Sabato 1 Novembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Pianosa, da carcere a luogo naturale protetto
La piccola isola del Tirreno, per lunghi anni penitenziario e memoria di un passato da dimenticare, riscoperta quale luogo di incredibili bellezze e di coinvolgenti silenzi
di Nico Tondini

L'orizzonte dalla costa est di Pianosa
Mi sono fermato spesso sui tornanti elbani che portano a Punta Nera. E la parte meno transitata dai motoscafi di questisola vacanziera. Se voglio godermi il mare vengo qui, su questa strada che collega i paesini di Patresi e di Chiessi, magari dopo una bella libecciata, quando il cielo ha quel colore blu forte e dal mare salgono gli odori pungenti di salsedine e di macchia mediterranea. Non cerco la poesia del panorama o lemozione dei grandi spazi, ma solamente un po di solitudine e la luce speciale della sera.
Come prigioniero di unammaliante Circe elbana ho guardato tante volte laggi, a sud-ovest, la sagoma bassa e lineare dellisola di Pianosa. Per anni mi sono chiesto come fosse questa Caienna toscana, questa nostrana "isola del diavolo" inaccessibile e proibita alla gente "per bene". Una perla del Mediterraneo trasformata in carcere; unisola prigioniera di s stessa e dei suoi confini. Uno scoglio dove erano rinchiusi ergastolani, ladri, assassini, mafiosi, a espiare il giudizio degli uomini e in attesa di quello estremo di Dio.
Verso lisola proibita
Cala Giovanna
Un motoscafo della Polizia Penitenziaria da Marina di Campo, nellIsola dElba, mi sta portando finalmente a Pianosa.
Ho un permesso speciale per visitare lisola. Il carcere stato chiuso il 30 giugno del 1998 e lisola inserita nel Parco Nazionale dellArcipelago Toscano; dal 1999, Pianosa aperta al turismo con visite guidate e ristrette a un numero contingentato di escursionisti.
Dopo undici miglia, tanta la distanza di mare che divide Pianosa dallElba, la barca attracca al molo del porticciolo. Un anfiteatro di rocce e palazzi merlati chiude la piccola baia sulla quale troneggia un cartello indicatore piantato l forse per i detenuti pi scettici: "Pianosa Isola", recita il segnale; un "messaggio" verbale a met strada tra la costruzione siciliana e quella, pi chic, anglosassone.
Questo era il tragico punto di arrivo di molte vite violente e spese male.
Un luogo di "silenzi"
Il porticciolo
Fa uno strano effetto sbarcare, con la fedina penale pulita, tra queste case dallarchitettura retr. Torri, palazzi con bifore e merlature, cupole, archi. Tutto deserto, non una voce o una persona nel silenzio di questa insenatura dal mare pulito.
Sono stupito e attonito, abituato ai rumori estivi delle isole, ai motoscafi che ormeggiano e salpano, alle ragazze in bikini, alle luci dei negozi, allo svolazzare dei parei dipinti a mano da quindici Euro luno.
Questa unisola cristallizzata, nella quale la vita si fermata nel Novantotto con la chiusura del carcere. Se ne sono andati tutti: le guardie con le loro famiglie, i detenuti, i bottegai e gli impiegati; da quel giorno tutto rimasto bloccato in un "fermo immagine" tragico ed onirico che ha il sapore del vuoto. Sotto il cartello "Pianosa Isola" c rimasto soltanto il rumore delle onde che si spengono sulla calata del paesino e, ora, il suono dei miei passi che cercano le tracce di una storia iniziata alcuni secoli fa.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Golf e relax sul lago di Como
1 marzo - 30 ottobre 2014
Relax tra terme e montagne
Valido fino al 30 novembre 2014
Offerte di viaggio
Alla scoperta dell'Iran
Crociera alle Bahamas
Tour di Capodanno in Cilento
NOTIZIE
31/10/14 - Mercati
Sono aperte le iscrizioni per l’edizione 2014 del BizTravel Forum, l’evento di...
31/10/14 - Voli
Dal 15 dicembre Alitalia inaugurerà i nuovi voli giornalieri per Berlino e Dusseldorf in...
31/10/14 - Montagna
Il Consorzio Turistico Dolomiti Stars potenzia il servizio di transfer Dolomiti Ski Shuttle...
31/10/14 - Tour operator
In concomitanza con il lancio della programmazione invernale, che comprende i cataloghi...
31/10/14 - Cultura
“Questa mattina è stata riconsegnata a Pompei un’antefissa in terracotta di fine...
San Francesco del Deserto, meditazione in Laguna
  Si chiama San Francesco del Deserto, ma c’è il mare, anzi per essere precisi la...
Trieste dalla "scontrosa grazia"
"Mediterranea e insieme nordica, i colori smorzati come sul Baltico ma d’improvviso...
Un viaggio, mille viaggi
Si intitola "Dalla terra alla luna: metafore di viaggio" (Castello di Rivoli, fino al 26 agosto) e...
Uzbekistan, da Tamerlano alla Matiz
Le "Daewoo Matiz" e le "Lada Zigulì". Due auto agli antipodi, per stile, design, prestazioni. La...
Vienna si tinge dei colori di Klimt
  Quest'anno ricorre il 150° anniversario della nascita del grande pittore Gustav Klimt...
Solstizio d'inverno in Repubblica Ceca
Luci e addobbi scintillanti. Profumi di vaniglia, mandorle tostate e caldarroste fumanti; aroma di...
In bici con Van Gogh alla scoperta dell'Olanda
Quando si dice Olanda nella mente del turista medio si affacciano le immagini di mulini, tulipani,...
Messico: i "tesori" della Riviera Maya
  Ancora vittima del fuso orario, alle 5.30 di mattina vago per le strade semi deserte di...
Cuba, l'isola che fu la terra degli indios
Nella puntata precedente cominciai col tradurre l’ermetico titolo (riferentesi a una...
Nel Kirghizistan, terra di cavallerizzi e capre
  Nel Paese dell'Asia Centrale (duecentomila chilometri quadrati e cinque milioni di abitanti)...
Delhi, vetrina dell'India
Sfrecciano auto a destra e a sinistra, sgommano, sfiorano, evitano, scartano. Auto vecchie, bucate...
LIBRI E GUIDE
Càneve e spelònce a cura di Marco Rech, Serena Turrin, edito da DBS Zanetti, pagine 190, Euro 10,00.
Ritorno in India di Anand Giridharadas, Dalai editore, pagine 368, Euro 19,00.
TUTTI I DOSSIER
1.0588088035583