Mercoledì 17 Settembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
A piedi per le vie del mondo (18)
Opere d'arte fatte con i piedi
Dalla fine del XVIII secolo, talvolta, il camminare stato anche un gesto di resistenza nei confronti della tradizione. Il caso del movimento dadaista e il passaggio al Surrealismo
di Carlo Camarda

Marcel Janco, uno dei fondatori del Dadaismo

"La terra, sotto i miei piedi, non è altro che un immenso giornale spiegato" (André Breton)

 

Gran parte della storia del camminare si muove in contraddizione con il suo tempo, più o meno da quando il camminare cessò, a causa della rivoluzione industriale, di appartenere al continuum dell’esperienza e diventò invece una scelta cosciente.

Sotto molti aspetti, la cultura del camminare fu una reazione alla velocità e all’alienazione della rivoluzione industriale. Specialmente nel Novecento – a partire dalle avanguardie artistiche dei primi decenni fino ai giorni nostri – si formarono diverse sottoculture che si rifacevano apertamente al camminare come gesto artistico e pratica estetica. La prima di loro fu il “Dadaismo”.

Fra gli "spazi" di Parigi
Il "Dada Almanach" pubblicato dal gruppo dadaista di Berlino

Il 14 aprile 1921 a Parigi, alle tre del pomeriggio e sotto un diluvio torrenziale, il dadaismo diede vita alla prima escursione urbana nei luoghi banali della città.

Questa fu un’operazione estetica consapevole, con tanto di comunicato stampa a corredo, proclami, volantini e documentazione fotografica. La prima passeggiata dadaista segna il passaggio dalla rappresentazione del moto alla costruzione di un’azione estetica da compiersi nella realtà della vita quotidiana.

Nei primi anni del secolo il tema del moto era diventato uno dei principali oggetti della ricerca delle avanguardie, basti pensare alle ricerche futuristiche. Il movimento e la velocità si erano affermate come una nuova presenza urbana capace di imprimersi sulle opere artistiche dei pittori e dei poeti. Dapprima si operò con tentativi di fissare il movimento attraverso i mezzi tradizionali della rappresentazione; in seguito, dopo l’esperienza Dada, si passò dalla rappresentazione del moto alla pratica del moto nello spazio reale. Con le visite dei dadaisti e le successive deambulazioni dei surrealisti, l’azione del percorrere lo spazio sarà utilizzata come forma estetica capace di sostituirsi alla rappresentazione.

Per gli artisti: "moto verso luogo"
Hugo Ball, Cabaret Voltaire. 1916

È interessante notare che il teatro della prima azione del Dada è proprio la moderna Parigi, la città dove già dalla fine del secolo si aggirava il mitico “flâneur”.

Il Dadaismo eleva la tradizione della flâneurie a operazione estetica e lo fa attribuendo valore estetico a uno spazio vuoto e non a un oggetto. Passa dal portare un oggetto banale nello spazio dell’arte, al portare l’arte in un luogo banale della città.

Prima delle visite dadaiste, qualsiasi artista che avesse voluto sottoporre all’attenzione del pubblico un luogo avrebbe dovuto spostare il sito in questione o parte di esso in un altro luogo deputato all’esposizione al pubblico. Il Dada, al contrario, non interviene sul paesaggio lasciandovi un oggetto né prelevandone degli altri, ma porta l’artista, o meglio il gruppo di artisti, direttamente sul luogo da svelare, senza compiere alcuna operazione materiale e senza alcun tipo di elaborazione successiva. L’opera sta nell’aver concepito l’azione da compiere, la visita, e non nelle azioni a essa correlate.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Golf e relax sul lago di Como
1 marzo - 30 ottobre 2014
Relax tra terme e montagne
Valido fino al 30 novembre 2014
Offerte di viaggio
Iran: la strada persiana dei re
Vacanza nel cuore del Cilento
Trekking, balene e citta' in Canada
NOTIZIE
17/09/14 - Fiere
La quattordicesima edizione di NoFrills, in calendario alla Fiera di Bergamo il 26 e 27 settembre,...
17/09/14 - Showcase
Il Columbus Day (12 ottobre) segnerà l’inizio di una serie di eventi che vedranno ENIT...
17/09/14 - Consumi
Skyscanner, portale che si occupa della ricerca di viaggi online, ha lanciato una nuova guida sui...
17/09/14 - Tecnologia
Martedì 16 settembre in occasione della Vogue Fashion Night Out di Milano ha debuttato...
16/09/14 - Enogastronomia
A pochi minuti dalla città d'arte di Verona, nella parte orientale della Pedemontana...
Tesino, la montagna racconta la Grande Guerra
Sarà l'altopiano trentino del Tesino il protagonista di un'iniziativa estiva culturale che...
Vela. La Barcolana soffia 40 candeline
La Barcolana compie 40 anni. La regata internazionale di vela organizzata dalla Società velica di...
Giochi d'acqua e di neve nelle Alpi austriache
A Wrgl, circa cinquanta chilometri a est di Innsbruck, sull'autostrada A12 che porta in Germania,...
Cosa sto facendo? Cammino
"How many roads must a man walk down, before you call him a man?"  (Bob...
La Val Gardena si muove bene
  Se state programmando nel 2014 una vacanza in una delle località della Val Gardena...
Austria: pedalare nel verde e nelle città
L’escursionismo in bicicletta è ormai un’attività molto in voga....
Abele e Caino: nomadismo e sedentarietà
"Tutto considerato, al mondo ci sono solo due tipi di uomini: quelli che stanno a casa e quelli che...
In difesa del camminare
"È camminando che ho avuto i pensieri più fecondi, e non conosco pensieri...
Neve senza sci
Famosa per i suoi quattro Quattromila (Monte Rosa, Cervino, Monte Bianco e Gran Paradiso), la Valle...
Nel Parco del Delta del Po per vivere la Primavera
Un territorio disegnato dai corsi d’acqua, esteso su una superficie che comprende nove comuni...
La montagna che unisce
Centocinquanta cime in tutta Italia, da scalare contemporaneamente il prossimo 7 luglio. Questo...
LIBRI E GUIDE
Io sono un mito di Francesca Bonazzoli, Michele Robecchi, Electa, pagine 144, illustrazioni 175, Euro 19,90.
Colazioni da Tiffany di Isa Grassano, Newton Compton, Euro 12,00.
TUTTI I DOSSIER
0.91602396965027