Venerdì 19 Dicembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Reporters Sans Frontières. A difesa dei giornalisti
Si parla tanto di libertà, di sesso, di educazione e maleducazione, di religione con i suoi “integralismi” e di mille altre cose ancora, ma molto poco si dice della mancanza di libertà di stampa e di informazione che ancora caratterizza tanti paesi
di Fabia Garatti

Libano 2007 (Foto:Emanuele Cremaschi/Emblema)
Strano mondo il nostro. E si che la libertà d’espressione dovrebbe essere il presupposto necessario per lo sviluppo di una sana democrazia.
Alcune cifre per riflettere. Nel 2006 sono stati uccisi 81 giornalisti e 32 loro assistenti in 26 differenti Paesi; quelli arrestati ammontano a 871, mentre 1.472 sono stati oggetto di attacchi o ferimenti; 56 quelli rapiti e, infine, 912 le pubblicazioni chiuse o sottoposte, nei casi migliori, a censura.
Semplicemente per aver svolto il loro lavoro (“informare” l’opinione pubblica) nel modo giusto ma nel luogo sbagliato. In altre parole, perché non allineati ai “desideri” dei vari regimi; quindi troppo scomodi per i relativi governi.
In Nepal, in Eritrea o in Cina, un giornalista può anche trascorrere parecchi anni in prigione per una frase scritta o una fortografia scattata. 
RSF, una “voce” nel deserto delle coscienze?
Campagna per Beijing, Cina 2008
Chi si batte perché questa parola così abusata (libertà) non resti soltanto un ricordo o un sogno, è Reporters Sans Frontières, associazione riconosciuta con sede a Parigi e sezioni nazionali o uffici nei cinque continenti.
Dal lontano 1985 opera per l’affermazione del diritto all’informazione.
Grazie alla collaborazione di oltre cento corrispondenti, denuncia le violazioni alla libertà di stampa nel mondo: informando i media, realizzando campagne di sensibilizzazione, lottando per contrastare la censura.
L’associazione inoltre difende i giornalisti imprigionati o perseguitati per la loro attività professionale, li sostiene e aiuta le loro famiglie. Non solo. Si è adoperata per garantire maggior sicurezza ai giornalisti attivi nelle zone di guerra e si impegna con continuità per fornire un sostegno finanziario e materiale alle redazioni in difficoltà.
Il suo sito internet (www.rsf.org) che censisce tutti i giorni le violazioni della libertà di stampa nel mondo, viene visitato ogni mese da oltre duecentomila persone e il 3 maggio di ogni anno, in occasione della “Giornata Internazionale della Libertà di Stampa”, pubblica un rapporto completo - prendendo in considerazione più di centocinquanta Paesi - sulla situazione dell’informazione nel mondo.
Cina, “battaglie” tecnologiche
Campagna di sensibilizzazione "Bambini soldato"
Qualcuno potrebbe domandarsi se è veramente necessaria l’esistenza di questa organizzazione internazionale; se effettivamente il diritto alla libertà di stampa venga facilmente disatteso; se realmente i giornalisti, razza tanto vituperata (a volte anche a ragione) abbiano bisogno di essere difesi, di venire tutelati.
Solo alcuni esempi possono chiarire quale sia lo “stato delle cose” nel mondo.
In Egitto, lo stesso paese così ospitale dove tanti di noi si recano per visitare i templi, navigando dolcemente sul Nilo o per immergersi nei colori del Mar Rosso, le autorità di Quina, vicino a Luxor, hanno recentemente obbligato Hala Helmy Botros a chiudere il blog di “Copts without borders” (Copti senza confini) che denunciava le persecuzioni alle quali i Cristiani Copti erano sottoposti; hanno messo sotto accusa la giornalista e le hanno proibito di lasciare il paese.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Il luogo più bello del mondo
Valido solo il 25 Gennaio 2015
Sorsi di Musica - Concerti Villa Bardini
Valido da novembre 2014 a Febbraio 2015
Offerte di viaggio
Crociera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
Carinzia: l'inverno è donna!
Crociera alle Bahamas
NOTIZIE
19/12/14 - Mostre
Sabato 20 dicembre 2014, alle ore 16.00, a Cosenza, presso il Palazzo Arnone, sarà...
18/12/14 - Concerti
L’Harlem Gospel Choir, chiamato calorosamente dai fan “Gente di Dio che viene da...
18/12/14 - Cinema
Cinecittà ha compiuto settantasette anni. Vi sono stati girati circa quattromila film, di...
18/12/14 - Gastronomia
“Si può fare un cenone o un pranzo di Natale low cost,  risparmiando senza...
18/12/14 - Festival
A St. Croix, nelle Antille, per un mese intero si celebrerà il CRUCIAN CHRISTMAS FESTIVAL....
Codice a Sbarre
Insegnare una professione ai detenuti per quando usciranno è socialmente importante. Spesso...
Si fa presto a dire raviolo
  In Russia, più precisamente, in Siberia i Pel’meni sono il cibo tipico...
La cucina di Dio
  Il pranzo del Sabato, il giorno sacro degli ebrei, è un momento intimo per tutta la...
Fascino del Presepe
Seguono nel tempo le "figurarum scultores" lignee e a grandezza naturale, che compaiono nelle...
No Ruote, No Parti
In principio fu il carrello. Riadattato da quello di ospedali, collegi, comunità, il...
Homo Actualis
Per quanto oggi l’uomo, nel vestire, osi più di suo padre e suo nonno, le...
Celiaci, vegetariani e vegani "on the road"
Uno degli obiettivi della tecnologia è quello di semplificare la vita dell’uomo nella...
Kerala, la magia del Kathakali
Dal giardino dello splendido hotel Malabar, sulla baia di Cochin, si assiste a un duplice...
Torre del Lago, l'isola felice del turismo GLBT nostrano
Quando si parla di turismo GLBT, anche il Bel Paese ha la sua isola felice. Stiamo parlando di...
La birra parla italiano
Cinquanta birre prodotte in tutte le regioni d’Italia partecipano al Primo Concorso nazionale...
"Pannekoeken", dalla Frisia la frittella dolce o salata
  Ormai Chef Boris ha terminato il suo viaggio nel mondo germanico ed è tornato ai...
LIBRI E GUIDE
NUR. La luce nascosta dell'Afghanistan di MoniKa Bulaj, Editore Electa, pagine 256, 163 illustrazioni, Euro 39,00.
Turista per professione di Laura Celotto, EEE, pagine 176, Euro 13,00. Versione e-book, euro 4,99.
TUTTI I DOSSIER
1.132462978363