Mercoledì 23 Aprile 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
“Dual Career”. Donne con la valigia
E' un fenomeno diffuso ormai in tutta Europa, ma quasi sconosciuto in Italia. Coppie con un proprio lavoro autonomo, obbligate a scegliere. Ad uno dei due viene offerta un’occupazione all’estero; quasi sempre all’uomo. E la vita cambia
di Daniela De Rosa

Ottimo stipendio, avanzamento di carriera, cambio di vita. Ci si pensa in famiglia, se ne discute per un po’ e poi via, si parte, con figli al seguito.
Il partner - di solito la donna - lascia il proprio lavoro, si licenzia (in casi meno frequenti può tentare di chiedere un’aspettativa) e parte verso una nuova avventura. All’inizio con una certa euforia: nuova vita, nuove abitudini, un mondo da esplorare.
I mariti si insediano nei nuovi uffici, con compagni di lavoro che creano un circolo di conoscenze e amicizie intorno.
Sulle mogli ricade il compito della riorganizzazione familiare: la scuola dei figli, il tempo libero dei bambini, gli aiuti domestici, il medico, la spesa da fare magari con abitudini alimentari diversissime. 
Integrarsi? Certo, ad ogni livello
Il primo anno scorre via in un’atmosfera a volte euforica, a volte stressante, ma così piena che non ci si rende conto del tempo che passa.
La donna, nel frattempo, si è adattata alle abitudini locali molto meglio dell’uomo: ha creato una rete di rapporti con la popolazione (dal postino al negoziante, dal dottore all’allenatore di football del figlio o alle altre mamme); ha magari imparato a parlare un po’ la lingua locale (mentre il marito continua a parlare la lingua comune del business, cioè l’inglese in ufficio con i colleghi). Il “cultural shock”, il primo scontro con la nuova realtà, è ampiamente superato e quando tutte le rotelle sono entrate negli ingranaggi, per la donna scatta la fase due, quella del “cosa faccio adesso?”.
Esperienze in Europa e altrove
Francesca Prandstraller, sociologa, ha appena pubblicato il libro dal titolo “Espatriate. Storie di donne italiane all'estero per lavoro e per amore”, pubblicato da Guerini, basandosi sulla sua personale esperienza (tre anni a Washington per seguire il marito e poi il ritorno a Milano) e su quella di altre donne all’estero.
Sa bene cos’è la fatica di uscire da una realtà e adattarsi ad un’altra.
“Si ripensa alla carriera lasciata alle spalle, ci si sente sempre ‘moglie al seguito’, si entra in crisi di identità”, spiega. “Alcune donne si rimettono a studiare (un master, una nuova lingua, un corso professionale) altre si buttano nel volontariato o prestano servizi vari nella loro comunità di riferimento, per esempio la scuola dei figli; altre ancora avviano attività commerciali, magari su internet, attività che richiedono pochi investimenti iniziali. Infine ci sono quelle che cercano un nuovo lavoro seguendo metodi tradizionali, come le risposte alle inserzioni, i colloqui con i cacciatori di teste. Tutte, comunque, si devono in qualche modo reinventare una professione e lo fanno sostanzialmente da sole e con risultati alterni”.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 3 - 
Week-end e tempo libero
Day Spa: terme in un giorno
Dal 6 gennaio al 15 maggio 2014
Falo' e canti per la primavera
Dal 30 aprile al primo maggio 2014
Offerte di viaggio
Mare, natura e pizzica in Salento
Gran Tour del Peru'
Sogno Inca: sulle tracce di antiche civilta'
NOTIZIE
23/04/14 - Gastronomia
Forte Village, il resort di Santa Margherita di Pula (Cagliari) ospiterà al suo interno il...
23/04/14 - Gastronomia
Circa mille chilometri a piedi, da Aosta a Roma, in quarantuno giorni: questo il percorso che si...
23/04/14 - Eventi e mostre
Dal Monastero di Agia Napa alla Penisola di Akamas, dal tranquillo porto di Pafos al rinnovato...
23/04/14 - Curiosità
easyJet celebra il 450° anniversario della nascita di Shakespeare (23 aprile 1564) con la messa...
23/04/14 - I luoghi della fede
Sabato 26 aprile sarà inaugurata la chiesetta della Madonna della Neve di Busto Garolfo, in...
A Verona è tempo di Vinitaly
In Italia il comparto legato al vino vale oltre 12 miliardi di euro, impiega 1,2 milioni di addetti...
L'Umbria per #winelovers
Dal 14 al 17 febbraio, amanti del vino e blogger da tutto il mondo si riuniranno a Terni in una...
Terra Madre, "our common food"
Incredibili le forme che può assumere il lavoro alimentare, quelle "Comunità del Cibo", secondo la...
Voglia d'Africa
Sembra che al mal d'Africa non si possa resistere. Ma non è questione di nostalgia degli...
Sognando Antigua
Dopo un po’, sognare non basta più. È ora di partire. La meta è Antigua:...
Arte contemporanea a Modena
La prima "Action Painting. Arte americana 1940-70: dal disegno all'opera", al Foro Boario, su un...
Stoccarda, vocazione termale
Stoccarda, la capitale del Baden Wuttenberg, ci accoglie con la sua atmosfera di città...
Parmigiana o Moussaka? Derby Italia-Grecia
Chef Boris confessa una sua debolezza: è goloso. Ma non di tutto e non di dolci. Ci sono...
Una dolce giornata
Il 7 dicembre è il giorno di Sant'Ambrogio, patrono della città di Milano ma anche...
Riso (non più) amaro
Adesso è tempo di raccolta nei campi gialli intorno a Vercelli e le mondine di una volta ci...
Armagnac, cuore della Guascogna
Una spada dalla lama sottile, un bicchiere panciuto in cui far girare l'armagnac, un piatto di...
LIBRI E GUIDE
Un giorno mi troverai di Edwards Kim, Garzanti, pagine 432, Euro 18,60.
Il vento e la moto. Passioni, nostalgie, fughe, dolcezze di Grazia Livi, Garzanti Editore, pagine 168, Euro 16,60.
TUTTI I DOSSIER
3.7756268978119