Martedì 21 Ottobre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Gossip... e non solo
Cartagena de Indias, perla del "Caribe"
di Gian Paolo Bonomi
Navigatori, cartografi, scopritori, alle prese con i feroci Caribes

La penetrazione spagnola nell’attuale Colombia cominciò con la fondazione di Santa Marta (1526, la più antica città del sud America) dopo una ventina d’anni di esplorazioni compiute dal sivigliano Rodrigo de Bastidas. Si parla dei grandi momenti della storia della navigazione, con il Mar dei Caraibi solcato da eccellenti personaggi: Juan de la Cosa – pilota con Colombo ed eccelso cartografo, autore del primo mappamondo -; Vasco Nuñez de Balboa – nel 1513 scopritore dell’oceano Pacifico -; Alonso de Ojeda e Americo Vespucci (ai quali, secondo alcuni storici indecisi, spetta ‘ex aequo’ la fama di aver battezzato ‘Veniciola’ l’attuale Venezuela).

‘Descubridores’ destinati a fare una gran brutta in fine, più per l’esecranda fame dell’oro che per mano degli ‘indigenas’ (gli antropofagi Caribes preferivano saziarsi con i miti Arawak dopo averli cacciati dai loro villaggi).

Nel 1533, nasce la Cartagena colombiana
Case del Barrio Getsemani

E dopo Santa Marta sorse Cartagena. Alla testa di una spedizione eterogenea (una Nao, tre Caravelle, una Fusta, 150 uomini tra i quali 50 ‘negros macheteros’ e 22 cavalli) il 14 gennaio 1533 Pedro de Heredia, Conquistador madrileno, sbarcò nella terra degli indigeni Calamares e fondò un ‘asentamiento’, destinato – il 1° giugno dello stesso anno - a divenire una ‘ciudad’ cui fu posto il nome Cartagena de Levante (a ricordo della omonima spagnola, attualmente nella provincia di Murcia).

La giovane Cartagena (in seguito de Indias) ebbe però un’infanzia difficile. Già nei primi anni che seguirono la sua fondazione, quello che sarebbe divenuto il più importante e munito porto dell’impero spagnolo, fu vessato da devastanti incursioni dal mare. A opera di gente poco raccomandabile, una eterogenea e dispersa armata multinazionale (soldati, disertori, naufraghi, avventurieri, marinai, in prevalenza inglesi, francesi e olandesi; ma non mancarono portoghesi falliti nella tratta degli schiavi e negri africani sfuggiti alla schiavitù. Tutta gente che per secoli mise a ferro e fuoco i possedimenti spagnoli nei Caraibi. (1- continua)

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Gran Mercato dell'Antico
Dal 14 al 16 novembre 2014
Da Trieste alla scoperta della Slovenia
Dal 31 ottobre al 2 novembre
Offerte di viaggio
Crociera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
Matrimonio da sogno alle Maldive
Alla scoperta dell'Iran
NOTIZIE
21/10/14 - Turismo
Singapore è la destinazione da non perdere nei prossimi 12 mesi. La "consacrazione" arriva...
21/10/14 - Città d'arte
Si chiama Museo di Archeologia per Roma, ma il suo segreto è nascosto nel sottotitolo: 'Dal...
21/10/14 - Turismo
La Puglia mantiene saldo il suo appeal sui mercati stranieri e i primi otto mesi dell'anno...
21/10/14 - Mostre
Dal 24 al 31 ottobre il Life Park Protection Store di Milano ospita in una mostra tutti gli scatti...
21/10/14 - Ambiente
Sempre più viaggiatori considerano l'impatto delle loro vacanze sull'ambiente e abbracciano...
Spigolando tra turismo e dintorni
Sapevate che... In Spagna è sorta una nuova, piccola catena alberghiera di "nicchia", la Evade...
Torremolinos, di qua e di là del Charco
  Il titolo di questa narrazione esige immediate non meno che doverose spiegazioni. Charco in...
Spagnolo, alias "Lengua Castellana". Che "Camino"!
All'Instituto Cervantes, conferenza sul Camino de la Lengua Castellana, che poi sarebbe lo...
Le primarie del tortellino
  Durante il Festival del Tortellino, che si è svolto a Bologna il 4 ottobre scorso, la...
Nicole Minetti spera in un 'collegio' di donne. Sapevate...
Sapevate che... La popolazione della Terra ha raggiunto i 7 miliardi di esseri umani (e la...
Incoming, una faccenda complicata
Commentato nella precedente puntata il Turismo Outgoing (gli italiani in viaggio all’estero),...
Expo 2015, un piano per "catturare" i turisti
Sapevate che... A Roma la “vicenda dei due papi” ha fatto arrivare il 10% di turisti in...
A Lucerna il tempo si misura con sfere di cristallo
È risaputo che la Svizzera, oltre al cioccolato, è la patria della magnifica arte che...
Martigny, la collezione del museo Pushkin
L'evento estivo della Fondazione Gianadda, a Martigny, riserva come d’abitudine una...
Cosa fare se si smarrisce la carta di credito all'estero
Nel portafoglio del viaggiatore attento non può mancare una carta di credito per evitare di...
L'Italia dell'ecoturismo
Eco-turismo, turismo eco-sostenibile, "green economy"... sono termini molto utilizzati dagli...
LIBRI E GUIDE
Ritorno in India di Anand Giridharadas, Dalai editore, pagine 368, Euro 19,00.
I luoghi della musica Bari di Angelo Pascual De Marzo, Edizioni Il Mondo della Luna, Euro 20,00.
TUTTI I DOSSIER
1.2808501720428