Mercoledì 27 Agosto 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
A cento metri dalla riva / 4
La Rive Gauche del Lambro
Monza citt fantasma? Monza citt morta della Brianza western? Forse un tempo. Oggi pu contare sulla vivacit della "rive gauche" del Lambro e del Lambretto, con i locali e lo struscio. Il brivido proibito della vita notturna andare a letto presto
di Clementina Coppini

Uno dei fieri leoni dell'omonimo ponte di Monza

Avete presente le città fantasma dei film western, quelle con una strada polverosa, anime vive manco per sbaglio e le balle di paglia che rotolano sospinte dal vento? Monza è così, una vera città morta della Brianza western. O meglio era così, prima che arrivassero i tempi delle rive gauche, quella del Lambro e quella del Lambretto.

La prima si trova allo Spalto Isolino, piazzetta prospiciente il Lambro, all’altezza del Ponte dei Leoni, uno dei luoghi simbolo della città. Chiunque sa dov’è e il forestiero lo troverà facilmente per via dei quattro inconfondibili leoni di pietra che ornano le balaustre.

Lì ci sono due ristorantini, La Bettola di Fruttolo, con i tavoli all’aperto e le tovaglie a quadretti bianchi e rossi, che serve l’uregia e il risotto alla monzese, quello con la luganega, e l’Osteria del cavolo, tutto arredato in bianco e verde che pare di essere in Provenza. Alla cena segue struscio nella deserta zona pedonale.

Lungo i mini Navigli brianzoli
Piatto preparato dallo chef indiano de "Il Gusto della Vita"

L’altra rive gauche si trova sulla riva sinistra del Lambretto, simpatica diramazione del Lambro e ha il suo fulcro in quella strada di case ottocentesche che è via Bergamo.

La Stanga, un classico ritrovo monzese dove servono ottimi vini e la domenica fanno un leggendario brunch, si chiama così perché sta vicino al passaggio a livello; il Punt de la Mariota prende il nome dal ponte che collega la via al centro città. È piccolo, chiude alle otto di sera, ma il caffè di Enrico vale la gita, così come la sua conversazione. Enrico conosce tutti, tutti lo conoscono, sa tutto e sforna aforismi di rara saggezza e battute tranchant. Il Turné ha un bancone di piastrelline colorate, un ricco happy hour ed è anche trattoria; Il Guscio è un bugigattolo con tre tavoli nascosti da una tenda, ma è ristorante compito ed elegante. Il Gusto della Vita ha uno chef indiano che sa il fatto suo, e soprattutto sa come si fa il pesce. I negozietti ovviamente la sera sono chiusi, perché qui non siamo a Milano.

Eccoli qui, i mini Navigli brianzoli, affollati fino a tardi, ma non troppo tardi, giacché il sindaco il primo maggio ha emanato la grida che i locali devono chiudere alla una di notte, non un minuto più tardi. La limitazione oraria, invece di configurarsi come un deterrente, rende la rive gauche nostrana ancora più caratteristica e attraente.

Per chi è fatta la vita notturna monzese? Per chiunque voglia provare il brivido proibito di andare a letto presto. (20/10/10)

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Dolci tentazioni tra le Dolomiti
Dal 29 giugno al 5 ottobre
Dichiarare amore in volo
Fino al 19 ottobre 2014
Offerte di viaggio
Alla scoperta del Botswana
Self drive in moto lungo la Route 66
Viaggio Missionario del Sorriso
NOTIZIE
27/08/14 - Trasporti
Germanwings presenta una novità a bordo: da settembre l’Ape Maia personalizzerà...
27/08/14 - Ospitalità
Sono gli hotel la sistemazione preferita dai cinesi quando sono in viaggio secondo il Chinese...
27/08/14 - Festival
Dal 24 al 27 ottobre, le strade di Dublino, le chiese, i castelli, le biblioteche, gallerie, cinema...
26/08/14 - Natura
L’Eilat Red Sea Competition, noto concorso fotografico subacqueo, si terrà...
26/08/14 - Gastronomia
Da giovedì 28 a domenica 31 agosto, a Pimonte, nel piazzale antistante la chiesa di San...
Austerlitz, la battaglia dei tre Imperatori
Austerlitz è ricordata come una delle più brillanti operazioni militari della storia. La vittoria...
Sicilia e Liguria, così lontane così vicine
  Settimana scorsa a Catania un’amica che si professa agnostica mi ha raccontato con le...
Sordevolo, quanta Passione
È davvero straordinaria la passione che i Sordevolesi mettono nel rappresentare un'altra...
Vista sui Sette Colli
Ha più di 120 anni e continua a stupire i suoi ospiti. È l’Hotel Eden di Roma,...
Dietro il vetro, l'America
Dalle nostre parti, dicono, "con la cultura non si mangia". Diversamente devono aver pensato gli...
L'antica arte del Bharata Natyam
La danza Bharata Natyam è uno degli stili più antichi della danza classica...
L'antico volto di Ravenna
Il Soprintendente per i beni architettonici e paesaggistici Antonella Ranaldi ha inaugurato la Sala...
Camera e poltronissima all'Opera
  C’è un albergo a Roma che è particolarmente legato alla vita musicale...
Le turche danze
La musica popolare turca, originatasi nelle aree steppose dell’Asia centrale e tramandata...
Usa l'Arte e non metterla da parte
Qualcosa è cambiato nell’arte; il concetto stesso di arte si è ampliato. I...
Feltre racconta la sua storia
Una eccezionale mostra antologica da non perdere è quella aperta nella bella e antica...
LIBRI E GUIDE
Io sono un mito di Francesca Bonazzoli, Michele Robecchi, Electa, pagine 144, illustrazioni 175, Euro 19,90.
Sapori e saperi delle Dolomiti a cura di Serena Turrin, edizioni DBS Zanetti, 152 pagine, foto a colori, Euro 13,00.
TUTTI I DOSSIER
1.5247709751129