Giovedì 28 Maggio 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Mobilità sostenibile per le Perle delle Alpi
Diciassette località di montagna, in Francia, Austria, Svizzera, Italia, Germania, continuano il progetto comunitario per turismo e trasporti a basso tasso d’inquinamento
di Claudia Silivestro

Chamois d'estate
Diciassette borghi e località di montagna si impegnano a promuovere un turismo sostenibile ed ecologico: sono le “alpine pearls”, le Perle alpine, che hanno costituito l’associazione omonima e partiranno a breve con iniziative comuni. Italia, Francia, Svizzera e Germania hanno scelto di proseguire il percorso avviato con il progetto interregionale, finanziato in parte da fondi comunitari e in parte dalle regioni dei singoli paesi e chiuso ufficialmente il 21 agosto. Il piano ha definito i criteri in base ai quali una località può definirsi “perla alpina” e ha delineato gli obiettivi. Ora si tratta di continuare, per diciassette comuni che attraversano l’intero arco alpino da Est a Ovest: Bad Reichenhall e Berchtesgaden, tedesche; Werfenweng, austriaca; la francese Les Gets e le svizzere Arosa e Interlaken. Per l’Italia, in Veneto partecipano al progetto Pieve di Cadore e Feltre; Ratschings,  Villnoss, Tiers, Steinegg, Welschnofen e Deutschnofen per la provincia di Bolzano; Sauris e Forni di Sopra per il Friuli Venezia Giulia e Chamois per la Valle d’Aosta. 

Ennio Pastoret
“L’obiettivo dell’associazione è disegnare un’offerta turistica ecocompatibile e coordinata”, ha detto Ennio Pastoret, assessore regionale a Turismo, Sport, Commercio e Trasporti per la Valle d’Aosta, “in particolar modo per la qualità ambientale delle destinazioni”. Le perle alpine si impegnano a facilitare “modalità di accesso tramite mezzi pubblici e qualsiasi altra formula diversa dall’automobile”, continua Pastoret. In Valle d’Aosta l’esempio principe è Chamois: piccolo borgo a 1800 metri d’altitudine, raggiungibile solo con la funivia. Valerio Dell’Amico, assessore al Turismo del comune di Chamois, spiega: “Siamo l’unico comune in Italia che non ha strade percorribili dalle auto: una scelta che i cittadini di Chamois fecero negli anni Cinquanta e che si è  rivelata vincente. Come Perla alpina, Chamois lavorerà a rispettare i criteri per una mobilità dolce, che privilegia navette pubbliche, biciclette, cavalli”.

Chamois d'inverno
L’associazione prevede di creare un marchio di certificazione ecologica che ispiri i progetti futuri di tutela ambientale e conta di avviare attività di marketing e promozione turistica condivise, per tutti i comuni “perle”. Per Ennio Pastoret “il progetto si è rivelato un efficace strumento di sensibilizzazione a favore dei sistemi di trasporto pubblico nei centri alpini, che devono essere preservati dall’invasione dei flussi di traffico a vantaggio della vivibilità e di una migliore qualità della vita. Perle Alpine può diventare una valida occasione di confronto per avviare utili riflessioni tra i rappresentanti delle regioni e delle comunità locali con l’obbietivo di sviluppare scelte strategiche condivise e basso impatto ambientale, per valorizzare ulteriormente siti ambientali di grande interesse naturalistico e turistico”.

Per informazioni: http://www.alpine-pearls.com
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Tra orchidee ed erbe spontanee
Da Maggio 2015 a Luglio 2015
Offerte di viaggio
Azzorre e Lisbona
L'isola del cioccolato
NOTIZIE
28/05/15 - Avvenimenti
Ci sono anche tre affreschi del I secolo a.C., trafugati a Pompei nel 1957, tra le 25 straordinarie...
27/05/15 - AAA - All'aria aperta
Una giornata da trascorrere sui sentieri delle Aree protette italiane, per scoprire...
27/05/15 - Fiere
Dal 30 maggio al 1 giugno tre giorni di appuntamenti, eventi e spettacoli sullo sfondo della...
27/05/15 - Tecnologia
Viaggio e tecnologia si incontrano a San Francisco, una delle città più innovative al...
27/05/15 - Bambini e ragazzi
In occasione di Expo Milano 2015, i Servizi Educativi della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano...
Pietà per i Navigli. Sapevate che...
Sapevate che... Al controllo antiterrorismo dell'aeroporto madrileno di Barajas, sono più...
Il web crea nuove figure professionali
L’accesso diffuso a internet e l'abitudine a prenotare vacanze tramite dispositivi di...
C'è del nuovo in Danimarca
Il mercato italiano si è dimostrato in controtendenza rispetto agli altri Paesi europei e ha...
Un moderno Ulisse prestato alla politica
Sapevate che… Viaggiare non è la cosa più importante, è...
Ferroviere per un giorno
È l’esperienza proposta dalla Ferrovie tedesche grazie al Bahn-Simulator che le DB...
India, sulle strade del Gujarat
Appartenente con altri 27 Stati al Bharat, Unione Indiana, il Gujarat conta molto nelle vicende...
Il Qatar a Milano
Sapevate che … Grazie a Qatar Airways a Malpensa arriveranno lavoro e danée (e anche...
In Veneto per Opera Estate
Trentuno località della provincia vicentina e trevigiana ospitano dal prossimo 3 luglio la...
Spigolando tra turismo e dintorni
Sapevate che... Nel pieno di una gravissima crisi finanziaria mondiale (che potrebbe produrre nel...
Gli stadi da campi di gioco a campi di battaglia
Sapevate che… Gli incaricati al controllo (e perquisizione) dei tifosi agli ingressi dello...
Dove sventola la bandiera blu
Sono 140 le località rivierasche italiane e 62 gli approdi turistici che potranno fregiarsi,...
LIBRI E GUIDE
Càneve e spelònce a cura di Marco Rech, Serena Turrin, edito da DBS Zanetti, pagine 190, Euro 10,00.
Colazioni da Tiffany di Isa Grassano, Newton Compton, Euro 12,00.
TUTTI I DOSSIER
0.26183199882507