Sabato 25 Aprile 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Gossip... e non solo
Garibaldi in Brasile e Uruguay
Festa dell'unit d'Italia. Quale migliore pretesto per ricordare agli abitanti dello Stivale - in questi giorni tutti "presi" dalle "gesta" del Colonnello libico - altri tipi di gesta, queste s passate alla Storia. Come dire: Prove tecniche dell'Unit d'Italia
di Gian Paolo Bonomi

Giuseppe Garibaldi

Tra tante polemiche se festeggiare o no l’unità d’Italia (eppoi se fare il “ponte” o no) si è dimenticato di spiegare (o quantomeno se ne è parlato poco) come maturò l’unità e chi partecipò alla sua realizzazione. Unica eccezione, tra i rari personaggi ricordati (in effetti gli attuali Savoia, ‘Fili’ in testa, poco invogliano a tirar fuori dal cassetto i loro antenati) Lui, il Peppino Garibaldi.

Un personaggio, come tutti quelli importanti, amato e vituperato, al punto che recentemente alcuni giovinotti padani o ultras della Serenissima ne hanno bruciato l’effigie all’uscita da una balèra. Sempre a proposito delle vicende garibaldine (e di riflesso della storia risorgimentale) non è stato dovutamente evidenziato che il Nizzardo sconfisse Borboni e Austriaci dopo essersi ‘fatto le ossa’, leggasi che ‘imparò a guerreggiare’ (e che ossa! sennò mica l’avrebbero chiamato l’Eroe dei Due Mondi!) nel sud America. Più esattamente in Brasile e Uruguay. E mentre del Brasile tutti ormai sappiamo tutto (Ronaldinho, Cesare Battisti, Tanga, Carnaval, Caipirinha e a Milano c’è pure chi indica col dito la casa che abitò Kakà), dell’Uruguay qualcosa ci sfugge. Meglio dedicargli due righe.

Uruguay, con profonde radici italiane
La scritta "Libert" su una colorata casetta a Cabo Polonio

Per i pignoli l’esatto nome è Republica Oriental del Uruguay, possiede meno di tre milioni e mezzo di abitanti su un territorio poco più grande di metà del Belpaese. Turisticamente parlando non costituisce, ma è ingiusto perché un salto lo merita, una destinazione molto visitata. I motivi? Le modeste dimensioni ma soprattutto (per la famosa e impietosa legge dell’Ubi Maior Minor Cessat la posizione geografica che vede il Paese ‘schiacciato’ (eccettuate le coste dell’Atlantico) tra Brasile e Argentina. E oppresso dai due colossi del sud America, l’Uruguay lo è stato anche storicamente, oltre che geograficamente: nel ‘700 fu disputato tra l’impero spagnolo e quello portoghese per divenire il boccone più ghiotto di Brasile e Argentina dopo la loro indipendenza (unica immensa vittoria, sul Brasile, il Mondiale di Calcio 1950, gol di Ghiggia, Maracanà ammutolito, alcuni suicidi).

Andrebbe però rivolta più attenzione, alla Republica Oriental, soprattutto da parte degli italiani per due validi motivi: le già lodate vicende di Garibaldi e la massiccia emigrazione dal Belpaese (l’elenco telefonico di una località uruguayana contiene una sensibile maggioranza di cognomi nostrani). Una emigrazione iniziata già ai primi dell’Ottocento, inizialmente composta da una èlite di gente del mare e commercianti, soprattutto liguri – definiti sardi perché da poco assimilati al regno di Sardegna - attirati dal notevole sviluppo di Montevideo, porto tra i più indaffarati del sud America.

Un confine (oggi) duty-free
Anita e Giuseppe "Jos" Garibaldi

Le vicende vissute da Garibaldi nel sud America hanno dell’incredibile. Si tratta di una epopea durata sette anni nell’Uruguay e preceduta da un quinquennio in Brasile: fatti d’arme e passioni, coraggio e romantiche gesta, fra le quali la tenera e coinvolgente ‘love story’ con Anita.

Giuseppe Garibaldi, e come i locali sappiano bravamente affrontare sfacchinanti trasferte in pullman, sono stati i prevalenti argomenti venuti alla mente durante le 27 ore di un mio recente viaggio no stop tra Florianopolis e Montevideo (a Chuy, cittadina di confine e immenso Duty Free dall’istituzione di una zona franca, trasbordo dal più sciccoso autobus ‘brasileiro’ su un più spartano vettore ‘uruguayo’).

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 
Week-end e tempo libero
Napoli e Costiera Amalfitana
Dal 24 al 27 maggio 2015 - Quota € 318,00
Sci e alpinismo sul Gran Paradiso
Dal 10 gennaio 2015 al 25 aprile 2015
Offerte di viaggio
L'isola del cioccolato
Cultura e benessere in Slovenia
NOTIZIE
24/04/15 - AAA - All'aria aperta
Mammoth Lakes, la ridente cittadina situata nella High Sierra californiana, con i suoi numerosi...
24/04/15 - Alberghi
Nel cuore del Salento, il Robinson Club Apulia, è una delle prime strutture ad inaugurare la...
24/04/15 - Tour operator
Cristiano Radaelli, Commissario Straordinario dell'ENIT, è intervenuto al  convegno...
24/04/15 - Turismo
L’Italia è la quinta destinazione turistica per numero di visitatori e per spesa dei...
24/04/15 - Arte
Stazioni come gallerie d’arte: questa è la filosofia alla base delle varie campagne...
Mondointasca.org a Ttg Incontri
Per il secondo anno consecutivo Mondointasca.org sarà presente con un suo stand nell'area...
Alitalia e le spoglie di Windjet
  Sapevate che... La ferragostana vicenda “Windjet zompa e 300.000 a terra” (un...
Mobilit sostenibile in Italia
Sorprese ma non troppo nell’ultimo rapporto di Euromobility. Il nostro Paese anche nella...
Australiani "fb dipendenti"
Sono lontani i tempi in cui, al rientro dalle vacanze, a parenti ed amici venivano mostrate le foto...
L'et del primo viaggio si abbassa
Nel 2013 oltre 5 milioni di famiglie hanno fatto una vacanza con i figli, per un movimento totale...
Frivola Miniguida dei 192 Paesi Membri dellONU: Iraq-Italia
Iraq - Se si parla di Iraq (purtroppo) tutti sanno (grazie a George W. o, come dice da Niiorch...
Agli inglesi piace il Lago d'Iseo. Sapevate che...
Sapevate che... A dar retta a Il Mondo (del 24 giugno) la IGV (con uno dei soliti Fondi, non del...
La distruzione del sito archeologico di Nimrud
Sapevate che.. In Iraq, l’Isis ha distrutto con bombe e bulldozer il sito archeologico di...
Lezioni di turismo
Sapevate che … Turisticamente parlando (e forse non solo turisticamente ma… tiremm...
La danza dei sette peli. Sapevate che...
Sapevate che… Le “Vie del Turismo” sono infinite? Nel senso che non solo sono...
Turista termale convertito
La Lina e il Vanni Dolcini mi fanno: "Vieni a Fratta a conoscere il Grand Hotel delle Terme". E io...
LIBRI E GUIDE
Turista per professione di Laura Celotto, EEE, pagine 176, Euro 13,00. Versione e-book, euro 4,99.
Cicloturismo, il bello del viaggiare in bicicletta guida scaricabile gratis su www.lifeintravel.it
TUTTI I DOSSIER
0.266841173172