdussero l’uso di farine bianche e, primi in assoluto nella storia, istituirono i forni pubblici.
Possiamo quindi affermare che “il pane è la civiltà di un popolo”, come scriveva Henry Miller nel suo romanzo autobiografico “Tropico del Cancro”.
Dalla “baguette” sotto braccio dei vicoli parigini, alla “bruschetta” delle trattorie toscane, alle scure fette di segale delle birrerie austriache, passando per i morbidi impasti dei toast all’inglese, il pane ha sempre caratterizzato il modo di vivere delle popolazioni.
Pane italiano: mille forme, bontà unica
Diversi tipi di pane
Al mondo esistono più di duemila tipi di pane. Soltanto in Italia se ne contano più di trecentocinquanta varietà e quasi tutti hanno una storia da raccontare.
Esistono differenti lavorazioni da regione a regione, a volte addirittura da città a città.
Ingredienti e modalità di impasto, di cottura e di lievitazione, mutano a seconda delle condizioni climatiche del luogo, delle tradizioni culturali e politiche. Attraversiamo, così, i territori italici intraprendendo un viaggio tra sentori di lievito e vapori di forni.
In Trentino Alto Adige regna sovrano il pane di farina di orzo e di segale, rigorosamente fatto in casa, per accompagnare il piatto tipico protagonista della cucina trentina, i deliziosi canederli. Scendendo in Lombardia troviamo due tipici pani: la caratteristica “michetta”, una piccola pagnotta di forma rotonda dalla crosta croccante e dorata, con l’interno svuotato, che si sposa perfettamente con il risotto “giallo” alla milanese. E la “micca” mantovana, un pane a pasta dura dalla superficie sottile e con l’interno ricco di soffice mollica.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Sulle tavole torna il Tartufo
Dal 19 ottobre al 16 novembre 2014
Gran Mercato dell'Antico
Dal 14 al 16 novembre 2014
Offerte di viaggio
Capodanno da favola a New York
Tour di Capodanno in Cilento
Alla scoperta dell'Iran
NOTIZIE
31/10/14 - Turismo
"In queste ultime settimane stiamo registrando alcune richieste di cancellazioni dei viaggi verso...
31/10/14 - Turismo
Un tavolo per programmare la promozione da fare in occasione di Expo insieme alle regioni e un...
30/10/14 - Premi
Scade il primo dicembre il termine per partecipare al concorso internazionale "Fotografare il...
30/10/14 - Solidarieta'
Dal 6 al 15 novembre, nella sede del Consiglio della Provincia Autonoma di Trento - Atrio Palazzo...
30/10/14 - Alberghi
Hilton Worldwide ha annunciato la firma di un accordo di franchising con la società GdF...
Invito a un "brunch" con delitto
"In viaggio si esce da un tipo di vita e si entra in un altro. Certo, siamo sempre noi, ma un noi...
Dirsi di sì, in India
Sono nel tempio di Sri Jambukeshwara a Trichy, città del Tamil Nadu, regione sud orientale...
"Intermobilisti" dell'ultima ora
Al triplice fischio che sanciva il 18° scudetto dell'Inter, il pensiero dei tifosi nerazzurri...
Novità e anniversari al Salone dell'Auto di Parigi 2014
Il Salone dell’Auto di Parigi, che si appena concluso, ha visto la presentazione di numerose...
Cina, cucina universale
Non esiste praticamente posto al mondo dove non si riesca a trovare un ristorante cinese. Dalle...
Edimburgo, Zuppa Corsara
Ho sempre creduto che dire “in Gran Bretagna si mangia male” fosse un trito luogo...
Il chiosco Seradel, magia sul Garda
  Il chiosco Seradel è una piccola magia gardesana. Si trova a Padenghe del Garda, in...
Stoccolma, sei personaggi in cerca d'autore
Dipende da quel passo veloce ma tranquillo delle sue bionde donne, da quell'essere leggera anche se...
Il sapore dell'Est
  Questa settimana aria di casa! Con qualche variante il Borsch è la minestra tipica...
O mia bèla polpetina...
  Tanto tempo fa, un amico milanese invitò Chef Boris a una strana esperienza...
Nel segno di Pellegrino Artusi
Nove giorni di degustazioni, spettacoli, concerti, incontri, mostre, insieme al padre della cucina...
LIBRI E GUIDE
Ritorno in India di Anand Giridharadas, Dalai editore, pagine 368, Euro 19,00.
Le storie dietro le fotografie di Steve McCurry, Electa-Phaidon, pagine 264, 320 illustrazioni, euro 59,00.
TUTTI I DOSSIER
0.96049308776855