Sabato 30 Agosto 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Mobilità sostenibile per le Perle delle Alpi
Diciassette località di montagna, in Francia, Austria, Svizzera, Italia, Germania, continuano il progetto comunitario per turismo e trasporti a basso tasso d’inquinamento
di Claudia Silivestro

Chamois d'estate
Diciassette borghi e località di montagna si impegnano a promuovere un turismo sostenibile ed ecologico: sono le “alpine pearls”, le Perle alpine, che hanno costituito l’associazione omonima e partiranno a breve con iniziative comuni. Italia, Francia, Svizzera e Germania hanno scelto di proseguire il percorso avviato con il progetto interregionale, finanziato in parte da fondi comunitari e in parte dalle regioni dei singoli paesi e chiuso ufficialmente il 21 agosto. Il piano ha definito i criteri in base ai quali una località può definirsi “perla alpina” e ha delineato gli obiettivi. Ora si tratta di continuare, per diciassette comuni che attraversano l’intero arco alpino da Est a Ovest: Bad Reichenhall e Berchtesgaden, tedesche; Werfenweng, austriaca; la francese Les Gets e le svizzere Arosa e Interlaken. Per l’Italia, in Veneto partecipano al progetto Pieve di Cadore e Feltre; Ratschings,  Villnoss, Tiers, Steinegg, Welschnofen e Deutschnofen per la provincia di Bolzano; Sauris e Forni di Sopra per il Friuli Venezia Giulia e Chamois per la Valle d’Aosta. 

Ennio Pastoret
“L’obiettivo dell’associazione è disegnare un’offerta turistica ecocompatibile e coordinata”, ha detto Ennio Pastoret, assessore regionale a Turismo, Sport, Commercio e Trasporti per la Valle d’Aosta, “in particolar modo per la qualità ambientale delle destinazioni”. Le perle alpine si impegnano a facilitare “modalità di accesso tramite mezzi pubblici e qualsiasi altra formula diversa dall’automobile”, continua Pastoret. In Valle d’Aosta l’esempio principe è Chamois: piccolo borgo a 1800 metri d’altitudine, raggiungibile solo con la funivia. Valerio Dell’Amico, assessore al Turismo del comune di Chamois, spiega: “Siamo l’unico comune in Italia che non ha strade percorribili dalle auto: una scelta che i cittadini di Chamois fecero negli anni Cinquanta e che si è  rivelata vincente. Come Perla alpina, Chamois lavorerà a rispettare i criteri per una mobilità dolce, che privilegia navette pubbliche, biciclette, cavalli”.

Chamois d'inverno
L’associazione prevede di creare un marchio di certificazione ecologica che ispiri i progetti futuri di tutela ambientale e conta di avviare attività di marketing e promozione turistica condivise, per tutti i comuni “perle”. Per Ennio Pastoret “il progetto si è rivelato un efficace strumento di sensibilizzazione a favore dei sistemi di trasporto pubblico nei centri alpini, che devono essere preservati dall’invasione dei flussi di traffico a vantaggio della vivibilità e di una migliore qualità della vita. Perle Alpine può diventare una valida occasione di confronto per avviare utili riflessioni tra i rappresentanti delle regioni e delle comunità locali con l’obbietivo di sviluppare scelte strategiche condivise e basso impatto ambientale, per valorizzare ulteriormente siti ambientali di grande interesse naturalistico e turistico”.

Per informazioni: http://www.alpine-pearls.com
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Relax e costiera amalfitana
Dall'1 aprile al 31 ottobre 2014
Tra rose, storie e leggenda
Da Aprile a Novembre (chiuso Luglio e Agosto)
Offerte di viaggio
Alla scoperta dell'India tra yoga e spiritualità
Alla scoperta del Botswana
Calabria: mare e relax in famiglia
NOTIZIE
29/08/14 - Arte
Fino al 21 settembre si può visitare la mostra “Simboli vivi”. L'esposizione...
29/08/14 - Turismo
Si rinnova l'appuntamento con il TTT – Tourism Think Tank dal 30 settembre al 1 ottobre 2014...
29/08/14 - Mestieri vecchi e nuovi
Quello del casaro è uno dei mestieri più antichi, che per essere svolto oggi...
29/08/14 - Trasporti
Interessante l’indagine di flightright.it, un portale online dedicato ai passeggeri del...
29/08/14 - Enogastronomia
Friuli DOC, la fiera enogastronomica regionale del Friuli Venezia Giulia, torna a Udine...
Alti Formaggi, unione tra 4 dop lombarde
Unirsi per comunicare meglio il valore che sta dietro a una fetta di formaggio certificata tra...
Marche "tipiche", marchigiani "atipici"
Sono un signore (ma fortunatamente non ricco, perché oggi non è più di moda girare in Suv, ce...
La penisola-resort di Arbatax
Il prossimo 6 di giugno si inaugura ad Arbatax la prima stagione dell'Arbatax Park Resort, una...
Ferroviere per un giorno
È l’esperienza proposta dalla Ferrovie tedesche grazie al Bahn-Simulator che le DB...
Cosa fare se si smarrisce la carta di credito all'estero
Nel portafoglio del viaggiatore attento non può mancare una carta di credito per evitare di...
Dilemma a Milano tra posteggio e posteggiatrici
Sapevate che... Tornato da una bella gita in India e Maldive l’umile tenutario di questa ...
Il temuto "flop" dei viaggi per i Mondiali. Sapevate che...
Sapevate che... Se si parla di Turismo Sportivo, la nostrana Nazionale di Calcio non frega niente...
Cile-Italia (1976 e 2011) di Coppa Davis
Insalatiera che tale non è (preciserebbe il mio amico Rino Tommasi, tanto pignolo quanto...
Miniguida delle località "minori" della Spagna/2
Almagro (Ciudad Real, Castilla la Mancha) Deviazione (una trentina di chilometri da Manzanares...
Le leggi bizzarre (non) vanno in vacanza
Turista avvisato mezzo salvato. Prima di partire è consigliabile informarsi un minimo su...
Miniguida delle località "minori" della Spagna
Santillana del Mar - (Cantabria) Una visita d'obbligo (a solo 30 chilometri da Santander, a 5...
LIBRI E GUIDE
In Viaggio di Laura Gemini, FrancoAngeli, pagine 176, Euro 21,00.
Il bambino scambiato di Kenzaburo Oe, Garzanti, pagine 448, Euro 24.00.
TUTTI I DOSSIER
1.4633960723877