Lunedì 2 Marzo 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Mobilità sostenibile per le Perle delle Alpi
Diciassette località di montagna, in Francia, Austria, Svizzera, Italia, Germania, continuano il progetto comunitario per turismo e trasporti a basso tasso d’inquinamento
di Claudia Silivestro

Chamois d'estate
Diciassette borghi e località di montagna si impegnano a promuovere un turismo sostenibile ed ecologico: sono le “alpine pearls”, le Perle alpine, che hanno costituito l’associazione omonima e partiranno a breve con iniziative comuni. Italia, Francia, Svizzera e Germania hanno scelto di proseguire il percorso avviato con il progetto interregionale, finanziato in parte da fondi comunitari e in parte dalle regioni dei singoli paesi e chiuso ufficialmente il 21 agosto. Il piano ha definito i criteri in base ai quali una località può definirsi “perla alpina” e ha delineato gli obiettivi. Ora si tratta di continuare, per diciassette comuni che attraversano l’intero arco alpino da Est a Ovest: Bad Reichenhall e Berchtesgaden, tedesche; Werfenweng, austriaca; la francese Les Gets e le svizzere Arosa e Interlaken. Per l’Italia, in Veneto partecipano al progetto Pieve di Cadore e Feltre; Ratschings,  Villnoss, Tiers, Steinegg, Welschnofen e Deutschnofen per la provincia di Bolzano; Sauris e Forni di Sopra per il Friuli Venezia Giulia e Chamois per la Valle d’Aosta. 

Ennio Pastoret
“L’obiettivo dell’associazione è disegnare un’offerta turistica ecocompatibile e coordinata”, ha detto Ennio Pastoret, assessore regionale a Turismo, Sport, Commercio e Trasporti per la Valle d’Aosta, “in particolar modo per la qualità ambientale delle destinazioni”. Le perle alpine si impegnano a facilitare “modalità di accesso tramite mezzi pubblici e qualsiasi altra formula diversa dall’automobile”, continua Pastoret. In Valle d’Aosta l’esempio principe è Chamois: piccolo borgo a 1800 metri d’altitudine, raggiungibile solo con la funivia. Valerio Dell’Amico, assessore al Turismo del comune di Chamois, spiega: “Siamo l’unico comune in Italia che non ha strade percorribili dalle auto: una scelta che i cittadini di Chamois fecero negli anni Cinquanta e che si è  rivelata vincente. Come Perla alpina, Chamois lavorerà a rispettare i criteri per una mobilità dolce, che privilegia navette pubbliche, biciclette, cavalli”.

Chamois d'inverno
L’associazione prevede di creare un marchio di certificazione ecologica che ispiri i progetti futuri di tutela ambientale e conta di avviare attività di marketing e promozione turistica condivise, per tutti i comuni “perle”. Per Ennio Pastoret “il progetto si è rivelato un efficace strumento di sensibilizzazione a favore dei sistemi di trasporto pubblico nei centri alpini, che devono essere preservati dall’invasione dei flussi di traffico a vantaggio della vivibilità e di una migliore qualità della vita. Perle Alpine può diventare una valida occasione di confronto per avviare utili riflessioni tra i rappresentanti delle regioni e delle comunità locali con l’obbietivo di sviluppare scelte strategiche condivise e basso impatto ambientale, per valorizzare ulteriormente siti ambientali di grande interesse naturalistico e turistico”.

Per informazioni: http://www.alpine-pearls.com
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Ritratti al femminile
8 marzo ore 21
Sci e alpinismo sul Gran Paradiso
Dal 10 gennaio 2015 al 25 aprile 2015
Offerte di viaggio
India e Nepal
L'isola del cioccolato
Pasqua Lago di Bled e Lubiana
NOTIZIE
27/02/15 - Sport
Dal 5 al 7 marzo la “Super Classica” ACI vedrà sfidarsi lungo strade panoramiche...
27/02/15 - Bambini e ragazzi
Tutti a bordo. I ragazzi potranno andare a lezione di educazione ambientale su un’aula di una...
27/02/15 - Voli
Delta Air Lines potenzierà dal prossimo mese i collegamenti fra l’Italia e il John F....
27/02/15 - Arte
Moda e tecnologia, due sinergici fiori all’occhiello di Milano. La città meneghina nel...
27/02/15 - Fiere
L’appuntamento primaverile di Mercanteinfiera promette un ricco parterre. Questa fiera...
Commentari Santambroginici Milanesi. Turistici e non
Come sempre l'inizio dei Festeggiamenti Milanesi per Sant’Ambrogio non prometteva nulla di...
Amarcord del mondo viaggiatorio milanese
Nel precedente Amarcord ho narrato la Historia del Turismo Spagnolo a Milano, una lunga vicenda...
Edward Hopper, pittore
Annunciata e attesa da mesi la mostra di Edward Hopper a palazzo Reale di Milano è ora...
Quando la Notte si tinge di Rosa
Spegne le prime cinque candeline la Notte Rosa, la festa che animerà il prossimo 2 luglio le...
Niki Lauda "ri-vola" con successo
Bilanci chiusi con segno più per quattro anni consecutivi e volume dei passeggeri in aumento. In...
Sempre più complicato volare
La IATA (l’associazione delle Compagnie Aeree) ha stabilito con la Risoluzione 302,...
Pirenei (Spagnoli) a Milano...
Ormai vecchio (quando non antico) cronista, tendo, come tutti i vecchi, alla ricerca della...
Il turismo responsabile in Italia: cosa ne frena lo...
L’interesse per il turismo responsabile e sostenibile è cresciuto sensibilmente negli...
L'Ambroginho a Mourinho. Sapevate che...
Sapevate che... Visto che, avvicinandosi Sant'Ambrogio (7 dicembre), tutti propongono "a capocchia"...
Porta l'anima in vacanza
Vacanze dell’Anima torna dal 20 al 24 luglio, fra Asolo e Montebelluna nella Marca...
Le edicole di Milano diventano "infopoint"
Mancano appena 390 giorni a Expo 2015 e anche le edicole milanesi cambiano in vista di tale evento:...
LIBRI E GUIDE
La dieta dell'acqua di Nicola Sorrentino, con Paola Gambino, Salani Editore. Euro 12,90
Il bambino scambiato di Kenzaburo Oe, Garzanti, pagine 448, Euro 24.00.
TUTTI I DOSSIER
1.400887966156