Lunedì 22 Dicembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Friuli, vita nei monti
All’imbocco delle valli Carniche, Tolmezzo ospita uno dei musei etnografici più interessanti d’Europa. E' il Museo Carnico delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Palazzo Campeis, un edificio seicentesco situato nel centro della città
di Graziano Capponago del Monte

Museo Carnico delle Arti Popolari, interno
Il museo è dedicato al professor Michele Gortani, docente di geologia all'Università di Bologna. A far data dai primi anni del Novecento, Gortani comincia a raccogliere, catalogare e studiare oggetti della vita quotidiana in Carnia. L’intera collezione, dopo la sua morte, unitamente alla biblioteca e all'abitazione nella quale ha vissuto è divenuta prezioso retaggio della comunità carnica.
La visita rappresenta un’escursione nel tempo e nella storia della Carnia.
“Fogolar” ricchi e poveri
Cucina
Sono esposti oltre quattromila oggetti comuni che ripercorrono la vita quotidiana dei ricchi (pochi) e dei poveri (la maggioranza) in modo semplice e preciso.
“Fogolar Furlan” è il nome dell'associazione che, in tutto il mondo, riunisce i friulani lontani da casa. Il nome non è una semplice coincidenza, considerato che la cucina (fogolar) era il luogo più importante dell'abitazione e insieme quello più caldo nelle lunghe notti invernali.  
Nel museo ne sono state ricostruite fedelmente due: una proviene da Casa Fabiani, una ricca abitazione di Paularo; nella ricchezza e ricercatezza delle suppellettili trova conferma la disponibilità finanziaria della famiglia, testimoniata dai grandi alari in ferro battuto e da alcuni “pezzi” pregiati della batteria da cucina, quali ad esempio un’apposita pentola per cuocere il pesce, oppure i piatti di peltro.
La seconda cucina è invece più modesta ed è stata allestita con oggetti per la casa provenienti da diverse località carniche.
“Furlani” in posa
Stanza da letto
Naturalmente sono stati ricostruiti anche gli altri ambienti della casa. Le camere da letto con i massicci armadi in legno, completi di cassetti segreti per riporvi i valori, i piccoli oggetti devozionali e i quadri.
Un nucleo molto interessante del museo riguarda proprio i dipinti (un centinaio) tra i quali spiccano degli ingenui ritratti di famiglia, con i personaggi visti di fronte. Generalmente gli uomini sono raffigurati con un documento fra le mani, simbolo di
persona impegnata, mentre le donne hanno le chiavi, a far intendere che la cura e il buon funzionamento della casa era compito loro.
Tutti sono raffigurati con ricchezza di particolari dell’abbigliamento, acconciature e ornamenti. C'è persino una pubblicità di fine Ottocento: una specie di fumetto che raffigura due donne con un figlio piccolo. Una è giovane e porta in seno un bambino di dimensioni normali per la sua età. L'altra, come indica la scrittura che la sovrasta, è una donna più attempata e il suo bambino, con tutta probabilità allattato artificialmente, è molto più grande dell'altro, pur essendo più giovane!
Un’altra sezione ospita una ricca collezione di maschere in legno, quelle utilizzate ancora oggi durante il carnevale di Sauris. A saperle leggere raccontano molto, come per esempio la donna gozzuta per carenza di iodio, malattia questa tipica delle valli alpine, oppure tipi “strani” che hanno prestato il loro volto per la rappresentazione simbolica.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
I Mercatini di Natale di Levico Terme
Valido dal 22 novembre 2014 al 06 gennaio 2015
Vivi il Natale al Bioparco di Roma
Valido dal 22 dicembre 2014 al 07 gennaio 2015
Offerte di viaggio
Capodanno da favola a New York
Carinzia: l'inverno è donna!
Ultimo dell'anno in Baviera
NOTIZIE
22/12/14 - Curiosità
Il London City Airport ha messo a disposizione dei passeggeri un originale servizio per inviare...
19/12/14 - Festival
Dal 26 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015 ritorna a Genova e Rapallo il Circumnavigando Festival, la...
19/12/14 - Mostre
Il Museo Nazionale del Cinema di Torino rimarrà aperto per tutte le festività,...
19/12/14 - Mostre
Sabato 20 dicembre 2014, alle ore 16.00, a Cosenza, presso il Palazzo Arnone, sarà...
18/12/14 - Concerti
L’Harlem Gospel Choir, chiamato calorosamente dai fan “Gente di Dio che viene da...
Nella terra di Cecil Rhodes, ora Zimbabwe
  Molto immodestamente (ma insisto sempre nel commentare che anche la falsa modestia,...
Nella Città Eterna ospiti a Villa Agrippina
  Il nuovo Hotel Gran Meliá Villa Agrippina aprirà le sue porte in primavera...
Vedute italiane: Bassano del Grappa
La piccola Bassano del Grappa si presenta: scenografica, carica di storia, a misura d'uomo. Massima...
Almagro, sogno di una notte con Cervantes
La pigrizia è senza dubbio il peggior nemico del turista in auto che viaggia per conoscere. Si...
Costa Azzurra: sempre in prima pagina!
Periodo di cerimonie storiche in onore dello sbarco degli Alleati nel 1944 sulle coste francesi....
Foresta Nera, il bosco delle favole
Sarà per il nome suggestivo, sarà perché ci sono molti bei luoghi da visitare,...
La Francia in treno
Stazione di Milano Porta Garibaldi, ore 6,07. Puntuale e silenzioso il TGV per Parigi Gare de Lyon...
Villach, nelle viscere del Laconium
Al Thermen Resort Warmbad di Villach il soggiorno è particolarmente dedicato a quanti amano...
California, il mito della Pacific Coast
Noto come El Camino Real, il reticolo viario che include lunghi tratti della US101 parte da Sonoma,...
Alassio, regina di Ponente
Si comincia d'estate, a far baldoria, per non finire più. Se della Riviera delle Palme che da...
Giordania Verde. Le colline del nord
I paesaggi che da Amman salgono verso settentrione richiamano alla mente visioni (foto, stampe,...
LIBRI E GUIDE
In Viaggio di Laura Gemini, FrancoAngeli, pagine 176, Euro 21,00.
Io sono un mito di Francesca Bonazzoli, Michele Robecchi, Electa, pagine 144, illustrazioni 175, Euro 19,90.
TUTTI I DOSSIER
1.1631779670715