Mercoledì 26 Novembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Lucca, intorno all’olio
“Oleum est”. Specie tra novembre e dicembre, quando i freddi autunnali permettono la raccolta dell’oliva e la sua spremitura. Mondo affascinante, quello dell’olio. Copyright dei paesi mediterranei, con quello italiano sugli altari, per varietà e qualità
di Valerio Griffa

Le “terre dell’olio” sono sempre belle, ma se si parla della Lucchesia è ancora un’altra cosa. Proprio da questo ragionamento è nato “L’olio e i tesori di Lucca” (fino al 10 dicembre) che mette insieme il ricco patrimonio architettonico e paesaggistico lucchese con la cultura e con i saperi legati al biondo condimento.
Cominciamo dall’olio. Si è veramente voluto mostrare il meglio, stando al programma. 
“Navigando” nell’olio
Olive della campagna lucchese (Foto:U.Conti)
Si parte da “Il Desco”, mostra mercato di artigianato da tavola e prodotti come olio, vino, formaggio, miele, salumi, nel Real Collegio, spazio appena restaurato della scuola superiore fondata da Elisa nel 1809 in un edificio del Cinquecento (2, 3, 8, 9, 10 dicembre, orario: 10-13 / 14.30-19.30) e “Il Mondo dell’olio in città”, esposizione di olivi secolari, attrezzi per la coltivazione, sotto il loggiato del Palazzo Pretorio. Si vedrà anche la frangitura e si degusterà l’olio novello.
Poi la mostra mercato “Oli della Costa toscana” (Ex convento di San Micheletto, 8, 9, 10 dicembre) degustazione di oli in abbinamento con farro, fagiolo rosso, fagiolo cannellino, pane di Altopascio (su prenotazione: [email protected]) e “Bello&buono”, mostra mercato con degustazione di olio, vino, farine della Garfagnana e della Valle del Serchio (al Ciocco, a Barga, 2, 3 dicembre).

Il pane con l'olio nuovo (Foto:U.Conti)
“Frantoi aperti” è un po’ il cuore del programma. Significa la possibilità di visitare i frantoi, vedere il processo di frangitura, il colare affascinante dell’olio franto (per questo si parlava nell’antichità di “oro”) assaggiare (magari imparando le tecniche di degustazione e i termini tecnici per descrivere colore, odore e sapore dell’olio) e mangiare piatti tradizionali, quali la zuppa frantoiana, la zuppa matta, il farro alla lucchese. Il 2 e 3 dicembre ci sono i frantoi Massarosa (al Pian del Quercione Massarosa) e Maggi (alle Quercete Seravezza) mentre l’8, 9, 10 dicembre i frantoi sociali di Compitese (San Leonardo in Trepunzio, Laboratorio Slow Food l’8) e La Visona (Pieve di Compito, Laboratorio Slow Food il 9).
Alcuni ristoranti di Lucca fanno da supporto alla conoscenza e alla degustazione comparata con una “Carta degli oli lucchesi”, che accompagna ad un pasto in cui l’accento è messo sul succo di olive: ravioli all’olivo, fettunta (fetta unta) zuppa frantoiana, tiramisù all’olivo, coniglio in tegame con olive, cannellini all’olio nuovo, nel segno della tradizione e di qualche invenzione. Tra i ristoranti impegnati, segnaliamo l’Antica Locanda dell’Angelo (via Pescheria 21) la Buca di Sant’Antonio (via della Cervia 1/3) All’Olivo (piazza San Quirico).
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Tour da Oscar
Valido fino a Dicembre 2014
Tra rose, storie e leggenda
Da Aprile a Novembre (chiuso Luglio e Agosto)
Offerte di viaggio
Australia Fantastica con Chiariva
Un nuovo anno in Thailandia
Capodanno in Slovenia tra terme e cultura
NOTIZIE
26/11/14 - Gastronomia
Domenica 30 novembre, è in programma la 18esima edizione della “Sagra della...
26/11/14 - Mostre
Oltre sessanta opere della collezione Galvagno ripercorrono il secolo breve ad Agrigento dal...
26/11/14 - Cinema
Il cinema in lingua originale è una consuetudine all’Institut Français di...
26/11/14 - Italia centro
Si svolgerà presso l’Oratorio della Carità di Fabriano, domani 27 novembre, il...
26/11/14 - Trasporti
Un nuovo collegamento aereo nonstop sarà attivato a giugno 2015 tra Venezia e l’hub di...
L'età d'oro dei viaggi in treno
  Secondo Montanelli “un popolo che ignora il proprio passato non saprà mai nulla...
L'Aja tra modernità e tradizione
  "God schiep de aarde, maar de Nederladers schiepen Nederland”, vale a dire “Dio...
Dirigibili, che passione!
Friedrichshafen è la patria dei dirigibili. Tutto, in questa cittadina sulle sponde tedesche del...
Albenga, tre torri che litigano
Nel periodo tra la fine dell'inverno e l'inizio della primavera Albenga dà il meglio di...
La Palma, davvero una "Isla Bonita"
  Chiedo scusa per l’eccessivo spazio nel presentare l’isola delle Canarie da cui...
Cambridge, l'altra metà della cultura inglese
Stanziatisi a Cambridge, già nel 1226 danno vita a una struttura organizzativa tale da comprendere...
Mulhouse, bella scoperta
Ci sono città che godono di scarsa fama nel mondo turistico, talvolta per la posizione un...
Cantine d'Autore
C'era una volta il vino del contadino. O comunque quello delle grandi tenute, dove il vino si...
Weekend di benessere nelle Terre di Siena
  La città e i grandi centri urbani sono sicuramente grande fonte di stress cinque...
Vedute italiane: Bassano del Grappa
La piccola Bassano del Grappa si presenta: scenografica, carica di storia, a misura d'uomo. Massima...
Norvegia in treno
Da Oslo a Bergen il treno impiega circa sette ore per percorrere i 493 chilometri della linea....
LIBRI E GUIDE
La semplicità delle piccole cose. Ricordi ed emozioni di Agostino Picicco, editore ED Insieme, Terlizzi (Ba), pagine 160, Euro 10,00.
Le avventure di Ulisse e altre storie di Geraldine McCaughrean, Mondadori, pagine 192, Euro 7,90
TUTTI I DOSSIER
1.0593490600586