Sabato 23 Agosto 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Milano presenta l’arte aborigena australiana
I pittori di cinque comunità indigene propongono in Italia le ultime evoluzioni della ricerca artistica nell’isola, iniziata per tenere viva la cultura delle origini
a cura della Redazione

Rosie Nanyuma, "Kumpultjirril"
I colori dell’arte aborigena australiana approdano a Milano nella mostra aperta fino al 25 febbraio alla Casa del pane, al casello Ovest dei bastioni di Porta Venezia. Una sede storica, nel cuore della vecchia Milano e delle mura spagnole, ospita nella rassegna “Australian colours” ventidue artisti, di cinque comunità nel Northern territory del quinto continente: Balgo Hills, Nyoongar, Papunya Tula, Utopia e Mowanjum. Alcuni di loro appartengono alla prima “arte del deserto” sviluppata negli anni Settanta, altri sono la seconda generazione di autori di arte urbana. La  mostra è cura di associazione culturale Artmida e Aborigenacorp, ha il patrocinio dell’ambasciata australiana, di provincia e comune di Milano e della regione Lombardia, oltre al supporto di alcuni operatori turistici fra i quali Tourism Australia, White Star Adventure, Kuoni Gastaldi Tours.

Petrina Neufeld, "Yam Seed germinating"
Gli artisti aborigeni avevano iniziato a dipingere per rappresentare la loro antica cultura e restituirla alla memoria della popolazione. Erano gli anni Settanta e si cercava di contrastare, almeno in parte, la perdita di identità degli autoctoni dopo gli esodi decisi dal governo alcuni decenni prima. Il Dreaming, la mitologia della creazione, tornava a essere rappresentata insieme a dei, totem, elementi della natura divinizzati e scene di via quotidiana. Col tempo il ricordo delle tradizioni è diventato esigenza artistica autonoma e si sono aggiunte nuove interpretazioni, mentre l’arte aborigena australiana ha cominiciato a essere conosciuta e richiesta da collezionisti privati e gallerie per il suo peculiare valore estetico.
Grandi e piacevoli sorprese accoglieranno quindi il visitatore della mostra alla Casa del pane: un’esplosione di colori, lungo i tre piani dell’esposizione, per una pittura che è acrilico su tela, spesso mescolata alla sabbia, prima evocazione della terra d’origine dell’artista. In alcuni casi gli autori dipingono direttamente le immagini dei loro dei; più spesso le evocano, con linee e forme che hanno perso il carattere descrittivo e si affollano sulla tela, ma senza disordine, richiamando al tempo stesso vitalità e armonia.
La mostra è stata inaugurata durante i giorni del gemellaggio Milano-Melbourne che si è svolto dal 29 gennaio al 4 febbraio. Alla rassegna si aggiungono videoproiezioni sul continente australiano e la possibilità di chiedere informazioni per organizzare e pianificare un viaggio.

Australian Colours, Milano, Casa del pane, casello Ovest di Porta Venezia. Dal 31 gennaio al 25 febbraio 2007.
Da martedì a domenica 11-19, ingresso gratuito
Per informazioni: http://www.australiancolours.com

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Tour sull'Arno in barchetto
Valido fino al 30 settembre 2014
Equiturismo e benessere
11-13 luglio; 9-11 agosto; 8-10 settembre
Offerte di viaggio
Tour guidato in moto lungo la Route 66
Trekking, balene e citta' in Canada
Crociera nel Mediterraneo Occidentale
NOTIZIE
14/08/14 - Premi
C'è tempo fino al 1° dicembre per partecipare alla decima edizione il concorso...
13/08/14 - Fiere
È Torino Esposizioni la sede scelta per Operæ, il festival del design indipendente che...
12/08/14 - Itinerari
“Ricordare e ripercorrere la nostra storia a 100 anni dalla Grande Guerra” questo il...
12/08/14 - Fiere
Prima edizione padovana del World Heritage Tourism Expo, che si terrà nella cornice del...
11/08/14 - Trasporti
Se di ritorno da un viaggio decidete di regalare a qualcuno una di quelle palle di vetro con neve...
Futurismo cento anni dopo
26 Gennaio - Il museo d’arte moderna e contemporanea di Rovereto ha inaugurato la prima tappa...
Tormentone Alitalia. Codacons "vuole sapere..."
Mondointasca ritorna sulla storia infinita di Alitalia per aggiornare il lettore reduce dagli ozi...
Cile "flash". Prime impressioni sul Paese "più lungo del...
Quelli del Turismo della Regiòn de los Lagos (un gran bel posto, laghi, vulcani, mare e...
Turismo in Italia? Ministra, lo ripeto...
Non oso disturbare la Signora Ministra (del Turismo) Brambilla, con un annoiante seguito della...
Un moderno Ulisse prestato alla politica
Sapevate che… Viaggiare non è la cosa più importante, è...
Cellulari, oggi il biglietto si acquista via smartphone
Come si organizza un viaggio nell’era di internet? Via cellulare. Grazie alle moltissime...
Turisti astronauti
Vedere la superficie della Terra da un oblò, a mille miglia di distanza. Pare non sia più un...
Mimmo Paladino a Orta San Giulio
Le sculture di Mimmo Paladino realizzano dal 18 luglio una mostra all'aperto per le vie di Orta San...
Giovani viaggiatori raccontano
Viaggiare, un'esperienza personalissima che apre a nuovi mondi a volte profondamente distanti dal...
"Mala Tempora Currunt" (e correranno). Sapevate che...
Sapevate che... Dopo tanti blablabla a proposito del tremendo terremoto (e tsunami) in Giappone, si...
Etiopia, un ospedale per i bimbi di Adwa
Cosa c’è di meglio che soddisfare la propria pericolosa dipendenza, sentendosi...
LIBRI E GUIDE
Turista per professione di Laura Celotto, EEE, pagine 176, Euro 13,00. Versione e-book, euro 4,99.
Le storie dietro le fotografie di Steve McCurry, Electa-Phaidon, pagine 264, 320 illustrazioni, euro 59,00.
TUTTI I DOSSIER
1.0880119800568