Lunedì 25 Maggio 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Va in scena il Teatro Povero di Monticchiello
Dal 22 luglio al 13 agosto nella Piazza della Commenda si svolgerà il 40° autodramma, unico evento al mondo scritto, diretto e interpretato dalla gente del paese
di Silvana Santoro

Monticchiello, Siena
Si tratta di un evento teatrale unico al mondo. Si svolge ogni anno dal 1967, e per il 2006 sarà tutte le sere dal 22 luglio al 13 agosto nella piazzetta della Commenda a Monticchiello, incantevole borgo medievale cinto entro le mura con torri e cassero della metà del 200, a pochi chilometri da Pienza, in provincia di Siena. E’ il Teatro Povero di Monticchiello, scritto, diretto e interpretato dalla gente del paese. Per questo è stato definito "teatro-verità", "teatro-vita". I cittadini di Monticchiello, recitando se stessi, testimoniano la propria realtà, le autentiche situazioni esistenziali e sociali.
La regia anche quest'anno, per il 40° autodramma, è affidata a Andrea Cresti, con la collaborazione ai testi del sindaco di Pienza, Marco del Ciondolo, di Vittorrio Innocenti, coltivatore diretto e di sua moglie Maria Rosa Cesellin, oltre alla partecipazione di tutto il paese: in tutto 150 abitanti. 80 di loro saranno in scena, mentre gli altri si occuperanno dell’allestimento tecnico, nell’accolglienza del pubblico e in cucina, a preparare i piatti tipici nella Taverna del Bronzone, dove dopo ogni spettacolo vengono serviti piatti tipici Val d'orciani.

Lo spunto narrativo dello spettacolo è fornito dal racconto della storia di vita di una donna di Monticchiello, che, ripercorrendo i propri ultimi 40 anni - dal mondo di mezzadria, alla sua fine, all’incontro con il teatro -  ripropone l’evolversi del fenomeno del Teatro Povero. Che nasce e si sviluppa a Monticchiello quando si comprende che attraverso di esso - ricordiamone la funzione catartica che esprimeva nell'Antica Grecia- il paese può superare il rischio dell'isolamento e della disomogeneità sociale, oltre al pericolo di uno spopolamento interno. Il teatro assume così un significato nuovo ed importante per Monticchiello. Nel 1967 viene messa in scena "L'Eroina di Monticchiello", rielaborazione di un romanzo storico delle vicende dell'ultima guerra di Siena contro gli Spagnoli del 1553. Fu un'occasione per richiamare l'attenzione dei paesi vicini, anch'essi in fase di spopolamento a causa della crisi dell'agricoltura. L'esperienza ebbe successo.
Nel 1969 con lo spettacolo "Quel 6 aprile del '44" l'esperienza teatrale di Monticchiello ha affrontato per la prima volta un argomento della storia locale contemporanea, l'anniversario di un episodio della Resistenza: la mancata strage dei nazisti a Monticchiello - legandosi al giornalista e scrittore Mario Guidotti, da cui nascerà il concetto di "autodramma" ed il vero "Teatro Povero."

"L'autodramma – ha affermato Guidotti in uno dei suoi testi- (la definizione è stata coniata da Giorgio Strehler) consiste nel recupero e nella illustrazione di un personaggio storico del passato che in Monticchiello visse od agì o in una vicenda fortemente radicata nella coscienza popolare e nel rapporto di questo personaggio e di questa vicenda col presente o addirittura nella possibilità della loro utilizzazione in una ipotesi di vita futura. La realtà esistenziale, le ansie, i recuperi e le ricerche di una piccola comunità non arresa alla depressione sociale e morale e tesa ad una sopravvivenza spirituale e materiale che tenga conto dei valori, validi, di passate esperienze e al tempo stesso sia strutturata in una dimensione futuribile".
A partire dal 1981 il Teatro Povero sembra aver rinnovato lo stile, seguendo indicazioni più moderne. La tradizionale presentazione della società contadina è analizzata criticamente, insistendo molto sul lato filosofico e sociologico del tema.
L’esperienza del Teatro Povero è stata raccolta in un libro fotografico (AAVV) – con la prefazione di Alberto Asor Rosa, le interviste agli autori-attori e le presentazioni originali degli autodrammi andati in scena dal 1967 ad oggi. Sempre a Monticchiello, inoltre, è visitabile nell’ex granaio il Te.Po.Tra.Tos: Museo del Teatro Popolare Tradizionale Toscano, ultimo nato nella rete dei Musei Senesi.

Teatro Povero di Monticchiello
22 luglio - 13 agosto ‘06
Piazza della Commenda
Monticchiello, frazione di Pienza (SI)
tutte le sere (tranne lunedì) alle 21.30
Ingresso 11 euro - info 0578 755118 e www.teatropovero.it
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Tra orchidee ed erbe spontanee
Da Maggio 2015 a Luglio 2015
Offerte di viaggio
L'isola del cioccolato
NOTIZIE
22/05/15 - Arte
“La Madonna con Bambino e San Giovannino” ritrovata nelle collezioni di Villa Carlotta,...
22/05/15 - Avvenimenti
In occasione delle celebrazioni per il quinto centenario della nascita di S. Filippo Neri, nel...
22/05/15 - Mobilità dolce
Torna, attesissimo, “In viaggio sulle Orobie”, alla terza edizione dopo quelli sulle...
22/05/15 - Feste e folclore
Gli amanti della buona birra artigianale da oggi  fino a domenica potranno degustare tutte...
22/05/15 - Bambini e ragazzi
Sabato 23 e domenica 24 maggio, al museo del castello di San Giorgio, a La Spezia, si terrà...
Garibaldi futuro duce delle Camicie Rosse
Dal trono in Rio de Janeiro l’imperatore Pedro II soffoca il sogno secessionista del Rio...
Fratelli d'Abruzzo, coraggio!
Forse troppi, spesso invadenti e talvolta ottusamente insensibili, i rappresentanti dei Media...
Azerbaijan: Treasure of Biodiversity
L’Azerbaigian, uno dei più antichi siti dell’umanità, collocato nella...
Il 2012 di easyJet
L'amministratore delegato di easyJet, Carolyn McCall e Frances Ouseley, direttore per...
Caro taxi, quanto mi costi! Sapevate che...
Sapevate che... L’edizione 2011 della Bit potrebbe avere per titolo “Open Space”?...
Promuovere il turismo in Puglia
Destagionalizzare. Promovere il turismo nell’entroterra, l’arrivo di viaggiatori stranieri e quello...
Diventeremo tutti colf dei cieli. Sapevate che...
Sapevate che... Gastronomicamente (e turisticamente) parlando, più dei siparietti del...
Il baratto arriva a Porta Genova
Il baratto è la prima forma storica di scambio commerciale. E, "La storia", come sosteneva...
Quando la "buonuscita" diventa "buonentrata". Sapevate che...
Sapevate che … Nel Portogallo (avviso per chi va in auto in quel Paese) si paga per girare...
Mondointasca sul muretto dei "Fieui di Caruggi"
  Anche noi di Mondointasca abbiamo lasciato la nostra firma ad Albenga sul muretto dei Fieui...
Italia e Tunisia, unite dal Mediterraneo
Una doppietta di visite di alto peso specifico porta una ventata di incoraggiamento nel settore del...
LIBRI E GUIDE
Turista per professione di Laura Celotto, EEE, pagine 176, Euro 13,00. Versione e-book, euro 4,99.
Càneve e spelònce a cura di Marco Rech, Serena Turrin, edito da DBS Zanetti, pagine 190, Euro 10,00.
TUTTI I DOSSIER
0.25693607330322