Sabato 20 Dicembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
A piedi per le vie del mondo (18)
Opere d'arte fatte con i piedi
Dalla fine del XVIII secolo, talvolta, il camminare stato anche un gesto di resistenza nei confronti della tradizione. Il caso del movimento dadaista e il passaggio al Surrealismo
di Carlo Camarda

Marcel Janco, uno dei fondatori del Dadaismo

"La terra, sotto i miei piedi, non è altro che un immenso giornale spiegato" (André Breton)

 

Gran parte della storia del camminare si muove in contraddizione con il suo tempo, più o meno da quando il camminare cessò, a causa della rivoluzione industriale, di appartenere al continuum dell’esperienza e diventò invece una scelta cosciente.

Sotto molti aspetti, la cultura del camminare fu una reazione alla velocità e all’alienazione della rivoluzione industriale. Specialmente nel Novecento – a partire dalle avanguardie artistiche dei primi decenni fino ai giorni nostri – si formarono diverse sottoculture che si rifacevano apertamente al camminare come gesto artistico e pratica estetica. La prima di loro fu il “Dadaismo”.

Fra gli "spazi" di Parigi
Il "Dada Almanach" pubblicato dal gruppo dadaista di Berlino

Il 14 aprile 1921 a Parigi, alle tre del pomeriggio e sotto un diluvio torrenziale, il dadaismo diede vita alla prima escursione urbana nei luoghi banali della città.

Questa fu un’operazione estetica consapevole, con tanto di comunicato stampa a corredo, proclami, volantini e documentazione fotografica. La prima passeggiata dadaista segna il passaggio dalla rappresentazione del moto alla costruzione di un’azione estetica da compiersi nella realtà della vita quotidiana.

Nei primi anni del secolo il tema del moto era diventato uno dei principali oggetti della ricerca delle avanguardie, basti pensare alle ricerche futuristiche. Il movimento e la velocità si erano affermate come una nuova presenza urbana capace di imprimersi sulle opere artistiche dei pittori e dei poeti. Dapprima si operò con tentativi di fissare il movimento attraverso i mezzi tradizionali della rappresentazione; in seguito, dopo l’esperienza Dada, si passò dalla rappresentazione del moto alla pratica del moto nello spazio reale. Con le visite dei dadaisti e le successive deambulazioni dei surrealisti, l’azione del percorrere lo spazio sarà utilizzata come forma estetica capace di sostituirsi alla rappresentazione.

Per gli artisti: "moto verso luogo"
Hugo Ball, Cabaret Voltaire. 1916

È interessante notare che il teatro della prima azione del Dada è proprio la moderna Parigi, la città dove già dalla fine del secolo si aggirava il mitico “flâneur”.

Il Dadaismo eleva la tradizione della flâneurie a operazione estetica e lo fa attribuendo valore estetico a uno spazio vuoto e non a un oggetto. Passa dal portare un oggetto banale nello spazio dell’arte, al portare l’arte in un luogo banale della città.

Prima delle visite dadaiste, qualsiasi artista che avesse voluto sottoporre all’attenzione del pubblico un luogo avrebbe dovuto spostare il sito in questione o parte di esso in un altro luogo deputato all’esposizione al pubblico. Il Dada, al contrario, non interviene sul paesaggio lasciandovi un oggetto né prelevandone degli altri, ma porta l’artista, o meglio il gruppo di artisti, direttamente sul luogo da svelare, senza compiere alcuna operazione materiale e senza alcun tipo di elaborazione successiva. L’opera sta nell’aver concepito l’azione da compiere, la visita, e non nelle azioni a essa correlate.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Sorsi di Musica - Concerti Villa Bardini
Valido da novembre 2014 a Febbraio 2015
Adolphe Sax in mostra
Dall'8 febbraio 2014 all'11 gennaio 2015
Offerte di viaggio
Capodanno da favola a New York
Tour di Capodanno in Cilento
Ultimo dell'anno in Baviera
NOTIZIE
19/12/14 - Festival
Dal 26 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015 ritorna a Genova e Rapallo il Circumnavigando Festival, la...
19/12/14 - Mostre
Il Museo Nazionale del Cinema di Torino rimarrà aperto per tutte le festività,...
19/12/14 - Mostre
Sabato 20 dicembre 2014, alle ore 16.00, a Cosenza, presso il Palazzo Arnone, sarà...
18/12/14 - Concerti
L’Harlem Gospel Choir, chiamato calorosamente dai fan “Gente di Dio che viene da...
18/12/14 - Cinema
Cinecittà ha compiuto settantasette anni. Vi sono stati girati circa quattromila film, di...
Più arrampicata per tutti
Arco di Trento ospiterà il primo campionato del mondo di paraclimbing, arrampicata di atleti...
Madagascar, bella scoperta anche a tavola
  Sabato 9 giugno la Casa delle Farfalle di Bordano (Udine) organizza una serata per conoscere...
L'orto botanico Braidense
Nato dalla trasformazione dell'ex giardino dei gesuiti del palazzo, per volere di Maria Teresa...
Tralicci elettrici, accordo per salvaguardare gli uccelli
11 dicembre - L'impatto con le linee elettriche può rivelarsi letale per gli uccelli, migratori o...
Le Perle delle Alpi
Sotto il nome Alpine Pearls sono associate 24 località turistiche, rinomate località...
Nel Vallese si scia ecologico
  Si può pensare allo sci e più in generale alle vacanze invernali in chiave...
Ruote sul ghiaccio
In Trentino ci sono almeno un paio di posti dove è possibile cimentarsi con freno e...
Amsterdam "En Rose"
Secondo le sacre leggi del giornalismo, prima la notizia. Eccola: le prime tre tappe del prossimo...
L'acqua, la migliore alleata dell'estate
L’acqua è l'elemento principe per stare in forma o per ritrovarla. Lo sport praticato...
In Franciacorta le bollicine incontrano il green
Si chiama "The Wine Golf Course" il progetto che sarà lanciato sabato 20 giugno dal...
Now, I walk into the wild
La natura era qualcosa di selvaggio e terribile benché bellissimo... Qui non c'erano...
LIBRI E GUIDE
Turista per professione di Laura Celotto, EEE, pagine 176, Euro 13,00. Versione e-book, euro 4,99.
Alfabeto figurativo Trenta opere d'arte spiegate ai più piccoli di Tomaso Montanari, Skira editore, pagine 108 con 40 tavole a colori, Euro 15,00.
TUTTI I DOSSIER
1.132171869278