Presepi di montagna
Una storia antica come il mondo racconta di un bambino nato in una mangiatoia. E’ la favola del presepio che si ripropone, ieri come oggi, nelle valli delle montagne piemontesi
di Eleonora Boggio

La Natività
È un vero e proprio rito quello del presepio, come l’allestimento dell’albero di Natale sotto il quale riporre i doni la notte della vigilia o il panettone, dolce impasto con uova, uvetta e frutti canditi, da gustare nei giorni delle feste.
Fra i tanti riti natalizi, il più tradizionale rimane ad ogni modo il presepio.
D’altronde, in che altro modo si potrebbe definire quel momento "speciale" nel quale la famiglia si trova riunita nella scelta delle statuine prima e nella trasformazione di un fondale di cartapesta nelle più ardite geometrie abbellite dal muschio essiccato, poi?
Il presepio vanta un passato di tradizione millenaria. Già a Roma, nel IV secolo, nel giorno di Natale venivano esposte immagini religiose, che dal decimo secolo assumono un carattere via via più popolare, estendendosi in tutta Europa.
San Francesco, "inventore" del presepio
Particolare del forno nel presepe di Greggio
Il vero presepio come lo conosciamo noi oggi, con la rappresentazione della Natività di Gesù, affonda le sue origini nell’anno 1223 e si deve alla profonda visione cristiana e alla creatività del poverello di Assisi. Francesco, anziché a Betlemme, fa rivivere la sacre scritture nella cornice di un paese della valle reatina: Greggio.
Da quel momento in poi la rappresentazione del sacro evento sarà destinata ad estendersi a macchia d’olio, con l’uso di materiali diversi a seconda della provenienza geografica e delle tradizioni popolari di ogni singola zona.
Così nascono presepi in terracotta e in legno, frutto delle fredde valli montane o in corallo, madreperla, alabastro e conchiglie ad opera dei pescatori, figli del mare.
La tradizione napoletana
Tra gli estimatori di quest’arte, c’è il re Carlo III di Borbone, che nel settecento fa di Napoli la capitale del presepe. Qui si producono, ieri come oggi, raffigurazioni affollate di personaggi della nobiltà, della borghesia e del popolo, ritratti nelle loro occupazioni quotidiane o nei momenti di svago: poco importa se intenti a banchettare o impegnati in balli e serenate. A Napoli segue Roma, quella barocca, e il presepe diviene uno status symbol per le famiglie più importanti che lo allestiscono all’interno del cortile padronale, mostrandolo agli invitati durante convivi e banchetti.
E oggi? La tradizione a Napoli si rinnova sempre più festosa. Vecchi personaggi e new-entry: presidenti del consiglio ed esorcisti in una kermesse di statuine colorate come le luci che le vestono.
Il fatto che Napoli sia la capitale del presepio non implica però che la sua cultura sia circoscritta al sud Italia. Tutt’altro. Il Piemonte vanta degli splendidi esempi e il biellese ne custodisce i migliori.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 
Week-end e tempo libero
Osterfestival, arte e musica
Dal 10 al 21 aprile 2014
Tour sull'Arno in barchetto
Valido fino al 30 settembre 2014
Offerte di viaggio
In viaggio nei Balcani, tra Serbia e Montenegro
Iran culturale
Sogno Inca: sulle tracce di antiche civilta'
NOTIZIE
20/04/14 - Natura
Sempre di più in Italia si sta riscoprendo un turismo "bucolico", dove il contatto con la...
20/04/14 - Cinema
Dal 28 al 31 maggio prossimi Cortina d’Ampezzo (BL) ospita il Festival internazionale Ciak...
18/04/14 - Trasporti
Le partenze per le vacanze pasquali sono già iniziate e dalle grandi città...
19/04/14 - Consumi
I ristoratori italiani restano ancora in attesa della ripresa dei consumi che non si...
18/04/14 - Curiosità
"Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi". Il detto popolare sembra non riguardare gli operatori...
In viaggio per una "matanza"
Cerchiamo di essere coerenti. Se, come disse Feuerbach, "L'uomo è ciò che mangia" la nostra...
Fascino del Presepe
Seguono nel tempo le "figurarum scultores" lignee e a grandezza naturale, che compaiono nelle...
Cena-spettacolo a New York
Dopo essere passati da Londra e Shangai, e in attesa di approdare a gennaio 2011 a Milano, i cuochi...
Kunas, gli ultimi Caribe
Provate a immaginarlo. Però questo posto esiste e si materializza a meno di un'ora di volo da...
Una terrazza sull'Umbria
È un’Umbria verdissima, ma al contempo maestosa quella che si contempla dai quasi 700...
Nuove emozioni nei Relais du Silence
  La scelta di associare nuovi alberghi ai Relais du Silence deve essere frutto di...
Coquillage e collezionismo per cene gourmet
Nel centro di Torino, a pochi passi dai Murazzi, La Bourriche è un nuovo ristorante per gli...
Musak e Suoni
Negli Usa la musak esiste da molti anni e si sente negli ascensori, nei supermarket, nelle attese...
Invito in cantina
Il Movimento turismo del vino organizza domenica 31 maggio in tutta Italia la 17esima edizione di...
"Street food" alla maltese
Che freddo a Mosca… -15°! Ha fatto bene il mio amico Lev Jurievic ad andare a lavorare a...
Vigevano. I sapori del riso
Sarà al castello visconteo sforzesco di Vigevano, nel cuore della pianura Padana, la prima...
LIBRI E GUIDE
Due lune di Jennifer Johnston, La Tartaruga edizioni, pagine 240, Euro 17,00.
Sapore di Sole di Lorenzo Piroddi, Mursia editore, pagine 224, Euro 15,00.
TUTTI I DOSSIER
2.1487019062042