Sabato 30 Agosto 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Pianosa, da carcere a luogo naturale protetto
La piccola isola del Tirreno, per lunghi anni penitenziario e memoria di un passato da dimenticare, riscoperta quale luogo di incredibili bellezze e di coinvolgenti silenzi
di Nico Tondini

L'orizzonte dalla costa est di Pianosa
Mi sono fermato spesso sui tornanti elbani che portano a Punta Nera. E la parte meno transitata dai motoscafi di questisola vacanziera. Se voglio godermi il mare vengo qui, su questa strada che collega i paesini di Patresi e di Chiessi, magari dopo una bella libecciata, quando il cielo ha quel colore blu forte e dal mare salgono gli odori pungenti di salsedine e di macchia mediterranea. Non cerco la poesia del panorama o lemozione dei grandi spazi, ma solamente un po di solitudine e la luce speciale della sera.
Come prigioniero di unammaliante Circe elbana ho guardato tante volte laggi, a sud-ovest, la sagoma bassa e lineare dellisola di Pianosa. Per anni mi sono chiesto come fosse questa Caienna toscana, questa nostrana "isola del diavolo" inaccessibile e proibita alla gente "per bene". Una perla del Mediterraneo trasformata in carcere; unisola prigioniera di s stessa e dei suoi confini. Uno scoglio dove erano rinchiusi ergastolani, ladri, assassini, mafiosi, a espiare il giudizio degli uomini e in attesa di quello estremo di Dio.
Verso lisola proibita
Cala Giovanna
Un motoscafo della Polizia Penitenziaria da Marina di Campo, nellIsola dElba, mi sta portando finalmente a Pianosa.
Ho un permesso speciale per visitare lisola. Il carcere stato chiuso il 30 giugno del 1998 e lisola inserita nel Parco Nazionale dellArcipelago Toscano; dal 1999, Pianosa aperta al turismo con visite guidate e ristrette a un numero contingentato di escursionisti.
Dopo undici miglia, tanta la distanza di mare che divide Pianosa dallElba, la barca attracca al molo del porticciolo. Un anfiteatro di rocce e palazzi merlati chiude la piccola baia sulla quale troneggia un cartello indicatore piantato l forse per i detenuti pi scettici: "Pianosa Isola", recita il segnale; un "messaggio" verbale a met strada tra la costruzione siciliana e quella, pi chic, anglosassone.
Questo era il tragico punto di arrivo di molte vite violente e spese male.
Un luogo di "silenzi"
Il porticciolo
Fa uno strano effetto sbarcare, con la fedina penale pulita, tra queste case dallarchitettura retr. Torri, palazzi con bifore e merlature, cupole, archi. Tutto deserto, non una voce o una persona nel silenzio di questa insenatura dal mare pulito.
Sono stupito e attonito, abituato ai rumori estivi delle isole, ai motoscafi che ormeggiano e salpano, alle ragazze in bikini, alle luci dei negozi, allo svolazzare dei parei dipinti a mano da quindici Euro luno.
Questa unisola cristallizzata, nella quale la vita si fermata nel Novantotto con la chiusura del carcere. Se ne sono andati tutti: le guardie con le loro famiglie, i detenuti, i bottegai e gli impiegati; da quel giorno tutto rimasto bloccato in un "fermo immagine" tragico ed onirico che ha il sapore del vuoto. Sotto il cartello "Pianosa Isola" c rimasto soltanto il rumore delle onde che si spengono sulla calata del paesino e, ora, il suono dei miei passi che cercano le tracce di una storia iniziata alcuni secoli fa.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Relax e costiera amalfitana
Dall'1 aprile al 31 ottobre 2014
Todi APPy Days
Dal 25 al 28 settembre 2014
Offerte di viaggio
Crociera nel Mediterraneo Occidentale
Crociera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
Alla scoperta dell'India tra yoga e spiritualità
NOTIZIE
29/08/14 - Arte
Fino al 21 settembre si può visitare la mostra “Simboli vivi”. L'esposizione...
29/08/14 - Turismo
Si rinnova l'appuntamento con il TTT – Tourism Think Tank dal 30 settembre al 1 ottobre 2014...
29/08/14 - Mestieri vecchi e nuovi
Quello del casaro è uno dei mestieri più antichi, che per essere svolto oggi...
29/08/14 - Trasporti
Interessante l’indagine di flightright.it, un portale online dedicato ai passeggeri del...
29/08/14 - Enogastronomia
Friuli DOC, la fiera enogastronomica regionale del Friuli Venezia Giulia, torna a Udine...
Bogotà. Oro e Conquistadores
Eldorado o El Dorado, più completamente "El principe Dorado", la leggenda dell'Uomo d'Oro...
Viaggio in Albania, da Tirana in direzione Lezha
Quello che ha legato le due sponde dell'Adriatico per centinaia di anni è uno strano...
Costa Blanca, di tutto un po'
L’estate è ormai arrivata e con essa la voglia di evadere dalla quotidianità...
Vallonia: bella e concentrata
La Vallonia è la regione a sud del Belgio, dove si parla francese. Per scoprire e apprezzare...
La via Sarda delle pietre
Sull'isola sono oltre ventimila i siti archeologici in pietra, la maggioranza dei quali a carattere...
Costiera Amalfitana, dove il bello è sublime
I viaggiatori del Grand Tour aspettavano con ansia il giorno di scoprire con i propri occhi la...
Friburgo tra vino, sushi e orologi a cucù
Natura, arte e buon vino. Questi sono gli itinerari da percorrere durante un soggiorno a Friburgo,...
Giordania Verde. Mare, rocce e deserti del sud
Il Regno di Giordania non è molto esteso. Le zone più densamente popolate si trovano...
Normandia, non solo "sbarco"
Era il 6 giugno del 1944 e una regione della Francia, la Normandia, si impose all'attenzione...
In viaggio per dipingere
Un viaggio in Provenza e insieme una scuola di pittura; una vacanza nel cuore della Sicilia,...
Valli olimpiche piemontesi: forti e miniere
In Val Chisone, a settanta chilometri da Torino e venti dal Sestriere, presso il villaggio di...
LIBRI E GUIDE
Manuale dello chef di Claudio Sadler, Giunti Editore, Fotografie di Francesca Brambilla e Serena Serrani, pagine 288, Euro 19,90.
Colazioni da Tiffany di Isa Grassano, Newton Compton, Euro 12,00.
TUTTI I DOSSIER
0.9314968585968