Sabato 1 Novembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Presepi di montagna
Una storia antica come il mondo racconta di un bambino nato in una mangiatoia. E la favola del presepio che si ripropone, ieri come oggi, nelle valli delle montagne piemontesi
di Eleonora Boggio

La Nativit
un vero e proprio rito quello del presepio, come lallestimento dellalbero di Natale sotto il quale riporre i doni la notte della vigilia o il panettone, dolce impasto con uova, uvetta e frutti canditi, da gustare nei giorni delle feste.
Fra i tanti riti natalizi, il pi tradizionale rimane ad ogni modo il presepio.
Daltronde, in che altro modo si potrebbe definire quel momento "speciale" nel quale la famiglia si trova riunita nella scelta delle statuine prima e nella trasformazione di un fondale di cartapesta nelle pi ardite geometrie abbellite dal muschio essiccato, poi?
Il presepio vanta un passato di tradizione millenaria. Gi a Roma, nel IV secolo, nel giorno di Natale venivano esposte immagini religiose, che dal decimo secolo assumono un carattere via via pi popolare, estendendosi in tutta Europa.
San Francesco, "inventore" del presepio
Particolare del forno nel presepe di Greggio
Il vero presepio come lo conosciamo noi oggi, con la rappresentazione della Nativit di Ges, affonda le sue origini nellanno 1223 e si deve alla profonda visione cristiana e alla creativit del poverello di Assisi. Francesco, anzich a Betlemme, fa rivivere la sacre scritture nella cornice di un paese della valle reatina: Greggio.
Da quel momento in poi la rappresentazione del sacro evento sar destinata ad estendersi a macchia dolio, con luso di materiali diversi a seconda della provenienza geografica e delle tradizioni popolari di ogni singola zona.
Cos nascono presepi in terracotta e in legno, frutto delle fredde valli montane o in corallo, madreperla, alabastro e conchiglie ad opera dei pescatori, figli del mare.
La tradizione napoletana
Tra gli estimatori di questarte, c il re Carlo III di Borbone, che nel settecento fa di Napoli la capitale del presepe. Qui si producono, ieri come oggi, raffigurazioni affollate di personaggi della nobilt, della borghesia e del popolo, ritratti nelle loro occupazioni quotidiane o nei momenti di svago: poco importa se intenti a banchettare o impegnati in balli e serenate. A Napoli segue Roma, quella barocca, e il presepe diviene uno status symbol per le famiglie pi importanti che lo allestiscono allinterno del cortile padronale, mostrandolo agli invitati durante convivi e banchetti.
E oggi? La tradizione a Napoli si rinnova sempre pi festosa. Vecchi personaggi e new-entry: presidenti del consiglio ed esorcisti in una kermesse di statuine colorate come le luci che le vestono.
Il fatto che Napoli sia la capitale del presepio non implica per che la sua cultura sia circoscritta al sud Italia. Tuttaltro. Il Piemonte vanta degli splendidi esempi e il biellese ne custodisce i migliori.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Gran Mercato dell'Antico
Dal 14 al 16 novembre 2014
Adolphe Sax in mostra
Dall'8 febbraio 2014 all'11 gennaio 2015
Offerte di viaggio
Matrimonio da sogno alle Maldive
In India per festeggiare il nuovo anno
Alla scoperta dell'Iran
NOTIZIE
31/10/14 - Mercati
Sono aperte le iscrizioni per l’edizione 2014 del BizTravel Forum, l’evento di...
31/10/14 - Voli
Dal 15 dicembre Alitalia inaugurerà i nuovi voli giornalieri per Berlino e Dusseldorf in...
31/10/14 - Montagna
Il Consorzio Turistico Dolomiti Stars potenzia il servizio di transfer Dolomiti Ski Shuttle...
31/10/14 - Tour operator
In concomitanza con il lancio della programmazione invernale, che comprende i cataloghi...
31/10/14 - Cultura
“Questa mattina è stata riconsegnata a Pompei un’antefissa in terracotta di fine...
Dove il calcio è leggenda
Nel pomeriggio piovoso del 4 maggio 1949 finiva la storia e iniziava la leggenda del “Grande...
Rocche del gatto
Fausto ha inventato lo Spigau Crociata. Pigau è il nome ligure del pigato. La S è per...
Andorra: piccolo Stato, grande Shopping
La storia e la politica ogni tanto combinano buffi scherzi, inventando Stati dalle dimensioni...
Un modo nuovo di fare turismo. Anzi, antico
Una sciagurata politica dei trasporti iniziata negli anni ’70 ha portato l’Italia a...
L'intensa energia del Leone
Un successo che dura da anni, quello della Peugeot 207 che attraverso pochi interventi stilistici...
Sua maestà il tartufo bianco
Asciano, Buonconvento, Monteroni d'Arbia, Rapolano Terme e San Giovanni d'Asso sono cinque piccoli...
Tropici nostrani. In attesa dei "bagnanti mutanti"
La Liguria di Ponente era una terra bellissima. Poi si è popolata di seconde case, riempita di...
A Romans, la storia della "Scarpa"
Per le "feticiste" della scarpa (e sono molte) Romans è la meta consigliata. Ma non solo per loro....
Nel segno di Pellegrino Artusi
Nove giorni di degustazioni, spettacoli, concerti, incontri, mostre, insieme al padre della cucina...
Galles, dalle lotte in miniera a quelle del rugby
La discesa è rapida e gli occhi cominciano man mano ad abituarsi all'oscurità. Giunti alla stazione...
Zanzibar, l'isola dei buongustai
Le rotte marine che conducevano ai porti sicuri di quest'isola al largo della Tanzania, hanno...
LIBRI E GUIDE
Le storie dietro le fotografie di Steve McCurry, Electa-Phaidon, pagine 264, 320 illustrazioni, euro 59,00.
Cosa vuoi fare da grande di Ivan Baio e Angelo Orlando Meloni, Del Vecchio Editore, pagine 184, Euro 12,00.
TUTTI I DOSSIER
1.0387389659882