Giovedì 23 Ottobre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Friuli, vita nei monti
All’imbocco delle valli Carniche, Tolmezzo ospita uno dei musei etnografici più interessanti d’Europa. E' il Museo Carnico delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Palazzo Campeis, un edificio seicentesco situato nel centro della città
di Graziano Capponago del Monte

Museo Carnico delle Arti Popolari, interno
Il museo è dedicato al professor Michele Gortani, docente di geologia all'Università di Bologna. A far data dai primi anni del Novecento, Gortani comincia a raccogliere, catalogare e studiare oggetti della vita quotidiana in Carnia. L’intera collezione, dopo la sua morte, unitamente alla biblioteca e all'abitazione nella quale ha vissuto è divenuta prezioso retaggio della comunità carnica.
La visita rappresenta un’escursione nel tempo e nella storia della Carnia.
“Fogolar” ricchi e poveri
Cucina
Sono esposti oltre quattromila oggetti comuni che ripercorrono la vita quotidiana dei ricchi (pochi) e dei poveri (la maggioranza) in modo semplice e preciso.
“Fogolar Furlan” è il nome dell'associazione che, in tutto il mondo, riunisce i friulani lontani da casa. Il nome non è una semplice coincidenza, considerato che la cucina (fogolar) era il luogo più importante dell'abitazione e insieme quello più caldo nelle lunghe notti invernali.  
Nel museo ne sono state ricostruite fedelmente due: una proviene da Casa Fabiani, una ricca abitazione di Paularo; nella ricchezza e ricercatezza delle suppellettili trova conferma la disponibilità finanziaria della famiglia, testimoniata dai grandi alari in ferro battuto e da alcuni “pezzi” pregiati della batteria da cucina, quali ad esempio un’apposita pentola per cuocere il pesce, oppure i piatti di peltro.
La seconda cucina è invece più modesta ed è stata allestita con oggetti per la casa provenienti da diverse località carniche.
“Furlani” in posa
Stanza da letto
Naturalmente sono stati ricostruiti anche gli altri ambienti della casa. Le camere da letto con i massicci armadi in legno, completi di cassetti segreti per riporvi i valori, i piccoli oggetti devozionali e i quadri.
Un nucleo molto interessante del museo riguarda proprio i dipinti (un centinaio) tra i quali spiccano degli ingenui ritratti di famiglia, con i personaggi visti di fronte. Generalmente gli uomini sono raffigurati con un documento fra le mani, simbolo di
persona impegnata, mentre le donne hanno le chiavi, a far intendere che la cura e il buon funzionamento della casa era compito loro.
Tutti sono raffigurati con ricchezza di particolari dell’abbigliamento, acconciature e ornamenti. C'è persino una pubblicità di fine Ottocento: una specie di fumetto che raffigura due donne con un figlio piccolo. Una è giovane e porta in seno un bambino di dimensioni normali per la sua età. L'altra, come indica la scrittura che la sovrasta, è una donna più attempata e il suo bambino, con tutta probabilità allattato artificialmente, è molto più grande dell'altro, pur essendo più giovane!
Un’altra sezione ospita una ricca collezione di maschere in legno, quelle utilizzate ancora oggi durante il carnevale di Sauris. A saperle leggere raccontano molto, come per esempio la donna gozzuta per carenza di iodio, malattia questa tipica delle valli alpine, oppure tipi “strani” che hanno prestato il loro volto per la rappresentazione simbolica.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Gusto ad Alta Quota sulle Dolomiti
Dal 17 maggio all'1 novembre 2014
Golf e relax sul lago di Como
1 marzo - 30 ottobre 2014
Offerte di viaggio
L'isola del cioccolato
Matrimonio da sogno alle Maldive
Ultimo dell'anno in Baviera
NOTIZIE
23/10/14 - Trasporti
Thai Airways lancia la promozione Advance Purchase e continua la sua stagione di offerte e...
23/10/14 - Voli
Etihad Regional, operata da Darwin Airline annuncia il suo Summer network per il 2015 che...
23/10/14 - Navi
Anche quest’anno, MSC Crociere mette sotto l'albero di Natale dei suoi ospiti una sorpresa:...
22/10/14 - Turismo
"Sono certo che raggiungeremo gli obiettivi richiesti dalla Legge 106/2014." Lo ha affermato il...
22/10/14 - Turismo
TripAdvisor, con oltre 630.000 case vacanza in tutto il mondo di cui più di 77.000 in...
Cappadocia, il cammino delle fate
  L’antico passaggio tra Occidente ed Oriente è diviso da una vena d’acqua....
In quota lungo i passi alpini
C'è stato un tempo in cui ogni grande viaggio è stato scandito da valli e passi, con gli ostacoli...
Da Kristiansand a Oslo. Fascino continuo
  Il risveglio è traumatico nel cuore della notte, ma l’idea di un week end fuori...
Il Museo della Memoria e la casa del Gattopardo
  A Santa Margherita del Belice, poco distanti l’uno dall’altro, ci sono due...
Napoli, il Golfo e il Barocco
Il Golfo di Napoli è, senza tema di smentite, uno dei luoghi più incantevoli del...
Una crociera con Dalmacija sulle onde dell'Adriatico
Premessa. Deontologia professionale (raggiunta una certa età in uno stato di non totale povertà, si...
Lublino, la città del grande olocausto
I centri storici sono il cuore delle città. Abitazioni, palazzi, monumenti, negozi e tanto...
Johannesburg, cuore dell'Africa australe
  La chiamano Msawawa Ziyawa, la "città bollente", quella dove accadono le "cose"....
"Al Andalus", il regale treno della Spagna del sud
Non per vantarmi (n.b.: abbasso la falsa modestia, tanto disdicevole quanto il suo opposto,...
Kenya, l'ultima Africa a Kitich Camp
Mathews Range? Un punto interrogativo e facce perplesse sono le risposte alle domande su dove sia...
Il "passalibro" di Loano
Sulla passeggiata a mare di Loano, cittadina della riviera ligure di ponente, si incontra una...
LIBRI E GUIDE
Le storie dietro le fotografie di Steve McCurry, Electa-Phaidon, pagine 264, 320 illustrazioni, euro 59,00.
Le avventure di Ulisse e altre storie di Geraldine McCaughrean, Mondadori, pagine 192, Euro 7,90
TUTTI I DOSSIER
1.0464210510254