Mercoledì 26 Novembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Cuba, il Paese degli “inventos”
Nella grande isola caraibica, dove la storica cronicità del “bloqueo” americano rende spesso difficile “vivere”, emerge risoluta l’inventiva dei cubani, il loro smisurato orgoglio e si affina l’arte d’arrangiarsi
di Alberto Scala

Un'edicola in strada (Foto: Aberto Scala)
Cuba è forse l’unico Paese al mondo dove due monete hanno parallelo corso legale. Si chiamano allo stesso modo: “peso”. Uno è il peso cubano, e ne occorrono circa ventiquattro per acquistare un peso convertibile, che vale l’otto per cento più del dollaro. Entrambe, in qualche modo, sono monete fittizie, il cui cambio non rispetta alcuna legge economica.
Con la prima i cubani vengono pagati dal proprio datore di lavoro (lo Stato); può essere spesa soltanto nei mercati, per i trasporti pubblici statali, nei negozi alimentari dove vengono distribuiti i generi di prima necessità, razionati dallo Stato e a prezzo politico e in altre “tiendas” dove le merci sono casuali e modestissime: le loro vetrine sono indicative, vicino a un copertone per bicicletta può essere esposto un set di bicchieri di plastica, un mazzetto di fiori finti, un lucchetto, un paio di zoccoli, una scatola di lucido per scarpe, uno scolapasta, un’immagine di gesso di San Lazaro. Questo squallore è moltiplicato, all’interno, da spazi smisurati e vuoti.
La continua “lotta” fra dollari e pesos
Padre e figlio in una via a L'Avana (Foto: World66, Movi Levi)
Il peso convertibile, chiamato “chavito”, è la moneta accettata in tutti gli altri esercizi, ristoranti, bar, alberghi, supermercati, negozi.
Fino al novembre del 2004 valeva ufficialmente un dollaro e quindi in giro si vedevano solo dollari che costituivano, di fatto, la terza valuta nazionale. Il dollaro era stato legalizzato nel 1993; prima, i cubani non potevano né possederne né spenderne. La gravità della crisi economica seguita al crollo dell’ex impero sovietico (il perìodo especial) indusse Fidel Castro a permettere l’uso del dollaro, cosa che fece uscire da sotto i materassi dei cubani alcuni miliardi - si disse - di dollari che servirono a ridare fiato a una situazione allo stremo.
Qualcosa del genere è accaduto circa due anni fa: il governo ha rivalutato dell’otto per cento il peso rispetto al dollaro e ha dato dieci giorni di tempo ai cubani per trasformare i dollari al cambio di uno a uno, senza sovrapprezzo. Si sono così formate code interminabili di cittadini intenzionati a non rimetterci e le casse statali hanno raccolto enormi quantità di valuta da poter spendere nelle transazioni internazionali. Come si può facilmente intuire, il peso è convertibile solo a Cuba e non viene accettato altrove.

Sguardo sulla città (Foto: Aberto Scala)
La rivalutazione del peso sul dollaro ha avuto delle motivazioni, enfatizzate da giganteschi cartelli pubblicitari in cui il viso severo di Fidel era accompagnato dallo slogan “Vamos bien”. Due le principali notizie a sostegno di questa affermazione: un nuovo giacimento petrolifero al largo della costa di Nord Est e nuovi accordi commerciali con il governo cinese. In quel periodo lo stesso lider maximo - oggi da quasi un anno in malattia -  è ripetutamente apparso alla televisione, a canali unificati, per elogiare i meriti di una pentola per il riso, la “olla arrozera”, capace di esaltare i sapori e di risparmiare energia, che il governo si apprestava a distribuire a prezzo politico a tutte le famiglie cubane. Pentola “made in China”, naturalmente.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 4 - 
Week-end e tempo libero
I Mercatini di Natale di Levico Terme
Valido dal 22 novembre 2014 al 06 gennaio 2015
Piante da mordere
Valido fino al 28 novembre 2014
Offerte di viaggio
Ultimo dell'anno in Baviera
Capodanno da favola a New York
Crociera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
NOTIZIE
26/11/14 - Gastronomia
Domenica 30 novembre, è in programma la 18esima edizione della “Sagra della...
26/11/14 - Mostre
Oltre sessanta opere della collezione Galvagno ripercorrono il secolo breve ad Agrigento dal...
26/11/14 - Cinema
Il cinema in lingua originale è una consuetudine all’Institut Français di...
26/11/14 - Italia centro
Si svolgerà presso l’Oratorio della Carità di Fabriano, domani 27 novembre, il...
26/11/14 - Trasporti
Un nuovo collegamento aereo nonstop sarà attivato a giugno 2015 tra Venezia e l’hub di...
Il treno e la rivoluzione dell'ora
Quando ruotiamo leggermente il polso e come si dice comunemente, "guardiamo" l'ora, abbiamo...
"Pannekoeken", dalla Frisia la frittella dolce o salata
  Ormai Chef Boris ha terminato il suo viaggio nel mondo germanico ed è tornato ai...
La costata più famosa
Uno va a Firenze e gli viene in mente che deve trovare un posto dove fanno una fiorentina buona. ...
Sicuri in strada con l'auto
Andatura indecisa, manovre lente: "sicuramente è una donna". Quante volte gli uomini pronunciano...
Apologia del "Viaggiatore Lento"
Il viaggiatore veloce non visita i luoghi: li "fa". Il verbo non viene usato a caso, poiché costui...
Week-end nel Parco d'Abruzzo sui treni storici
Sabato 17 e domenica 18 maggio prossimi, in occasione della riapertura all’esercizio...
Presi per la gola. A Copenaghen
Copenaghen ti prende per la gola. Fino a qualche tempo fa era impensabile che dall'Italia si...
Un caffè a Rio
"Il caffè, per esser buono, deve essere nero come la notte, dolce come l'amore e caldo come...
La Sardegna che fa bene
  Sapevate che la Sardegna è terra di centenari al punto da detenere il primato modiale...
Provenza. Benessere del corpo e della mente
Della “Provincia Narbonensis”, che i Romani occuparono dalla seconda metà del...
Le Ceramiche di Caltagirone
Tra le celebrate espressioni artistiche della Sicilia spicca la ceramica Calatina. Intere...
LIBRI E GUIDE
Federico Barbarossa e la Battaglia di Monte Porzio Catone di Jennifer Radulovic, editore Jouvence (Gruppo Mim edizioni) pagine 208, Euro 18,00.
Mamma, papà: devo dirvi una cosa di Giovanni e Paola Dall'Orto, Sonda edizioni, pagine 200, Euro 14,00.
TUTTI I DOSSIER
1.0572578907013