Giovedì 18 Settembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Gossip... e non solo
Cartagena de Indias, perla del "Caribe"
di Gian Paolo Bonomi
Navigatori, cartografi, scopritori, alle prese con i feroci Caribes

La penetrazione spagnola nell’attuale Colombia cominciò con la fondazione di Santa Marta (1526, la più antica città del sud America) dopo una ventina d’anni di esplorazioni compiute dal sivigliano Rodrigo de Bastidas. Si parla dei grandi momenti della storia della navigazione, con il Mar dei Caraibi solcato da eccellenti personaggi: Juan de la Cosa – pilota con Colombo ed eccelso cartografo, autore del primo mappamondo -; Vasco Nuñez de Balboa – nel 1513 scopritore dell’oceano Pacifico -; Alonso de Ojeda e Americo Vespucci (ai quali, secondo alcuni storici indecisi, spetta ‘ex aequo’ la fama di aver battezzato ‘Veniciola’ l’attuale Venezuela).

‘Descubridores’ destinati a fare una gran brutta in fine, più per l’esecranda fame dell’oro che per mano degli ‘indigenas’ (gli antropofagi Caribes preferivano saziarsi con i miti Arawak dopo averli cacciati dai loro villaggi).

Nel 1533, nasce la Cartagena colombiana
Case del Barrio Getsemani

E dopo Santa Marta sorse Cartagena. Alla testa di una spedizione eterogenea (una Nao, tre Caravelle, una Fusta, 150 uomini tra i quali 50 ‘negros macheteros’ e 22 cavalli) il 14 gennaio 1533 Pedro de Heredia, Conquistador madrileno, sbarcò nella terra degli indigeni Calamares e fondò un ‘asentamiento’, destinato – il 1° giugno dello stesso anno - a divenire una ‘ciudad’ cui fu posto il nome Cartagena de Levante (a ricordo della omonima spagnola, attualmente nella provincia di Murcia).

La giovane Cartagena (in seguito de Indias) ebbe però un’infanzia difficile. Già nei primi anni che seguirono la sua fondazione, quello che sarebbe divenuto il più importante e munito porto dell’impero spagnolo, fu vessato da devastanti incursioni dal mare. A opera di gente poco raccomandabile, una eterogenea e dispersa armata multinazionale (soldati, disertori, naufraghi, avventurieri, marinai, in prevalenza inglesi, francesi e olandesi; ma non mancarono portoghesi falliti nella tratta degli schiavi e negri africani sfuggiti alla schiavitù. Tutta gente che per secoli mise a ferro e fuoco i possedimenti spagnoli nei Caraibi. (1- continua)

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Sapore di sale, sapore di Lago
Dal 22 al 28 settembre
Giardini in fiore
Dal 29 marzo al 31 ottobre 2014
Offerte di viaggio
Tour guidato in moto lungo la Route 66
Crociera nel Mediterraneo Occidentale
Australia Fantastica con Chiariva
NOTIZIE
18/09/14 - Premi
Si avvicina l’appuntamento con l’undicesima edizione di Grapperie Aperte che...
18/09/14 - Cultura
Sabato 20 settembre, in occasione della 31esima edizione delle Giornate Europee del Patrimonio, i...
18/09/14 - Città d'arte
Un archivio sulla musica popolare salentina degli ultimi 40 anni nascerà nel Castello Carlo...
18/09/14 - Turismo
Sono gli abitanti del Medio Oriente i viaggiatori che hanno speso di più per soggiornare in...
18/09/14 - Turismo
Nella 21esima edizione dei World Travel Awards, il Kenya ha fatto incetta di premi nelle categorie...
Nasce la conciliazione paritetica per il turismo
La nuova possibilità di conciliazione paritetica, tra imprese turistiche e clienti finali,...
Rivelazioni lodigiane
Ventunesima candelina per la rassegna gastronomica del lodigiano che apre la stagione autunnale...
2010 Varsavia festeggia Chopin
Il parlamento di Varsavia ha dichiarato il 2010 l’anno delle celebrazioni del più...
Saas Fee, ci vediamo a settembre
Sarà il 13 settembre prossimo la quarta edizione della Nostalgica festa culinaria di Saas...
Apologia del "Prosciutto"
Talvolta la cinematografia si abbina alla gastronomia: memorabile La Grande Bouffe (La grande...
Assicurazione viaggio, Ryanair ancora sotto i riflettori
Il numero di transazioni effettuate online da migliaia di utenti cresce di giorno in giorno, ma...
San Gheddafi da Lampedusa. Sapevate che...
Sapevate che... Nella prossima estate il costo dei traghetti per le isole aumenterà (TG La7,...
Affidare la gestione di Pompei a un hotel-casinò di Las...
  Sapevate che… A proposito del (carneade, o quasi) Kazakistan: visto che non lo fa...
Spoon River del Turismo
Ma com'è, quand'è originata tanta nostalgia del Turismo-Che-Fu? Beh, se dovessi usare...
Le grandi ali tedesche
Anche il viaggiatore frettoloso che passava mercoledì 14 luglio nel tardo pomeriggio...
Vacanze, consigli per partire sereni
"Le vacanze sono diventate un lusso, quindi, quest'anno più del solito, non è...
LIBRI E GUIDE
Io sono un mito di Francesca Bonazzoli, Michele Robecchi, Electa, pagine 144, illustrazioni 175, Euro 19,90.
Sapori e saperi delle Dolomiti a cura di Serena Turrin, edizioni DBS Zanetti, 152 pagine, foto a colori, Euro 13,00.
TUTTI I DOSSIER
1.2404360771179