Venerdì 27 Febbraio 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Firenze, l’Officina dei Profumi
Eugenio Alphandery ha la battuta pronta e la cortesia brusca del fiorentino. Si muove sotto le volte affrescate di questa chiesa, sconsacrata da tempo, con la disinvoltura di chi ha passato qui buona parte della sua vita e in queste stanze si sente a casa
di Barbara Rivoli

Eugenio Alphandery
Del resto, all’Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella veniva già da bambino, con la severa bisnonna che per tutto il tempo gli ripeteva di non toccare nulla e non far danni.
Poi, per uno di quegli strani scherzi che il destino a volte si diverte a giocare, capita che, mentre lavora altrove come ingegnere meccanico, i suoi vicini di casa gli chiedano se può dare un’occhiata a un vecchio macchinario che non vuole saperne di continuare a fare le sue brave pasticche.
Quei vicini sono gli Stefani, eredi diretti dell’ultimo frate a capo dell’Officina nel 1800. Alphandery ripara la macchina nel vecchio laboratorio, pieno di alambicchi e ricette tramandate, e non se ne va più.
Oggi è un vivace direttore pieno di progetti per il futuro, ma con i piedi ben saldi nel presente e radici profonde nel passato remoto di quella che è una delle più antiche attività sopravvissute a Firenze.
Non che fare a meno del passato sia possibile, tra le mura del negozio storico al numero 16 di Via della Scala a Firenze, a due passi da Piazza di Santa Maria Novella. Basta attraversare il vestibolo blu che precede la sala di vendita – anticamente la chiesa del convento – per rendersene conto: gli stucchi alle pareti, gli affreschi e poi le scansie, i pavimenti, gli antichi vasi, i ritratti dei frati erboristi prima e dei direttori laici poi: tutto racconta di una storia che è ancora presente e ci siede accanto.
Una “fonderia” per fabbricare “acque profumate”
Sala delle vendite
Le prime testimonianze dell’attività erboristica dei frati domenicani del convento di Santa Maria delle Vigne in Firenze risalgono al 1221, ma bisogna aspettare il 1612 perché l’Officina Farmaceutica nasca ufficialmente.
E’ stato il Granduca di Toscana a farsi promotore della sua creazione, forse in virtù di qualche medicamento particolarmente apprezzato dalla nobiltà fiorentina; concede inoltre a fra’ Marchissi - erborista erudito nei segreti dell’aromaterapia – di fregiare l’Officina del titolo di Fonderia di Sua Altezza Reale.
Di qui in poi la fama dell’Officina cresce, in Italia come all’estero e così quella dei suoi prodotti: l’Acqua anti isteria, “inventata” dallo stesso fra’ Marchissi; l’Acqua di rose, conosciuta fin dal 1300; l’Acqua della regina, creata per Caterina de’ Medici.

Particolare della sala
Nel 1500 la nobildonna porta con sé alla corte di Francia l’esclusiva formulazione, che passa nel 1725 a Colonia per mano di tale Giovanni Paolo Feminis, il quale - producendola - ne cambia il nome nell’attuale e ben più conosciuto Acqua di Colonia.
Fra’ Tommaso Valori, intorno alla metà dell’Ottocento, ottiene la sconsacrazione della chiesa dedicata a San Niccolò: da buon “business man”, capisce che era necessario sfruttare la popolarità dei rimedi e dei prodotti dell’Officina e fa aprire un passaggio sulla strada, l’attuale entrata al negozio.
Con l’incameramento da parte del Comune dei beni di proprietà degli Ordini religiosi (soppressi per volere del neonato Stato italiano), l’Officina rischia di perdere le proprie tradizioni secolari.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Lubiana e Portorose
Dal 1 al 3 maggio 2015 â€" Quota da € 285,00
Pasqua a Matera e nel Salento
Dal 3 al 6 aprile 2015 - Quota da € 385,00
Offerte di viaggio
L'isola del cioccolato
Australia Fantastica con Chiariva
Carinzia: l'inverno è donna!
NOTIZIE
27/02/15 - Arte
Moda e tecnologia, due sinergici fiori all’occhiello di Milano. La città meneghina nel...
27/02/15 - Fiere
L’appuntamento primaverile di Mercanteinfiera promette un ricco parterre. Questa fiera...
26/02/15 - Ferrovie
Le Valli Ossolane, il Lago Maggiore, il Vallese e l’Oberland Bernese si sono unite in un...
26/02/15 - Internet
Tourism and Events Queensland ha vivacizzato il sito web Queensland.com con molti servizi nuovi....
26/02/15 - Navi
Grandi progetti per una compagnia di navigazione in costante espansione. “MSC Crociere...
La Roma di "Angeli e Demoni"
Uscito in America nel 2000 e approdato in Italia dopo qualche anno, il romanzo di Dan Brown,...
Buoni vini (e uomini buoni) di Brianza
  La Cascina Costa (www.la-costa.it) è una bella casa colonica del Settecento. È...
"LetterAltura", scrittori ed esperti spiegano la Montagna
Montagne. Inaccessibili. Misteriose. Cime svettanti che fanno da ponte con il divino.Custodi di...
Estate 2012: Torre del Lago è pronta a ripartire
  L’estate si avvicina. Il caldo e la bella stagione lasceranno alle spalle le...
Il Vino e la Birra nella cultura dei Monaci del Medio Evo
Il vino era evidentemente conosciuto e apprezzato molto prima che l’ondata monastica...
"Quanto Basta" per godersi Roma
Ha aperto da poco a Roma il ristorante QB, ossia “Quanto Basta”. Anima del locale...
Tra i monti della Val Pusteria
A 1.400 metri di altitudine, lontani dalla quotidianità, la vita è scandita dai ritmi...
Diamante di Calabria: Murales e Peperoncino
Diamante è una località turistica della provincia di Cosenza, situata nella parte settentrionale...
La "mia" Madrid
"Madrid Madrid Madrid, pedazo de la España en que nacì" recita il refrain di una canzone (un...
Sapori di strada
Piadina con i crescioni di Romagna, panino e lampredotto toscano, pani ca’ meusa in Sicilia,...
Bruno Munari, attualità di un genio
Sotto l'aspetto un po' impettito si celavano idee e progetti fuori dagli schemi, di assoluta...
LIBRI E GUIDE
Il giro del mondo in 80 isole Lucrezia Argentiero, Iter Edizioni, pagine 144, Euro 11.90
In Viaggio di Laura Gemini, FrancoAngeli, pagine 176, Euro 21,00.
TUTTI I DOSSIER
1.2242860794067