Mercoledì 17 Settembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Mobilità sostenibile per le Perle delle Alpi
Diciassette località di montagna, in Francia, Austria, Svizzera, Italia, Germania, continuano il progetto comunitario per turismo e trasporti a basso tasso d’inquinamento
di Claudia Silivestro

Chamois d'estate
Diciassette borghi e località di montagna si impegnano a promuovere un turismo sostenibile ed ecologico: sono le “alpine pearls”, le Perle alpine, che hanno costituito l’associazione omonima e partiranno a breve con iniziative comuni. Italia, Francia, Svizzera e Germania hanno scelto di proseguire il percorso avviato con il progetto interregionale, finanziato in parte da fondi comunitari e in parte dalle regioni dei singoli paesi e chiuso ufficialmente il 21 agosto. Il piano ha definito i criteri in base ai quali una località può definirsi “perla alpina” e ha delineato gli obiettivi. Ora si tratta di continuare, per diciassette comuni che attraversano l’intero arco alpino da Est a Ovest: Bad Reichenhall e Berchtesgaden, tedesche; Werfenweng, austriaca; la francese Les Gets e le svizzere Arosa e Interlaken. Per l’Italia, in Veneto partecipano al progetto Pieve di Cadore e Feltre; Ratschings,  Villnoss, Tiers, Steinegg, Welschnofen e Deutschnofen per la provincia di Bolzano; Sauris e Forni di Sopra per il Friuli Venezia Giulia e Chamois per la Valle d’Aosta. 

Ennio Pastoret
“L’obiettivo dell’associazione è disegnare un’offerta turistica ecocompatibile e coordinata”, ha detto Ennio Pastoret, assessore regionale a Turismo, Sport, Commercio e Trasporti per la Valle d’Aosta, “in particolar modo per la qualità ambientale delle destinazioni”. Le perle alpine si impegnano a facilitare “modalità di accesso tramite mezzi pubblici e qualsiasi altra formula diversa dall’automobile”, continua Pastoret. In Valle d’Aosta l’esempio principe è Chamois: piccolo borgo a 1800 metri d’altitudine, raggiungibile solo con la funivia. Valerio Dell’Amico, assessore al Turismo del comune di Chamois, spiega: “Siamo l’unico comune in Italia che non ha strade percorribili dalle auto: una scelta che i cittadini di Chamois fecero negli anni Cinquanta e che si è  rivelata vincente. Come Perla alpina, Chamois lavorerà a rispettare i criteri per una mobilità dolce, che privilegia navette pubbliche, biciclette, cavalli”.

Chamois d'inverno
L’associazione prevede di creare un marchio di certificazione ecologica che ispiri i progetti futuri di tutela ambientale e conta di avviare attività di marketing e promozione turistica condivise, per tutti i comuni “perle”. Per Ennio Pastoret “il progetto si è rivelato un efficace strumento di sensibilizzazione a favore dei sistemi di trasporto pubblico nei centri alpini, che devono essere preservati dall’invasione dei flussi di traffico a vantaggio della vivibilità e di una migliore qualità della vita. Perle Alpine può diventare una valida occasione di confronto per avviare utili riflessioni tra i rappresentanti delle regioni e delle comunità locali con l’obbietivo di sviluppare scelte strategiche condivise e basso impatto ambientale, per valorizzare ulteriormente siti ambientali di grande interesse naturalistico e turistico”.

Per informazioni: http://www.alpine-pearls.com
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Sport & Spa tra le Dolomiti
Dal 7 settembre al 3 novembre 2014
Gusto ad Alta Quota sulle Dolomiti
Dal 17 maggio all'1 novembre 2014
Offerte di viaggio
Crociera nel Mediterraneo Occidentale
Halloween alla ricerca dell'Aurora Boreale
Self drive in moto lungo la Route 66
NOTIZIE
17/09/14 - Fiere
La quattordicesima edizione di NoFrills, in calendario alla Fiera di Bergamo il 26 e 27 settembre,...
17/09/14 - Showcase
Il Columbus Day (12 ottobre) segnerà l’inizio di una serie di eventi che vedranno ENIT...
17/09/14 - Consumi
Skyscanner, portale che si occupa della ricerca di viaggi online, ha lanciato una nuova guida sui...
17/09/14 - Tecnologia
Martedì 16 settembre in occasione della Vogue Fashion Night Out di Milano ha debuttato...
16/09/14 - Enogastronomia
A pochi minuti dalla città d'arte di Verona, nella parte orientale della Pedemontana...
L'opificio toscano di John Malkovich
Essere John Malkovich non sarà più solo il titolo di un film. Dal 15 giugno, infatti,...
Spigolando tra turismo e dintorni
Sapevate che… In Italia ci sono "circa" 10.000 agenzie di viaggi?Niente paura. Grazie a una corposa...
Volare facile
Secondo Giovanni Bisignani, direttore generale uscente della Iata, la sicurezza dei voli costa 4,7...
Dov'è finito il "ragiunàtt"? Sapevate che...
Sapevate che... Nessuno fa più il capocontabile (antan detto anche ragiunàtt) o il...
La scommessa del turismo sociale
Viaggiare con i Cral, gli oratori e le associazioni potrebbe essere una delle soluzioni alla crisi...
Spigolando tra turismo e dintorni. Sapevate che...
Sapevate che... Siamo stati (anche noi) alla Bit? Eh sì, da sedicenti cronisti turistici...
Sefarad, i "luoghi" della Spagna ebraica
Narrate, nella precedente puntata, le vicende storiche della presenza ebraica in Spagna, non resta...
Turismo: industria del terzo millennio
Sapevate che… Il Governo ha deciso il “Rilancio del Turismo” puntando sulla...
Continuano a cantarcela e a darcela a bere. Sapevate che...
Sapevate che... Questa rubrica Gossip fa semplicemente pena? Una prova? Non una: eccone tre! Il...
Invito al viaggio su rotaia
Fino a domenica 30 gennaio Arenaways applicherà la tariffa ridotta di 10 euro per la tratta...
Openart 2008, scultura nel parco di Roveredo
Apre dal 26 luglio al 5 ottobre Openart 2008, esposizione di scultura contemporanea all'aperto a...
LIBRI E GUIDE
NUR. La luce nascosta dell'Afghanistan di MoniKa Bulaj, Editore Electa, pagine 256, 163 illustrazioni, Euro 39,00.
La semplicità delle piccole cose. Ricordi ed emozioni di Agostino Picicco, editore ED Insieme, Terlizzi (Ba), pagine 160, Euro 10,00.
TUTTI I DOSSIER
1.2117319107056