Sabato 20 Dicembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Va in scena il Teatro Povero di Monticchiello
Dal 22 luglio al 13 agosto nella Piazza della Commenda si svolgerà il 40° autodramma, unico evento al mondo scritto, diretto e interpretato dalla gente del paese
di Silvana Santoro

Monticchiello, Siena
Si tratta di un evento teatrale unico al mondo. Si svolge ogni anno dal 1967, e per il 2006 sarà tutte le sere dal 22 luglio al 13 agosto nella piazzetta della Commenda a Monticchiello, incantevole borgo medievale cinto entro le mura con torri e cassero della metà del 200, a pochi chilometri da Pienza, in provincia di Siena. E’ il Teatro Povero di Monticchiello, scritto, diretto e interpretato dalla gente del paese. Per questo è stato definito "teatro-verità", "teatro-vita". I cittadini di Monticchiello, recitando se stessi, testimoniano la propria realtà, le autentiche situazioni esistenziali e sociali.
La regia anche quest'anno, per il 40° autodramma, è affidata a Andrea Cresti, con la collaborazione ai testi del sindaco di Pienza, Marco del Ciondolo, di Vittorrio Innocenti, coltivatore diretto e di sua moglie Maria Rosa Cesellin, oltre alla partecipazione di tutto il paese: in tutto 150 abitanti. 80 di loro saranno in scena, mentre gli altri si occuperanno dell’allestimento tecnico, nell’accolglienza del pubblico e in cucina, a preparare i piatti tipici nella Taverna del Bronzone, dove dopo ogni spettacolo vengono serviti piatti tipici Val d'orciani.

Lo spunto narrativo dello spettacolo è fornito dal racconto della storia di vita di una donna di Monticchiello, che, ripercorrendo i propri ultimi 40 anni - dal mondo di mezzadria, alla sua fine, all’incontro con il teatro -  ripropone l’evolversi del fenomeno del Teatro Povero. Che nasce e si sviluppa a Monticchiello quando si comprende che attraverso di esso - ricordiamone la funzione catartica che esprimeva nell'Antica Grecia- il paese può superare il rischio dell'isolamento e della disomogeneità sociale, oltre al pericolo di uno spopolamento interno. Il teatro assume così un significato nuovo ed importante per Monticchiello. Nel 1967 viene messa in scena "L'Eroina di Monticchiello", rielaborazione di un romanzo storico delle vicende dell'ultima guerra di Siena contro gli Spagnoli del 1553. Fu un'occasione per richiamare l'attenzione dei paesi vicini, anch'essi in fase di spopolamento a causa della crisi dell'agricoltura. L'esperienza ebbe successo.
Nel 1969 con lo spettacolo "Quel 6 aprile del '44" l'esperienza teatrale di Monticchiello ha affrontato per la prima volta un argomento della storia locale contemporanea, l'anniversario di un episodio della Resistenza: la mancata strage dei nazisti a Monticchiello - legandosi al giornalista e scrittore Mario Guidotti, da cui nascerà il concetto di "autodramma" ed il vero "Teatro Povero."

"L'autodramma – ha affermato Guidotti in uno dei suoi testi- (la definizione è stata coniata da Giorgio Strehler) consiste nel recupero e nella illustrazione di un personaggio storico del passato che in Monticchiello visse od agì o in una vicenda fortemente radicata nella coscienza popolare e nel rapporto di questo personaggio e di questa vicenda col presente o addirittura nella possibilità della loro utilizzazione in una ipotesi di vita futura. La realtà esistenziale, le ansie, i recuperi e le ricerche di una piccola comunità non arresa alla depressione sociale e morale e tesa ad una sopravvivenza spirituale e materiale che tenga conto dei valori, validi, di passate esperienze e al tempo stesso sia strutturata in una dimensione futuribile".
A partire dal 1981 il Teatro Povero sembra aver rinnovato lo stile, seguendo indicazioni più moderne. La tradizionale presentazione della società contadina è analizzata criticamente, insistendo molto sul lato filosofico e sociologico del tema.
L’esperienza del Teatro Povero è stata raccolta in un libro fotografico (AAVV) – con la prefazione di Alberto Asor Rosa, le interviste agli autori-attori e le presentazioni originali degli autodrammi andati in scena dal 1967 ad oggi. Sempre a Monticchiello, inoltre, è visitabile nell’ex granaio il Te.Po.Tra.Tos: Museo del Teatro Popolare Tradizionale Toscano, ultimo nato nella rete dei Musei Senesi.

Teatro Povero di Monticchiello
22 luglio - 13 agosto ‘06
Piazza della Commenda
Monticchiello, frazione di Pienza (SI)
tutte le sere (tranne lunedì) alle 21.30
Ingresso 11 euro - info 0578 755118 e www.teatropovero.it
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Tour da Oscar
Valido fino a Dicembre 2014
Le iniziative invernali di Aquila Bianca
Dal 17 gennaio 2015 al 28 febbraio 2015
Offerte di viaggio
In India per festeggiare il nuovo anno
Tour di Capodanno in Cilento
Alla scoperta dell'Iran
NOTIZIE
19/12/14 - Festival
Dal 26 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015 ritorna a Genova e Rapallo il Circumnavigando Festival, la...
19/12/14 - Mostre
Il Museo Nazionale del Cinema di Torino rimarrà aperto per tutte le festività,...
19/12/14 - Mostre
Sabato 20 dicembre 2014, alle ore 16.00, a Cosenza, presso il Palazzo Arnone, sarà...
18/12/14 - Concerti
L’Harlem Gospel Choir, chiamato calorosamente dai fan “Gente di Dio che viene da...
18/12/14 - Cinema
Cinecittà ha compiuto settantasette anni. Vi sono stati girati circa quattromila film, di...
Penne a cinque stelle, ricordando Fellini
  Il Premio Internazionale “Cinque Stelle al Giornalismo”, manifestazione giunta...
Le incisioni di James Ensor a Legnano
Un satirico, pungente, visionario James Ensor è esposto ancora per qualche settimana a...
"Viaggiatori di note" a Ischia
A Ischia torna dal 4 al 7 giugno "Viaggiatori di Note". La rassegna è alla sua terza...
Cine-Visti a Venezia
  L’obiettivo sulla realtà odierna sempre più spesso riprende violenza,...
Turismo, futuro prossimo
Tanti turismi verso la ripresa. Nei prossimi cinque anni, a livello mondiale i flussi turistici...
Le vacanze in famiglia non fanno rima con "low cost"
Gli italiani sottoscrivono prestiti per andare in vacanza? È facile crederci, stando alle...
Vacanza fai da te su misura
Natale in baita? In tenda nella Savana? In navigazione sul Nilo? Con tutta la famiglia a New York?...
Vigili senza "palette". Sapevate che?
Sapevate che… A Ravello l’Auditorium disegnato da Niemeyer, inaugurato in gennaio,...
In Friuli a casa delle Frecce Tricolori
  Ogni giorno i cieli vicino a Udine sono solcati dagli Aermacchi MB339 della PAN in volo di...
Roma ricorda la rivoluzione romena
L'accademia di Romania in Roma ricorda i venti anni dalla rivoluzione di Bucarest con una mostra e...
L'Italia delle Comunità ospitali
L'Italia dei piccoli borghi è spesso definita minore eppure conta 5.868 paesini con meno di 5mila...
LIBRI E GUIDE
Il bambino scambiato di Kenzaburo Oe, Garzanti, pagine 448, Euro 24.00.
NUR. La luce nascosta dell'Afghanistan di MoniKa Bulaj, Editore Electa, pagine 256, 163 illustrazioni, Euro 39,00.
TUTTI I DOSSIER
1.3240699768066