Lunedì 1 Settembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Lucca, intorno all’olio
“Oleum est”. Specie tra novembre e dicembre, quando i freddi autunnali permettono la raccolta dell’oliva e la sua spremitura. Mondo affascinante, quello dell’olio. Copyright dei paesi mediterranei, con quello italiano sugli altari, per varietà e qualità
di Valerio Griffa

Le “terre dell’olio” sono sempre belle, ma se si parla della Lucchesia è ancora un’altra cosa. Proprio da questo ragionamento è nato “L’olio e i tesori di Lucca” (fino al 10 dicembre) che mette insieme il ricco patrimonio architettonico e paesaggistico lucchese con la cultura e con i saperi legati al biondo condimento.
Cominciamo dall’olio. Si è veramente voluto mostrare il meglio, stando al programma. 
“Navigando” nell’olio
Olive della campagna lucchese (Foto:U.Conti)
Si parte da “Il Desco”, mostra mercato di artigianato da tavola e prodotti come olio, vino, formaggio, miele, salumi, nel Real Collegio, spazio appena restaurato della scuola superiore fondata da Elisa nel 1809 in un edificio del Cinquecento (2, 3, 8, 9, 10 dicembre, orario: 10-13 / 14.30-19.30) e “Il Mondo dell’olio in città”, esposizione di olivi secolari, attrezzi per la coltivazione, sotto il loggiato del Palazzo Pretorio. Si vedrà anche la frangitura e si degusterà l’olio novello.
Poi la mostra mercato “Oli della Costa toscana” (Ex convento di San Micheletto, 8, 9, 10 dicembre) degustazione di oli in abbinamento con farro, fagiolo rosso, fagiolo cannellino, pane di Altopascio (su prenotazione: [email protected]) e “Bello&buono”, mostra mercato con degustazione di olio, vino, farine della Garfagnana e della Valle del Serchio (al Ciocco, a Barga, 2, 3 dicembre).

Il pane con l'olio nuovo (Foto:U.Conti)
“Frantoi aperti” è un po’ il cuore del programma. Significa la possibilità di visitare i frantoi, vedere il processo di frangitura, il colare affascinante dell’olio franto (per questo si parlava nell’antichità di “oro”) assaggiare (magari imparando le tecniche di degustazione e i termini tecnici per descrivere colore, odore e sapore dell’olio) e mangiare piatti tradizionali, quali la zuppa frantoiana, la zuppa matta, il farro alla lucchese. Il 2 e 3 dicembre ci sono i frantoi Massarosa (al Pian del Quercione Massarosa) e Maggi (alle Quercete Seravezza) mentre l’8, 9, 10 dicembre i frantoi sociali di Compitese (San Leonardo in Trepunzio, Laboratorio Slow Food l’8) e La Visona (Pieve di Compito, Laboratorio Slow Food il 9).
Alcuni ristoranti di Lucca fanno da supporto alla conoscenza e alla degustazione comparata con una “Carta degli oli lucchesi”, che accompagna ad un pasto in cui l’accento è messo sul succo di olive: ravioli all’olivo, fettunta (fetta unta) zuppa frantoiana, tiramisù all’olivo, coniglio in tegame con olive, cannellini all’olio nuovo, nel segno della tradizione e di qualche invenzione. Tra i ristoranti impegnati, segnaliamo l’Antica Locanda dell’Angelo (via Pescheria 21) la Buca di Sant’Antonio (via della Cervia 1/3) All’Olivo (piazza San Quirico).
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Tra arte e laguna
Valido fino al 31 dicembre 2014
Tour da Oscar
Valido fino a Dicembre 2014
Offerte di viaggio
Gran Tour del Peru'
Crociera alle Bahamas
Tour guidato in moto lungo la Route 66
NOTIZIE
01/09/14 - Itinerari
Betlemme accoglie ogni anno oltre un milione di turisti da tutto il mondo. È proprio il suo...
01/09/14 - Eventi e mostre
Dal 6 al 14 settembre in Piazza Paolo VI, la Piazza del Duomo di Brescia, si terrà la nona...
01/09/14 - Città d'arte
Da martedì 2 settembre nel Museo di San Marco a Firenze, sarà attivo un servizio...
01/09/14 - Turismo
L’estate 2014 sarà ricordata negli annali come la più strana e la più...
01/09/14 - Spettacoli
Ritorna l’edizione autunnale della Broadway Week dall’1 al 14 settembre 2014....
Liberamente svedesi
Hanno quel modo di essere leggeri e aperti, flessibili e disinibiti che è invidiabile. Efficienti...
Bahia, "terra da felicidade"...
  "Salvador da Bahia de Todos os Santos". Se gli Spagnoli nel battezzare le località...
Dalla Grande Baia al fascinoso Bush
  Lo spazio è vita. E in nessun luogo della terra, fatta eccezione forse per il solo...
Marsiglia: sapori e accoglienza Mediterranee
La città ha molti profumi che si trasferiscono anche nella sua cucina: arrivano dal Nord...
Bolsena, non solo lago
Il grande lago laziale ha più di trecentoventimila anni, ma li porta egregiamente. Ha solo i...
Valsesia, la "valle dell'acqua"
La notizia è curiosa: il rifugio Margherita sul gruppo del Rosa, a 4554 metri, ospiterà una...
Nubia dell'acqua e dei templi
Qui, dove l'Egitto comincia ad avere un sapore africano, un tempo arrivavano carovane cariche di...
A New Delhi un Hotel davvero "Imperiale"
  The Imperial di New Delhi, uno dei sciccosi nonché The Most Famous Hotels in the...
Fiordi a passo lento
Nella mente dei viaggiatori è forse una delle mete più affascinanti e avventurose. Si...
Cho Lon, la Cina di Saigon
Anche in città si vedono ancora i cappelli di paglia a cono, un tempo diffusissimi nelle...
Guangzhou, oasi nel caos
Non si può definire Guangzhou una città bella. Si è estesa sui due lati del...
LIBRI E GUIDE
La semplicità delle piccole cose. Ricordi ed emozioni di Agostino Picicco, editore ED Insieme, Terlizzi (Ba), pagine 160, Euro 10,00.
Il bambino scambiato di Kenzaburo Oe, Garzanti, pagine 448, Euro 24.00.
TUTTI I DOSSIER
0.90216398239136