Mercoledì 3 Settembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Fiori e piante fra le rocce, a Èze
Il Jardin Exotique di Èze occupa l’intera parte superiore della collina sulla quale sorge il villaggio, a ridosso dell’antico castello. Dalla terrazza della sommità non è raro, col bel tempo, scorgere in lontananza la Corsica
di Federico Formignani

Il villaggio di Èze visto dal mare
La provenzale Èze è un vero e proprio paese-cartolina. Uno dei tanti che impreziosiscono la riviera ligure di ponente e quella francese della Costa Azzurra. La preziosità è data dalla collocazione fisica di paesi, piccoli centri, quasi tutti con superba vista su quel mar ligure che bagna le due riviere, finalmente non più divise da barriere fisiche, grazie alla nuova Europa.
I centri abitati della parte francese prossima all’Italia sono distribuiti (autostrada a parte) su tre grandi direttrici di traffico: la Grande Corniche, la Moyenne e la Inférieure. Collocato a metà via fra Nizza e Montecarlo, Èze è presente con i suoi “nomi” su tutte e tre le strade.
La Grande Corniche, costruita da Napoleone in parte lungo il tracciato dell’antica via Giulia Augusta, che collegava Genova a Cemenelum (Cimiez) conserva in prossimità di La Turbie un “trofeo”, monumento celebrativo della vittoria romana risalente all’anno 6 avanti Cristo, posto sul confine tra la Gallia Cisalpina e quella Transalpina. Il “trofeo” abbraccia un notevole tratto di costa ed è l’unica vestigia del genere sopravvissuta, unitamente a quella di Adam-Lissi che si trova a centocinquanta chilometri da Bucarest in Romania, allora Dacia.

Panorama dal giardino esotico
Su questa strada, venendo da Nizza, si incontra prima il Belvédère d’Èze: la vista spazia sul villaggio stesso, sul monte Boron, sulla catena dell’Esterel e sulle Alpi; più giù, con lo sfondo del luminoso Mediterraneo, ecco la penisola di Cap Ferrat, Cap d’Antibes, le isole Lérins.
Poco dopo, a cinquecentododici metri d’altezza, c’è il Col d’Èze dal quale sono visibili i monti delle alte valli della Vésubie e del Var; a sinistra s’innalza poi il Mont Bastide, antico “oppido” celto-ligure e in seguito “castrum” romano. Èze è attraversata dalla Moyenne Corniche, mentre su quella inferiore si trova Èze-Bord-de-Mer, riparata da alte scogliere.
Un paese incantato
Negozietti in pietra viva nel borgo (Foto:Franceforvisitors, Martine Muller)
Una cinquantina di persone, sulle duemila e cinquecento che popolano il comune, vivono stabilmente nell’antico villaggio appollaiato a nido d’ape su uno sperone roccioso a quattrocentoventinove metri sul mare.
Molti francesi hanno qui la seconda casa e specie d’estate i residenti aumentano notevolmente, anche se il piccolo centro è frequentato durante l’intero anno.
Le case in pietra viva, i vicoli stretti e ripidi che si arrampicano per mezzo di scale e di passaggi non di rado coperti da volte, costituiscono un insieme architettonico di grande fascino che ripropone atmosfere medievali.
Le case, tutte accuratamente restaurate, ospitano negozi, botteghe artigiane, atelier di artisti. Ogni angolo di Èze è abbellito da fiori, macchie di verde e ogni curva scopre visioni incredibili sul mare e sui monti.
Le rovine del castello, costruito nel XIV secolo e smantellato per ordine di Luigi XIV nel 1706, avvolgono quasi a proteggerlo il giardino esotico del luogo.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Sapore di sale, sapore di Lago
Dal 22 al 28 settembre
Golf e relax sul lago di Como
1 marzo - 30 ottobre 2014
Offerte di viaggio
Iran: la strada persiana dei re
Australia Fantastica con Chiariva
Trekking, balene e citta' in Canada
NOTIZIE
03/09/14 - Fiere
Al via il 3 ottobre a Monforte d’Alba (CN) la prima Borsa Internazionale del Turismo Outdoor,...
03/09/14 - Città d'arte
D'estate i musei statali hanno avuto un ottimo risultato in termini di visitatori. I dati si...
03/09/14 - Trasporti
Nuove tariffe per i collegamenti diretti low cost Milano-Bergamo – Roma Fiumicino di...
02/09/14 - Animali
Tutti i giorni fino al 15 settembre, dalle ore 10 alle ore 17, gli esperti dell’Acquario di...
02/09/14 - Consumi
"Alberghi fatiscenti, sovrapprezzi non previsti, smarrimento dei bagagli e ritardi nei voli: sono...
Bognanco, terme e turismo come un tempo
"Gli spiriti meditativi hanno di che trovare conforto nell'alta quiete della valle boscosa; sola...
Dolomiti, fascino e mistero della montagna
Ci sono tanti modi di godere la natura e in particolare la montagna. Ogni stagione ne offre uno...
Le potenzialità del turismo verde
Turisti esigenti che chiedono di conoscere un'Italia insolita e nuove proposte. E' quanto è...
Val Senales per uomini e donne d'acciaio
Il 18 e il 19 aprile si rinnova l'appuntamento con la Ötzi Alpin Marathon, maratona estrema...
In vespa lungo i filari del Collio
Si chiama "Il Collio in vespa" l'iniziativa ideata da venti produttori vitivinicoli locali per far...
L'affascinante Lambretta
Rodano è oramai "periferia" della grande Milano; come dire che il museo dedicato agli Scooter e...
Pamplona: un mix di tori, vino e golf
All’inizio di luglio, per otto giorni, Pamplona diviene la grande arena dell’Encierro,...
Nel Wyoming di Buffalo Bill
Ma per questi (per gli "over Sessanta", appunto) invece l'America è - e continuerà ad essere, non...
Polpo Paul, un divo nell'acquario
L'immagine dei suoi tentacoli aggrappati alle bandiere delle Nazionali in gara ha fatto il giro di...
In groppa al mondo
A cavalcioni di quel collo largo e possente, cullata da un incedere ondeggiante e sicuro, i piedi...
Cipro in sella
Con la sua splendida posizione e la cultura millenaria che ha ereditato, Cipro non ha bisogno di...
LIBRI E GUIDE
Il Massiccio del Grappa. Alta Via degli Eroi da Feltre a Bassano di Fabio Donetto, DBS - Danilo Zanetti Editore, pagine 96 con foto e cartina, Euro 6,00.
Non volare via di Sara Rattaro, Garzanti, pagine 224, Euro 14,90.
TUTTI I DOSSIER
0.93009495735168