Sabato 25 Ottobre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Bagno Turco alla milanese
Tempo tiranno. Tempo che fugge. Tempo che non basta mai. Tempo che improvvisamente si ferma, quando una certa Milano si scioglie nei fumi caldi di un Hammam
di Barbara Rivoli

Nato nel gennaio 2001 dall’intuizione di due donne, un’italiana e una libanese, l’Hammam della Rosa (www.hammamdellarosa.com) è uno dei tre bagni turchi presenti in Italia; unico a Milano, gli altri due sono a Torino e a Genova.
Unicità rivendicata con decisione dalle fondatrici, che non vogliono saperne del paragone con centri estetici e quant’altro: "il nostro Hammam della Rosa, nonostante dedichi molto spazio all’aspetto del benessere e della bellezza femminile, intende riproporre lo spirito autentico che l’ha anticamente generato; un vero hammam non può convivere "sotto lo stesso tetto" con palestre, saune, vasche, trattamenti estetici di ogni tipo".
Piacevoli sacrifici
L'ingresso in viale Abruzzi
Dal momento che si scrive solo di ciò che si conosce, non mi resta che sacrificarmi! In un pomeriggio freddo e nebbioso, varco la soglia dell’hammam di viale Abruzzi.
Nell’umido calore che mi accoglie noto subito due categorie di avventori: le donne, che si avviano verso le sale dedicate al bagno turco e gli uomini, che con aria spaesata acquistano il classico "Percorso della Rosa" da regalare alla regina dei loro cuori.
Dopo le informazioni di rito, vengo condotta, attraverso una sala pressoché deserta arredata nel tradizionale stile berbero, fino agli spogliatoi. Potrei essere in una qualsiasi palestra milanese, forse più curata della media nei dettagli: i marmi, gli specchi, gli incensi, ma in fondo niente di ché.
Almeno fino a quando entro nel "tepidarium"; perché qui tutto cambia.
La sala è ampia, lungo le pareti corrono panche, il marmo è ovunque. Ai quattro angoli sono state accese candele all’interno di lanterne in vetro alte almeno un metro, ed è l’unica illuminazione presente. Tutt’intorno siedono donne, in coppie o a gruppi di tre-quattro, chi più chi meno avvolte in candidi asciugamani.
Bevono l’immancabile tè alla menta, sgranocchiano pasticcini e biscotti, mangiano frutta. Ma soprattutto, chiacchierano.
Sensazioni attutite
"Tepidarium", atmosfere orientali
Le voci risuonano nella stanza e coprono il ruscellare sordo dell’acqua di una fontana, mentre l’umidità e il calore distendono i muscoli e le percezioni si fanno meno immediate ma più precise, come se i dettagli acquistassero nuovi e più definiti contorni.
Sono l’unica donna sola, ma non mi sento davvero isolata.
I movimenti sono resi languidi da un’atmosfera insolita per un’occidentale, mentre risuonano a tratti le risate delle maghrebine che guidano e sorvegliano noialtre indisciplinate clienti, in un’improvvisa e naturale nudità di corpi che, in altre situazioni, preferirebbero probabilmente la frusta piuttosto che mostrarsi con tanta serena indifferenza. Senza rivalità, senza affettazione, senza esibizionismo.
E quando mai ci capita?
Nel tepidarium si resta per quanto tempo si vuole, e ci si dedica al primo obiettivo per chi decide di vivere quest’esperienza: riappropiarsi di sé. Il tempo perde la carica distruttiva che caratterizza i nostri frenetici giorni, divisi tra lavoro, casa, figli, mariti e fidanzati, a volte tutto insieme e con evidenti problemi d’agenda.
Emerge un tempo diverso, il tempo per sé, appunto: per leggere, per parlare, per oziare in solitudine, in piena (e soddisfatta) coscienza.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Gusto ad Alta Quota sulle Dolomiti
Dal 17 maggio all'1 novembre 2014
Giardini in fiore
Dal 29 marzo al 31 ottobre 2014
Offerte di viaggio
Capodanno da favola a New York
Alla scoperta dell'Iran
L'isola del cioccolato
NOTIZIE
24/10/14 - Enogastronomia
F.I.CO Eataly World sarà il primo grande parco tematico dell’agroalimentare e...
24/10/14 - Tecnologia
Venerdì 24 ottobre, a Milano, Cisalpina Tours, azienda specializzata nella gestione dei...
24/10/14 - Trasporti
Biman Bangladesh Airlines, compagnia di bandiera del Paese Asiatico, dal prossimo 3 novembre...
24/10/14 - Enogastronomia
Vino e cultura si incontrano nuovamente a Poderi dal Nespoli, a Civitella di Romagna. Il...
24/10/14 - Itinerari
Sabato 8 novembre sarà organizzato per la prima volta un treno storico in Sicilia...
Città a ritmo lento
"Travel Smarter, Live Better" (viaggia in modo più intelligente, vivi meglio) è lo...
La musica va in settimana bianca
Nel cuore delle Dolomiti, dal 24 al 31 gennaio, tornano a risuonare per il quinto anno le note di...
La giornata del Pianeta blu
A partire da quest'anno l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha riconosciuto ufficialmente la...
L'Italia unita dalla bici
Bicitalia, il progetto di Fiab - Federazione italiana amici della bicicletta in risposta al bando...
Val Senales per uomini e donne d'acciaio
Il 18 e il 19 aprile si rinnova l'appuntamento con la Ötzi Alpin Marathon, maratona estrema...
La precedenza ai pellegrini
Un reticolo di antichi itinerari percorre in lungo e in largo l'Italia. Vie della fede tracciate da...
In Franciacorta le bollicine incontrano il green
Si chiama "The Wine Golf Course" il progetto che sarà lanciato sabato 20 giugno dal...
In val Masino per terme e passeggiate
L’estate è la stagione migliore per scoprire o riscoprire le meraviglie della val...
Dare del tu alle montagne
30 dicembre - La montagna vista da una prospettiva diversa, quella del cielo. Sono numerose le...
A Siena il festival del viaggiare lento
“Terre di Siena Plein Air”, il festival del viaggiare lento e all’aria aperta,...
Pamplona: un mix di tori, vino e golf
All’inizio di luglio, per otto giorni, Pamplona diviene la grande arena dell’Encierro,...
LIBRI E GUIDE
Le storie dietro le fotografie di Steve McCurry, Electa-Phaidon, pagine 264, 320 illustrazioni, euro 59,00.
Cosa vuoi fare da grande di Ivan Baio e Angelo Orlando Meloni, Del Vecchio Editore, pagine 184, Euro 12,00.
TUTTI I DOSSIER
0.95450401306152