Domenica 21 Dicembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
“Dual Career”. Donne con la valigia
E' un fenomeno diffuso ormai in tutta Europa, ma quasi sconosciuto in Italia. Coppie con un proprio lavoro autonomo, obbligate a scegliere. Ad uno dei due viene offerta un’occupazione all’estero; quasi sempre all’uomo. E la vita cambia
di Daniela De Rosa

Ottimo stipendio, avanzamento di carriera, cambio di vita. Ci si pensa in famiglia, se ne discute per un po’ e poi via, si parte, con figli al seguito.
Il partner - di solito la donna - lascia il proprio lavoro, si licenzia (in casi meno frequenti può tentare di chiedere un’aspettativa) e parte verso una nuova avventura. All’inizio con una certa euforia: nuova vita, nuove abitudini, un mondo da esplorare.
I mariti si insediano nei nuovi uffici, con compagni di lavoro che creano un circolo di conoscenze e amicizie intorno.
Sulle mogli ricade il compito della riorganizzazione familiare: la scuola dei figli, il tempo libero dei bambini, gli aiuti domestici, il medico, la spesa da fare magari con abitudini alimentari diversissime. 
Integrarsi? Certo, ad ogni livello
Il primo anno scorre via in un’atmosfera a volte euforica, a volte stressante, ma così piena che non ci si rende conto del tempo che passa.
La donna, nel frattempo, si è adattata alle abitudini locali molto meglio dell’uomo: ha creato una rete di rapporti con la popolazione (dal postino al negoziante, dal dottore all’allenatore di football del figlio o alle altre mamme); ha magari imparato a parlare un po’ la lingua locale (mentre il marito continua a parlare la lingua comune del business, cioè l’inglese in ufficio con i colleghi). Il “cultural shock”, il primo scontro con la nuova realtà, è ampiamente superato e quando tutte le rotelle sono entrate negli ingranaggi, per la donna scatta la fase due, quella del “cosa faccio adesso?”.
Esperienze in Europa e altrove
Francesca Prandstraller, sociologa, ha appena pubblicato il libro dal titolo “Espatriate. Storie di donne italiane all'estero per lavoro e per amore”, pubblicato da Guerini, basandosi sulla sua personale esperienza (tre anni a Washington per seguire il marito e poi il ritorno a Milano) e su quella di altre donne all’estero.
Sa bene cos’è la fatica di uscire da una realtà e adattarsi ad un’altra.
“Si ripensa alla carriera lasciata alle spalle, ci si sente sempre ‘moglie al seguito’, si entra in crisi di identità”, spiega. “Alcune donne si rimettono a studiare (un master, una nuova lingua, un corso professionale) altre si buttano nel volontariato o prestano servizi vari nella loro comunità di riferimento, per esempio la scuola dei figli; altre ancora avviano attività commerciali, magari su internet, attività che richiedono pochi investimenti iniziali. Infine ci sono quelle che cercano un nuovo lavoro seguendo metodi tradizionali, come le risposte alle inserzioni, i colloqui con i cacciatori di teste. Tutte, comunque, si devono in qualche modo reinventare una professione e lo fanno sostanzialmente da sole e con risultati alterni”.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Vivi il Natale al Bioparco di Roma
Valido dal 22 dicembre 2014 al 07 gennaio 2015
Sorsi di Musica - Concerti Villa Bardini
Valido da novembre 2014 a Febbraio 2015
Offerte di viaggio
Tour di Capodanno in Cilento
Benessere ad alta quota
Crociera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
NOTIZIE
19/12/14 - Festival
Dal 26 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015 ritorna a Genova e Rapallo il Circumnavigando Festival, la...
19/12/14 - Mostre
Il Museo Nazionale del Cinema di Torino rimarrà aperto per tutte le festività,...
19/12/14 - Mostre
Sabato 20 dicembre 2014, alle ore 16.00, a Cosenza, presso il Palazzo Arnone, sarà...
18/12/14 - Concerti
L’Harlem Gospel Choir, chiamato calorosamente dai fan “Gente di Dio che viene da...
18/12/14 - Cinema
Cinecittà ha compiuto settantasette anni. Vi sono stati girati circa quattromila film, di...
Passeggiando per il Marais parigino
"En nom de la rose" è un piccolissimo negozio di fiori che vende solo rose. Se si amano le rose, è...
Cuscus, il Mediterraneo in grani
  L’estate toglie la voglia di cucinare a Chef Boris (soffre troppo il caldo) e...
Gustare Gorizia
Eppure di cose da dire, il Friuli, ne ha. E sta rapidamente recuperando i modi per dirle. Gorizia,...
Londra e i suoi "sapori"
Un soggiorno al di là della Manica mi ha aiutato ad aprire gli occhi su una realtà in continua...
Le strade del pane
Da rituale e forse un po' distratto gesto quotidiano, il gesto di spezzare il pane si trasforma in...
Zanzibar, l'isola dei buongustai
Le rotte marine che conducevano ai porti sicuri di quest'isola al largo della Tanzania, hanno...
In moto, dove cacciava l'uomo preistorico
Il nostro viaggio, quello vero e ammaliante, comincia a Macerata, dopo aver attraversato la parte...
Gare d'annata: 100 auto per 100 anni
  Il 28 settembre 1913, in occasione dei festeggiamenti per il centenario verdiano, si...
Gargnano: Colline vista Lago
  Il benessere della persona non può prescindere dal benessere ambientale. Per il Lefay...
Pranzi Reali in Piemonte
Sotto la regia della Regione Piemonte, alcuni dei migliori chef piemontesi, tutti con almeno una...
Marron glacé, golosità di stagione
  Chef Boris ama particolarmente l’autunno. Un po’ perché cade il suo...
LIBRI E GUIDE
Colazioni da Tiffany di Isa Grassano, Newton Compton, Euro 12,00.
Omega me autori vari, Trenta Editore, pagine 224, Euro 19,50.
TUTTI I DOSSIER
1.0871641635895