Martedì 23 Dicembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Fiori e piante fra le rocce, a Èze
Il Jardin Exotique di Èze occupa l’intera parte superiore della collina sulla quale sorge il villaggio, a ridosso dell’antico castello. Dalla terrazza della sommità non è raro, col bel tempo, scorgere in lontananza la Corsica
di Federico Formignani

Il villaggio di Èze visto dal mare
La provenzale Èze è un vero e proprio paese-cartolina. Uno dei tanti che impreziosiscono la riviera ligure di ponente e quella francese della Costa Azzurra. La preziosità è data dalla collocazione fisica di paesi, piccoli centri, quasi tutti con superba vista su quel mar ligure che bagna le due riviere, finalmente non più divise da barriere fisiche, grazie alla nuova Europa.
I centri abitati della parte francese prossima all’Italia sono distribuiti (autostrada a parte) su tre grandi direttrici di traffico: la Grande Corniche, la Moyenne e la Inférieure. Collocato a metà via fra Nizza e Montecarlo, Èze è presente con i suoi “nomi” su tutte e tre le strade.
La Grande Corniche, costruita da Napoleone in parte lungo il tracciato dell’antica via Giulia Augusta, che collegava Genova a Cemenelum (Cimiez) conserva in prossimità di La Turbie un “trofeo”, monumento celebrativo della vittoria romana risalente all’anno 6 avanti Cristo, posto sul confine tra la Gallia Cisalpina e quella Transalpina. Il “trofeo” abbraccia un notevole tratto di costa ed è l’unica vestigia del genere sopravvissuta, unitamente a quella di Adam-Lissi che si trova a centocinquanta chilometri da Bucarest in Romania, allora Dacia.

Panorama dal giardino esotico
Su questa strada, venendo da Nizza, si incontra prima il Belvédère d’Èze: la vista spazia sul villaggio stesso, sul monte Boron, sulla catena dell’Esterel e sulle Alpi; più giù, con lo sfondo del luminoso Mediterraneo, ecco la penisola di Cap Ferrat, Cap d’Antibes, le isole Lérins.
Poco dopo, a cinquecentododici metri d’altezza, c’è il Col d’Èze dal quale sono visibili i monti delle alte valli della Vésubie e del Var; a sinistra s’innalza poi il Mont Bastide, antico “oppido” celto-ligure e in seguito “castrum” romano. Èze è attraversata dalla Moyenne Corniche, mentre su quella inferiore si trova Èze-Bord-de-Mer, riparata da alte scogliere.
Un paese incantato
Negozietti in pietra viva nel borgo (Foto:Franceforvisitors, Martine Muller)
Una cinquantina di persone, sulle duemila e cinquecento che popolano il comune, vivono stabilmente nell’antico villaggio appollaiato a nido d’ape su uno sperone roccioso a quattrocentoventinove metri sul mare.
Molti francesi hanno qui la seconda casa e specie d’estate i residenti aumentano notevolmente, anche se il piccolo centro è frequentato durante l’intero anno.
Le case in pietra viva, i vicoli stretti e ripidi che si arrampicano per mezzo di scale e di passaggi non di rado coperti da volte, costituiscono un insieme architettonico di grande fascino che ripropone atmosfere medievali.
Le case, tutte accuratamente restaurate, ospitano negozi, botteghe artigiane, atelier di artisti. Ogni angolo di Èze è abbellito da fiori, macchie di verde e ogni curva scopre visioni incredibili sul mare e sui monti.
Le rovine del castello, costruito nel XIV secolo e smantellato per ordine di Luigi XIV nel 1706, avvolgono quasi a proteggerlo il giardino esotico del luogo.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Le iniziative invernali di Aquila Bianca
Dal 17 gennaio 2015 al 28 febbraio 2015
Il luogo più bello del mondo
Valido solo il 25 Gennaio 2015
Offerte di viaggio
Capodanno da favola a New York
Carinzia: l'inverno è donna!
Capodanno in Slovenia tra terme e cultura
NOTIZIE
23/12/14 - Alberghi
Al tramonto la “città rossa” splende più che mai. In lontananza la catena...
22/12/14 - Ambiente
Nel gennaio scorso, Europcar, azienda europea di autonoleggio, e WeForest, organizzazione...
22/12/14 - Paesi lontani
L’UNESCO ha stilato queste classifiche con il nobile scopo di identificare tutti i luoghi o...
22/12/14 - Paesaggi
Uno scrigno di meraviglie concentrate in poche manciate di chilometri: questo è Terra...
22/12/14 - Arte
Da venerdì 5 dicembre, il Polo Reale di Torino è una realtà, costituito dalla...
Gorizia, storia e avventure nel Parco Coronini
Il Parco di Palazzo Coronini Cronberg è sicuramente uno dei più importanti polmoni verdi di...
Pellegrini dei giorni nostri
Sabato 3 ottobre un piccolo gruppo di persone inizierà un viaggio a piedi lungo la Via...
Giù dalle Alpi francesi. A pedali o sugli sci
Il comprensorio delle 2 Alpes d'estate offre un elevato numero di attività e detiene il...
Mezza Maratona dalla Maddalena a Caprera
Dalla Maddalena a Caprera e ritorno. Ormai è iniziato il conto alla rovescia per la...
Pedalata in rima
La bici è metafora di vita/in discesa pianura o salita/è questione di cambio di...
Las Vegas in mongolfiera
Se Las Vegas è la città dei sogni, entro l’anno potrà offrire al largo...
Soggiorni "contadini" e slalom "caserecci"
Ore 8, sveglia. E colazione, con i prodotti del maso. Il burro profuma di panna, la marmellata ti...
Trekking col treno, un cammino lento
Se disponete di una domenica libera, di buone gambe e, soprattutto, della volontà di...
Parco del Ticino, dove l'acqua è più blu
Il Ticino è senza dubbio uno dei corsi d'acqua più conosciuti della penisola, sia perché prossimo...
In Africa sulla rotta di Terra Madre
Nell' Anno della Biodiversità, Fusorariviaggi organizza una serie di viaggi naturalistici ed...
Foligno: trekking urbano per star bene e restare in forma
Camminare fa bene alla salute, si sa. Allora perché non pensare di indossare tuta e scarpe...
LIBRI E GUIDE
La dieta dell'acqua di Nicola Sorrentino, con Paola Gambino, Salani Editore. Euro 12,90
I grandi miti della psicologia popolare di Lilienfeld S.O., Lynn S.J., Ruscio J., Beyerstein B.L., Raffaello Cortina Editore, pagine 392, Euro 26,00.
TUTTI I DOSSIER
1.0719010829926