Friuli, vita nei monti
All’imbocco delle valli Carniche, Tolmezzo ospita uno dei musei etnografici più interessanti d’Europa. E' il Museo Carnico delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Palazzo Campeis, un edificio seicentesco situato nel centro della città
di Graziano Capponago del Monte

Museo Carnico delle Arti Popolari, interno
Il museo è dedicato al professor Michele Gortani, docente di geologia all'Università di Bologna. A far data dai primi anni del Novecento, Gortani comincia a raccogliere, catalogare e studiare oggetti della vita quotidiana in Carnia. L’intera collezione, dopo la sua morte, unitamente alla biblioteca e all'abitazione nella quale ha vissuto è divenuta prezioso retaggio della comunità carnica.
La visita rappresenta un’escursione nel tempo e nella storia della Carnia.
“Fogolar” ricchi e poveri
Cucina
Sono esposti oltre quattromila oggetti comuni che ripercorrono la vita quotidiana dei ricchi (pochi) e dei poveri (la maggioranza) in modo semplice e preciso.
“Fogolar Furlan” è il nome dell'associazione che, in tutto il mondo, riunisce i friulani lontani da casa. Il nome non è una semplice coincidenza, considerato che la cucina (fogolar) era il luogo più importante dell'abitazione e insieme quello più caldo nelle lunghe notti invernali.  
Nel museo ne sono state ricostruite fedelmente due: una proviene da Casa Fabiani, una ricca abitazione di Paularo; nella ricchezza e ricercatezza delle suppellettili trova conferma la disponibilità finanziaria della famiglia, testimoniata dai grandi alari in ferro battuto e da alcuni “pezzi” pregiati della batteria da cucina, quali ad esempio un’apposita pentola per cuocere il pesce, oppure i piatti di peltro.
La seconda cucina è invece più modesta ed è stata allestita con oggetti per la casa provenienti da diverse località carniche.
“Furlani” in posa
Stanza da letto
Naturalmente sono stati ricostruiti anche gli altri ambienti della casa. Le camere da letto con i massicci armadi in legno, completi di cassetti segreti per riporvi i valori, i piccoli oggetti devozionali e i quadri.
Un nucleo molto interessante del museo riguarda proprio i dipinti (un centinaio) tra i quali spiccano degli ingenui ritratti di famiglia, con i personaggi visti di fronte. Generalmente gli uomini sono raffigurati con un documento fra le mani, simbolo di
persona impegnata, mentre le donne hanno le chiavi, a far intendere che la cura e il buon funzionamento della casa era compito loro.
Tutti sono raffigurati con ricchezza di particolari dell’abbigliamento, acconciature e ornamenti. C'è persino una pubblicità di fine Ottocento: una specie di fumetto che raffigura due donne con un figlio piccolo. Una è giovane e porta in seno un bambino di dimensioni normali per la sua età. L'altra, come indica la scrittura che la sovrasta, è una donna più attempata e il suo bambino, con tutta probabilità allattato artificialmente, è molto più grande dell'altro, pur essendo più giovane!
Un’altra sezione ospita una ricca collezione di maschere in legno, quelle utilizzate ancora oggi durante il carnevale di Sauris. A saperle leggere raccontano molto, come per esempio la donna gozzuta per carenza di iodio, malattia questa tipica delle valli alpine, oppure tipi “strani” che hanno prestato il loro volto per la rappresentazione simbolica.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 
Week-end e tempo libero
Energia, relax e sapori
Dal 4 al 18 maggio 2014
Golf e relax sul lago di Como
Dal 1° marzo al 30 ottobre
Offerte di viaggio
Islanda in Mountain Bike
Iran: la strada persiana dei re
Iran e Armenia: le storie millenarie
NOTIZIE
17/04/14 - Ambiente
Ogni anno nel mondo un miliardo di cittadini celebra l’Earth Day, la Giornata della Terra. Il...
17/04/14 - Arte
Riprendono gli appuntamenti con l’arte contemporanea al Castello di Bornato, nel cuore della...
17/04/14 - Viaggi
Conoscete la serie fantasy Il Trono di Spade (Game of Thrones)? Le puntate della quarta stagione...
17/04/14 - Trasporti
A partire da giugno, TAP Portugal inaugura un collegamento con l’Amazzonia tramite una rotta...
17/04/14 - Turismo
Domenica 11 maggio in Toscana sarà “Terranostra Day”, una giornata per conoscere...
Pantelleria, un'isola "diversa"
Per intrigare, intriga. E per piacere, piace, nessun dubbio. Non mancano però, visitandola e mentre...
L'oro bianco di Atacama
Pochi ne conoscono l'esistenza, e non importa che siano cileni o stranieri. Atterrano tutti a...
Valencia, la città tra futuro e passato
  Dopo Barcellona e Madrid, Valencia per numero di abitanti (circa 800 mila) è la terza...
Giordania Tour
La Giordania vanta un patrimonio storico e artistico che raggiunge il suo apice a Petra, oltre a...
La Thuile e le "magie" del Piccolo San Bernardo
Se non vi interessa la vita notturna, che peraltro caratterizza scarsamente La Thuile anche in...
Uzbekistan, da Tamerlano alla Matiz
Le "Daewoo Matiz" e le "Lada Zigulì". Due auto agli antipodi, per stile, design, prestazioni. La...
Marsiglia, mutevole regina del Midì
L’atmosfera di Marsiglia è di per sé stimolante ed attraente, col suo mixage di...
La Valle dei Castelli
Disseminati lungo il territorio della regione più piccola d'Italia, i castelli della Valle d'Aosta...
Backwater, dove l'acqua ricama la terra
  Come precisato, le principali attrazioni/appeals del Kerala sono la medicina Ayurvedica, le...
Atmosfere lombarde del Lodigiano
Una gita in battello sull'Adda, itinerari artistici a Lodi alla ricerca delle sue antiche origini o...
Dalla Grande Baia al fascinoso Bush
  Lo spazio è vita. E in nessun luogo della terra, fatta eccezione forse per il solo...
LIBRI E GUIDE
Figli vegetariani di Luciano Proietti, Edizioni Sonda, pagine 144, Euro 14,00.
Marketing per le isoleStrategie di marketing e comunicazione per il turismo all'Isola d'Elba e nell'Arcipelago Toscanodi Maurizio Testa e Valeria Tallinucci - E
TUTTI I DOSSIER
2.1438589096069