Martedì 23 Settembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Bagno Turco alla milanese
Tempo tiranno. Tempo che fugge. Tempo che non basta mai. Tempo che improvvisamente si ferma, quando una certa Milano si scioglie nei fumi caldi di un Hammam
di Barbara Rivoli

Nato nel gennaio 2001 dall’intuizione di due donne, un’italiana e una libanese, l’Hammam della Rosa (www.hammamdellarosa.com) è uno dei tre bagni turchi presenti in Italia; unico a Milano, gli altri due sono a Torino e a Genova.
Unicità rivendicata con decisione dalle fondatrici, che non vogliono saperne del paragone con centri estetici e quant’altro: "il nostro Hammam della Rosa, nonostante dedichi molto spazio all’aspetto del benessere e della bellezza femminile, intende riproporre lo spirito autentico che l’ha anticamente generato; un vero hammam non può convivere "sotto lo stesso tetto" con palestre, saune, vasche, trattamenti estetici di ogni tipo".
Piacevoli sacrifici
L'ingresso in viale Abruzzi
Dal momento che si scrive solo di ciò che si conosce, non mi resta che sacrificarmi! In un pomeriggio freddo e nebbioso, varco la soglia dell’hammam di viale Abruzzi.
Nell’umido calore che mi accoglie noto subito due categorie di avventori: le donne, che si avviano verso le sale dedicate al bagno turco e gli uomini, che con aria spaesata acquistano il classico "Percorso della Rosa" da regalare alla regina dei loro cuori.
Dopo le informazioni di rito, vengo condotta, attraverso una sala pressoché deserta arredata nel tradizionale stile berbero, fino agli spogliatoi. Potrei essere in una qualsiasi palestra milanese, forse più curata della media nei dettagli: i marmi, gli specchi, gli incensi, ma in fondo niente di ché.
Almeno fino a quando entro nel "tepidarium"; perché qui tutto cambia.
La sala è ampia, lungo le pareti corrono panche, il marmo è ovunque. Ai quattro angoli sono state accese candele all’interno di lanterne in vetro alte almeno un metro, ed è l’unica illuminazione presente. Tutt’intorno siedono donne, in coppie o a gruppi di tre-quattro, chi più chi meno avvolte in candidi asciugamani.
Bevono l’immancabile tè alla menta, sgranocchiano pasticcini e biscotti, mangiano frutta. Ma soprattutto, chiacchierano.
Sensazioni attutite
"Tepidarium", atmosfere orientali
Le voci risuonano nella stanza e coprono il ruscellare sordo dell’acqua di una fontana, mentre l’umidità e il calore distendono i muscoli e le percezioni si fanno meno immediate ma più precise, come se i dettagli acquistassero nuovi e più definiti contorni.
Sono l’unica donna sola, ma non mi sento davvero isolata.
I movimenti sono resi languidi da un’atmosfera insolita per un’occidentale, mentre risuonano a tratti le risate delle maghrebine che guidano e sorvegliano noialtre indisciplinate clienti, in un’improvvisa e naturale nudità di corpi che, in altre situazioni, preferirebbero probabilmente la frusta piuttosto che mostrarsi con tanta serena indifferenza. Senza rivalità, senza affettazione, senza esibizionismo.
E quando mai ci capita?
Nel tepidarium si resta per quanto tempo si vuole, e ci si dedica al primo obiettivo per chi decide di vivere quest’esperienza: riappropiarsi di sé. Il tempo perde la carica distruttiva che caratterizza i nostri frenetici giorni, divisi tra lavoro, casa, figli, mariti e fidanzati, a volte tutto insieme e con evidenti problemi d’agenda.
Emerge un tempo diverso, il tempo per sé, appunto: per leggere, per parlare, per oziare in solitudine, in piena (e soddisfatta) coscienza.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Golf e relax sul lago di Como
1 marzo - 30 ottobre 2014
Si festeggia Torgnon d'Outon
Dal 31 ottobre al 9 novembre2014
Offerte di viaggio
Alla scoperta del Botswana
Australia Fantastica con Chiariva
Riposo e benessere tra le Dolomiti
NOTIZIE
23/09/14 - Lavoro
Crewlink, partner ufficiale di Ryanair nella formazione e selezione, terrà una serie di...
23/09/14 - Cultura
Parte la prima stagione di Prospettive Critiche, un ciclo di incontri nel campo delle scienze...
23/09/14 - Tecnologia
È stata appena rilasciata la versione mobile di booking.dolomiti.org, il portale di booking...
22/09/14 - Eventi e mostre
Giovedì 25 settembre Dialogo nel buio - il percorso multisensoriale, in totale assenza di...
22/09/14 - Trasporti
Italia e Svizzera hanno firmato un accordo bilaterale in materia di trasporto ferroviario, visto il...
Dolomiti, dibattito aperto sull'eliturismo
Si fa sentire anche in Veneto la levata di scudi contro l’eliturismo. L’ultima nota...
Pedalate nel deserto
Le potenti biciclette da corsa si stagliano contro le rocce aguzze e rosse di minerali che arrivano...
Valle d'Aosta, finesettimana a due ruote
  La Valle di Cogne (AO) ospiterà, domenica 26 maggio, la 13ª edizione di...
Innsbruck, capitale dello snowboard
  Novità e manifestazioni dedicate allo snowboard nella capitale del Tirolo. Ai cinque...
OGM: "speranze" e "paure" del nuovo...
Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) rappresentano un vero e proprio dilemma per la...
La "Scapinata" dei mezzadri
  Non l’italiano ma il dialetto era la lingua “madre” che accomunava i...
"A piedi tra le nuvole" nel Gran Paradiso
  Se siete tra quei pochi che non hanno ancora visitato il Parco Nazionale Gran Paradiso,...
Il "Museo della Figurina" di Modena
C'è un luogo a Modena che assomiglia a un vecchio baule ritrovato per caso in soffitta, sotto a una...
Parchi d'inverno
Se vi trovate dalle parti di Cogolo, nel Parco Nazionale dello Stelvio, magari in settimana bianca,...
Primavera sulla Via Claudia Augusta
  La Via Claudia Augusta, l’antica strada romana che dalle pianure del Po e...
Las Vegas in mongolfiera
Se Las Vegas è la città dei sogni, entro l’anno potrà offrire al largo...
LIBRI E GUIDE
Non volare via di Sara Rattaro, Garzanti, pagine 224, Euro 14,90.
Cicloturismo, il bello del viaggiare in bicicletta guida scaricabile gratis su www.lifeintravel.it
TUTTI I DOSSIER
0.93802189826965