Sabato 2 Agosto 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Presepi di montagna
Una storia antica come il mondo racconta di un bambino nato in una mangiatoia. E la favola del presepio che si ripropone, ieri come oggi, nelle valli delle montagne piemontesi
di Eleonora Boggio

La Nativit
un vero e proprio rito quello del presepio, come lallestimento dellalbero di Natale sotto il quale riporre i doni la notte della vigilia o il panettone, dolce impasto con uova, uvetta e frutti canditi, da gustare nei giorni delle feste.
Fra i tanti riti natalizi, il pi tradizionale rimane ad ogni modo il presepio.
Daltronde, in che altro modo si potrebbe definire quel momento "speciale" nel quale la famiglia si trova riunita nella scelta delle statuine prima e nella trasformazione di un fondale di cartapesta nelle pi ardite geometrie abbellite dal muschio essiccato, poi?
Il presepio vanta un passato di tradizione millenaria. Gi a Roma, nel IV secolo, nel giorno di Natale venivano esposte immagini religiose, che dal decimo secolo assumono un carattere via via pi popolare, estendendosi in tutta Europa.
San Francesco, "inventore" del presepio
Particolare del forno nel presepe di Greggio
Il vero presepio come lo conosciamo noi oggi, con la rappresentazione della Nativit di Ges, affonda le sue origini nellanno 1223 e si deve alla profonda visione cristiana e alla creativit del poverello di Assisi. Francesco, anzich a Betlemme, fa rivivere la sacre scritture nella cornice di un paese della valle reatina: Greggio.
Da quel momento in poi la rappresentazione del sacro evento sar destinata ad estendersi a macchia dolio, con luso di materiali diversi a seconda della provenienza geografica e delle tradizioni popolari di ogni singola zona.
Cos nascono presepi in terracotta e in legno, frutto delle fredde valli montane o in corallo, madreperla, alabastro e conchiglie ad opera dei pescatori, figli del mare.
La tradizione napoletana
Tra gli estimatori di questarte, c il re Carlo III di Borbone, che nel settecento fa di Napoli la capitale del presepe. Qui si producono, ieri come oggi, raffigurazioni affollate di personaggi della nobilt, della borghesia e del popolo, ritratti nelle loro occupazioni quotidiane o nei momenti di svago: poco importa se intenti a banchettare o impegnati in balli e serenate. A Napoli segue Roma, quella barocca, e il presepe diviene uno status symbol per le famiglie pi importanti che lo allestiscono allinterno del cortile padronale, mostrandolo agli invitati durante convivi e banchetti.
E oggi? La tradizione a Napoli si rinnova sempre pi festosa. Vecchi personaggi e new-entry: presidenti del consiglio ed esorcisti in una kermesse di statuine colorate come le luci che le vestono.
Il fatto che Napoli sia la capitale del presepio non implica per che la sua cultura sia circoscritta al sud Italia. Tuttaltro. Il Piemonte vanta degli splendidi esempi e il biellese ne custodisce i migliori.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 
Week-end e tempo libero
Tra arte e laguna
Valido fino al 31 dicembre 2014
Festival Internazionale del Jazz
Dal 9 al 16 agosto 2014
Offerte di viaggio
In fuoristrada alla scoperta dell'Australia
Iran: la strada persiana dei re
Calabria: mare e relax in famiglia
NOTIZIE
01/08/14 - Turismo
Catania entra, per la prima volta, nella top twenty dei luoghi del cuore per gli stranieri, secondo...
31/07/14 - Gastronomia
Il 4 e il 5 agosto l’appuntamento è con il piatto forte del Tacco d’Italia da...
31/07/14 - Bambini
Cambiare il pannolino a un neonato quando si è in vacanza, nelle destinazioni italiane,...
31/07/14 - Ospitalità
Borgorocchetta.com è il sito web che presenta il nuovo albergo diffuso ad Acquasanta Terme,...
30/07/14 - Turismo
"Ringrazio il Presidente Renzi e il Ministro Franceschini per la fiducia accordatami. Sono onorato...
Cosa c'è in tavola a Bolzano
I mesi autunnali sono considerati l'alta stagione di Bolzano, uno dei periodi migliori per visitare...
Portogallo, terra di Grandi Navigatori
Laggiù, nell’estremo sudovest di un’Europa sempre più rassegnata a subire...
A Merano, l'arte d'avanguardia nell'Hotel
A Merano, le “concept rooms” di tre artisti contemporanei (Elisabeth Hölzl,...
Bard medievale, anche nei cibi e nelle bevande
Fontina, fromadzo, toma di Gressoney, reblec, salignoun, seras, formaggi freschi, caprini, brossa,...
Italia golosa: Panettone Doc e dintorni
"Non mangerà il panettone". No, non è il consiglio di un nutrizionista, né il profetico annuncio di...
Bugatti, il sogno compie 100 anni
Anche se i francesi tentano di scipparcelo mettendogli l'accento sulla "i", Ettore Bugatti era...
Tango alla milanese
Pochi conoscono le opere di Enrique Santos Discepolo, ma molti si ricordano di una sua celebre...
A Milano l'ultima moda è Aperiterme
  Sveglia alle 6.30. Appena il tempo di fare colazione e vestirsi che già devo correre...
Un castello... in aria
Grappoli di palloncini colorati sollevano le torri dell'imponente castello di Brescia dal colle...
La birra parla italiano
Cinquanta birre prodotte in tutte le regioni d’Italia partecipano al Primo Concorso nazionale...
Il sapore delle Alpi svizzere
  Qua e là esistono dei micro territori che riescono a rimanere se stessi anche se...
LIBRI E GUIDE
I grandi miti della psicologia popolare di Lilienfeld S.O., Lynn S.J., Ruscio J., Beyerstein B.L., Raffaello Cortina Editore, pagine 392, Euro 26,00.
Il Massiccio del Grappa. Alta Via degli Eroi da Feltre a Bassano di Fabio Donetto, DBS - Danilo Zanetti Editore, pagine 96 con foto e cartina, Euro 6,00.
TUTTI I DOSSIER
0.86068892478943