Lunedì 1 Settembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
A Trieste i capolavori dell’Istria del Rinascimento
Una mostra presenta 21 opere che furono portate a Roma durante la guerra e “dimenticate” per più di cinquant’anni. Fino al restauro, avviato nel 2002, e alla loro acquisizione nel patrimonio della galleria nazionale d’arte antica di Trieste
di Milin Bonomi

Benedetto Carpaccio, 1538, Madonna con bambino tra i Santi Bartolomeo e Tommaso
“Restauro di capolavori dall’Istria: da Paolo Veneziano a Tiepolo” è il titolo della mostra che verrà allestita dal 15 giugno al 30 settembre 2005 presso il Museo Revoltella di Trieste.
La rassegna presenta 21 opere restaurate di recente dopo il provvedimento del 2002 del ministero per i Beni e le Attività Culturali: si tratta di dipinti e sculture, che tornano visibili al pubblico dopo più di cinquant’anni.
Le opere erano infatti collocate, in origine, in luoghi e monumenti della zona: molte vengono da chiese di Capodistria, dal museo della città e da Pirano. Durante la seconda guerra mondiale vennero trasportate per motivi di sicurezza a Roma e lì rimasero conservate, in casse chiuse, prima nel  Museo delle Terme e poi a palazzo Venezia.
Solo nel 2002 Vittorio Sgarbi, allora sottosegretario di Stato per i Beni e le Attività Culturali, decise l’apertura delle casse e affidò le opere alla Soprintendenza del Friuli Venezia Giulia. Il ministero dispose anche per il restauro degli esemplari: ora questo piccolo tesoro dell’Istria si ripresenta ai visitatori e, dopo la mostra, resterà patrimonio della galleria nazionale d’arte antica di Trieste. Le opere risalgono al Rinascimento, sono in gran parte dipinti, su tavola e tela, ma ci sono anche fusioni in bronzo e una scultura in legno.

Piazza Unità
L’esposizione al Museo Revoltella comprende anche anche quattro dipinti provenienti da un’altra raccolta e restaurati da poco: sono le opere della provincia Veneta di Sant’Antonio dell’Ordine dei Frati Minori, una volta collocate al convento di Sant’Anna, oggi conservate dal palazzo Ducale di Mantova. Anche per questi pezzi la mostra è quasi un “ritorno a casa” e in particolare il noto Polittico di Cima da Conegliano richiamerà il pubblico triestino.
La rassegna sarà affiancata da due conferenze di presentazione dei capolavori d’Istria, a cura di Elisabetta Francescutti. L’interesse per queste conferenze risiede, oltre che nell’analisi approfondita della ricostruzione, del valore artistico delle opere e della realtà istriana che ci raccontano, dal fatto che esse avverranno al suono di strumenti rinascimentali, con concerti di musica antica del Friuli Venezia Giulia. Le suggestive “lezioni” si terranno presso l’Auditorium del Museo il 6 e il 20 aprile.
Trieste, città di “grandi”
Castello di Duino
Esaltati vista e udito dopo la presentazione e la mostra, Trieste offre la possibilità di viziare tutti e cinque sensi, sempre all’insegna della cultura, ripercorrendo i luoghi e gli itinerari dei grandi scrittori che l’hanno vissuta. Un esempio è la visita al Castello di Duino che, dal 12 marzo, ha riaperto i battenti per la bella stagione, offrendo anche la possibilità di accedere alla fornita biblioteca, ricca di opere di valore storico, e ampliando il percorso all’interno del parco.
Il castello, degno di nota per la bellezza degli ambienti interni, per la sua preziosa posizione in grado di regalare suggestivi sguardi sul golfo di Trieste, vanta non solo la semplice ospitalità a grandi artisti (da Dante a Valéry, da D’Annunzio a Ionesco), ma anche l’ispirazione ai grandi artisti che l’hanno abitato per lunghi o brevi periodi. E’ il caso di Rainer Maria Rilke che vi soggiornò tra il 1911 e il 1912 e dove compose le “Elegie Duinesi”.
Dal castello si snoda un percorso di due chilometri a picco sul mare che prende il nome dal poeta praghese, e che è considerato uno degli itinerari più suggestivi, dal punto di vista naturalistico, che offre la Riviera Triestina. Saziato lo sguardo con l’incantevole panorama mediterraneo e illirico allo stesso tempo (definito per questo un raro biotipo), riappacificato l’udito con il silenzio, non resterà che alimentare l’anima ripercorrendo il sentiero coi versi del poeta alla mano.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Relax e costiera amalfitana
Dall'1 aprile al 31 ottobre 2014
Adolphe Sax in mostra
Dall'8 febbraio 2014 all'11 gennaio 2015
Offerte di viaggio
Trekking, balene e citta' in Canada
Costa Rica, Nicaragua, Panama: El Mundo Verde
Alla scoperta del Botswana
NOTIZIE
01/09/14 - Itinerari
Betlemme accoglie ogni anno oltre un milione di turisti da tutto il mondo. È proprio il suo...
01/09/14 - Eventi e mostre
Dal 6 al 14 settembre in Piazza Paolo VI, la Piazza del Duomo di Brescia, si terrà la nona...
01/09/14 - Città d'arte
Da martedì 2 settembre nel Museo di San Marco a Firenze, sarà attivo un servizio...
01/09/14 - Turismo
L’estate 2014 sarà ricordata negli annali come la più strana e la più...
01/09/14 - Spettacoli
Ritorna l’edizione autunnale della Broadway Week dall’1 al 14 settembre 2014....
India, caleidoscopio di Fedi
  “Noi, popolo indiano, dopo aver solennemente deciso di costituire l’India come...
Una golosa estate sarda
Siamo nella parte nord-orientale dell’Isola, in quella che è la nuova provincia di...
Garda. Chi dice che il lago è triste?
Chi dice che il lago quando piove è triste, non è un tipo molto originale; ma...
Cracovia, armonia di stili e di volumi
La bottiglia trasparente di vodka a forma di Karol Wojtyla, esposta in un negozietto della...
Svizzera, nella regione del Giura e dei Tre Laghi
Quella fascia, un po’ defilata nell’angolo nord-occidentale della Svizzera, tra i...
Costiera Amalfitana, dove il bello è sublime
I viaggiatori del Grand Tour aspettavano con ansia il giorno di scoprire con i propri occhi la...
Città giovani nella terra dei canguri
La modernità è ciò che contraddistingue molte grandi città australiane,...
Meraviglie verdi sul Lago Maggiore
Mi aspettano al molo privato dei principi Borromeo e su una piccola barca raggiungo la prima delle...
L'amore, oltre i confini della Terra di Dio
  Non esistono parole per spiegare il fascino che l'Oriente ha sempre esercitato su di me, con...
Tour nella 'Grecía' Salentina
  Riepilogo telegraficamente che nella precedente puntata ho narrato i prodromi (scusomi, ma...
L'Aja tra modernità e tradizione
  "God schiep de aarde, maar de Nederladers schiepen Nederland”, vale a dire “Dio...
LIBRI E GUIDE
Cicloturismo, il bello del viaggiare in bicicletta guida scaricabile gratis su www.lifeintravel.it
Io sono un mito di Francesca Bonazzoli, Michele Robecchi, Electa, pagine 144, illustrazioni 175, Euro 19,90.
TUTTI I DOSSIER
1.0500929355621