Lunedì 26 Gennaio 2015 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Viaggi
Barcellona, tavolozza di GaudÝ
Architetto eclettico, massimo esponente del modernismo catalano, Antoni GaudÝ si spegneva il 10 giugno 1926 nella sua Barcellona. Andiamo allora nella capitale catalana, regione "stato" a buon diritto considerata la tavolozza del grande architetto
di Eleonora Boggio

Un momento dell'omelia di consacrazione della Sagrada Familia

Sfatiamo un mito. Non è vero il detto "nemo profeta in patria". Almeno non nel caso di Barcellona. Uno degli artefici della sua attuale identità di metropoli proteiforme è indubbiamente un architetto che, partendo da un piano urbanistico abbastanza lineare, ha trasformato Barcellona nella gemma della Catalogna. Per farlo si è servito dei migliori materiali in circolazione, che ha sapientemente distribuito lungo la superficie dell’intera città. Il carisma di Barcellona è insito nella sua identità, firmata Antonio Gaudì. Partiamo dunque per un soggiorno nella città catalana alla scoperta dei “segni” disseminati ovunque dal suo genio costruttore.

Le grandi rivoluzioni sono da sempre fucina di geni. Non fa eccezione la Spagna del XIX secolo in cui affonda le radici la corrente del Modernismo. Barcellona è allora attraversata da fermenti economici e commerciali. Allo sforzo di crescere non corrisponde, però, una cornice adeguata: la capitale è costretta entro mura medievali che circoscrivono la popolazione all’interno di uno spazio troppo angusto. La situazione porta ad autentiche insurrezioni popolari che culminano con quella del 1854, quando il popolo abbatte le mura rendendo così possibile la tanto agognata espansione della capitale.

Oggi l’Eixample (questo il nome dato al nuovo assetto urbanistico) sopravvive più fiero che mai, nei confini di un distretto che così si chiama. Il periodo è reso ancor più fiorente grazie al mecenatismo dilagante di alcuni borghesi arricchiti che commissionano edifici dedicati e firmati da importanti architetti. La “volontà di potenza” dei nuovi ricchi trova così un esperanto in grado di accomunare, nell’ostentazione, il desiderio di ascesa: il Modernismo.

Lungo il corso Passeig de Garcia
Casa Amatller

Espressione dell’identità catalana, il modernismo esprime l’ansia di rinnovamento e la volontà di “cambiare” di un periodo caratterizzato da grandi fermenti. Il movimento abbraccia più ambiti, anche se il culmine lo tocca nell’espressione architettonica. La nuova borghesia finanziaria fa di questa architettura un elemento fondamentale per la propria distinzione sociale. Ragion per cui la maggioranza delle opere cittadine appartenenti al Modernismo, sono sontuose residenze borghesi adatte ad abbellire l’arteria commerciale della nuova città: il viale del Passeig de Gracia.

Lungo il corso si affacciano, come giganti di pietra, le proteiformi fattezze di Casa Milà, l’azzurro di Casa Battlò o la scala di grigi di Casa Amatller. Ognuna di queste conserva il nome del suo proprietario e tutte sono contraddistinte dal fatto di appartenere allo stesso architetto: un manipolatore della materia di nome Gaudì.

Antonio Gaudý, "architetto di Dio"
Casa MilÓ, con la sua incredibile facciata scolpita

Artista isolato e solitario, Gaudì si diverte a personalizzare la sua città natale vestendola dei più disparati materiali. La pietra diventa un friabile gioco di sovrapposizioni, mentre il metallo asseconda morbidamente i suoi disegni. La Pedrera ne è il più fulgido esempio. Vista dall’esterno Casa Milà – soprannominata Pedrera per via della facciata che ricorda una cava di pietra grezza - incute un certo timore. Colpa dei contrasti nati dai giochi che la luce asseconda posandosi sulla sua facciata. O dei balconi intarsiati di foglie d’acanto che svettano verso il cielo, ma il colpo d’occhio della Pedrera fa pensare a uno scheletro.

In realtà l’edificio, sormontato da un’immagine della Vergine alta oltre quattro metri, avrebbe dovuto riprodurre il Montsalvat, imponente montagna della Catalogna. L’attuale facciata è concepita come una gigantesca scultura, un paesaggio geologico formato da grotte marine, pura esaltazione della linea curva. La Pedrera ospita un segreto. Anzi, due. Si tratta del doppio cortile – di forma circolare l’uno e ovale l’altro - dal quale si dipartono rampe di scale che portano, come in un gigantesco alveare, a piccole celle tondeggianti. La morbidezza della forma sarà una delle cifre dominanti dell’opera di Gaudì.

 

CONTINUA A PAGINA 2

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Sci e alpinismo sul Gran Paradiso
Dal 10 gennaio 2015 al 25 aprile 2015
Fiera Creattiva
Dal 05 al 08 marzo 2015
Offerte di viaggio
Crociera alle Bahamas
Alla scoperta dell'Iran
Benessere ad alta quota
NOTIZIE
26/01/15 - Mostre
Ancora pochi giorni (fino al primo febbraio) per ammirare una delle mostre d’arte che sta...
26/01/15 - Italia sud e isole
Un itinerario lungo la costa sulcitana con a fianco un compagno di viaggio preparato che ne...
24/01/15 - Mostre
L'Aquila ancora con i palazzi puntellati dal terremoto del 1915, escursionisti presso la...
23/01/15 - Animali
Alla vasta gamma di attrazioni per tutti i target presenti in Repubblica Dominicana si aggiunge il...
23/01/15 - Internet
Tre aree di vacanza, quattro temi e mille motivi per una vacanza in Liguria. Sono i punti di forza...
Rajasthan e Uttar Pradesh: un 'must' conoscerli
Irfan, baldo manager del tour operator indiano Kesari, mi manda una email da Mumbai ex Bombay:...
Delhi, vetrina dell'India
Sfrecciano auto a destra e a sinistra, sgommano, sfiorano, evitano, scartano. Auto vecchie, bucate...
Seychelles, le isole del Matriarcato
Laggiù, in mezzo al mare, comandano le donne. Più esattamente le mamme, che prendono...
Viaggio nel selvaggio Waterberg, terra di rinoceronti
  Nel XIX secolo molti avventurieri arrivati nella colonia sudafricana in cerca di fortuna si...
Lanzarote, figlia dei vulcani
  Emana un magico esotismo Lanzarote - dichiarata dall’Unesco ‘Riserva della...
Mari indiani: le spiagge del futuro
Un’infinità di chilometri di coste, dal Mare Arabico al Golfo del Bengala (tutto...
Viaggio in Bassa Val di Susa: la meraviglia della Sacra
L’uomo, lo diceva il famoso psicologo Jung, ha bisogno di simboli, di un qualcosa che in...
Oaxaca, i creatori di sogni
Alle due in punto, sotto un sole che spacca le pietre, un allampanato trombettiere attacca melodie...
Dove la pallaovale è di casa
Cardiff è una capitale. Da quando nel 1955 la Regina Elisabetta II la insignì dello...
Kenya, l'ultima Africa a Kitich Camp
Mathews Range? Un punto interrogativo e facce perplesse sono le risposte alle domande su dove sia...
California: la penisola di Monterey
Il viaggio di Mondointasca lungo la mitica Pacific Coast continua. Dopo i paesaggi agricoli di...
LIBRI E GUIDE
Cicloturismo, il bello del viaggiare in bicicletta guida scaricabile gratis su www.lifeintravel.it
Io sono un mito di Francesca Bonazzoli, Michele Robecchi, Electa, pagine 144, illustrazioni 175, Euro 19,90.
TUTTI I DOSSIER
1.3524050712585