Mercoledì 26 Novembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
A piedi per le vie del mondo (18)
Opere d'arte fatte con i piedi
Dalla fine del XVIII secolo, talvolta, il camminare stato anche un gesto di resistenza nei confronti della tradizione. Il caso del movimento dadaista e il passaggio al Surrealismo
di Carlo Camarda

Marcel Janco, uno dei fondatori del Dadaismo

"La terra, sotto i miei piedi, non è altro che un immenso giornale spiegato" (André Breton)

 

Gran parte della storia del camminare si muove in contraddizione con il suo tempo, più o meno da quando il camminare cessò, a causa della rivoluzione industriale, di appartenere al continuum dell’esperienza e diventò invece una scelta cosciente.

Sotto molti aspetti, la cultura del camminare fu una reazione alla velocità e all’alienazione della rivoluzione industriale. Specialmente nel Novecento – a partire dalle avanguardie artistiche dei primi decenni fino ai giorni nostri – si formarono diverse sottoculture che si rifacevano apertamente al camminare come gesto artistico e pratica estetica. La prima di loro fu il “Dadaismo”.

Fra gli "spazi" di Parigi
Il "Dada Almanach" pubblicato dal gruppo dadaista di Berlino

Il 14 aprile 1921 a Parigi, alle tre del pomeriggio e sotto un diluvio torrenziale, il dadaismo diede vita alla prima escursione urbana nei luoghi banali della città.

Questa fu un’operazione estetica consapevole, con tanto di comunicato stampa a corredo, proclami, volantini e documentazione fotografica. La prima passeggiata dadaista segna il passaggio dalla rappresentazione del moto alla costruzione di un’azione estetica da compiersi nella realtà della vita quotidiana.

Nei primi anni del secolo il tema del moto era diventato uno dei principali oggetti della ricerca delle avanguardie, basti pensare alle ricerche futuristiche. Il movimento e la velocità si erano affermate come una nuova presenza urbana capace di imprimersi sulle opere artistiche dei pittori e dei poeti. Dapprima si operò con tentativi di fissare il movimento attraverso i mezzi tradizionali della rappresentazione; in seguito, dopo l’esperienza Dada, si passò dalla rappresentazione del moto alla pratica del moto nello spazio reale. Con le visite dei dadaisti e le successive deambulazioni dei surrealisti, l’azione del percorrere lo spazio sarà utilizzata come forma estetica capace di sostituirsi alla rappresentazione.

Per gli artisti: "moto verso luogo"
Hugo Ball, Cabaret Voltaire. 1916

È interessante notare che il teatro della prima azione del Dada è proprio la moderna Parigi, la città dove già dalla fine del secolo si aggirava il mitico “flâneur”.

Il Dadaismo eleva la tradizione della flâneurie a operazione estetica e lo fa attribuendo valore estetico a uno spazio vuoto e non a un oggetto. Passa dal portare un oggetto banale nello spazio dell’arte, al portare l’arte in un luogo banale della città.

Prima delle visite dadaiste, qualsiasi artista che avesse voluto sottoporre all’attenzione del pubblico un luogo avrebbe dovuto spostare il sito in questione o parte di esso in un altro luogo deputato all’esposizione al pubblico. Il Dada, al contrario, non interviene sul paesaggio lasciandovi un oggetto né prelevandone degli altri, ma porta l’artista, o meglio il gruppo di artisti, direttamente sul luogo da svelare, senza compiere alcuna operazione materiale e senza alcun tipo di elaborazione successiva. L’opera sta nell’aver concepito l’azione da compiere, la visita, e non nelle azioni a essa correlate.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Tour da Oscar
Valido fino a Dicembre 2014
Adolphe Sax in mostra
Dall'8 febbraio 2014 all'11 gennaio 2015
Offerte di viaggio
Un nuovo anno in Thailandia
Benessere ad alta quota
Matrimonio da sogno alle Maldive
NOTIZIE
26/11/14 - Fiere
Dal 29 novembre al 8 dicembre 2014 torna come ogni anno l’Artigiano in Fiera a Milano,...
25/11/14 - Neve
“La Montagna Amica” è il progetto promosso da Artesina, la stazione sciistica...
25/11/14 - Enogastronomia
Vito Intini, 57 anni dirigente industriale milanese,  è il nuovo presidente di ONAV,...
25/11/14 - News e servizi
La Israel Antiquities Authority ha recentemente creato il sito web National Treasures...
25/11/14 - Trasporti
Qatar Airways propone ai suoi passeggeri che viaggiano dall’Italia l’offerta...
Trekking col treno, un cammino lento
Se disponete di una domenica libera, di buone gambe e, soprattutto, della volontà di...
Dal fil di cresta al centro di Aosta
Sabato scorso a Pila (Aosta) è ripartita la seggiovia del Couis 1 che rende praticabile...
A Livigno la grande festa del Telemark
La Skieda di Livigno (Sondrio) è il festival del telemark, la tecnica di discesa che viene...
Avventure sulle nevi in Québec
L’ambiente è quello ideale: neve abbondante da dicembre a marzo, foreste sterminate,...
La passione per l'ecologia può fare danni all'ambiente
  “L’ecoturista immerge i sensi nella natura, libero dalle distrazioni della...
Rhne-Alpes, dove l'oro è blu
Ci troviamo nel sud-est della Francia, al confine con Svizzera e Italia, nella regione del Rodano...
Sull'acqua dalle Alpi all'Adriatico
Dal 14 al 26 aprile si effettuerà la 4ª Discesa in barca per promuovere il recupero a...
A piedi e in bici da Trieste a Parenzo
  C’era una volta un treno… Potrebbe iniziare così la storia di quella...
Ravenna, l'ideale è girarla in bici
Voglia di giornate all’aria aperta in sella alla bici per avere un fisico tonico, in vista...
La Basilicata di Rocco Papaleo
  "La Basilicata esiste, è un po' come il concetto di Dio, ci credi o non ci credi"....
Polpo Paul, un divo nell'acquario
L'immagine dei suoi tentacoli aggrappati alle bandiere delle Nazionali in gara ha fatto il giro di...
LIBRI E GUIDE
Càneve e spelònce a cura di Marco Rech, Serena Turrin, edito da DBS Zanetti, pagine 190, Euro 10,00.
Colazioni da Tiffany di Isa Grassano, Newton Compton, Euro 12,00.
TUTTI I DOSSIER
1.0185921192169