Mercoledì 30 Luglio 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Lucca, intorno all’olio
“Oleum est”. Specie tra novembre e dicembre, quando i freddi autunnali permettono la raccolta dell’oliva e la sua spremitura. Mondo affascinante, quello dell’olio. Copyright dei paesi mediterranei, con quello italiano sugli altari, per varietà e qualità
di Valerio Griffa

Le “terre dell’olio” sono sempre belle, ma se si parla della Lucchesia è ancora un’altra cosa. Proprio da questo ragionamento è nato “L’olio e i tesori di Lucca” (fino al 10 dicembre) che mette insieme il ricco patrimonio architettonico e paesaggistico lucchese con la cultura e con i saperi legati al biondo condimento.
Cominciamo dall’olio. Si è veramente voluto mostrare il meglio, stando al programma. 
“Navigando” nell’olio
Olive della campagna lucchese (Foto:U.Conti)
Si parte da “Il Desco”, mostra mercato di artigianato da tavola e prodotti come olio, vino, formaggio, miele, salumi, nel Real Collegio, spazio appena restaurato della scuola superiore fondata da Elisa nel 1809 in un edificio del Cinquecento (2, 3, 8, 9, 10 dicembre, orario: 10-13 / 14.30-19.30) e “Il Mondo dell’olio in città”, esposizione di olivi secolari, attrezzi per la coltivazione, sotto il loggiato del Palazzo Pretorio. Si vedrà anche la frangitura e si degusterà l’olio novello.
Poi la mostra mercato “Oli della Costa toscana” (Ex convento di San Micheletto, 8, 9, 10 dicembre) degustazione di oli in abbinamento con farro, fagiolo rosso, fagiolo cannellino, pane di Altopascio (su prenotazione: [email protected]) e “Bello&buono”, mostra mercato con degustazione di olio, vino, farine della Garfagnana e della Valle del Serchio (al Ciocco, a Barga, 2, 3 dicembre).

Il pane con l'olio nuovo (Foto:U.Conti)
“Frantoi aperti” è un po’ il cuore del programma. Significa la possibilità di visitare i frantoi, vedere il processo di frangitura, il colare affascinante dell’olio franto (per questo si parlava nell’antichità di “oro”) assaggiare (magari imparando le tecniche di degustazione e i termini tecnici per descrivere colore, odore e sapore dell’olio) e mangiare piatti tradizionali, quali la zuppa frantoiana, la zuppa matta, il farro alla lucchese. Il 2 e 3 dicembre ci sono i frantoi Massarosa (al Pian del Quercione Massarosa) e Maggi (alle Quercete Seravezza) mentre l’8, 9, 10 dicembre i frantoi sociali di Compitese (San Leonardo in Trepunzio, Laboratorio Slow Food l’8) e La Visona (Pieve di Compito, Laboratorio Slow Food il 9).
Alcuni ristoranti di Lucca fanno da supporto alla conoscenza e alla degustazione comparata con una “Carta degli oli lucchesi”, che accompagna ad un pasto in cui l’accento è messo sul succo di olive: ravioli all’olivo, fettunta (fetta unta) zuppa frantoiana, tiramisù all’olivo, coniglio in tegame con olive, cannellini all’olio nuovo, nel segno della tradizione e di qualche invenzione. Tra i ristoranti impegnati, segnaliamo l’Antica Locanda dell’Angelo (via Pescheria 21) la Buca di Sant’Antonio (via della Cervia 1/3) All’Olivo (piazza San Quirico).
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 3 - 
Week-end e tempo libero
La Banda del Talos Festival
Dal 4 al 14 settembre
Tour sull'Arno in barchetto
Valido fino al 30 settembre 2014
Offerte di viaggio
Calabria: mare e relax in famiglia
Iran: la strada persiana dei re
Costa Rica, Nicaragua, Panama: El Mundo Verde
NOTIZIE
30/07/14 - Ospitalità
BBWild Sardinia è il nuovo Bed and Breakfast che punta a promuovere un’area poco...
30/07/14 -
“Visit Italy” è il concorso fotografico lanciato in Giappone per far raccontare...
30/07/14 - Trasporti
Da martedì 30 settembre 2014, Blue Air, inizia i collegamenti diretti...
29/07/14 - Sport
Iscrizioni aperte per la seconda edizione della Echappée Belle Helly Hansen. La competizione...
29/07/14 - Trasporti
Dalla collaborazione tra Deutsche Bahn (DB) e Österreichische Bundesbahnen (ÖBB) con il...
Trekking nel Borneo
Il Sarawak, lo stato malese che occupa la parte nord-occidentale dell'enorme isola bagnata dal Mar...
Bogotà. Oro e Conquistadores
Eldorado o El Dorado, più completamente "El principe Dorado", la leggenda dell'Uomo d'Oro...
A Chambéry e Lione tra arte e gastronomia
Partiamo da Chambéry, che non è più la sonnolenta cittadina provinciale di...
La Francia in treno
Stazione di Milano Porta Garibaldi, ore 6,07. Puntuale e silenzioso il TGV per Parigi Gare de Lyon...
Nizza: Rosé e Coriandoli
  “Les carnavaliers ont célébré la premiére bataille des...
Parco Naturale di Bohinj, dove natura e sport sono in...
  Vista la stagione la scelta della vettura per il viaggio è caduta sulla Mitsubishi...
Mari indiani: le spiagge del futuro
Un’infinità di chilometri di coste, dal Mare Arabico al Golfo del Bengala (tutto...
Olé Chueca, cuore gay di Madrid
  Madrid è la città migliore per concedersi una pausa di relax primaverile,...
Verezzi, antico borgo Saraceno
Verezzi è la parte "alta" di Borgio, paese costiero con il quale fa Comune. Il centro abitato è...
Portogallo, tutti i colori di Sintra
Lord Byron l'ha paragonata al suo "paradiso terrestre". Clima stupendo, ampie le zone boscose della...
Città giovani nella terra dei canguri
La modernità è ciò che contraddistingue molte grandi città australiane,...
LIBRI E GUIDE
Andare a piedi Filosofia del Camminare di Frédéric Gros, Garzanti, pagine 232, Euro 14,90.
Il tango e il mare di Monica Maria Fumagalli, Abrazos Editore, Euro 12,00.
TUTTI I DOSSIER
0.93599891662598