Giovedì 5 Marzo 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Friuli, vita nei monti
All’imbocco delle valli Carniche, Tolmezzo ospita uno dei musei etnografici più interessanti d’Europa. E' il Museo Carnico delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Palazzo Campeis, un edificio seicentesco situato nel centro della città
di Graziano Capponago del Monte

Museo Carnico delle Arti Popolari, interno
Il museo è dedicato al professor Michele Gortani, docente di geologia all'Università di Bologna. A far data dai primi anni del Novecento, Gortani comincia a raccogliere, catalogare e studiare oggetti della vita quotidiana in Carnia. L’intera collezione, dopo la sua morte, unitamente alla biblioteca e all'abitazione nella quale ha vissuto è divenuta prezioso retaggio della comunità carnica.
La visita rappresenta un’escursione nel tempo e nella storia della Carnia.
“Fogolar” ricchi e poveri
Cucina
Sono esposti oltre quattromila oggetti comuni che ripercorrono la vita quotidiana dei ricchi (pochi) e dei poveri (la maggioranza) in modo semplice e preciso.
“Fogolar Furlan” è il nome dell'associazione che, in tutto il mondo, riunisce i friulani lontani da casa. Il nome non è una semplice coincidenza, considerato che la cucina (fogolar) era il luogo più importante dell'abitazione e insieme quello più caldo nelle lunghe notti invernali.  
Nel museo ne sono state ricostruite fedelmente due: una proviene da Casa Fabiani, una ricca abitazione di Paularo; nella ricchezza e ricercatezza delle suppellettili trova conferma la disponibilità finanziaria della famiglia, testimoniata dai grandi alari in ferro battuto e da alcuni “pezzi” pregiati della batteria da cucina, quali ad esempio un’apposita pentola per cuocere il pesce, oppure i piatti di peltro.
La seconda cucina è invece più modesta ed è stata allestita con oggetti per la casa provenienti da diverse località carniche.
“Furlani” in posa
Stanza da letto
Naturalmente sono stati ricostruiti anche gli altri ambienti della casa. Le camere da letto con i massicci armadi in legno, completi di cassetti segreti per riporvi i valori, i piccoli oggetti devozionali e i quadri.
Un nucleo molto interessante del museo riguarda proprio i dipinti (un centinaio) tra i quali spiccano degli ingenui ritratti di famiglia, con i personaggi visti di fronte. Generalmente gli uomini sono raffigurati con un documento fra le mani, simbolo di
persona impegnata, mentre le donne hanno le chiavi, a far intendere che la cura e il buon funzionamento della casa era compito loro.
Tutti sono raffigurati con ricchezza di particolari dell’abbigliamento, acconciature e ornamenti. C'è persino una pubblicità di fine Ottocento: una specie di fumetto che raffigura due donne con un figlio piccolo. Una è giovane e porta in seno un bambino di dimensioni normali per la sua età. L'altra, come indica la scrittura che la sovrasta, è una donna più attempata e il suo bambino, con tutta probabilità allattato artificialmente, è molto più grande dell'altro, pur essendo più giovane!
Un’altra sezione ospita una ricca collezione di maschere in legno, quelle utilizzate ancora oggi durante il carnevale di Sauris. A saperle leggere raccontano molto, come per esempio la donna gozzuta per carenza di iodio, malattia questa tipica delle valli alpine, oppure tipi “strani” che hanno prestato il loro volto per la rappresentazione simbolica.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Emancipazione femminile
Dal 3 al 12 marzo
Fiera Creattiva
Dal 05 al 08 marzo 2015
Offerte di viaggio
India e Nepal
Australia Fantastica con Chiariva
Pasqua in Oman
NOTIZIE
05/03/15 - Turismo
In Repubblica Dominicana si è appena concluso un seminario dal titolo “Il percorso...
05/03/15 - Mostre
Dal 6 marzo al 5 luglio il Palazzo Ducale di Venezia ospiterà la mostra “Henri...
05/03/15 - Natura
Locarno ospita uno dei più ricchi parchi di camelie a livello internazionale e anche una...
05/03/15 - Parchi a tema
Ricon de la Victoria in Spagna ospiterà un parco a tema basato sulle avventure del Signore...
05/03/15 - Cataloghi
La terza edizione 2015 catalogo “Villaggi Veraclub”, nella sua versione cartacea,...
Gorgonzola. Del formaggio, solo il "nome"
Il noto formaggio "gorgonzola" ormai conosciuto in quasi tutto il mondo è nato alle porte di...
Kenya, l'ultima Africa a Kitich Camp
Mathews Range? Un punto interrogativo e facce perplesse sono le risposte alle domande su dove sia...
Ucraina, il bello dell' "arancio"
Questo viaggio è davvero strano. E' come entrare in un mondo sconosciuto di cui si sa davvero poco....
Stoccolma e l'arcipelago infinito
Arrivando a Stoccolma in aereo, poco prima dell'atterraggio si passa sopra una grande insenatura,...
La vivacissima "Tigre" malese
L'obiettivo è preciso e ambizioso: entrare a far parte nel 2020 dei paesi più...
Tanzania, gioiello d'Africa
‘Le voci degli animali in libertà hanno un altro suono, più minaccioso certo ma...
In Messico, nella piccola e viva Tlaxcala
Arruolato in una bella gita nel Messico da Konratravel (baldo tour operator romano che...
Franciacorta bollicine per i Papi
  Alla Montina ci si va per il vino, ma una volta arrivati  – nella tenuta di 72...
Penisola di Valdes, la natura a portata di mano
Un viaggio lungo diciassette ore, che da Buenos Aires ci porta verso sud, in Patagonia, è il...
Valence, fra Rodano e Provenza
Valence è stata per decenni una classica ville étape. I francesi del nord che si...
Canton, l'artiglio del Dragone
Rumorosa, caotica, inquinata, trafficata. Devastata ma ancora ricca di un fascino antico. Canton. O...
LIBRI E GUIDE
In Viaggio di Laura Gemini, FrancoAngeli, pagine 176, Euro 21,00.
La dieta dell'acqua di Nicola Sorrentino, con Paola Gambino, Salani Editore. Euro 12,90
TUTTI I DOSSIER
1.7460770606995