Martedì 3 Marzo 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Pamplona, correre con “los toros”
“...uno de Enero, dos de Febrero, tres de Marzo, cuatro de Abril, cinco de Mayo, seis de Junio, siete de Julio: San Fermìn!”. E’ la filastrocca che riecheggia all’infinito nell’intera Pamplona, per la “Fiesta” del santo patrono
di Gian Paolo Bonomi

Plaza Consistorial gremita per la "Fiesta" in onore di San Fermin
Suonata da orchestrine improvvisate, dalle bande delle “peñas” (i club taurini) che attraversano la città precedute da striscioni inneggianti al santo, riproposta dai numerosi protagonisti nei bar, nelle osterie, nelle vie e nelle piazze per nove lunghi giorni. Tanti infatti ne dura la “Fiesta” in onore di San Fermìn, vescovo e martire, patrono di Pamplona e della Navarra.
“Siete de Julio San Fermìn!” proclamano i cori composti da genti di paesi diversi, in “plaza del Castillo”, nella “plaza de toros”, per le strade dell’”encierro” (la corsa davanti ai tori); i punti di riferimento nella Pamplona dei “Sanfermines” (così è definito tutto il ciclo dei festeggiamenti).
Il 7 luglio è per Pamplona e tutta la Navarra una data magica, un giorno intorno al quale ruota tutto il resto dell’anno. I Sanfermines, oltretutto, dagli anni Trenta del secolo scorso hanno abbandonato la vecchia dimensione regionale e sono divenuti un appuntamento fisso, un grande momento folcloristico del calendario mondiale.
Hemingway l’ha resa celebre
"Sanferimines" vestiti di bianco e rosso
Cantore di questa “Feria” così tipicamente spagnola fu Ernest Hemingway, la cui statua decora il piazzale della plaza de toros, all’inizio del viale a lui dedicato.
Grazie alla pubblicità propiziatale dall’avventuroso scrittore americano in “The Sun also Rises” (Il Sole sorge ancora, 1926) in seguito ribattezzato “Fiesta”, Pamplona è divenuta meta di un turismo quanto mai eterogeneo.
Nei giorni della festa la città si trasforma, gli alberghi triplicano i prezzi, i ristoranti servono pranzi e cene senza interruzione, i bar non conoscono orari.
Mentre metà dei pamplonesi sfrutta l’occasione per rimpinguare un’economia che comunque non può dirsi povera - Pamplona è tra le città spagnole capoluogo di provincia una delle più svettanti nel miracolo economico nazionale - l’altra metà, quella non direttamente interessata alle vicende economiche della Fiesta o che comunque non ama la bolgia che ne deriva, va in ferie, in molti casi dopo avere affittato la propria abitazione ai “Pamplonìcas” di fuori città.
Bianco e rosso i colori della Feria
Accensione del chupinazo, il razzo che segna l'inizio della festa
La festa di San Fermìn tocca il culmine il 7 di luglio e termina il 14, ma vede l’inizio ufficiale a mezzogiorno del giorno 6, con l’accensione del “chupinazo”, un razzo il cui scoppio è seguito dall’apertura di bottiglie di “champàn” locale, “cava” (lo spumante spagnolo dal buon rapporto qualità-prezzo) e “sidra”.
La piazza della “Casa Consistorial”, dal  cui balcone principale parte il razzo inaugurale, è un mare di folla dall’entusiasmo incontenibile, vestita esclusivamente di bianco e rosso, i colori dominanti di questa grande kermesse. La divisa di ogni pamplonìca, in servizio permanente effettivo o di complemento, non ammette sgarri: camicia, pantaloni o gonna bianchi, un’abbondante sciarpa rossa fascia la vita, un basco e un fazzoletto, sempre rigidamente rossi, coprono la testa e circondano il collo. Rosso e bianco, bianco e rosso.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Tra orchidee ed erbe spontanee
Da Maggio 2015 a Luglio 2015
Fiera Creattiva
Dal 05 al 08 marzo 2015
Offerte di viaggio
Cultura e benessere in Slovenia
Crociera alle Bahamas
L'isola del cioccolato
NOTIZIE
03/03/15 - Sport
Quest’anno la Maratona Internazionale di Gerusalemme, alla sua quinta edizione,...
03/03/15 - Alberghi
A due mesi dall’apertura dell’Expo si è inaugurata una nuova eccellenza per...
02/03/15 - Personaggi e Turismo
A cura dell'associazione “Napoleone ed Elisa: da Parigi alla Toscana”, è...
02/03/15 - "Pedalando in bicicletta..."
Sabato 7 marzo alle ore 20 si svolgerà una biciclettata suggestiva attraverso i boschi e i...
02/03/15 - Voli
Da aprile sarà operativo il nuovo collegamento diretto su Chongqing servito da Hainan...
Tanzania, gioiello d'Africa
‘Le voci degli animali in libertà hanno un altro suono, più minaccioso certo ma...
Scopriamo la Lisbona tollerante e trasgressiva
  Da una città portoghese ti puoi aspettare che sia bella, ma non una destinazione gay...
Caserta naviga il Volturno
"Naviga Volturno" è un progetto del Casertano, nato nel 2006 per "testare" la risorsa fiume e...
Tioman, benvenuti in Paradiso
Se c'era e cos'era all'inizio del mondo, nessuno può dirlo con precisione. Come tutte le...
Vilnius che non ti aspetti
Vilnius, la Gerusalemme del Nord, come la chiamano, frontiera di cattolici ed ebrei (delle centosei...
In Kerala tra ayurveda e cardamomo
  Come in precedenza precisato, la descrizione della mia gita nel Kerala inizia da Cochin,...
Follie di fine inverno
Il bello delle compagnie aeree low-cost è che ti permettono di scoprire destinazioni...
Zilina: tra tecnologia e patrimoni Unesco
Nella puntata precedente ci eravamo lasciati nella Grotta della Libertà, splendida...
La Rochelle, regina dell'Atlantico
La Rochelle mi accoglie con una bella stazione Anni ’20 e la pioggia! In fondo siamo...
Budapest sorprende sempre
Come più o meno tutti, anche io ho i miei luoghi preferiti. Posti dove sei già stato...
Mas de Pierre, l'arte di vivere alla provenzale
  È tutto chiaro fin dall’ingresso alla proprietà. Le due colonne in...
LIBRI E GUIDE
Il tango e il mare di Monica Maria Fumagalli, Abrazos Editore, Euro 12,00.
Cicloturismo, il bello del viaggiare in bicicletta guida scaricabile gratis su www.lifeintravel.it
TUTTI I DOSSIER
1.2318940162659