Mercoledì 4 Marzo 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
A piedi per le vie del mondo (18)
Opere d'arte fatte con i piedi
Dalla fine del XVIII secolo, talvolta, il camminare stato anche un gesto di resistenza nei confronti della tradizione. Il caso del movimento dadaista e il passaggio al Surrealismo
di Carlo Camarda

Marcel Janco, uno dei fondatori del Dadaismo

"La terra, sotto i miei piedi, non è altro che un immenso giornale spiegato" (André Breton)

 

Gran parte della storia del camminare si muove in contraddizione con il suo tempo, più o meno da quando il camminare cessò, a causa della rivoluzione industriale, di appartenere al continuum dell’esperienza e diventò invece una scelta cosciente.

Sotto molti aspetti, la cultura del camminare fu una reazione alla velocità e all’alienazione della rivoluzione industriale. Specialmente nel Novecento – a partire dalle avanguardie artistiche dei primi decenni fino ai giorni nostri – si formarono diverse sottoculture che si rifacevano apertamente al camminare come gesto artistico e pratica estetica. La prima di loro fu il “Dadaismo”.

Fra gli "spazi" di Parigi
Il "Dada Almanach" pubblicato dal gruppo dadaista di Berlino

Il 14 aprile 1921 a Parigi, alle tre del pomeriggio e sotto un diluvio torrenziale, il dadaismo diede vita alla prima escursione urbana nei luoghi banali della città.

Questa fu un’operazione estetica consapevole, con tanto di comunicato stampa a corredo, proclami, volantini e documentazione fotografica. La prima passeggiata dadaista segna il passaggio dalla rappresentazione del moto alla costruzione di un’azione estetica da compiersi nella realtà della vita quotidiana.

Nei primi anni del secolo il tema del moto era diventato uno dei principali oggetti della ricerca delle avanguardie, basti pensare alle ricerche futuristiche. Il movimento e la velocità si erano affermate come una nuova presenza urbana capace di imprimersi sulle opere artistiche dei pittori e dei poeti. Dapprima si operò con tentativi di fissare il movimento attraverso i mezzi tradizionali della rappresentazione; in seguito, dopo l’esperienza Dada, si passò dalla rappresentazione del moto alla pratica del moto nello spazio reale. Con le visite dei dadaisti e le successive deambulazioni dei surrealisti, l’azione del percorrere lo spazio sarà utilizzata come forma estetica capace di sostituirsi alla rappresentazione.

Per gli artisti: "moto verso luogo"
Hugo Ball, Cabaret Voltaire. 1916

È interessante notare che il teatro della prima azione del Dada è proprio la moderna Parigi, la città dove già dalla fine del secolo si aggirava il mitico “flâneur”.

Il Dadaismo eleva la tradizione della flâneurie a operazione estetica e lo fa attribuendo valore estetico a uno spazio vuoto e non a un oggetto. Passa dal portare un oggetto banale nello spazio dell’arte, al portare l’arte in un luogo banale della città.

Prima delle visite dadaiste, qualsiasi artista che avesse voluto sottoporre all’attenzione del pubblico un luogo avrebbe dovuto spostare il sito in questione o parte di esso in un altro luogo deputato all’esposizione al pubblico. Il Dada, al contrario, non interviene sul paesaggio lasciandovi un oggetto né prelevandone degli altri, ma porta l’artista, o meglio il gruppo di artisti, direttamente sul luogo da svelare, senza compiere alcuna operazione materiale e senza alcun tipo di elaborazione successiva. L’opera sta nell’aver concepito l’azione da compiere, la visita, e non nelle azioni a essa correlate.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Lubiana e Portorose
Dal 1 al 3 maggio 2015 " Quota da € 285,00
Trenino 100 valli & Laghi
Dal 1 al 3 maggio 2015 - Quota da € 298,00
Offerte di viaggio
Australia Fantastica con Chiariva
Pasqua in Giordania
Carinzia: l'inverno è donna!
NOTIZIE
04/03/15 - Fiere
MOVE! è in programma da Venerdì̀ 13 a Domenica 15 Marzo 2015 presso la Fiera di...
04/03/15 - Enogastronomia
Pur con le tante difficoltà provocate dal maltempo, che ha reso particolarmente delicata la...
04/03/15 - Gastronomia
Si è concluso il viaggio culinario per l’Italia “Quattro Stagioni”, un...
04/03/15 - Alberghi
Prende vita Ihc, Italian Hospitality Collection, il polo alberghiero italiano del lusso made in...
03/03/15 - All'aria aperta
Il Concorso “Coste e Fiumi, paesaggi in mutazione” promosso da Legambiente e...
L'Acquario "interattivo" di Jesolo
Nell’antichità Jesolo era chiamata “Città dei cavalli” e il suo...
Primavera a Kitzbhel, tra hammam e golf
A Kitzbühel, in Tirolo, è stato aperto nel 2009 l’hotel a cinque stelle...
Emozioni stiriane
Non sono certamente adatte a chi soffre di vertigini le novità nel Land austriaco della...
Ginseng, la radice della vita
Lo troverete sicuramente su Internet. Digitando la parola chiave "ginseng" si aprono migliaia di...
Listen to the Voice of Villages
  Lo spopolamento delle zone rurali e montane è un grave realtà non solo per il...
Una medaglia al giardino più bello
"Il Parco più bello d'Italia" è un premio annuale, promosso da Briggs & Stratton, un'azienda...
Trekking urbano a passo lento
  Non v’è dubbio che il modo per scoprire e talvolta ri-scoprire monumenti e...
A Livigno la grande festa del Telemark
La Skieda di Livigno (Sondrio) è il festival del telemark, la tecnica di discesa che viene...
A mani nude verso il cielo
  Avete voglia di vivere grandi emozioni in verticale? Se il sangue freddo non vi manca,...
Nei giardini di Singapore
Quando si pensa a Singapore salta in mente il suo recente paesaggio urbano delineato da grattacieli...
Dolomiti, dibattito aperto sull'eliturismo
Si fa sentire anche in Veneto la levata di scudi contro l’eliturismo. L’ultima nota...
LIBRI E GUIDE
In Viaggio di Laura Gemini, FrancoAngeli, pagine 176, Euro 21,00.
Colazioni da Tiffany di Isa Grassano, Newton Compton, Euro 12,00.
TUTTI I DOSSIER
1.3032109737396