Martedì 2 Settembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
A cento metri dalla riva / 4
La Rive Gauche del Lambro
Monza citt fantasma? Monza citt morta della Brianza western? Forse un tempo. Oggi pu contare sulla vivacit della "rive gauche" del Lambro e del Lambretto, con i locali e lo struscio. Il brivido proibito della vita notturna andare a letto presto
di Clementina Coppini

Uno dei fieri leoni dell'omonimo ponte di Monza

Avete presente le città fantasma dei film western, quelle con una strada polverosa, anime vive manco per sbaglio e le balle di paglia che rotolano sospinte dal vento? Monza è così, una vera città morta della Brianza western. O meglio era così, prima che arrivassero i tempi delle rive gauche, quella del Lambro e quella del Lambretto.

La prima si trova allo Spalto Isolino, piazzetta prospiciente il Lambro, all’altezza del Ponte dei Leoni, uno dei luoghi simbolo della città. Chiunque sa dov’è e il forestiero lo troverà facilmente per via dei quattro inconfondibili leoni di pietra che ornano le balaustre.

Lì ci sono due ristorantini, La Bettola di Fruttolo, con i tavoli all’aperto e le tovaglie a quadretti bianchi e rossi, che serve l’uregia e il risotto alla monzese, quello con la luganega, e l’Osteria del cavolo, tutto arredato in bianco e verde che pare di essere in Provenza. Alla cena segue struscio nella deserta zona pedonale.

Lungo i mini Navigli brianzoli
Piatto preparato dallo chef indiano de "Il Gusto della Vita"

L’altra rive gauche si trova sulla riva sinistra del Lambretto, simpatica diramazione del Lambro e ha il suo fulcro in quella strada di case ottocentesche che è via Bergamo.

La Stanga, un classico ritrovo monzese dove servono ottimi vini e la domenica fanno un leggendario brunch, si chiama così perché sta vicino al passaggio a livello; il Punt de la Mariota prende il nome dal ponte che collega la via al centro città. È piccolo, chiude alle otto di sera, ma il caffè di Enrico vale la gita, così come la sua conversazione. Enrico conosce tutti, tutti lo conoscono, sa tutto e sforna aforismi di rara saggezza e battute tranchant. Il Turné ha un bancone di piastrelline colorate, un ricco happy hour ed è anche trattoria; Il Guscio è un bugigattolo con tre tavoli nascosti da una tenda, ma è ristorante compito ed elegante. Il Gusto della Vita ha uno chef indiano che sa il fatto suo, e soprattutto sa come si fa il pesce. I negozietti ovviamente la sera sono chiusi, perché qui non siamo a Milano.

Eccoli qui, i mini Navigli brianzoli, affollati fino a tardi, ma non troppo tardi, giacché il sindaco il primo maggio ha emanato la grida che i locali devono chiudere alla una di notte, non un minuto più tardi. La limitazione oraria, invece di configurarsi come un deterrente, rende la rive gauche nostrana ancora più caratteristica e attraente.

Per chi è fatta la vita notturna monzese? Per chiunque voglia provare il brivido proibito di andare a letto presto. (20/10/10)

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Relax tra terme e montagne
Valido fino al 30 novembre 2014
Relax e costiera amalfitana
Dall'1 aprile al 31 ottobre 2014
Offerte di viaggio
Grantour della Turchia
Crociera alle Bahamas
Viaggio Missionario del Sorriso
NOTIZIE
02/09/14 - Animali
Tutti i giorni fino al 15 settembre, dalle ore 10 alle ore 17, gli esperti dell’Acquario di...
02/09/14 - Consumi
"Alberghi fatiscenti, sovrapprezzi non previsti, smarrimento dei bagagli e ritardi nei voli: sono...
02/09/14 - Mercati
Secondo l’Hotel Price Index di Hotels.com, il prezzo medio pagato per una camera...
02/09/14 - Mobilità dolce
Saranno 33 le città coinvolte nell'undicesima edizione della Giornata nazionale del Trekking...
02/09/14 - Alberghi
Il nuovo Ibis Adelaide ha aperto al pubblico dopo un'opera di ristrutturazione da 65 milioni di...
A dieta con Bon Ton
Spesso iniziamo diete (tanto parte della nostra cultura occidentale) senza consultare uno...
Nobiltà del "Jamon de Pata Negra"
In Spagna esistono due razze di maiale (in spagnolo: cerdo, cochino, puerco, marrano, gorrino,...
Quando la città diventa fantasma
Kangbashi, Balaklava, Toiano, Silverdale, Old Goa, Calbi. Nomi caduti nel vuoto, a volte mai uditi....
Amiata e dintorni, antico vulcano dai cento tesori
Se si sale alla grande Croce in ferro del 1910 in vetta al Monte Amiata, a 1.737 metri, a cavallo...
Memorie della Grande Guerra
  La Prima Guerra Mondiale occupa ancora uno spazio importante nella memoria collettiva delle...
Luci magiche a Chartres
Arrivando di notte al crocevia tra Bretagna, Normandia e Castelli della Loira, non sarebbe poi...
Nella Svizzera italiana per cantare
Chi l’ha detto che la Svizzera è un paradiso solo per i golosi di cioccolato e gli...
La "balla" degli spaghetti alla bolognese
A chi non è mai capitato di trovare gli "spaghetti bolognaise" tra i piatti elencati nel...
La Sardegna insolita del carnevale
  Il cuore antico della Sardegna è pronto a ridestarsi tra poche settimane, per il...
La farfalla e il giardino magico dei bambini
Lilli era una bellissima farfalla che viveva in una grande cascina a Cavaglià, a due passi...
Tartufesca 'full immersion' nelle Marche australi
Procedo alla spiegazione del criptico titolo mediante le seguenti precisazioni e commenti. 1)...
LIBRI E GUIDE
Ritorno in India di Anand Giridharadas, Dalai editore, pagine 368, Euro 19,00.
Il Massiccio del Grappa. Alta Via degli Eroi da Feltre a Bassano di Fabio Donetto, DBS - Danilo Zanetti Editore, pagine 96 con foto e cartina, Euro 6,00.
TUTTI I DOSSIER
1.056529045105