Giovedì 28 Agosto 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Nicaragua, terra di laghi e di vulcani
A volte la tanto disprezzata politica consente di localizzare luoghi difficili da scoprire persino sulle carte geografiche. E’ il caso del Nicaragua, paese dalla natura “forte” e dalla storia interessante
di Gian Paolo Bonomi

Leòn, la cattedrale
L’insufficiente conoscenza del Nicaragua è soprattutto dovuta alle vicende storiche. Eccessivamente minuscolo (un tempo connotato negativo, oggi invece “piccolo è bello”) rispetto alle grandi nazioni nord (Messico) o sud americane (Argentina, Perù, Colombia ecc.), il Nicaragua non poté che ricoprire un ruolo di secondo piano nelle lotte per l’indipendenza dalla Spagna, a inizio Ottocento.  
In seguito, sempre per l’esiguità dei suoi spazi e per le obiettive difficoltà logistiche, questo territorio centro-americano non fu meta del grande flusso migratorio che vide parte dell’Europa latina trasferirsi nel Nuovo Continente.
Finalmente, dopo tanto silenzio, fu appunto la politica a rendere il Nicaragua un po’ meno “carneade”. Verso la fine del secolo scorso chi non ricorda - non di rado apparse nelle prime pagine dei quotidiani - le vicende dei Sandinisti, nella drammatica ribellione al terrore del dittatore Somoza e le successive dispute con i Contras, appoggiati dai Gringos nordamericani? 
Nel cuore delle Americhe
Isola di Ometepe
Oggidì più tranquillo e in condizioni di stabilità politica, il Nicaragua si apre al mondo con proposte turistiche non eccezionali ma sicuramente valide. La vera motivazione per una visita in questo angolo del Centro America va pertanto ricercata nel contatto con madre natura, nel godimento di panorami e paesaggi inusitati, nella certezza di non vedere cose finte e cartapesta (“turistiche” secondo i puristi dei viaggi intelligenti).
Il Nicaragua (centotrentamila chilometri quadrati, meno della metà della superficie dell’Italia, più di cinque milioni di abitanti) vanta il soprannome di “ombelico” delle Americhe perché posto (Honduras al nord, Costa Rica a sud) a metà del Centro America. Questo lungo ma non vasto serpentone di terra, poco più di cinquecentomila chilometri quadrati per circa trenta milioni di abitanti, inclusi Guatemala, Belize, El Salvador e Panamà, è turisticamente poco noto perché compresso dai due subcontinenti, a nord e a sud.
Acqua e fuoco, segni distintivi
Vulcano San Cristonal
Alcuni dati statistici consiglierebbero invece un salto nel Centro America. Possiede solo lo 0,4 % della superficie emersa della Terra ma vanta l’8% della bio-diversità. La natura è protagonista con cento vulcani inattivi e ben quattordici località e monumenti sono stati dichiarati Patrimonio dell’Umanità.
In Nicaragua l’attento viaggiatore (e se tale, vorrà arrivare con il bel tempo, da dicembre ad aprile; meno suggerita la stagione piovosa da agosto a novembre e quella calda da maggio a luglio; occhio al termometro tra le undici e le quindici, la “hora del diablo”) non trova solo le bellezze naturali rappresentate da tanti laghi, venticinque vulcani di cui sei attivi, verdi paesaggi talvolta “non tropicali”; poco distanti dall’Equatore (tra gli 11 e i 15° gradi nord) incuriosiscono le praterie ricche di bovini.
Una passeggiata o una visita di un mercato artigianale mettono a contatto con sorprendenti - per chi non le conosce o non le vuole conoscere - realtà del Centro America, alcune inquietanti, altre aperte alla speranza.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 4 - 
Week-end e tempo libero
Dichiarare amore in volo
Fino al 19 ottobre 2014
Gusto ad Alta Quota sulle Dolomiti
Dal 17 maggio all'1 novembre 2014
Offerte di viaggio
Costa Rica, Nicaragua, Panama: El Mundo Verde
Crociera alle Bahamas
Alla scoperta dell'India tra yoga e spiritualità
NOTIZIE
28/08/14 - Alberghi
Il Savoia Hotel Rimini è stata una delle prime strutture turistiche ad aderire al progetto...
28/08/14 - Internet
MondoInTasca è ufficialmente uno dei dieci siti nominati dagli utenti della rete nella...
28/08/14 - Montagna
Lo skipass di Fassa dal prossimo inverno diventa “Fassa XL 3+3”. La novità...
28/08/14 - Animali
Se siete tra i fortunati ancora in ferie, magari in Puglia e con cane al seguito, questa notizia...
28/08/14 - Gastronomia
Una giornata all’insegna dei sapori del territorio nello scenario del Parco del Lago Segrino...
L'albero delle Streghe di Massa Marittima
A Massa Marittima, in provincia di Grosseto, una nuova campagna di restauri ha l'obiettivo di...
Settecento, il secolo delle Guide Turistiche
  Il Settecento è il secolo del Viaggio. Romantico e pittoresco, artistico ed...
A Modena suona la banda
Dal 5 al 9 luglio a Modena si tiene la 20ª edizione del Festival Internazionale delle Bande...
Tuscia, una vacanza al naturale
Spuntano come funghi e ridisegnano il territorio. Sono i "Centri Commerciali Naturali", reti...
Golfo di Trieste, visite e vedute
Comincia sabato 20 marzo la stagione di visite al Castello di Duino per proseguire fino a novembre....
Dresda, sessant'anni dopo
Certo d'estate la Neustadt (Città Nuova) pullula di gente: tavolini all'aperto dei caffè, locali...
I cavalier, le armi e gli amori...
Storia in Fiera 2010 che si terrà presso il Centro fieristico di Ferrara dal 6 al 7 marzo,...
Giuseppe Verdi iperboreo
Il direttore Paolo Olmi ha inaugurato l’edizione 2013 del celebrato Festival di Savonlinna...
Riapre il castello di Gallipoli, il passato ritrovato
"Si chiude un’era. Apre il Castello di Gallipoli". Con questo slogan è tornato...
Viaggio d'amore con i Blein
La primavera è iniziata e si moltiplicano le occasioni per regalarsi una gita romantica...
Bronzi di Riace. Restaurati, ma "giacenti"
  Vi chiedete dove siano i Bronzi di Riace? Ebbene, li ho visti due giorni fa. Non sono al...
LIBRI E GUIDE
La semplicità delle piccole cose. Ricordi ed emozioni di Agostino Picicco, editore ED Insieme, Terlizzi (Ba), pagine 160, Euro 10,00.
Le storie dietro le fotografie di Steve McCurry, Electa-Phaidon, pagine 264, 320 illustrazioni, euro 59,00.
TUTTI I DOSSIER
0.98977303504944