Giovedì 23 Ottobre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
A piedi per le vie del mondo (18)
Opere d'arte fatte con i piedi
Dalla fine del XVIII secolo, talvolta, il camminare stato anche un gesto di resistenza nei confronti della tradizione. Il caso del movimento dadaista e il passaggio al Surrealismo
di Carlo Camarda

Marcel Janco, uno dei fondatori del Dadaismo

"La terra, sotto i miei piedi, non è altro che un immenso giornale spiegato" (André Breton)

 

Gran parte della storia del camminare si muove in contraddizione con il suo tempo, più o meno da quando il camminare cessò, a causa della rivoluzione industriale, di appartenere al continuum dell’esperienza e diventò invece una scelta cosciente.

Sotto molti aspetti, la cultura del camminare fu una reazione alla velocità e all’alienazione della rivoluzione industriale. Specialmente nel Novecento – a partire dalle avanguardie artistiche dei primi decenni fino ai giorni nostri – si formarono diverse sottoculture che si rifacevano apertamente al camminare come gesto artistico e pratica estetica. La prima di loro fu il “Dadaismo”.

Fra gli "spazi" di Parigi
Il "Dada Almanach" pubblicato dal gruppo dadaista di Berlino

Il 14 aprile 1921 a Parigi, alle tre del pomeriggio e sotto un diluvio torrenziale, il dadaismo diede vita alla prima escursione urbana nei luoghi banali della città.

Questa fu un’operazione estetica consapevole, con tanto di comunicato stampa a corredo, proclami, volantini e documentazione fotografica. La prima passeggiata dadaista segna il passaggio dalla rappresentazione del moto alla costruzione di un’azione estetica da compiersi nella realtà della vita quotidiana.

Nei primi anni del secolo il tema del moto era diventato uno dei principali oggetti della ricerca delle avanguardie, basti pensare alle ricerche futuristiche. Il movimento e la velocità si erano affermate come una nuova presenza urbana capace di imprimersi sulle opere artistiche dei pittori e dei poeti. Dapprima si operò con tentativi di fissare il movimento attraverso i mezzi tradizionali della rappresentazione; in seguito, dopo l’esperienza Dada, si passò dalla rappresentazione del moto alla pratica del moto nello spazio reale. Con le visite dei dadaisti e le successive deambulazioni dei surrealisti, l’azione del percorrere lo spazio sarà utilizzata come forma estetica capace di sostituirsi alla rappresentazione.

Per gli artisti: "moto verso luogo"
Hugo Ball, Cabaret Voltaire. 1916

È interessante notare che il teatro della prima azione del Dada è proprio la moderna Parigi, la città dove già dalla fine del secolo si aggirava il mitico “flâneur”.

Il Dadaismo eleva la tradizione della flâneurie a operazione estetica e lo fa attribuendo valore estetico a uno spazio vuoto e non a un oggetto. Passa dal portare un oggetto banale nello spazio dell’arte, al portare l’arte in un luogo banale della città.

Prima delle visite dadaiste, qualsiasi artista che avesse voluto sottoporre all’attenzione del pubblico un luogo avrebbe dovuto spostare il sito in questione o parte di esso in un altro luogo deputato all’esposizione al pubblico. Il Dada, al contrario, non interviene sul paesaggio lasciandovi un oggetto né prelevandone degli altri, ma porta l’artista, o meglio il gruppo di artisti, direttamente sul luogo da svelare, senza compiere alcuna operazione materiale e senza alcun tipo di elaborazione successiva. L’opera sta nell’aver concepito l’azione da compiere, la visita, e non nelle azioni a essa correlate.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Momenti romantici tra le Dolomiti
Dal 12 settembre al 3 novembre 2014
Sport & Spa tra le Dolomiti
Dal 7 settembre al 3 novembre 2014
Offerte di viaggio
Capodanno da favola a New York
Tour di Capodanno in Cilento
L'isola del cioccolato
NOTIZIE
23/10/14 - Trasporti
Thai Airways lancia la promozione Advance Purchase e continua la sua stagione di offerte e...
23/10/14 - Voli
Etihad Regional, operata da Darwin Airline annuncia il suo Summer network per il 2015 che...
23/10/14 - Navi
Anche quest’anno, MSC Crociere mette sotto l'albero di Natale dei suoi ospiti una sorpresa:...
22/10/14 - Turismo
"Sono certo che raggiungeremo gli obiettivi richiesti dalla Legge 106/2014." Lo ha affermato il...
22/10/14 - Turismo
TripAdvisor, con oltre 630.000 case vacanza in tutto il mondo di cui più di 77.000 in...
La corsa di Venere
  La maratona è una disciplina massacrante che richiede un grande allenamento mentale e...
Uganda, i grandi Parchi dell'Ovest
Ci sono già trentacinque gradi e una grande umidità. Siamo bagnati fradici, il sudore corre a...
Val Malenco, tra ghiacciai e miniere
  I 150 anni dell’ascesa al Monte Disgrazia sono un bel pretesto per fare una camminata...
Kew Gardens, orgoglio londinese
L'ingresso principale si apre in direzione del ponte che prende il nome da questi straordinari...
Camminare per il proprio ideale
"Il mio cammino è prima di tutto una preghiera per la pace" (Pellegrina della...
Binocoli puntati sul Delta del Po
La primavera si fa strada a passi incerti nelle grandi città ma non (speriamo) nel Parco del...
Stoos sale con la funicolare
Stoos è un piccolo villaggio del comune di Morschach nel Canton Schwyz [Svitto] nella...
Trekking dopo l'inverno in ufficio
“Non ce n’è come allenarsi”, recita un detto popolare. Il consiglio,...
Dolomiti, fascino e mistero della montagna
Ci sono tanti modi di godere la natura e in particolare la montagna. Ogni stagione ne offre uno...
Più pulite le acque dei mari e fiumi europei
Le spiagge con le acque più pulite d'Europa si trovano a Cipro (98,2%), in Grecia (97,7%),...
A Cortina tre giorni di fuoco sulla neve
  Cortina d’Ampezzo (BL) e il comprensorio sciistico del Faloria sono il palcoscenico...
LIBRI E GUIDE
Colazioni da Tiffany di Isa Grassano, Newton Compton, Euro 12,00.
Il bambino scambiato di Kenzaburo Oe, Garzanti, pagine 448, Euro 24.00.
TUTTI I DOSSIER
0.98361587524414