Martedì 21 Ottobre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Presepi di montagna
Una storia antica come il mondo racconta di un bambino nato in una mangiatoia. E la favola del presepio che si ripropone, ieri come oggi, nelle valli delle montagne piemontesi
di Eleonora Boggio

La Nativit
un vero e proprio rito quello del presepio, come lallestimento dellalbero di Natale sotto il quale riporre i doni la notte della vigilia o il panettone, dolce impasto con uova, uvetta e frutti canditi, da gustare nei giorni delle feste.
Fra i tanti riti natalizi, il pi tradizionale rimane ad ogni modo il presepio.
Daltronde, in che altro modo si potrebbe definire quel momento "speciale" nel quale la famiglia si trova riunita nella scelta delle statuine prima e nella trasformazione di un fondale di cartapesta nelle pi ardite geometrie abbellite dal muschio essiccato, poi?
Il presepio vanta un passato di tradizione millenaria. Gi a Roma, nel IV secolo, nel giorno di Natale venivano esposte immagini religiose, che dal decimo secolo assumono un carattere via via pi popolare, estendendosi in tutta Europa.
San Francesco, "inventore" del presepio
Particolare del forno nel presepe di Greggio
Il vero presepio come lo conosciamo noi oggi, con la rappresentazione della Nativit di Ges, affonda le sue origini nellanno 1223 e si deve alla profonda visione cristiana e alla creativit del poverello di Assisi. Francesco, anzich a Betlemme, fa rivivere la sacre scritture nella cornice di un paese della valle reatina: Greggio.
Da quel momento in poi la rappresentazione del sacro evento sar destinata ad estendersi a macchia dolio, con luso di materiali diversi a seconda della provenienza geografica e delle tradizioni popolari di ogni singola zona.
Cos nascono presepi in terracotta e in legno, frutto delle fredde valli montane o in corallo, madreperla, alabastro e conchiglie ad opera dei pescatori, figli del mare.
La tradizione napoletana
Tra gli estimatori di questarte, c il re Carlo III di Borbone, che nel settecento fa di Napoli la capitale del presepe. Qui si producono, ieri come oggi, raffigurazioni affollate di personaggi della nobilt, della borghesia e del popolo, ritratti nelle loro occupazioni quotidiane o nei momenti di svago: poco importa se intenti a banchettare o impegnati in balli e serenate. A Napoli segue Roma, quella barocca, e il presepe diviene uno status symbol per le famiglie pi importanti che lo allestiscono allinterno del cortile padronale, mostrandolo agli invitati durante convivi e banchetti.
E oggi? La tradizione a Napoli si rinnova sempre pi festosa. Vecchi personaggi e new-entry: presidenti del consiglio ed esorcisti in una kermesse di statuine colorate come le luci che le vestono.
Il fatto che Napoli sia la capitale del presepio non implica per che la sua cultura sia circoscritta al sud Italia. Tuttaltro. Il Piemonte vanta degli splendidi esempi e il biellese ne custodisce i migliori.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Golf e relax sul lago di Como
1 marzo - 30 ottobre 2014
In Slovenia terme e mercatini
Dal 6 all'8 dicembre 2014
Offerte di viaggio
Viaggio Missionario del Sorriso
Matrimonio da sogno alle Maldive
Crociera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
Ricette dal Mondo
Mobilità dolce
NOTIZIE
21/10/14 - Eventi e mostre
Domenica 26 ottobre, a Catania, negli spazi del MF Museum&Fashion, apre al pubblico la mostra...
21/10/14 - Festival
Dal 7 al 9 novembre 2014 ritorna a Milano l’Italia Beer Festival in una insolita...
21/10/14 - Eventi e mostre
Da mercoledì 22 a domenica 26 ottobre, in concomitanza con la fiera Triestespresso Expo, si...
20/10/14 - Montagna
Con l’anteprima di venerdì 21 novembre, dalle ore 7,45 alle 16,30, riservata a chi ha...
20/10/14 - Premi
Only-apartments lancia su Instagram il concorso #OnlyBeRealTravelers. Gli utenti Instagram che...
A Verona è tempo di Vinitaly
In Italia il comparto legato al vino vale oltre 12 miliardi di euro, impiega 1,2 milioni di addetti...
Piacevoli sorprese del "Made in Lombardy"
  Nel filone de “l’unione fa la forza”, cinque prestigiose aziende...
Presi per la gola. A Copenaghen
Copenaghen ti prende per la gola. Fino a qualche tempo fa era impensabile che dall'Italia si...
Genova capitale della pesca
Slow Fish torna a Genova per la quarta volta dal 17 al 20 aprile. Organizzata da Slow Food e...
A Cannobio con Rocco, il mio amico a quattro zampe
I nostri amici a quattro zampe riempiono in modo assoluto la nostra esistenza! Così decido...
Relais & Chteaux: 60 anni di storia
  Fondata sessant'anni fa da grandi albergatori e chef di talento, Relais & Châteaux...
Zurigo e Lucerna unite dalle terme
  Le terme sono un motivo in più per visitare la Svizzera. Il Thermalbad & Spa...
Da Abu Dhabi la cena di Iftar
  In Russia un buon numero di persone sono di religione islamica, soprattutto quelle che...
Tra i monti della Val Pusteria
A 1.400 metri di altitudine, lontani dalla quotidianità, la vita è scandita dai ritmi...
Il vino come valore mondiale
  Il Consiglio Direttivo della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco ha approvato...
Terre di Siena: terre di terme, terre di acque
  Nove centri termali in poco più di 3800 chilometri quadrati, raggruppati in 7 comuni:...
LIBRI E GUIDE
Cosa vuoi fare da grande di Ivan Baio e Angelo Orlando Meloni, Del Vecchio Editore, pagine 184, Euro 12,00.
Il bambino scambiato di Kenzaburo Oe, Garzanti, pagine 448, Euro 24.00.
TUTTI I DOSSIER
1.8483819961548