Giovedì 27 Novembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Friuli, vita nei monti
All’imbocco delle valli Carniche, Tolmezzo ospita uno dei musei etnografici più interessanti d’Europa. E' il Museo Carnico delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Palazzo Campeis, un edificio seicentesco situato nel centro della città
di Graziano Capponago del Monte

Museo Carnico delle Arti Popolari, interno
Il museo è dedicato al professor Michele Gortani, docente di geologia all'Università di Bologna. A far data dai primi anni del Novecento, Gortani comincia a raccogliere, catalogare e studiare oggetti della vita quotidiana in Carnia. L’intera collezione, dopo la sua morte, unitamente alla biblioteca e all'abitazione nella quale ha vissuto è divenuta prezioso retaggio della comunità carnica.
La visita rappresenta un’escursione nel tempo e nella storia della Carnia.
“Fogolar” ricchi e poveri
Cucina
Sono esposti oltre quattromila oggetti comuni che ripercorrono la vita quotidiana dei ricchi (pochi) e dei poveri (la maggioranza) in modo semplice e preciso.
“Fogolar Furlan” è il nome dell'associazione che, in tutto il mondo, riunisce i friulani lontani da casa. Il nome non è una semplice coincidenza, considerato che la cucina (fogolar) era il luogo più importante dell'abitazione e insieme quello più caldo nelle lunghe notti invernali.  
Nel museo ne sono state ricostruite fedelmente due: una proviene da Casa Fabiani, una ricca abitazione di Paularo; nella ricchezza e ricercatezza delle suppellettili trova conferma la disponibilità finanziaria della famiglia, testimoniata dai grandi alari in ferro battuto e da alcuni “pezzi” pregiati della batteria da cucina, quali ad esempio un’apposita pentola per cuocere il pesce, oppure i piatti di peltro.
La seconda cucina è invece più modesta ed è stata allestita con oggetti per la casa provenienti da diverse località carniche.
“Furlani” in posa
Stanza da letto
Naturalmente sono stati ricostruiti anche gli altri ambienti della casa. Le camere da letto con i massicci armadi in legno, completi di cassetti segreti per riporvi i valori, i piccoli oggetti devozionali e i quadri.
Un nucleo molto interessante del museo riguarda proprio i dipinti (un centinaio) tra i quali spiccano degli ingenui ritratti di famiglia, con i personaggi visti di fronte. Generalmente gli uomini sono raffigurati con un documento fra le mani, simbolo di
persona impegnata, mentre le donne hanno le chiavi, a far intendere che la cura e il buon funzionamento della casa era compito loro.
Tutti sono raffigurati con ricchezza di particolari dell’abbigliamento, acconciature e ornamenti. C'è persino una pubblicità di fine Ottocento: una specie di fumetto che raffigura due donne con un figlio piccolo. Una è giovane e porta in seno un bambino di dimensioni normali per la sua età. L'altra, come indica la scrittura che la sovrasta, è una donna più attempata e il suo bambino, con tutta probabilità allattato artificialmente, è molto più grande dell'altro, pur essendo più giovane!
Un’altra sezione ospita una ricca collezione di maschere in legno, quelle utilizzate ancora oggi durante il carnevale di Sauris. A saperle leggere raccontano molto, come per esempio la donna gozzuta per carenza di iodio, malattia questa tipica delle valli alpine, oppure tipi “strani” che hanno prestato il loro volto per la rappresentazione simbolica.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Vivi il Natale al Bioparco di Roma
Valido dal 22 dicembre 2014 al 07 gennaio 2015
Relax tra terme e montagne
Valido fino al 30 novembre 2014
Offerte di viaggio
L'isola del cioccolato
Un nuovo anno in Thailandia
Australia Fantastica con Chiariva
NOTIZIE
27/11/14 - Feste e folclore
Ogni anno il 4° giovedì di Novembre ogni Americano festeggia la celebrazione del Giorno...
26/11/14 - Gastronomia
Domenica 30 novembre, è in programma la 18esima edizione della “Sagra della...
26/11/14 - Mostre
Oltre sessanta opere della collezione Galvagno ripercorrono il secolo breve ad Agrigento dal...
26/11/14 - Cinema
Il cinema in lingua originale è una consuetudine all’Institut Français di...
26/11/14 - Italia centro
Si svolgerà presso l’Oratorio della Carità di Fabriano, domani 27 novembre, il...
Londra, ombelico del mondo
Un vero centro urbano, nel senso più italiano del termine, non esiste. Ve ne sono invece...
Sulla Via dei Lussemburgo
Carlo IV, re boemo e tedesco, nonché imperatore del Sacro Romano Impero, fu nel XIV secolo...
Nella Terra di Dio, l'incontro con una tessitrice d'amore
È bastata la fortuna di poter entrare nella dimora di una tessitrice e ascoltare la sua...
La città dell'alabastro
Alle prime luci dell'alba la Val di Cecina appare come una terra irreale, sospesa nelle nebbie...
Costa Blanca, di tutto un po'
L’estate è ormai arrivata e con essa la voglia di evadere dalla quotidianità...
Valli di Comacchio, create dal Po e dal mare
È una piacevole sorpresa ritrovarsi in un ambiente così diverso. Diverso dalle vicine...
Libia. Il cielo stellato sopra di noi...
Appena tornato a casa la domanda che tutti, parenti, amici e conoscenti mi hanno fatto è:...
Bruxelles, Capitale d'Europa e dei Fumetti
Non solo birra, Manneken-Pis, la Grand-Place e il Parlamento Europeo. A Bruxelles, nell'anno...
Furlo…presi per la gola
Lungo la via Flaminia che unisce Roma a Rimini si incontra la Gola del Furlo. Ci troviamo nel cuore...
Dessau (e Weimar) sulle tracce di Gropius
La Staatliches Bauhaus, cioè "scuola di arte e architettura", nasce a Weimar, nel 1919. La nuova...
Bali, l'isola degli Dei
È paradossale che il terrorismo sia arrivato a colpire uno dei popoli più miti del mondo. Dove,...
LIBRI E GUIDE
Io sono un mito di Francesca Bonazzoli, Michele Robecchi, Electa, pagine 144, illustrazioni 175, Euro 19,90.
NUR. La luce nascosta dell'Afghanistan di MoniKa Bulaj, Editore Electa, pagine 256, 163 illustrazioni, Euro 39,00.
TUTTI I DOSSIER
2.0448138713837