Mercoledì 27 Maggio 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
A cento metri dalla riva / 4
La Rive Gauche del Lambro
Monza citt fantasma? Monza citt morta della Brianza western? Forse un tempo. Oggi pu contare sulla vivacit della "rive gauche" del Lambro e del Lambretto, con i locali e lo struscio. Il brivido proibito della vita notturna andare a letto presto
di Clementina Coppini

Uno dei fieri leoni dell'omonimo ponte di Monza

Avete presente le città fantasma dei film western, quelle con una strada polverosa, anime vive manco per sbaglio e le balle di paglia che rotolano sospinte dal vento? Monza è così, una vera città morta della Brianza western. O meglio era così, prima che arrivassero i tempi delle rive gauche, quella del Lambro e quella del Lambretto.

La prima si trova allo Spalto Isolino, piazzetta prospiciente il Lambro, all’altezza del Ponte dei Leoni, uno dei luoghi simbolo della città. Chiunque sa dov’è e il forestiero lo troverà facilmente per via dei quattro inconfondibili leoni di pietra che ornano le balaustre.

Lì ci sono due ristorantini, La Bettola di Fruttolo, con i tavoli all’aperto e le tovaglie a quadretti bianchi e rossi, che serve l’uregia e il risotto alla monzese, quello con la luganega, e l’Osteria del cavolo, tutto arredato in bianco e verde che pare di essere in Provenza. Alla cena segue struscio nella deserta zona pedonale.

Lungo i mini Navigli brianzoli
Piatto preparato dallo chef indiano de "Il Gusto della Vita"

L’altra rive gauche si trova sulla riva sinistra del Lambretto, simpatica diramazione del Lambro e ha il suo fulcro in quella strada di case ottocentesche che è via Bergamo.

La Stanga, un classico ritrovo monzese dove servono ottimi vini e la domenica fanno un leggendario brunch, si chiama così perché sta vicino al passaggio a livello; il Punt de la Mariota prende il nome dal ponte che collega la via al centro città. È piccolo, chiude alle otto di sera, ma il caffè di Enrico vale la gita, così come la sua conversazione. Enrico conosce tutti, tutti lo conoscono, sa tutto e sforna aforismi di rara saggezza e battute tranchant. Il Turné ha un bancone di piastrelline colorate, un ricco happy hour ed è anche trattoria; Il Guscio è un bugigattolo con tre tavoli nascosti da una tenda, ma è ristorante compito ed elegante. Il Gusto della Vita ha uno chef indiano che sa il fatto suo, e soprattutto sa come si fa il pesce. I negozietti ovviamente la sera sono chiusi, perché qui non siamo a Milano.

Eccoli qui, i mini Navigli brianzoli, affollati fino a tardi, ma non troppo tardi, giacché il sindaco il primo maggio ha emanato la grida che i locali devono chiudere alla una di notte, non un minuto più tardi. La limitazione oraria, invece di configurarsi come un deterrente, rende la rive gauche nostrana ancora più caratteristica e attraente.

Per chi è fatta la vita notturna monzese? Per chiunque voglia provare il brivido proibito di andare a letto presto. (20/10/10)

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Tra orchidee ed erbe spontanee
Da Maggio 2015 a Luglio 2015
Offerte di viaggio
L'isola del cioccolato
NOTIZIE
27/05/15 - Mostre
È stata descritta come un vero e proprio viaggio, grandioso e complesso, in cui l'antico...
26/05/15 - "Pedalando in bicicletta..."
"Il cicloturismo in Europa ha un indotto economico di 44 miliardi di euro, con oltre 2 milioni...
26/05/15 - Expo Milano 2015
Gianpaolo Fornasari ha inaugurato a Porta Venezia a Milano la Casa Valtidone all’interno...
26/05/15 - Mobilit dolce
Due giorni all’insegna della mobilità dolce, per valorizzare e riscoprire il Chianti e...
26/05/15 - Tecnologia
A conclusione dei festeggiamenti dei 100 anni celebrativi del più grande acquedotto...
Regina Margherita, sovrana del "made in Italy"
La Regina Margherita torna a Monza nella Reggia dove visse a lungo, con una mostra a lei dedicata e...
La guida turistica sul lettore Mp3
Da qualche tempo amministrazioni comunali e consorzi turistici hanno cominciato a offrire ai...
LAssedio di Canelli
Da qualche anno seguo con estremo interesse la rievocazione storica dellAssedio di Canelli...
Estate ai Bagni Odissea
I Bagni Ulisse sono un insopportabile ricetto di vegliardi spiaggiati, con nipotini mostruosi,...
I mosaici di Ravenna volano in Finlandia
La collezione delle copie dei mosaici antichi di Ravenna, di proprietà del Comune di...
Antichi mestieri del vino e dell'olio
Forse sorriderebbero i contadini e i vignaioli di un tempo a vedere come oggi i "vecchi" mestieri...
Il Bon Ton del regalo
Regalare è un'arte che unisce buon senso e buon gusto e il Bon Ton è...
La misteriosa pietra della fertilit di Calimera
A Calimera, comune nella provincia di Lecce, nei pressi dell’antico Bosco, ad est del...
Natale a Steyr, dove Ges Bambino di casa
Steyr è una cittadina di una quarantina di migliaia di anime nel Land austriaco...
Le collane (e i viaggi) di Fernanda Pivano
Milano ricorda Fernanda Pivano con una mostra aperta, dal 6 aprile, alla galleria del Credito...
Quarant'anni fa, la conquista della Luna
La voce era quella di Neil Armstrong, comandante della missione Apollo 11, e Aquila era il...
LIBRI E GUIDE
La dieta dell'acqua di Nicola Sorrentino, con Paola Gambino, Salani Editore. Euro 12,90
Cneve e spelnce a cura di Marco Rech, Serena Turrin, edito da DBS Zanetti, pagine 190, Euro 10,00.
TUTTI I DOSSIER
0.23780107498169