Giovedì 30 Ottobre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
La "Corona" di Madrid
Non solo la splendida capitale spagnola tra le mete del viaggiatore. Nelle immediate vicinanze, nella corona appunto di centri grandi e piccoli che circondano Madrid, si incontrano localit ricche di storia e di arte
di Gian Paolo Bonomi

Anche nel turismo Ubi maior minor cessat. Si citi ad esempio Madrid. Il viaggiatore che soggiorna nella capitale spagnola raramente ne esce per esplorare le localit che la coronano, salvo compiere una visita alla splendida Toledo (che comunque non appartiene alla provincia di Madrid - divenuta Comunidad all'istituzione delle Autonomias postfranchiste - ed capitale di una delle cinque province e dellntera Comunidad della Castilla-La Mancha, un tempo Nueva Castilla).
Gli alibi per evitare una sia pur breve fuga dalla capitale spagnola sono in effetti validi: con tutto quel ben di dio da vivere e godere tra musei, paseos, movida, tapas y bodegas, chi riesce a ritagliarsi altro tempo per una escursione "fuori porta"?
Un doveroso tentativo per saperne di pi va invece affrontato, perch Alcal de Henares, San Lorenzo del Escorial, Aranjuez, Chinchn, Manzanares el Real, e altre localit minori, meritano davvero una visita. Soprattutto da un punto di vista storico e folkloristico. Perch Madrid, sia pure affascinante capitale di un ex impero che dett la storia del mondo, recita il ruolo di parvenu tra le nobili citt spagnole, priva com' (nacque villaggio musulmano nel IX secolo e divenne capitale nel 1561, quasi cinquantanni dopo lunificazione della Spagna) del lignaggio della cultura romana, visigota, araba. Ne prova l'universit Complutense, trasferita a Madrid nel 1831 ma fondata ad Alcal de Henares (la Complutum romana) nel 1498 dal cardinale Cisneros, in pieno fulgore rinascimentale.
Girotondo nella meseta
Beninteso, le localit circondanti Madrid non propongono soltanto sbadiglianti visite, noiosi monumenti e banale folklore. Anzi. Grazie a una variata morfologia della meseta - l'altopiano mediamente di 700 metri d'altitudine, occupato dalle due Comunidades della Spagna centrale, la storica Castilla y Len, a nord di Madrid, e la donchisciottesca, gi citata Castilla/La Mancha, a sud - i panorami e le bellezze naturali non mancano. In meno di un'ora d'auto si spazia dalle pinete della Sierra de Guadarrama ai campi di zafferano (e mulini a vento) di Consuegra, dall'accecante distesa manchega alle colline di vite e ulivo lungo la strada per Valencia.
Tra un colpo di vita notturno e l'ammirazione per uno dei tanti Goya e Tiziano del Prado, un salto in auto nei dintorni di Madrid non stona, anzi. ritempra chi ha dribblato la folla della Gran Via e sopportato il traffico dellinterminabile Paseo della Castellana. Le distanze nella Comunidad sono davvero ragionevoli (si completa una bella gita anche in mezza giornata), le strade sono ottime (in uscita ed entrata le M, 30 e 40 funzionano davvero) e le proposte, quanto a interesse e divertimento, non mancano.
Madrid, Escorial, Valle de los Caidos
Delle escursioni nei dintorni della capitale la meno frivola, ma doverosa: chi la compie sar pertanto perdonato se, percorsi i circa 50 kilometri di ritorno dall'Escorial sulla sempre trafficata autopista A6, giunto a Madrid si conceder qualche veniale peccato riparatore nella movida notturna.
In effetti non invitano certamente all'allegria le severe mura volute dal bigotto - ma con imperiale licenza d'adulterio - Filippo II e tanto meno fanno sorridere i 150 metri della granitica croce -alla congiunzione della Vecchia con la Nuova Castiglia- voluta da Franco a sovrastare una basilica, scavata nella montagna, accogliente la tomba del Caudillo e di molti caduti di ambo le parti della Guerra Civil. Ma all'Escorial l'arte, ancorch un po funerea, abbonda tra Monasterio, Panten e Biblioteca e pertanto non va assolutamente persa. Mentre nella Valle de Los Caidos - a una dozzina di chilometri da San Lorenzo dell'Escorial - l'imponenza della costruzione e il disegno storico di chi la volle, fanno meditare e comunque meritano una visita.
Di fronte alle scarne opportunit di shopping (lo sport preferito dal turista in trasferta, massime quello italiano: dicono che sia una reazione alla paura di morire) il visitatore pu consolarsi con un almuerzo (seconda colazione) al non costoso ristorante del Golf Club dell'Escorial. E chi aficionado a los toros ha l'opportunit di visitare, a poca distanza dall'imponente monastero disegnato da Juan de Herrera, una delle poche ganaderias (allevamento) di tori nella Comunidad di Madrid (quella di Baltazar Ibn). Se poi si passa da quelle parti il 10 agosto, San Lorenzo, da de Fiesta, non si perda la corrida nella piccola plaza de toros, immancabilmente piena zeppa, hasta la bandera (gente fino alla sommit delle tribune, dove sventolano le bandiere). Una chicca, poi, per chi ama le tradizioni storiche e lecologa, l'aria pura e il senderismo (andar per sentieri): le Caadas. Si tratta di itinerari, Caminos della transumanza, con tanto di dormitori, corrales (recinti) e botteghe di tosatura, gestiti e regolamentati dalla Mesta, una sorta di corporazione dei pecorai.
Le vestigia di queste strade maestre delle greggi che disegnarono la geografia della Spagna dal XIII al XIX secolo sono tuttora evidenti; attraverso Collado Villaba, ad esempio, passava la Caada Real Segoviana (per chi vuole saperne di pi, Libreria de la Comunidad, calle Fortuny 43, Madrid).
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Sport & Spa tra le Dolomiti
Dal 7 settembre al 3 novembre 2014
Momenti romantici tra le Dolomiti
Dal 12 settembre al 3 novembre 2014
Offerte di viaggio
Capodanno in Slovenia tra terme e cultura
Australia Fantastica con Chiariva
Tour di Capodanno in Cilento
NOTIZIE
30/10/14 - Premi
Scade il primo dicembre il termine per partecipare al concorso internazionale "Fotografare il...
30/10/14 - Solidarieta'
Dal 6 al 15 novembre, nella sede del Consiglio della Provincia Autonoma di Trento - Atrio Palazzo...
30/10/14 - Alberghi
Hilton Worldwide ha annunciato la firma di un accordo di franchising con la società GdF...
30/10/14 - Trasporti
American Airlines e Cadillac hanno dato vita a una partnership che offre una serie di vantaggi...
30/10/14 - Città d'arte
Al via oggi, giovedì 30 ottobre, la XVII edizione della Borsa Mediterranea del Turismo...
Libri in fiera a Milano
Da venerdì 26 a lunedì 29 ottobre prossimi, presso il Parco Esposizioni di Novegro...
L'Africa è uno stato mentale
Se siete alla ricerca della felicità, quella vera fatta non di beni materiali e tangibili ma...
Viaggio in Sassonia, il Land più musicale della Germania
La Sassonia è il Land più musicale della Germania. Personalità come Johann...
New York, la metropoli delle opportunità
Da sempre New York è una delle città più fashion al mondo, ricchissima di...
Damasco, dove la storia sovrasta il presente
Rincorrendo i documentari delle "major" americane, mi era già capitato di seguire i profili...
Sieti capitale della nocciola
Volato Milano-Napoli, poi in auto a Castellabate (panoramico set di Benvenuti al Sud, per me...
Sulle tracce di Giorgio Vasari
L’ultimo itinerario toscano alla scoperta del Cinquecento segue le tracce di Giorgio Vasari....
Note isolate
Il luogo è di quelli incantevoli, l'Isola San Giulio nel Lago d'Orta (Novara), e...
Il tramonto dell'Aurora
  È uno dei simboli di un’era ormai tramontata. Dai suoi cannoni era partito il...
Nel Fondaco dei turchi il museo di storia naturale
8 marzo 2010: il memorabile evento! Il museo di Storia Naturale nel Fondaco dei turchi a Venezia,...
Sotto il segno della Verdi
La Fondazione laVerdi di Milano organizza la sua seconda stagione estiva: “Un’Estate...
LIBRI E GUIDE
NUR. La luce nascosta dell'Afghanistan di MoniKa Bulaj, Editore Electa, pagine 256, 163 illustrazioni, Euro 39,00.
Federico Barbarossa e la Battaglia di Monte Porzio Catone di Jennifer Radulovic, editore Jouvence (Gruppo Mim edizioni) pagine 208, Euro 18,00.
TUTTI I DOSSIER
1.0462300777435