Giovedì 29 Gennaio 2015 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Ponape, mini-Venezia della Micronesia
di Gian Paolo Bonomi

Isole della Micronesia viste dall'aereo
Allacciare le cinture e prepararsi per un lungo volo.
Si va in Micronesia, a Ponape o Ponhpei. Non stupisca il doppio nome. Una quindicina di anni fa, una sorta di revisionismo culturale, per meglio dire geografico, ha inventato nuovi nomi (non molto dissimili da quelli precedenti) per la miriade di isole che si distendono nell'oceano Pacifico, tra il tropico del Capricorno e l'equatore, lungo la sterminata distesa d'acqua tra le Filippine e le Hawaii. Non ha cambiato appellativo soltanto Ponape: Palau divenuta Belau e Truk attualmente si chiama Chuuk.
Ponape, acqua in abbondanza
Ponape
Della Micronesia (lo dice l'etimologia del nome: insieme di piccole isole) l'ex Pohnpei considerata il giardino, il trionfo della vegetazione, la sinfonia di una flora rigogliosa per il semplice motivo che a Ponape piove, eccome, anche se il viaggiatore talvolta male documentato o peggio informato e quindi passeggiando tra ibiscus e orchidee, pensa ingenuamente che nel bel mezzo di una terra selvaggia esistano legioni di indaffarati a bagnare le piante.
Tante foreste pluviali e alberi di spezie (i locali giurano che il loro pepe il migliore del mondo) sono infatti il risultato di poco meno di cinquemila millimetri d'acqua in trecento giorni piovosi dell'anno; ben sette volte di pi rispetto alla media del Belpaese.
E forse forse il numero delle giornate bagnate in difetto, se si d credito a una popolare battuta locale dallo humour un filino british: a chi chiede quale la stagione secca, viene risposto che lo fu un pomeriggio di un giorno di febbraio di tanti anni fa.
Non si spaventi, comunque, il viaggiatore in partenza per Ponape; un ombrello fa comodo, ci mancherebbe, ma i nuvoloni si alternano velocemente a un potente sole, non senza aggiungere che l'altissimo livello di precipitazioni dovuto al fatto che quando piove l'acqua viene gi a mastelli; fortunatamente - per chi visita - soprattutto di notte.
Grande come il lago di Garda
Un uomo con banane
Si atterra dunque a Ponape, per scoprire che nell'oceano pi bello del mondo c' ancora qualche genuino angolo degli ahinoi quasi scomparsi, eppertanto sempre pi introvabili Mari del Sud. E per scoprire anche che il recente detto di gran moda (Piccolo Bello) decisamente valido. Siamo infatti arrivati in una localit (Kolonia) che pur sempre una capitale (dei Federated States della Micronesia) ma grazie alle enormi distanze dalla cosiddetta civilt (consumistica) e alle umane dimensioni di questo grande paesone (diecimila abitanti su un totale di trentamila, distribuiti su un'isola di 343 chilometri quadrati, come il lago di Garda, la visita risulta davvero curiosa e piacevole. In pi, anche se ridotta a un puntino quasi invisibile su quell'ampio spazio blu della carta geografica chiamato oceano Pacifico, Ponape vanta pure la sua brava storia, oltretutto intrigante e misteriosa.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Lubiana e Portorose
Dal 1 al 3 maggio 2015 " Quota da € 285,00
Fiera Creattiva
Dal 05 al 08 marzo 2015
Offerte di viaggio
Carinzia: l'inverno è donna!
L'isola del cioccolato
Pasqua in Giordania
NOTIZIE
29/01/15 - Mostre
Il Museo Nazionale del Cinema propone alla Mole Antonelliana di Torino dal 29 gennaio al 3 maggio...
28/01/15 - Gastronomia
Dal 13 al 15 febbraio si terrà EXTRA Lucca 2015, la terza edizione della kermesse dedicata...
28/01/15 - Cataloghi
Il nuovo catalogo di Goasia Medio Oriente nasce con la volontà di illustrare tutte le...
28/01/15 - Enogastronomia
Ad Ostra Vetere, in provincia di Ancona, dal 30 gennaio al 1 febbraio si fa festa con le cantine...
28/01/15 - Neve
Anche questo inverno, le località montane che aderiscono al circuito delle Perle Alpine...
Note di ghiaccio
17 dicembre - Il silenzio delle montagne riempito dal suono della musica. Nella settimana che va...
A Pamplona, una "Fiesta Peligrosa"
Cominciai tanti anni fa (facciamo cinquanta) ad andare a Pamplona per i Sanfermines. Per quei tre o...
Inverno al caldo tra spiagge e acque cristalline
Quando si parla di calde temperature è impossibile non pensare a Sharm El Sheik, la...
Turismo ecosostenibile, Matera sceglie l'auto elettrica
Matera punta sul turismo di qualità. Dopo aver lanciato la sua candidatura come Capitale...
Il Bianco e il Nero della vita
Il dubbio ci esalta e insieme ci angoscia. La felicità infantile di un intero popolo che,...
Venezuela, asterischi di una bella gita
* "Perdone señorita"... mi rivolgo alla cameriera durante il "desayuno" (prima colazione) in...
La prima guida turistica donna
Il 20 febbraio si celebra in tutto il mondo la “Giornata Internazione della Guida...
Il turismo vale metà degli acquisti on line
Il turismo si conferma al primo posto nel mercato italiano del commercio elettronico. I dati a...
Cellulari, oggi il biglietto si acquista via smartphone
Come si organizza un viaggio nell’era di internet? Via cellulare. Grazie alle moltissime...
Romagnano Sesia, dalla Vigna al Bicchiere
“Dalla Vigna al Bicchiere” è il titolo della manifestazione che tiene il 5...
Samantha Cristoforetti viaggiatrice nello spazio
Sapevate che… Mondointasca Gossip ama chi viaggia eppertanto manda un grande ed entusiasta...
LIBRI E GUIDE
Manuale dello chef di Claudio Sadler, Giunti Editore, Fotografie di Francesca Brambilla e Serena Serrani, pagine 288, Euro 19,90.
Il tango e il mare di Monica Maria Fumagalli, Abrazos Editore, Euro 12,00.
TUTTI I DOSSIER
1.9590389728546