Venerdì 25 Luglio 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Lucca, intorno all’olio
“Oleum est”. Specie tra novembre e dicembre, quando i freddi autunnali permettono la raccolta dell’oliva e la sua spremitura. Mondo affascinante, quello dell’olio. Copyright dei paesi mediterranei, con quello italiano sugli altari, per varietà e qualità
di Valerio Griffa

Le “terre dell’olio” sono sempre belle, ma se si parla della Lucchesia è ancora un’altra cosa. Proprio da questo ragionamento è nato “L’olio e i tesori di Lucca” (fino al 10 dicembre) che mette insieme il ricco patrimonio architettonico e paesaggistico lucchese con la cultura e con i saperi legati al biondo condimento.
Cominciamo dall’olio. Si è veramente voluto mostrare il meglio, stando al programma. 
“Navigando” nell’olio
Olive della campagna lucchese (Foto:U.Conti)
Si parte da “Il Desco”, mostra mercato di artigianato da tavola e prodotti come olio, vino, formaggio, miele, salumi, nel Real Collegio, spazio appena restaurato della scuola superiore fondata da Elisa nel 1809 in un edificio del Cinquecento (2, 3, 8, 9, 10 dicembre, orario: 10-13 / 14.30-19.30) e “Il Mondo dell’olio in città”, esposizione di olivi secolari, attrezzi per la coltivazione, sotto il loggiato del Palazzo Pretorio. Si vedrà anche la frangitura e si degusterà l’olio novello.
Poi la mostra mercato “Oli della Costa toscana” (Ex convento di San Micheletto, 8, 9, 10 dicembre) degustazione di oli in abbinamento con farro, fagiolo rosso, fagiolo cannellino, pane di Altopascio (su prenotazione: [email protected]) e “Bello&buono”, mostra mercato con degustazione di olio, vino, farine della Garfagnana e della Valle del Serchio (al Ciocco, a Barga, 2, 3 dicembre).

Il pane con l'olio nuovo (Foto:U.Conti)
“Frantoi aperti” è un po’ il cuore del programma. Significa la possibilità di visitare i frantoi, vedere il processo di frangitura, il colare affascinante dell’olio franto (per questo si parlava nell’antichità di “oro”) assaggiare (magari imparando le tecniche di degustazione e i termini tecnici per descrivere colore, odore e sapore dell’olio) e mangiare piatti tradizionali, quali la zuppa frantoiana, la zuppa matta, il farro alla lucchese. Il 2 e 3 dicembre ci sono i frantoi Massarosa (al Pian del Quercione Massarosa) e Maggi (alle Quercete Seravezza) mentre l’8, 9, 10 dicembre i frantoi sociali di Compitese (San Leonardo in Trepunzio, Laboratorio Slow Food l’8) e La Visona (Pieve di Compito, Laboratorio Slow Food il 9).
Alcuni ristoranti di Lucca fanno da supporto alla conoscenza e alla degustazione comparata con una “Carta degli oli lucchesi”, che accompagna ad un pasto in cui l’accento è messo sul succo di olive: ravioli all’olivo, fettunta (fetta unta) zuppa frantoiana, tiramisù all’olivo, coniglio in tegame con olive, cannellini all’olio nuovo, nel segno della tradizione e di qualche invenzione. Tra i ristoranti impegnati, segnaliamo l’Antica Locanda dell’Angelo (via Pescheria 21) la Buca di Sant’Antonio (via della Cervia 1/3) All’Olivo (piazza San Quirico).
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 3 - 
Week-end e tempo libero
Relax e costiera amalfitana
Dall'1 aprile al 31 ottobre 2014
Tra arte e laguna
Valido fino al 31 dicembre 2014
Offerte di viaggio
Sogno Inca: sulle tracce di antiche civilta'
Islanda in Mountain Bike
Self drive in moto lungo la Route 66
NOTIZIE
25/07/14 - Città d'arte
La Cattedrale di Siena, a partire dal 18 agosto, corso il Palio dell'Assunta e fino al 27 ottobre,...
25/07/14 - Spettacoli
È iniziata dal 15 luglio scorso e si protrarrà fino al 14 settembre in tutto...
25/07/14 - Città d'arte
A Siracusa ha riaperto l’ipogeo di piazza Duomo, uno dei monumenti più richiesti da...
24/07/14 - Fiere
Modena Benessere Festival, il nuovo evento in programma a Modena Fiere annuncia le date della sua...
24/07/14 - Curiosità
La città con più napoletani al mondo non è Napoli ma San Paolo del Brasile....
Patagonia "rap"
A partire dal nome che, pare, le è stato dato da Ferdinando Magellano (portoghese, ma al servizio...
Dall'Europa all'America, rotaie "colorate"
  Con la narrazione delle vicende dell’ “Orient Express” e della...
Dove la pallaovale è di casa
Cardiff è una capitale. Da quando nel 1955 la Regina Elisabetta II la insignì dello...
Vulcano, primordiale ed esclusiva
Sull'isola più vicina alla costa siciliana si sarebbero trovate le fucine di Efesto, dio greco del...
Genova, Signora del Mediterraneo
"Carrugi": tessuto vivo di Genova.  Per i genovesi sono i vicoli, per i giovani è la...
L'Aquila continua a tremare
Una regione squassata. Atterrita dal numero delle persone che non ci sono più, terrorizzata...
L'estate calda di Tel Aviv
  La comunità LGBT israeliana è in fermento. Centomila turisti, provenienti da...
Isole Svalbard: il regno dell'orso polare
Imponenti ghiacciai, sconfinati altopiani innevati, montagne ripide e inaccessibili, orsi polari,...
Creta del Minotauro, un labirinto d'emozioni
Una terra al centro di tante leggende: da quella del Minotauro al disperato volo di Dedalo e Icaro....
C'era una volta, nel Pacifico, l'isola di Bali
  Un tempo Bali, visitata da quei pochi ricchissimi turisti che potevano permettersi lunghi...
Messico, tra luoghi storici e personaggi
Ha già raggiunto la 3ª puntata (e avendo raccontato Città del Messico e Tlaxcla...
LIBRI E GUIDE
Il tango e il mare di Monica Maria Fumagalli, Abrazos Editore, Euro 12,00.
Il bambino scambiato di Kenzaburo Oe, Garzanti, pagine 448, Euro 24.00.
TUTTI I DOSSIER
0.92709398269653