Domenica 1 Marzo 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Fiori e piante fra le rocce, a Èze
Il Jardin Exotique di Èze occupa l’intera parte superiore della collina sulla quale sorge il villaggio, a ridosso dell’antico castello. Dalla terrazza della sommità non è raro, col bel tempo, scorgere in lontananza la Corsica
di Federico Formignani

Il villaggio di Èze visto dal mare
La provenzale Èze è un vero e proprio paese-cartolina. Uno dei tanti che impreziosiscono la riviera ligure di ponente e quella francese della Costa Azzurra. La preziosità è data dalla collocazione fisica di paesi, piccoli centri, quasi tutti con superba vista su quel mar ligure che bagna le due riviere, finalmente non più divise da barriere fisiche, grazie alla nuova Europa.
I centri abitati della parte francese prossima all’Italia sono distribuiti (autostrada a parte) su tre grandi direttrici di traffico: la Grande Corniche, la Moyenne e la Inférieure. Collocato a metà via fra Nizza e Montecarlo, Èze è presente con i suoi “nomi” su tutte e tre le strade.
La Grande Corniche, costruita da Napoleone in parte lungo il tracciato dell’antica via Giulia Augusta, che collegava Genova a Cemenelum (Cimiez) conserva in prossimità di La Turbie un “trofeo”, monumento celebrativo della vittoria romana risalente all’anno 6 avanti Cristo, posto sul confine tra la Gallia Cisalpina e quella Transalpina. Il “trofeo” abbraccia un notevole tratto di costa ed è l’unica vestigia del genere sopravvissuta, unitamente a quella di Adam-Lissi che si trova a centocinquanta chilometri da Bucarest in Romania, allora Dacia.

Panorama dal giardino esotico
Su questa strada, venendo da Nizza, si incontra prima il Belvédère d’Èze: la vista spazia sul villaggio stesso, sul monte Boron, sulla catena dell’Esterel e sulle Alpi; più giù, con lo sfondo del luminoso Mediterraneo, ecco la penisola di Cap Ferrat, Cap d’Antibes, le isole Lérins.
Poco dopo, a cinquecentododici metri d’altezza, c’è il Col d’Èze dal quale sono visibili i monti delle alte valli della Vésubie e del Var; a sinistra s’innalza poi il Mont Bastide, antico “oppido” celto-ligure e in seguito “castrum” romano. Èze è attraversata dalla Moyenne Corniche, mentre su quella inferiore si trova Èze-Bord-de-Mer, riparata da alte scogliere.
Un paese incantato
Negozietti in pietra viva nel borgo (Foto:Franceforvisitors, Martine Muller)
Una cinquantina di persone, sulle duemila e cinquecento che popolano il comune, vivono stabilmente nell’antico villaggio appollaiato a nido d’ape su uno sperone roccioso a quattrocentoventinove metri sul mare.
Molti francesi hanno qui la seconda casa e specie d’estate i residenti aumentano notevolmente, anche se il piccolo centro è frequentato durante l’intero anno.
Le case in pietra viva, i vicoli stretti e ripidi che si arrampicano per mezzo di scale e di passaggi non di rado coperti da volte, costituiscono un insieme architettonico di grande fascino che ripropone atmosfere medievali.
Le case, tutte accuratamente restaurate, ospitano negozi, botteghe artigiane, atelier di artisti. Ogni angolo di Èze è abbellito da fiori, macchie di verde e ogni curva scopre visioni incredibili sul mare e sui monti.
Le rovine del castello, costruito nel XIV secolo e smantellato per ordine di Luigi XIV nel 1706, avvolgono quasi a proteggerlo il giardino esotico del luogo.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Pasqua a Matera e nel Salento
Dal 3 al 6 aprile 2015 - Quota da € 385,00
Fiera Creattiva
Dal 05 al 08 marzo 2015
Offerte di viaggio
Pasqua in Oman
Crociera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
Pasqua in Giordania
NOTIZIE
27/02/15 - Sport
Dal 5 al 7 marzo la “Super Classica” ACI vedrà sfidarsi lungo strade panoramiche...
27/02/15 - Bambini e ragazzi
Tutti a bordo. I ragazzi potranno andare a lezione di educazione ambientale su un’aula di una...
27/02/15 - Voli
Delta Air Lines potenzierà dal prossimo mese i collegamenti fra l’Italia e il John F....
27/02/15 - Arte
Moda e tecnologia, due sinergici fiori all’occhiello di Milano. La città meneghina nel...
27/02/15 - Fiere
L’appuntamento primaverile di Mercanteinfiera promette un ricco parterre. Questa fiera...
Opere d'arte fatte con i piedi
"La terra, sotto i miei piedi, non è altro che un immenso giornale spiegato" (André...
Cosa sto facendo? Cammino
"How many roads must a man walk down, before you call him a man?"  (Bob...
Caproni, un museo per "volare"
Il Museo Gianni Caproni di Trento ha proposto di recente una mostra dal titolo "In volo", un...
A Cervinia per il Mezzalama
All’alba del 30 aprile a Cervinia in Valle d’Aosta, si presenteranno al via oltre...
Le potenzialità del turismo verde
Turisti esigenti che chiedono di conoscere un'Italia insolita e nuove proposte. E' quanto è...
Aletsch Arena, sci, ciaspole e natura vera
L’Aletsch Arena è una grande stazione sciistica con oltre 100 chilometri di piste di...
Il green sull'Oceano Atlantico
Durante il Medio Evo si chiamava Beariz, ed era un piccolo porto sull’Oceano Atlantico,...
La musica va in settimana bianca
Nel cuore delle Dolomiti, dal 24 al 31 gennaio, tornano a risuonare per il quinto anno le note di...
Tesino, la montagna racconta la Grande Guerra
Sarà l'altopiano trentino del Tesino il protagonista di un'iniziativa estiva culturale che...
Rivivendo Dalì
Bell'amico Dalì. Soffiare la moglie a uno dei cervelli del movimento surrealista proprio sotto il...
Abele e Caino: nomadismo e sedentarietà
"Tutto considerato, al mondo ci sono solo due tipi di uomini: quelli che stanno a casa e quelli che...
LIBRI E GUIDE
Non volare via di Sara Rattaro, Garzanti, pagine 224, Euro 14,90.
Alfabeto figurativo Trenta opere d'arte spiegate ai più piccoli di Tomaso Montanari, Skira editore, pagine 108 con 40 tavole a colori, Euro 15,00.
TUTTI I DOSSIER
1.1714210510254