A Trieste i capolavori dell’Istria del Rinascimento
Una mostra presenta 21 opere che furono portate a Roma durante la guerra e “dimenticate” per più di cinquant’anni. Fino al restauro, avviato nel 2002, e alla loro acquisizione nel patrimonio della galleria nazionale d’arte antica di Trieste
di Milin Bonomi

Benedetto Carpaccio, 1538, Madonna con bambino tra i Santi Bartolomeo e Tommaso
“Restauro di capolavori dall’Istria: da Paolo Veneziano a Tiepolo” è il titolo della mostra che verrà allestita dal 15 giugno al 30 settembre 2005 presso il Museo Revoltella di Trieste.
La rassegna presenta 21 opere restaurate di recente dopo il provvedimento del 2002 del ministero per i Beni e le Attività Culturali: si tratta di dipinti e sculture, che tornano visibili al pubblico dopo più di cinquant’anni.
Le opere erano infatti collocate, in origine, in luoghi e monumenti della zona: molte vengono da chiese di Capodistria, dal museo della città e da Pirano. Durante la seconda guerra mondiale vennero trasportate per motivi di sicurezza a Roma e lì rimasero conservate, in casse chiuse, prima nel  Museo delle Terme e poi a palazzo Venezia.
Solo nel 2002 Vittorio Sgarbi, allora sottosegretario di Stato per i Beni e le Attività Culturali, decise l’apertura delle casse e affidò le opere alla Soprintendenza del Friuli Venezia Giulia. Il ministero dispose anche per il restauro degli esemplari: ora questo piccolo tesoro dell’Istria si ripresenta ai visitatori e, dopo la mostra, resterà patrimonio della galleria nazionale d’arte antica di Trieste. Le opere risalgono al Rinascimento, sono in gran parte dipinti, su tavola e tela, ma ci sono anche fusioni in bronzo e una scultura in legno.

Piazza Unità
L’esposizione al Museo Revoltella comprende anche anche quattro dipinti provenienti da un’altra raccolta e restaurati da poco: sono le opere della provincia Veneta di Sant’Antonio dell’Ordine dei Frati Minori, una volta collocate al convento di Sant’Anna, oggi conservate dal palazzo Ducale di Mantova. Anche per questi pezzi la mostra è quasi un “ritorno a casa” e in particolare il noto Polittico di Cima da Conegliano richiamerà il pubblico triestino.
La rassegna sarà affiancata da due conferenze di presentazione dei capolavori d’Istria, a cura di Elisabetta Francescutti. L’interesse per queste conferenze risiede, oltre che nell’analisi approfondita della ricostruzione, del valore artistico delle opere e della realtà istriana che ci raccontano, dal fatto che esse avverranno al suono di strumenti rinascimentali, con concerti di musica antica del Friuli Venezia Giulia. Le suggestive “lezioni” si terranno presso l’Auditorium del Museo il 6 e il 20 aprile.
Trieste, città di “grandi”
Castello di Duino
Esaltati vista e udito dopo la presentazione e la mostra, Trieste offre la possibilità di viziare tutti e cinque sensi, sempre all’insegna della cultura, ripercorrendo i luoghi e gli itinerari dei grandi scrittori che l’hanno vissuta. Un esempio è la visita al Castello di Duino che, dal 12 marzo, ha riaperto i battenti per la bella stagione, offrendo anche la possibilità di accedere alla fornita biblioteca, ricca di opere di valore storico, e ampliando il percorso all’interno del parco.
Il castello, degno di nota per la bellezza degli ambienti interni, per la sua preziosa posizione in grado di regalare suggestivi sguardi sul golfo di Trieste, vanta non solo la semplice ospitalità a grandi artisti (da Dante a Valéry, da D’Annunzio a Ionesco), ma anche l’ispirazione ai grandi artisti che l’hanno abitato per lunghi o brevi periodi. E’ il caso di Rainer Maria Rilke che vi soggiornò tra il 1911 e il 1912 e dove compose le “Elegie Duinesi”.
Dal castello si snoda un percorso di due chilometri a picco sul mare che prende il nome dal poeta praghese, e che è considerato uno degli itinerari più suggestivi, dal punto di vista naturalistico, che offre la Riviera Triestina. Saziato lo sguardo con l’incantevole panorama mediterraneo e illirico allo stesso tempo (definito per questo un raro biotipo), riappacificato l’udito con il silenzio, non resterà che alimentare l’anima ripercorrendo il sentiero coi versi del poeta alla mano.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 
Week-end e tempo libero
Tour da Oscar
Valido fino a Dicembre 2014
Mostra archeologica
Dal 25 gennaio al 31 maggio 2014
Offerte di viaggio
Tour guidato in moto lungo la Route 66
Alla scoperta dei Maya, tra Guatemala e Honduras
Mare, natura e pizzica in Salento
NOTIZIE
18/04/14 - Musica per viaggiare
Riparte Music&Live, la promozione di TurismoFVG che offre a chi soggiorna anche solo una notte...
18/04/14 - Fiere
Nei padiglioni della Fiera di Ferrara, da venerdì 25 a domenica 27 aprile ci sarà la...
18/04/14 - Arte
Sarà digitalizzata per renderla consultabile a studiosi, appassionati e curiosi. È la...
18/04/14 - Itinerari
Guagnano (LE) è terra di vini, su appena seimila abitanti si concentrano sei grandi cantine....
17/04/14 - Turismo
Sono il Piemonte, la Riviera Ligure, la Lombardia dei Laghi e della Franciacorta, la Sardegna e la...
Vacanze e ferie in Sicilia
  Eccomi in partenza. Destinazione Sicilia. L’idea primigenia era andare in Grecia, ma...
Berna, città degli Orsi bruni
Non è necessario attendere gli europei  di calcio che si giocheranno nel 2008, nello Stade de...
Pellegrini oggi a Santiago
  Santiago de Compostela ovvero ”San Giacomo di Compostella”. Giacomo è un...
Maldive. Viaggio al "Nika" del Doge Giampiero
  Tempo fa al mè amìs Giampiero Bellazzi dedicai un articolo esaltandone le...
Madrid in tasca
Quello che fa di Madrid un’importante destinazione turistica non è solo la sua...
Canton, l'artiglio del Dragone
Rumorosa, caotica, inquinata, trafficata. Devastata ma ancora ricca di un fascino antico. Canton. O...
Verezzi, antico borgo Saraceno
Verezzi è la parte "alta" di Borgio, paese costiero con il quale fa Comune. Il centro abitato è...
Obiettivo sulla tigre asiatica
Un buon viaggiatore è uno che non sa dove sta andando, e un viaggiatore perfetto non sa da...
Lo splendore dello Yucatán
Identità che si riassume in tre epoche: l'epoca Maya (si veda "Yucatàn, continuità Maya",...
A Chambéry e Lione tra arte e gastronomia
Partiamo da Chambéry, che non è più la sonnolenta cittadina provinciale di...
Andare a Bogotà anche solo per il Museo del Oro
Il riaperto e ancor meglio visitabile Museo del Oro costituisce, con la Candelaria, l'altra grande...
LIBRI E GUIDE
Il mistero dei Leoni Bianchi di Linda Tucker, DeAgostini, pagine 450, Euro 18,00.
Perdas de Fogu di Massimo Carlotto & Mama Sabot, Edizioni e/o, pagine 174, Euro 15,00 .
TUTTI I DOSSIER
2.1646502017975