Martedì 21 Aprile 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Friuli, vita nei monti
All’imbocco delle valli Carniche, Tolmezzo ospita uno dei musei etnografici più interessanti d’Europa. E' il Museo Carnico delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Palazzo Campeis, un edificio seicentesco situato nel centro della città
di Graziano Capponago del Monte

Museo Carnico delle Arti Popolari, interno
Il museo è dedicato al professor Michele Gortani, docente di geologia all'Università di Bologna. A far data dai primi anni del Novecento, Gortani comincia a raccogliere, catalogare e studiare oggetti della vita quotidiana in Carnia. L’intera collezione, dopo la sua morte, unitamente alla biblioteca e all'abitazione nella quale ha vissuto è divenuta prezioso retaggio della comunità carnica.
La visita rappresenta un’escursione nel tempo e nella storia della Carnia.
“Fogolar” ricchi e poveri
Cucina
Sono esposti oltre quattromila oggetti comuni che ripercorrono la vita quotidiana dei ricchi (pochi) e dei poveri (la maggioranza) in modo semplice e preciso.
“Fogolar Furlan” è il nome dell'associazione che, in tutto il mondo, riunisce i friulani lontani da casa. Il nome non è una semplice coincidenza, considerato che la cucina (fogolar) era il luogo più importante dell'abitazione e insieme quello più caldo nelle lunghe notti invernali.  
Nel museo ne sono state ricostruite fedelmente due: una proviene da Casa Fabiani, una ricca abitazione di Paularo; nella ricchezza e ricercatezza delle suppellettili trova conferma la disponibilità finanziaria della famiglia, testimoniata dai grandi alari in ferro battuto e da alcuni “pezzi” pregiati della batteria da cucina, quali ad esempio un’apposita pentola per cuocere il pesce, oppure i piatti di peltro.
La seconda cucina è invece più modesta ed è stata allestita con oggetti per la casa provenienti da diverse località carniche.
“Furlani” in posa
Stanza da letto
Naturalmente sono stati ricostruiti anche gli altri ambienti della casa. Le camere da letto con i massicci armadi in legno, completi di cassetti segreti per riporvi i valori, i piccoli oggetti devozionali e i quadri.
Un nucleo molto interessante del museo riguarda proprio i dipinti (un centinaio) tra i quali spiccano degli ingenui ritratti di famiglia, con i personaggi visti di fronte. Generalmente gli uomini sono raffigurati con un documento fra le mani, simbolo di
persona impegnata, mentre le donne hanno le chiavi, a far intendere che la cura e il buon funzionamento della casa era compito loro.
Tutti sono raffigurati con ricchezza di particolari dell’abbigliamento, acconciature e ornamenti. C'è persino una pubblicità di fine Ottocento: una specie di fumetto che raffigura due donne con un figlio piccolo. Una è giovane e porta in seno un bambino di dimensioni normali per la sua età. L'altra, come indica la scrittura che la sovrasta, è una donna più attempata e il suo bambino, con tutta probabilità allattato artificialmente, è molto più grande dell'altro, pur essendo più giovane!
Un’altra sezione ospita una ricca collezione di maschere in legno, quelle utilizzate ancora oggi durante il carnevale di Sauris. A saperle leggere raccontano molto, come per esempio la donna gozzuta per carenza di iodio, malattia questa tipica delle valli alpine, oppure tipi “strani” che hanno prestato il loro volto per la rappresentazione simbolica.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 
Week-end e tempo libero
Trenino 100 valli & Laghi
Dal 1 al 3 maggio 2015 - Quota da € 298,00
Castelli del Ducato di Parma
Dal 25 al 26 aprile 2015 – Quota da € 192,00
Offerte di viaggio
Cultura e benessere in Slovenia
India e Nepal
L'isola del cioccolato
NOTIZIE
21/04/15 - All'aria aperta
Torna a fiorire la 'città ideale': dall'1 al 10 maggio si svolgerà la...
20/04/15 - Mostre
Ridare linfa ai dipinti dimenticati nei sotterranei della Pinacoteca nazionale di Bologna con un...
20/04/15 - I luoghi della fede
Trascorsi appena 5 anni dalla sua ultima ostensione, la Sacra Sindone, il velo che la tradizione...
20/04/15 - Fiere
Sboccia la Primavera e Cetona, ridente borgo in provincia di Siena,  si trasforma in un grande...
20/04/15 - Arte
Fino al 3 maggio Villa Carlotta, museo e giardino botanico in provincia di Como, ospita la mostra...
Uzbekistan, da Tamerlano alla Matiz
Le “Daewoo Matiz” e le “Lada Zigulì”. Due auto agli antipodi, per stile, design, prestazioni. La...
Bruxelles, Capitale d'Europa e dei Fumetti
Non solo birra, Manneken-Pis, la Grand-Place e il Parlamento Europeo. A Bruxelles, nell'anno...
Valsesia, la "valle dell’acqua"
La notizia è curiosa: il rifugio Margherita sul gruppo del Rosa, a 4554 metri, ospiterà una...
Shamwari: animali in libertà e scuola di vita
  Il Sudafrica è quasi un subcontinente, per ampiezza e biodiversità: non per...
La Habana alla scoperta della Cuba spagnola
  Nelle due precedenti puntate, la “traduzione” del titolo "Cuba, spaghetti in...
In gita col Normanno
Il duomo di Monreale l’ho visto con il sole, in compagnia di un ragazzo bello come il sole....
Mosca: lungo la Via degli zar
Cinque mari si collegano a Mosca attraverso i suoi grandi fiumi che scorrono da nord a sud (solo...
Cuba il coccodrillo dei caraibi
  Ultimato il “Seminario Spaghettato” (come già informato: in un Meeting...
Parco Naturale di Bohinj, dove natura e sport sono in...
  Vista la stagione la scelta della vettura per il viaggio è caduta sulla Mitsubishi...
Alla scoperta dell'Estonia
Non è facile essere piccoli e vivere con vicini poco tranquilli come danesi, polacchi,...
Messico, tra luoghi storici e personaggi
Ha già raggiunto la 3ª puntata (e avendo raccontato Città del Messico e Tlaxcla...
LIBRI E GUIDE
Il bambino scambiato di Kenzaburo Oe, Garzanti, pagine 448, Euro 24.00.
Andare a piedi Filosofia del Camminare di Frédéric Gros, Garzanti, pagine 232, Euro 14,90.
TUTTI I DOSSIER
0.19735598564148