Giovedì 5 Marzo 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Future Harvest per i “raccolti” del futuro
Il progetto del Consultative Group on International Agricultural Research studia un “approccio sostenibile” per lo sviluppo dei Paesi meno avanzati
di Alex Manini

Piantagioni di mais nei progetti del Cimmyt in Messico.
Tutti conoscono, oppure ne hanno sentito parlare almeno una volta, la Fao (Food and Agriculture Organization), organizzazione mondiale per l’alimentazione e l’agricoltura, operativa come Agenzia del sistema Onu, per la valorizzazione delle risorse agricole e alimentari. Ma sono pronto a scommettere che, per molti, il nome "Future Harvest", (in inglese sta per "raccolto del futuro"), suona assolutamente nuovo.
Eppure Future Harvest è un’organizzazione internazionale di alto livello, con un budget di oltre 300 milioni di dollari all’anno e una rete di sedici centri specializzati, sparsi in diversi Paesi del mondo. Il suo obiettivo è promuovere un’agricoltura sostenibile nei Paesi meno avanzati, considerando il nesso fondamentale fra "sviluppo" agricolo, tecnico-industriale, agrotecnico , zootecnico e turismo, nel senso di fruizione equilibrata delle risorse endogene di una determinata località.
Turismo, sviluppo naturale
Coltivazioni di riso in Asia, a cura dell’Irri.
Il turismo si innesta infatti sulle realtà di sviluppo locale che hanno permesso a un Paese di emergere dalla povertà e dall’esclusione, per farne, alla fine, un luogo di auto-sviluppo e di auto-sufficienza economica e civile. Le tattiche per arrivare a ciò passano quasi sempre attraverso un background fatto di interventi mirati,da parte di Agenzie specializzate, che rilanciano lo sviluppo locale, in chiave propedeutica, anche per la nascita del turismo. Analizzare come tutto questo avviene, significa capire i processi che portano una nazione a differenziarsi da un‘altra, permettendo a se stessa di sviluppare l’industria del turismo sopra le infrastrutture e il "capacity building" (valorizzazione delle capacità) che costituiscono gli obiettivi perseguiti da strutture quali Future Harvest.
Come funziona Future Harvest
Il Cip a Lima raccoglie dati su migliaia di specie di tuberi andini.
Innanzitutto un po’ di storia. Future Harvest è una sigla conseguente al "restyling" d’immagine al quale si è sottoposto il Gruppo Cgiar, Gruppo Consultivo sulla Ricerca Internazionale in Agricoltura, un consorzio di 75 membri pubblici e privati, fra i quali 58 governi, la stessa Fao, la World Bank (Banca Mondiale), lo United Nations Development Programme (Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite) e gruppi privati che supportano finanziariamente i sedici centri. Il gruppo Cgiar deve essere inteso come una piattaforma informale, senza regole o adesioni codificate, ma semplicemente come un "forum" di sponsor, un "pool" di donatori. E’ coordinato dalla Banca Mondiale e nella fattispecie presieduto da uno dei vicepresidenti anziani della stessa. La Banca si preoccupa di fornire al Cgiar un centro di segretariato e di coordinamento con sede a Washington, mentre il gruppo di assistenza tecnica è ospitato dalla Fao, a Roma.
La missione del Cgiar è "contribuire, attraverso la ricerca, a promuovere un’agricoltura sostenibile e la sicurezza alimentare nei Paesi in via di sviluppo", attraverso studi di politica agricola (settore strategico) e di ricerca agricola applicata (settore produttivo). Gli studi prodotti dal gruppo sono divulgati al pubblico esterno e costituiscono quindi un bene collettivo al quale ognuno può accedere.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Sci e alpinismo sul Gran Paradiso
Dal 10 gennaio 2015 al 25 aprile 2015
Emancipazione femminile
Dal 3 al 12 marzo
Offerte di viaggio
Crociera alle Bahamas
Pasqua a New York
Pasqua Lago di Bled e Lubiana
NOTIZIE
05/03/15 - Turismo
In Repubblica Dominicana si è appena concluso un seminario dal titolo “Il percorso...
05/03/15 - Mostre
Dal 6 marzo al 5 luglio il Palazzo Ducale di Venezia ospiterà la mostra “Henri...
05/03/15 - Natura
Locarno ospita uno dei più ricchi parchi di camelie a livello internazionale e anche una...
05/03/15 - Parchi a tema
Ricon de la Victoria in Spagna ospiterà un parco a tema basato sulle avventure del Signore...
05/03/15 - Cataloghi
La terza edizione 2015 catalogo “Villaggi Veraclub”, nella sua versione cartacea,...
Diciotto buche sui ghiacci polari
Le isole Svalbard formano un arcipelago situato nella parte settentrionale dell’Artico e...
La montagna che unisce
Centocinquanta cime in tutta Italia, da scalare contemporaneamente il prossimo 7 luglio. Questo...
Soggiorni "contadini" e slalom "caserecci"
Ore 8, sveglia. E colazione, con i prodotti del maso. Il burro profuma di panna, la marmellata ti...
White Style: la discesa più pazza del mondo
“White Style”, la gara europea di mountain bike sulla neve più famosa al mondo...
Crans Montana, dove le cime incorniciano il "green"
Un altopiano che domina la valle del Rodano dai suoi 1.500 metri d'altitudine, le cime del Cervino...
Montagna d'estate in sicurezza: cosa c'è da sapere
Per andare in montagna d'estate servono poche, anzi pochissime, regole di prudenza. Consigli che...
L'Italia unita dalla bici
Bicitalia, il progetto di Fiab - Federazione italiana amici della bicicletta in risposta al bando...
Morte del camminare quotidiano
"Dall'eliminazione dello sforzo fisico della camminata alla perdita sensomotoria indotta dal primo...
Faticare al Nord
Per la maggior parte di noi italiani, pattinare sul ghiaccio significa girare in tondo sulle piste...
Golf e birra nella terra di Ludwig II
Al centro di un’isola sul lago di Chiemsee, ad un centinaio di chilometri da Monaco, sorge...
Gita al Lago d'Orta dal sapore d'antan
  Siete alla ricerca di suggerimenti su come trascorrere un rilassante fine settimana in...
LIBRI E GUIDE
Non volare via di Sara Rattaro, Garzanti, pagine 224, Euro 14,90.
Cicloturismo, il bello del viaggiare in bicicletta guida scaricabile gratis su www.lifeintravel.it
TUTTI I DOSSIER
1.2462730407715