Sabato 18 Aprile 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
A piedi per le vie del mondo (18)
Opere d'arte fatte con i piedi
Dalla fine del XVIII secolo, talvolta, il camminare stato anche un gesto di resistenza nei confronti della tradizione. Il caso del movimento dadaista e il passaggio al Surrealismo
di Carlo Camarda

Marcel Janco, uno dei fondatori del Dadaismo

"La terra, sotto i miei piedi, non è altro che un immenso giornale spiegato" (André Breton)

 

Gran parte della storia del camminare si muove in contraddizione con il suo tempo, più o meno da quando il camminare cessò, a causa della rivoluzione industriale, di appartenere al continuum dell’esperienza e diventò invece una scelta cosciente.

Sotto molti aspetti, la cultura del camminare fu una reazione alla velocità e all’alienazione della rivoluzione industriale. Specialmente nel Novecento – a partire dalle avanguardie artistiche dei primi decenni fino ai giorni nostri – si formarono diverse sottoculture che si rifacevano apertamente al camminare come gesto artistico e pratica estetica. La prima di loro fu il “Dadaismo”.

Fra gli "spazi" di Parigi
Il "Dada Almanach" pubblicato dal gruppo dadaista di Berlino

Il 14 aprile 1921 a Parigi, alle tre del pomeriggio e sotto un diluvio torrenziale, il dadaismo diede vita alla prima escursione urbana nei luoghi banali della città.

Questa fu un’operazione estetica consapevole, con tanto di comunicato stampa a corredo, proclami, volantini e documentazione fotografica. La prima passeggiata dadaista segna il passaggio dalla rappresentazione del moto alla costruzione di un’azione estetica da compiersi nella realtà della vita quotidiana.

Nei primi anni del secolo il tema del moto era diventato uno dei principali oggetti della ricerca delle avanguardie, basti pensare alle ricerche futuristiche. Il movimento e la velocità si erano affermate come una nuova presenza urbana capace di imprimersi sulle opere artistiche dei pittori e dei poeti. Dapprima si operò con tentativi di fissare il movimento attraverso i mezzi tradizionali della rappresentazione; in seguito, dopo l’esperienza Dada, si passò dalla rappresentazione del moto alla pratica del moto nello spazio reale. Con le visite dei dadaisti e le successive deambulazioni dei surrealisti, l’azione del percorrere lo spazio sarà utilizzata come forma estetica capace di sostituirsi alla rappresentazione.

Per gli artisti: "moto verso luogo"
Hugo Ball, Cabaret Voltaire. 1916

È interessante notare che il teatro della prima azione del Dada è proprio la moderna Parigi, la città dove già dalla fine del secolo si aggirava il mitico “flâneur”.

Il Dadaismo eleva la tradizione della flâneurie a operazione estetica e lo fa attribuendo valore estetico a uno spazio vuoto e non a un oggetto. Passa dal portare un oggetto banale nello spazio dell’arte, al portare l’arte in un luogo banale della città.

Prima delle visite dadaiste, qualsiasi artista che avesse voluto sottoporre all’attenzione del pubblico un luogo avrebbe dovuto spostare il sito in questione o parte di esso in un altro luogo deputato all’esposizione al pubblico. Il Dada, al contrario, non interviene sul paesaggio lasciandovi un oggetto né prelevandone degli altri, ma porta l’artista, o meglio il gruppo di artisti, direttamente sul luogo da svelare, senza compiere alcuna operazione materiale e senza alcun tipo di elaborazione successiva. L’opera sta nell’aver concepito l’azione da compiere, la visita, e non nelle azioni a essa correlate.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 
Week-end e tempo libero
Costiera Amalfitana
Dal 01 al 03 maggio 2015 - Quota € 318,00
Castelli del Ducato di Parma
Dal 25 al 26 aprile 2015 – Quota da € 192,00
Offerte di viaggio
India e Nepal
Crociera alle Bahamas
L'isola del cioccolato
NOTIZIE
17/04/15 - Internet
E' online il suo nuovo sito internet della Fédération Internationale des Logis...
17/04/15 - Feste e folclore
In Istria nord occidentale, le sue quattro perle, Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie, offrono il...
17/04/15 - Italia centro
Per il Wall Street Journal, Orvieto è il paradiso dell’arte. Parola del più...
17/04/15 - Alberghi
Il 2015 ha regalato a Cortina un modo completamente nuovo di vivere la vacanza: il “residence...
17/04/15 - Cultura
Sono 24 le città italiane che concorrono al titolo di capitale italiana della cultura per...
Fado e golf nell'intrigante Lisbona
Chi ha detto che golf, in portoghese, vuol dire solo Algarve? Ci sono diciotto buoni motivi per...
Limmortale Manolete, mito di Spagna
Le vicende economiche di Linares non sono floride, come peraltro in tutta la Spagna franchista,...
Avventure sulle nevi in Qubec
L’ambiente è quello ideale: neve abbondante da dicembre a marzo, foreste sterminate,...
Camminare sulla neve
Potete anche chiamarle racchette da neve, la sostanza non cambia. Si tratta di due specie di...
La sorprendete "Cola" del Senegal
Perch visitare il Senegal. Per tanti motivi, il primo dei quali potrebbe essere quello di...
Ruote sul ghiaccio
In Trentino ci sono almeno un paio di posti dove è possibile cimentarsi con freno e...
Austria: pedalare nel verde e nelle citt
L’escursionismo in bicicletta è ormai un’attività molto in voga....
La Svizzera del Sol Levante
Si trovano dappertutto. Nel fondovalle come sulle cime pi disperatamente alte; nei molti trenini...
Gorizia, storia e avventure nel Parco Coronini
Il Parco di Palazzo Coronini Cronberg sicuramente uno dei pi importanti polmoni verdi di...
Salvezza a quattro zampe
Le valanghe sono infatti imprevedibili. Un terribile boato ed ecco che tutto viene travolto:...
Tempo di vacanze, la natura formato baby
  La scuola è finita. E per molti genitori si pone il problema di come...
LIBRI E GUIDE
Maria Callas di Roberta Maresci, Gramese Editore, pagine 160, Euro 12,90.
Sapori e saperi delle Dolomiti a cura di Serena Turrin, edizioni DBS Zanetti, 152 pagine, foto a colori, Euro 13,00.
TUTTI I DOSSIER
0.18024206161499