Martedì 26 Maggio 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
A piedi per le vie del mondo (18)
Opere d'arte fatte con i piedi
Dalla fine del XVIII secolo, talvolta, il camminare è stato anche un gesto di resistenza nei confronti della tradizione. Il caso del movimento dadaista e il passaggio al Surrealismo
di Carlo Camarda

Marcel Janco, uno dei fondatori del Dadaismo

"La terra, sotto i miei piedi, non è altro che un immenso giornale spiegato" (André Breton)

 

Gran parte della storia del camminare si muove in contraddizione con il suo tempo, più o meno da quando il camminare cessò, a causa della rivoluzione industriale, di appartenere al continuum dell’esperienza e diventò invece una scelta cosciente.

Sotto molti aspetti, la cultura del camminare fu una reazione alla velocità e all’alienazione della rivoluzione industriale. Specialmente nel Novecento – a partire dalle avanguardie artistiche dei primi decenni fino ai giorni nostri – si formarono diverse sottoculture che si rifacevano apertamente al camminare come gesto artistico e pratica estetica. La prima di loro fu il “Dadaismo”.

Fra gli "spazi" di Parigi
Il "Dada Almanach" pubblicato dal gruppo dadaista di Berlino

Il 14 aprile 1921 a Parigi, alle tre del pomeriggio e sotto un diluvio torrenziale, il dadaismo diede vita alla prima escursione urbana nei luoghi banali della città.

Questa fu un’operazione estetica consapevole, con tanto di comunicato stampa a corredo, proclami, volantini e documentazione fotografica. La prima passeggiata dadaista segna il passaggio dalla rappresentazione del moto alla costruzione di un’azione estetica da compiersi nella realtà della vita quotidiana.

Nei primi anni del secolo il tema del moto era diventato uno dei principali oggetti della ricerca delle avanguardie, basti pensare alle ricerche futuristiche. Il movimento e la velocità si erano affermate come una nuova presenza urbana capace di imprimersi sulle opere artistiche dei pittori e dei poeti. Dapprima si operò con tentativi di fissare il movimento attraverso i mezzi tradizionali della rappresentazione; in seguito, dopo l’esperienza Dada, si passò dalla rappresentazione del moto alla pratica del moto nello spazio reale. Con le visite dei dadaisti e le successive deambulazioni dei surrealisti, l’azione del percorrere lo spazio sarà utilizzata come forma estetica capace di sostituirsi alla rappresentazione.

Per gli artisti: "moto verso luogo"
Hugo Ball, Cabaret Voltaire. 1916

È interessante notare che il teatro della prima azione del Dada è proprio la moderna Parigi, la città dove già dalla fine del secolo si aggirava il mitico “flâneur”.

Il Dadaismo eleva la tradizione della flâneurie a operazione estetica e lo fa attribuendo valore estetico a uno spazio vuoto e non a un oggetto. Passa dal portare un oggetto banale nello spazio dell’arte, al portare l’arte in un luogo banale della città.

Prima delle visite dadaiste, qualsiasi artista che avesse voluto sottoporre all’attenzione del pubblico un luogo avrebbe dovuto spostare il sito in questione o parte di esso in un altro luogo deputato all’esposizione al pubblico. Il Dada, al contrario, non interviene sul paesaggio lasciandovi un oggetto né prelevandone degli altri, ma porta l’artista, o meglio il gruppo di artisti, direttamente sul luogo da svelare, senza compiere alcuna operazione materiale e senza alcun tipo di elaborazione successiva. L’opera sta nell’aver concepito l’azione da compiere, la visita, e non nelle azioni a essa correlate.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 
Week-end e tempo libero
Tra orchidee ed erbe spontanee
Da Maggio 2015 a Luglio 2015
Offerte di viaggio
L'isola del cioccolato
NOTIZIE
25/05/15 - Arte & Genio
Collocata nel cuore dell’edificio storico dell’Università Statale di Milano e...
25/05/15 - Italia centro
Con un programma molto vasto ed oltre 25 serate nelle principali cantine del centro Italia, la...
25/05/15 - Curiosità
Con “Milano sotterranea” Beatrice Mancini ci porta per mano alla scoperta di canali,...
25/05/15 - Mostre
Grande successo a Shangai per la Puglia, rappresentata dagli scatti di Roberto Rocca. Il fotografo...
25/05/15 - Musica per viaggiare
C’è anche il sassofonista Stefano Di Battista tra gli ospiti dell’atteso...
La "Scapinata" dei mezzadri
  Non l’italiano ma il dialetto era la lingua “madre” che accomunava i...
In Valtellina si vola
Allargare le braccia come fossero ali e spiccare il volo. Un sogno antico quanto l’uomo,...
Maratona sul ghiaccio Finlandese
Finlandia centrale, lago Kallavesi, municipalità di Kuopio. È qui che l’inverno offre ancora...
Traslocare negli States
Traslocare non è così facile come sembra. Una volta raccolti tutti assieme, gli arredi di casa...
Dal fil di cresta al centro di Aosta
Sabato scorso a Pila (Aosta) è ripartita la seggiovia del Couis 1 che rende praticabile...
Vela. La Barcolana soffia 40 candeline
La Barcolana compie 40 anni. La regata internazionale di vela organizzata dalla Società velica di...
Camminare per il proprio ideale
"Il mio cammino è prima di tutto una preghiera per la pace" (Pellegrina della...
In val Masino per terme e passeggiate
L’estate è la stagione migliore per scoprire o riscoprire le meraviglie della val...
La sorprendete "Cola" del Senegal
Perché visitare il Senegal. Per tanti motivi, il primo dei quali potrebbe essere quello di...
Uganda, i grandi Parchi dell’Ovest
Ci sono già trentacinque gradi e una grande umidità. Siamo bagnati fradici, il sudore corre a...
Pedalate nel deserto
Le potenti biciclette da corsa si stagliano contro le rocce aguzze e rosse di minerali che arrivano...
LIBRI E GUIDE
I luoghi della musica Bari di Angelo Pascual De Marzo, Edizioni Il Mondo della Luna, Euro 20,00.
WHATSAMMORE. Storie vere ai tempi di WhatsApp - di Tiziana Albani e Anna Maria De Luca, Il mio libro, pagine 48, Euro 8,00
TUTTI I DOSSIER
0.16546607017517