Giovedì 30 Ottobre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
“Dual Career”. Donne con la valigia
E' un fenomeno diffuso ormai in tutta Europa, ma quasi sconosciuto in Italia. Coppie con un proprio lavoro autonomo, obbligate a scegliere. Ad uno dei due viene offerta un’occupazione all’estero; quasi sempre all’uomo. E la vita cambia
di Daniela De Rosa

Ottimo stipendio, avanzamento di carriera, cambio di vita. Ci si pensa in famiglia, se ne discute per un po’ e poi via, si parte, con figli al seguito.
Il partner - di solito la donna - lascia il proprio lavoro, si licenzia (in casi meno frequenti può tentare di chiedere un’aspettativa) e parte verso una nuova avventura. All’inizio con una certa euforia: nuova vita, nuove abitudini, un mondo da esplorare.
I mariti si insediano nei nuovi uffici, con compagni di lavoro che creano un circolo di conoscenze e amicizie intorno.
Sulle mogli ricade il compito della riorganizzazione familiare: la scuola dei figli, il tempo libero dei bambini, gli aiuti domestici, il medico, la spesa da fare magari con abitudini alimentari diversissime. 
Integrarsi? Certo, ad ogni livello
Il primo anno scorre via in un’atmosfera a volte euforica, a volte stressante, ma così piena che non ci si rende conto del tempo che passa.
La donna, nel frattempo, si è adattata alle abitudini locali molto meglio dell’uomo: ha creato una rete di rapporti con la popolazione (dal postino al negoziante, dal dottore all’allenatore di football del figlio o alle altre mamme); ha magari imparato a parlare un po’ la lingua locale (mentre il marito continua a parlare la lingua comune del business, cioè l’inglese in ufficio con i colleghi). Il “cultural shock”, il primo scontro con la nuova realtà, è ampiamente superato e quando tutte le rotelle sono entrate negli ingranaggi, per la donna scatta la fase due, quella del “cosa faccio adesso?”.
Esperienze in Europa e altrove
Francesca Prandstraller, sociologa, ha appena pubblicato il libro dal titolo “Espatriate. Storie di donne italiane all'estero per lavoro e per amore”, pubblicato da Guerini, basandosi sulla sua personale esperienza (tre anni a Washington per seguire il marito e poi il ritorno a Milano) e su quella di altre donne all’estero.
Sa bene cos’è la fatica di uscire da una realtà e adattarsi ad un’altra.
“Si ripensa alla carriera lasciata alle spalle, ci si sente sempre ‘moglie al seguito’, si entra in crisi di identità”, spiega. “Alcune donne si rimettono a studiare (un master, una nuova lingua, un corso professionale) altre si buttano nel volontariato o prestano servizi vari nella loro comunità di riferimento, per esempio la scuola dei figli; altre ancora avviano attività commerciali, magari su internet, attività che richiedono pochi investimenti iniziali. Infine ci sono quelle che cercano un nuovo lavoro seguendo metodi tradizionali, come le risposte alle inserzioni, i colloqui con i cacciatori di teste. Tutte, comunque, si devono in qualche modo reinventare una professione e lo fanno sostanzialmente da sole e con risultati alterni”.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Momenti romantici tra le Dolomiti
Dal 12 settembre al 3 novembre 2014
Adolphe Sax in mostra
Dall'8 febbraio 2014 all'11 gennaio 2015
Offerte di viaggio
Capodanno da favola a New York
Ultimo dell'anno in Baviera
Viaggio Missionario del Sorriso
NOTIZIE
30/10/14 - Premi
Scade il primo dicembre il termine per partecipare al concorso internazionale "Fotografare il...
30/10/14 - Solidarieta'
Dal 6 al 15 novembre, nella sede del Consiglio della Provincia Autonoma di Trento - Atrio Palazzo...
30/10/14 - Alberghi
Hilton Worldwide ha annunciato la firma di un accordo di franchising con la società GdF...
30/10/14 - Trasporti
American Airlines e Cadillac hanno dato vita a una partnership che offre una serie di vantaggi...
30/10/14 - Città d'arte
Al via oggi, giovedì 30 ottobre, la XVII edizione della Borsa Mediterranea del Turismo...
In Alta Badia, cucina d'altura
Si inizia con otto chef provenienti da alcune regioni italiane che propongono le loro ricette a...
Un modo nuovo di fare turismo. Anzi, antico
Una sciagurata politica dei trasporti iniziata negli anni ’70 ha portato l’Italia a...
In viaggio con papà
"Quarantaquattro". Non sono "i gatti in fila per sei con resto di due" di Zurliniana memoria, bensì...
Sauna, basta la parola
Tra i temi di un viaggio in Finlandia non può mancare il wellness, che qui è...
Bolzano, in funivia anche di notte
L'Altopiano del Renon, oltre che a essere un ampio pascolo è sempre stata la "zona...
Guida alla Vienna arcobaleno
La maggior parte dei locali gay e lesbian si trovano lungo la via Rechte Wienzeile e Linke...
Glasgow, piccola "valle verde" della Scozia
Glasgow deve convivere con la sua immagine di città industriale dura e arcigna, di strade...
Le Marchesine "nobili" del bresciano
  Non solo sanno fare buon vino. Ma sanno anche venderlo. All’Azienda agricola Le...
Nuove emozioni nei Relais du Silence
  La scelta di associare nuovi alberghi ai Relais du Silence deve essere frutto di...
In Valtellina sulle strade del vino
Vinitaly non è solo la più nota vetrina del vino ma è anche l’occasione...
Un Fortino in riva al mare
Napoleone Bonaparte una volta definì Ancona “base preziosa per assicurare alla Francia...
LIBRI E GUIDE
Non volare via di Sara Rattaro, Garzanti, pagine 224, Euro 14,90.
Ritorno in India di Anand Giridharadas, Dalai editore, pagine 368, Euro 19,00.
TUTTI I DOSSIER
1.1348428726196