Domenica 23 Novembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Friuli, vita nei monti
All’imbocco delle valli Carniche, Tolmezzo ospita uno dei musei etnografici più interessanti d’Europa. E' il Museo Carnico delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Palazzo Campeis, un edificio seicentesco situato nel centro della città
di Graziano Capponago del Monte

Museo Carnico delle Arti Popolari, interno
Il museo è dedicato al professor Michele Gortani, docente di geologia all'Università di Bologna. A far data dai primi anni del Novecento, Gortani comincia a raccogliere, catalogare e studiare oggetti della vita quotidiana in Carnia. L’intera collezione, dopo la sua morte, unitamente alla biblioteca e all'abitazione nella quale ha vissuto è divenuta prezioso retaggio della comunità carnica.
La visita rappresenta un’escursione nel tempo e nella storia della Carnia.
“Fogolar” ricchi e poveri
Cucina
Sono esposti oltre quattromila oggetti comuni che ripercorrono la vita quotidiana dei ricchi (pochi) e dei poveri (la maggioranza) in modo semplice e preciso.
“Fogolar Furlan” è il nome dell'associazione che, in tutto il mondo, riunisce i friulani lontani da casa. Il nome non è una semplice coincidenza, considerato che la cucina (fogolar) era il luogo più importante dell'abitazione e insieme quello più caldo nelle lunghe notti invernali.  
Nel museo ne sono state ricostruite fedelmente due: una proviene da Casa Fabiani, una ricca abitazione di Paularo; nella ricchezza e ricercatezza delle suppellettili trova conferma la disponibilità finanziaria della famiglia, testimoniata dai grandi alari in ferro battuto e da alcuni “pezzi” pregiati della batteria da cucina, quali ad esempio un’apposita pentola per cuocere il pesce, oppure i piatti di peltro.
La seconda cucina è invece più modesta ed è stata allestita con oggetti per la casa provenienti da diverse località carniche.
“Furlani” in posa
Stanza da letto
Naturalmente sono stati ricostruiti anche gli altri ambienti della casa. Le camere da letto con i massicci armadi in legno, completi di cassetti segreti per riporvi i valori, i piccoli oggetti devozionali e i quadri.
Un nucleo molto interessante del museo riguarda proprio i dipinti (un centinaio) tra i quali spiccano degli ingenui ritratti di famiglia, con i personaggi visti di fronte. Generalmente gli uomini sono raffigurati con un documento fra le mani, simbolo di
persona impegnata, mentre le donne hanno le chiavi, a far intendere che la cura e il buon funzionamento della casa era compito loro.
Tutti sono raffigurati con ricchezza di particolari dell’abbigliamento, acconciature e ornamenti. C'è persino una pubblicità di fine Ottocento: una specie di fumetto che raffigura due donne con un figlio piccolo. Una è giovane e porta in seno un bambino di dimensioni normali per la sua età. L'altra, come indica la scrittura che la sovrasta, è una donna più attempata e il suo bambino, con tutta probabilità allattato artificialmente, è molto più grande dell'altro, pur essendo più giovane!
Un’altra sezione ospita una ricca collezione di maschere in legno, quelle utilizzate ancora oggi durante il carnevale di Sauris. A saperle leggere raccontano molto, come per esempio la donna gozzuta per carenza di iodio, malattia questa tipica delle valli alpine, oppure tipi “strani” che hanno prestato il loro volto per la rappresentazione simbolica.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Luminarie di Salerno, Amalfi e Napoli
Dal 5 all'8 dicembre 2014
Piante da mordere
Valido fino al 28 novembre 2014
Offerte di viaggio
Crociera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
Ultimo dell'anno in Baviera
Alla scoperta dell'Iran
NOTIZIE
21/11/14 - Curiosità
Cerchiamo di sfatare insieme cinque miti sull’Australia, terra lontana che attira ogni anno...
21/11/14 - Eventi e mostre
Dal 20 novembre 2014 a fine gennaio 2015 chi attraverserà la Galleria San Federico a Torino...
21/11/14 - Fiere
Da giovedì 4 dicembre a lunedì 8 dicembre 2014, il Palazzo dei Congressi di Roma...
21/11/14 - Salute
Domenica 23 novembre 2014 si svolgerà a San Vendemiano (TV) la prima edizione della...
20/11/14 - Ambiente
Si svolgerà questa sera alle ore 18.00 presso il museo di Casa Martelli di Firenze...
"Al Andalus", il regale treno della Spagna del sud
Non per vantarmi (n.b.: abbasso la falsa modestia, tanto disdicevole quanto il suo opposto,...
Utrecht. Tanto in poco spazio
Gli italiani che ogni anno visitano l’Olanda sono numerosi. Per qualche strano motivo,...
La Tunisia cerca nuove opportunità
  L'Ente del Turismo tunisino in Italia, diretto da Neji Ben Othmane, ha organizzato un...
Mumbai-Bombay, lo storico "Gateway of India"
  Il nome Mumbai deriva da quello della divinità Mumbadevi, adorata dai Koli, antichi...
Villach, nelle viscere del Laconium
Al Thermen Resort Warmbad di Villach il soggiorno è particolarmente dedicato a quanti amano...
Casentino, valle di boschi e di arte
Consultando una guida turistica ci accorgiamo che questa è una ricchissima terra d'arte. Per...
Mirleft, abbracciati dall'oceano
Dopo un paio di giorni è ora di lasciare Marrakech per iniziare ad avvicinarci al deserto,...
Loira, tra Castelli e Strade del Vino
Visitare la Loira con i suoi fiabeschi e armoniosi paesaggi, intrisi di storia e di natura,...
India, sulle strade del Rajasthan
  Proseguo la narrazione della mia gita in India a riscoprire (vi andai quando si facevano...
Val Camastra. La montagna è di casa
Sotto un cielo gonfio di nuvole, nell’ora di un tiepido tramonto primaverile, i vicoli di...
Cork, giovane e colta
  È la seconda città più grande della Repubblica irlandese dopo Dublino e...
LIBRI E GUIDE
Cosa vuoi fare da grande di Ivan Baio e Angelo Orlando Meloni, Del Vecchio Editore, pagine 184, Euro 12,00.
Le storie dietro le fotografie di Steve McCurry, Electa-Phaidon, pagine 264, 320 illustrazioni, euro 59,00.
TUTTI I DOSSIER
1.1578578948975