Martedì 26 Maggio 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Ponape, mini-Venezia della Micronesia
di Gian Paolo Bonomi

Isole della Micronesia viste dall'aereo
Allacciare le cinture e prepararsi per un lungo volo.
Si va in Micronesia, a Ponape o Ponhpei. Non stupisca il doppio nome. Una quindicina di anni fa, una sorta di revisionismo culturale, per meglio dire geografico, ha inventato nuovi nomi (non molto dissimili da quelli precedenti) per la miriade di isole che si distendono nell'oceano Pacifico, tra il tropico del Capricorno e l'equatore, lungo la sterminata distesa d'acqua tra le Filippine e le Hawaii. Non ha cambiato appellativo soltanto Ponape: Palau è divenuta Belau e Truk attualmente si chiama Chuuk.
Ponape, acqua in abbondanza
Ponape
Della Micronesia (lo dice l'etimologia del nome: insieme di “piccole isole”) l'ex Pohnpei è considerata il giardino, il trionfo della vegetazione, la sinfonia di una flora rigogliosa per il semplice motivo che a Ponape piove, eccome, anche se il viaggiatore talvolta é male documentato o peggio informato e quindi passeggiando tra ibiscus e orchidee, pensa ingenuamente che nel bel mezzo di una terra selvaggia esistano legioni di indaffarati a “bagnare le piante”.
Tante foreste pluviali e alberi di spezie (i locali giurano che il loro pepe é il migliore del mondo) sono infatti il risultato di poco meno di cinquemila millimetri d'acqua in trecento giorni piovosi dell'anno; ben sette volte di più rispetto alla media del Belpaese.
E forse forse il numero delle giornate bagnate è in difetto, se si dà credito a una popolare battuta locale dallo humour un filino british: a chi chiede quale è la stagione secca, viene risposto che lo fu un pomeriggio di un giorno di febbraio di tanti anni fa.
Non si spaventi, comunque, il viaggiatore in partenza per Ponape; un ombrello fa comodo, ci mancherebbe, ma i nuvoloni si alternano velocemente a un potente sole, non senza aggiungere che l'altissimo livello di precipitazioni è dovuto al fatto che quando piove l'acqua viene giù a mastelli; fortunatamente - per chi visita - soprattutto di notte.
Grande come il lago di Garda
Un uomo con banane
Si atterra dunque a Ponape, per scoprire che nell'oceano più bello del mondo c'è ancora qualche genuino angolo degli ahinoi quasi scomparsi, eppertanto sempre più introvabili “Mari del Sud”. E per scoprire anche che il recente detto di gran moda (Piccolo è Bello) è decisamente valido. Siamo infatti arrivati in una località (Kolonia) che è pur sempre una capitale (dei Federated States della Micronesia) ma grazie alle enormi distanze dalla cosiddetta civiltà (consumistica) e alle umane dimensioni di questo grande paesone (diecimila abitanti su un totale di trentamila, distribuiti su un'isola di 343 chilometri quadrati, come il lago di Garda, la visita risulta davvero curiosa e piacevole. In più, anche se ridotta a un puntino quasi invisibile su quell'ampio spazio blu della carta geografica chiamato oceano Pacifico, Ponape vanta pure la sua brava storia, oltretutto intrigante e misteriosa.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 
Week-end e tempo libero
Tra orchidee ed erbe spontanee
Da Maggio 2015 a Luglio 2015
Offerte di viaggio
L'isola del cioccolato
NOTIZIE
26/05/15 - "Pedalando in bicicletta..."
"Il cicloturismo in Europa ha un indotto economico di 44 miliardi di euro, con oltre 2 milioni...
26/05/15 - Expo Milano 2015
Gianpaolo Fornasari ha inaugurato a Porta Venezia a Milano la Casa Valtidone all’interno...
26/05/15 - Mobilità dolce
Due giorni all’insegna della mobilità dolce, per valorizzare e riscoprire il Chianti e...
26/05/15 - Tecnologia
A conclusione dei festeggiamenti dei 100 anni celebrativi del più grande acquedotto...
26/05/15 - Premi
La Finnair, compagnia aerea finalndese, si è aggiudicata il prestigioso International Yacht...
Mondiali 2010, la Farnesina consiglia
Il Ministero degli Esteri stila un elenco di indicazioni rivolto ai fortunati connazionali pronti a...
Turismo, Cenerentola d'Italia
Sapevate che … Mondointasca Gossip teme che il nuovo ministro del Turismo, Massimo Bray, non...
L'acquisto dei viaggi si decide in rete
Gli italiani che acquistano in rete la propria vacanza sono diventati più evoluti dei tour...
Basta con le macchinette mangiasoldi
Sapevate che … Con lo slogan “Rilanciamo Milano” (Corriere 14/6) Patrizio...
Como, viaggio nel festival Parolario
Dal 29 agosto al 13 settembre Como accoglie il festival Parolario per un'edizione dedicata al...
Il turismo vale metà degli acquisti on line
Il turismo si conferma al primo posto nel mercato italiano del commercio elettronico. I dati a...
Marche “tipiche”, marchigiani “atipici”
Sono un signore (ma fortunatamente non ricco, perché oggi non è più di moda girare in Suv, ce...
Ostelli di Lombardia in gran fermento
  La Regione Lombardia in accordo con il Dipartimento della Gioventù presso la...
Scopriamo l'Arabia Felix
Oman Air ha annunciato in anteprima che, a partire dal prossimo 21 giugno, il collegamento...
Soncino bella... malgrado la vicinanza con Milano
Sostengo da sempre, e insisto, che "si fa turismo" (ci muoviamo, in senso più lato 'si...
Le vacanze in famiglia non fanno rima con "low cost"
Gli italiani sottoscrivono prestiti per andare in vacanza? È facile crederci, stando alle...
LIBRI E GUIDE
Cicloturismo, il bello del viaggiare in bicicletta guida scaricabile gratis su www.lifeintravel.it
Federico Barbarossa e la Battaglia di Monte Porzio Catone di Jennifer Radulovic, editore Jouvence (Gruppo Mim edizioni) pagine 208, Euro 18,00.
TUTTI I DOSSIER
0.27223706245422