Giovedì 24 Aprile 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Pamplona, correre con “los toros”
“...uno de Enero, dos de Febrero, tres de Marzo, cuatro de Abril, cinco de Mayo, seis de Junio, siete de Julio: San Fermìn!”. E’ la filastrocca che riecheggia all’infinito nell’intera Pamplona, per la “Fiesta” del santo patrono
di Gian Paolo Bonomi

Plaza Consistorial gremita per la "Fiesta" in onore di San Fermin
Suonata da orchestrine improvvisate, dalle bande delle “peñas” (i club taurini) che attraversano la città precedute da striscioni inneggianti al santo, riproposta dai numerosi protagonisti nei bar, nelle osterie, nelle vie e nelle piazze per nove lunghi giorni. Tanti infatti ne dura la “Fiesta” in onore di San Fermìn, vescovo e martire, patrono di Pamplona e della Navarra.
“Siete de Julio San Fermìn!” proclamano i cori composti da genti di paesi diversi, in “plaza del Castillo”, nella “plaza de toros”, per le strade dell’”encierro” (la corsa davanti ai tori); i punti di riferimento nella Pamplona dei “Sanfermines” (così è definito tutto il ciclo dei festeggiamenti).
Il 7 luglio è per Pamplona e tutta la Navarra una data magica, un giorno intorno al quale ruota tutto il resto dell’anno. I Sanfermines, oltretutto, dagli anni Trenta del secolo scorso hanno abbandonato la vecchia dimensione regionale e sono divenuti un appuntamento fisso, un grande momento folcloristico del calendario mondiale.
Hemingway l’ha resa celebre
"Sanferimines" vestiti di bianco e rosso
Cantore di questa “Feria” così tipicamente spagnola fu Ernest Hemingway, la cui statua decora il piazzale della plaza de toros, all’inizio del viale a lui dedicato.
Grazie alla pubblicità propiziatale dall’avventuroso scrittore americano in “The Sun also Rises” (Il Sole sorge ancora, 1926) in seguito ribattezzato “Fiesta”, Pamplona è divenuta meta di un turismo quanto mai eterogeneo.
Nei giorni della festa la città si trasforma, gli alberghi triplicano i prezzi, i ristoranti servono pranzi e cene senza interruzione, i bar non conoscono orari.
Mentre metà dei pamplonesi sfrutta l’occasione per rimpinguare un’economia che comunque non può dirsi povera - Pamplona è tra le città spagnole capoluogo di provincia una delle più svettanti nel miracolo economico nazionale - l’altra metà, quella non direttamente interessata alle vicende economiche della Fiesta o che comunque non ama la bolgia che ne deriva, va in ferie, in molti casi dopo avere affittato la propria abitazione ai “Pamplonìcas” di fuori città.
Bianco e rosso i colori della Feria
Accensione del chupinazo, il razzo che segna l'inizio della festa
La festa di San Fermìn tocca il culmine il 7 di luglio e termina il 14, ma vede l’inizio ufficiale a mezzogiorno del giorno 6, con l’accensione del “chupinazo”, un razzo il cui scoppio è seguito dall’apertura di bottiglie di “champàn” locale, “cava” (lo spumante spagnolo dal buon rapporto qualità-prezzo) e “sidra”.
La piazza della “Casa Consistorial”, dal  cui balcone principale parte il razzo inaugurale, è un mare di folla dall’entusiasmo incontenibile, vestita esclusivamente di bianco e rosso, i colori dominanti di questa grande kermesse. La divisa di ogni pamplonìca, in servizio permanente effettivo o di complemento, non ammette sgarri: camicia, pantaloni o gonna bianchi, un’abbondante sciarpa rossa fascia la vita, un basco e un fazzoletto, sempre rigidamente rossi, coprono la testa e circondano il collo. Rosso e bianco, bianco e rosso.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 3 - 
Week-end e tempo libero
Energia, relax e sapori
Dal 4 al 18 maggio 2014
Adolphe Sax in mostra
Dall'8 febbraio 2014 all'11 gennaio 2015
Offerte di viaggio
Costa Rica, Nicaragua, Panama: El Mundo Verde
Sud Tirol: cammino nel tempio dei Larici
Alla scoperta di New York
NOTIZIE
24/04/14 - Trasporti
Questo il calendario degli scioperi proclamati nel settore dei trasporti fino a venerdì 30...
24/04/14 - Fiere
La Borsa mediterranea del turismo archeologico annuncia le date della 17esima edizione:...
24/04/14 - Turismo
La Museum Pass Istanbul Card permette ai turisti di entrare in alcuni dei più importanti...
24/04/14 - Sport
Il 15 aprile, si è aperta la fase finale della vendita dei biglietti per la prossima Coppa...
24/04/14 - Turismo
Arrivano le nuove Card Multiservizi del Parco Cinque Terre. Due le tipologie di tessere che a...
Fish River Canyon, splendido e inquietante
A Mister Joshua, direttore del campeggio di Hobas, piace molto raccontare questa storia,...
I Castelli di Bellinzona
Le colline granitiche che sovrastano la cittadina svizzera bagnata dal Ticino, testimoniano secoli...
Penisola di Valdes, la natura a portata di mano
Un viaggio lungo diciassette ore, che da Buenos Aires ci porta verso sud, in Patagonia, è il...
Oslo, approdo sicuro di un popolo navigatore
I due alberi della Jomfruen si innalzano nel cielo trasparente di Oslo. Attraccata nel porto della...
Cantine d'Autore
C'era una volta il vino del contadino. O comunque quello delle grandi tenute, dove il vino si...
Sudan, tra le rovine dei Faraoni Neri
Definito "uno dei grandi nemici degli Stati Uniti", il Sudan ha veramente poche chances di...
Bagolino: borgo tra sapori storia e cultura
Bagolino è una località climatica e di soggiorno situata all’estremità...
Windhoek, capitale "europea" dell''Africa australe
Lontana dal caos delle metropoli occidentali e delle capitali centroafricane, Windhoek è la meta...
Bogotà, a perdita d'occhio grattacieli e case basse
Escluse o quantomeno ridotte le "chances" di coinvolgimenti in esplosioni o narcotraffico, al...
Tasmania, anche gli alberi hanno un cuore
Così inizia la mia giornata da picker in Tasmania. Una lunga camminata che porta dalla...
Cannes, città del Cinema
Le immagini mirabolanti della Croisette fanno da vetrina allo "star system" internazionale, leggi...
LIBRI E GUIDE
Le cose che non ti ho detto  di Bruno Morchio, edizione Garzanti, pagine 290, € 16.60.  
Segreti di famiglia di Tatiana de Rosnay, Corbaccio, pagine 344, Euro 18,60.
TUTTI I DOSSIER
2.6079561710358