Venerdì 25 Luglio 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Mobilità sostenibile per le Perle delle Alpi
Diciassette località di montagna, in Francia, Austria, Svizzera, Italia, Germania, continuano il progetto comunitario per turismo e trasporti a basso tasso d’inquinamento
di Claudia Silivestro

Chamois d'estate
Diciassette borghi e località di montagna si impegnano a promuovere un turismo sostenibile ed ecologico: sono le “alpine pearls”, le Perle alpine, che hanno costituito l’associazione omonima e partiranno a breve con iniziative comuni. Italia, Francia, Svizzera e Germania hanno scelto di proseguire il percorso avviato con il progetto interregionale, finanziato in parte da fondi comunitari e in parte dalle regioni dei singoli paesi e chiuso ufficialmente il 21 agosto. Il piano ha definito i criteri in base ai quali una località può definirsi “perla alpina” e ha delineato gli obiettivi. Ora si tratta di continuare, per diciassette comuni che attraversano l’intero arco alpino da Est a Ovest: Bad Reichenhall e Berchtesgaden, tedesche; Werfenweng, austriaca; la francese Les Gets e le svizzere Arosa e Interlaken. Per l’Italia, in Veneto partecipano al progetto Pieve di Cadore e Feltre; Ratschings,  Villnoss, Tiers, Steinegg, Welschnofen e Deutschnofen per la provincia di Bolzano; Sauris e Forni di Sopra per il Friuli Venezia Giulia e Chamois per la Valle d’Aosta. 

Ennio Pastoret
“L’obiettivo dell’associazione è disegnare un’offerta turistica ecocompatibile e coordinata”, ha detto Ennio Pastoret, assessore regionale a Turismo, Sport, Commercio e Trasporti per la Valle d’Aosta, “in particolar modo per la qualità ambientale delle destinazioni”. Le perle alpine si impegnano a facilitare “modalità di accesso tramite mezzi pubblici e qualsiasi altra formula diversa dall’automobile”, continua Pastoret. In Valle d’Aosta l’esempio principe è Chamois: piccolo borgo a 1800 metri d’altitudine, raggiungibile solo con la funivia. Valerio Dell’Amico, assessore al Turismo del comune di Chamois, spiega: “Siamo l’unico comune in Italia che non ha strade percorribili dalle auto: una scelta che i cittadini di Chamois fecero negli anni Cinquanta e che si è  rivelata vincente. Come Perla alpina, Chamois lavorerà a rispettare i criteri per una mobilità dolce, che privilegia navette pubbliche, biciclette, cavalli”.

Chamois d'inverno
L’associazione prevede di creare un marchio di certificazione ecologica che ispiri i progetti futuri di tutela ambientale e conta di avviare attività di marketing e promozione turistica condivise, per tutti i comuni “perle”. Per Ennio Pastoret “il progetto si è rivelato un efficace strumento di sensibilizzazione a favore dei sistemi di trasporto pubblico nei centri alpini, che devono essere preservati dall’invasione dei flussi di traffico a vantaggio della vivibilità e di una migliore qualità della vita. Perle Alpine può diventare una valida occasione di confronto per avviare utili riflessioni tra i rappresentanti delle regioni e delle comunità locali con l’obbietivo di sviluppare scelte strategiche condivise e basso impatto ambientale, per valorizzare ulteriormente siti ambientali di grande interesse naturalistico e turistico”.

Per informazioni: http://www.alpine-pearls.com
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Tour sull'Arno in barchetto
Valido fino al 30 settembre 2014
La Battaglia dei Fiori
27 luglio 2014
Offerte di viaggio
Sogno Inca: sulle tracce di antiche civilta'
Gran Tour del Peru'
Crociera nel Mediterraneo Occidentale
NOTIZIE
25/07/14 - Città d'arte
La Cattedrale di Siena, a partire dal 18 agosto, corso il Palio dell'Assunta e fino al 27 ottobre,...
25/07/14 - Spettacoli
È iniziata dal 15 luglio scorso e si protrarrà fino al 14 settembre in tutto...
25/07/14 - Città d'arte
A Siracusa ha riaperto l’ipogeo di piazza Duomo, uno dei monumenti più richiesti da...
24/07/14 - Fiere
Modena Benessere Festival, il nuovo evento in programma a Modena Fiere annuncia le date della sua...
24/07/14 - Curiosità
La città con più napoletani al mondo non è Napoli ma San Paolo del Brasile....
Wi-fi in albergo, ancora un miraggio per l'Italia
Per tornare a essere competitivi sul panorama turistico internazionale, l'Italia avrebbe davvero...
Siamo un po' meno Standard e un po' più Poor. Sapevate...
Sapevate che... Il Robespierre di Trenitalia ex FFSS con magnanima generosità (forse...
Soncino bella... malgrado la vicinanza con Milano
Sostengo da sempre, e insisto, che "si fa turismo" (ci muoviamo, in senso più lato 'si...
Lezioni di turismo
Sapevate che … Turisticamente parlando (e forse non solo turisticamente ma… tiremm...
"Campania Felix" tra monumenti, arte, cultura e mozzarella
La strabella Reggia di Caserta (vieppiù intrigante visitando - oltre al Parco e ai Giardini - il...
L'arte di essere Bastian Contrari
L'anno scorso ogni serata del festival celebrava un vizio capitale, questa volta la scelta è caduta...
Italiani più ignoranti? Viva l'ignoranza!
Sapevate che... Secondo Moretti (ad delle ex FFSS) è possibile (‘lo dice’ il...
Autostrade del Mare... e prima ancora
Chi l’ha detto che un’autostrada deve necessariamente essere terrestre, secondo il...
Messico: "Maria Bonita", alias Maria Felix, vale a dire "La...
 "Acuerdate de Acapulco, de aquella noche, Maria bonita, Maria del alma, acuerdate que en la playa...
"Edutainment", la nuova sfida di Lazio e Campania
Zoomarine, il Bioparco di Roma e la Città della Scienza di Napoli scendono in campo per dire...
Roaming, costi bassi solo nell'Unione Europea
I costi per telefonare e mandare messaggi quando si è all’estero sono sempre da tenere...
LIBRI E GUIDE
Cosa vuoi fare da grande di Ivan Baio e Angelo Orlando Meloni, Del Vecchio Editore, pagine 184, Euro 12,00.
Maria Callas di Roberta Maresci, Gramese Editore, pagine 160, Euro 12,90.
TUTTI I DOSSIER
1.1548049449921