Venerdì 27 Marzo 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
A Trieste i capolavori dell’Istria del Rinascimento
Una mostra presenta 21 opere che furono portate a Roma durante la guerra e “dimenticate” per più di cinquant’anni. Fino al restauro, avviato nel 2002, e alla loro acquisizione nel patrimonio della galleria nazionale d’arte antica di Trieste
di Milin Bonomi

Benedetto Carpaccio, 1538, Madonna con bambino tra i Santi Bartolomeo e Tommaso
“Restauro di capolavori dall’Istria: da Paolo Veneziano a Tiepolo” è il titolo della mostra che verrà allestita dal 15 giugno al 30 settembre 2005 presso il Museo Revoltella di Trieste.
La rassegna presenta 21 opere restaurate di recente dopo il provvedimento del 2002 del ministero per i Beni e le Attività Culturali: si tratta di dipinti e sculture, che tornano visibili al pubblico dopo più di cinquant’anni.
Le opere erano infatti collocate, in origine, in luoghi e monumenti della zona: molte vengono da chiese di Capodistria, dal museo della città e da Pirano. Durante la seconda guerra mondiale vennero trasportate per motivi di sicurezza a Roma e lì rimasero conservate, in casse chiuse, prima nel  Museo delle Terme e poi a palazzo Venezia.
Solo nel 2002 Vittorio Sgarbi, allora sottosegretario di Stato per i Beni e le Attività Culturali, decise l’apertura delle casse e affidò le opere alla Soprintendenza del Friuli Venezia Giulia. Il ministero dispose anche per il restauro degli esemplari: ora questo piccolo tesoro dell’Istria si ripresenta ai visitatori e, dopo la mostra, resterà patrimonio della galleria nazionale d’arte antica di Trieste. Le opere risalgono al Rinascimento, sono in gran parte dipinti, su tavola e tela, ma ci sono anche fusioni in bronzo e una scultura in legno.

Piazza Unità
L’esposizione al Museo Revoltella comprende anche anche quattro dipinti provenienti da un’altra raccolta e restaurati da poco: sono le opere della provincia Veneta di Sant’Antonio dell’Ordine dei Frati Minori, una volta collocate al convento di Sant’Anna, oggi conservate dal palazzo Ducale di Mantova. Anche per questi pezzi la mostra è quasi un “ritorno a casa” e in particolare il noto Polittico di Cima da Conegliano richiamerà il pubblico triestino.
La rassegna sarà affiancata da due conferenze di presentazione dei capolavori d’Istria, a cura di Elisabetta Francescutti. L’interesse per queste conferenze risiede, oltre che nell’analisi approfondita della ricostruzione, del valore artistico delle opere e della realtà istriana che ci raccontano, dal fatto che esse avverranno al suono di strumenti rinascimentali, con concerti di musica antica del Friuli Venezia Giulia. Le suggestive “lezioni” si terranno presso l’Auditorium del Museo il 6 e il 20 aprile.
Trieste, città di “grandi”
Castello di Duino
Esaltati vista e udito dopo la presentazione e la mostra, Trieste offre la possibilità di viziare tutti e cinque sensi, sempre all’insegna della cultura, ripercorrendo i luoghi e gli itinerari dei grandi scrittori che l’hanno vissuta. Un esempio è la visita al Castello di Duino che, dal 12 marzo, ha riaperto i battenti per la bella stagione, offrendo anche la possibilità di accedere alla fornita biblioteca, ricca di opere di valore storico, e ampliando il percorso all’interno del parco.
Il castello, degno di nota per la bellezza degli ambienti interni, per la sua preziosa posizione in grado di regalare suggestivi sguardi sul golfo di Trieste, vanta non solo la semplice ospitalità a grandi artisti (da Dante a Valéry, da D’Annunzio a Ionesco), ma anche l’ispirazione ai grandi artisti che l’hanno abitato per lunghi o brevi periodi. E’ il caso di Rainer Maria Rilke che vi soggiornò tra il 1911 e il 1912 e dove compose le “Elegie Duinesi”.
Dal castello si snoda un percorso di due chilometri a picco sul mare che prende il nome dal poeta praghese, e che è considerato uno degli itinerari più suggestivi, dal punto di vista naturalistico, che offre la Riviera Triestina. Saziato lo sguardo con l’incantevole panorama mediterraneo e illirico allo stesso tempo (definito per questo un raro biotipo), riappacificato l’udito con il silenzio, non resterà che alimentare l’anima ripercorrendo il sentiero coi versi del poeta alla mano.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Costiera Amalfitana
Dal 01 al 03 maggio 2015 - Quota € 318,00
Napoli e Costiera Amalfitana
Dal 24 al 27 maggio 2015 - Quota € 318,00
Offerte di viaggio
Australia Fantastica con Chiariva
Carinzia: l'inverno è donna!
Pasqua in Oman
NOTIZIE
27/03/15 - Neve
Sabato 11 aprile ritorna la “Pozza dei Mat”, la festa di chiusura della stagione...
27/03/15 - Cataloghi
Quest’anno, per la prima volta, Turbanitalia distribuirà due cataloghi distinti, uno...
27/03/15 - Tecnologia
Dal 3 al 5 Aprile 2015, a La Thuile in Valle d’Aosta, verrà presentato per la prima...
27/03/15 - Italia sud e isole
La Puglia attrae sempre più turisti italiani e stranieri. Sono questi i dati forniti...
27/03/15 - Arte
“La Muta” di Raffaello dopo oltre un anno, per essere sottoposta ad intervento di...
Arte, storia, paesaggi e vigneti nel Sud della Borgogna
Ma quant'è grande, questa Saona? A leggerne i connotati si pensa a un fiume di media grandezza,...
Chopin e George Sand a Maiorca
La situazione a Maiorca non era propriamente quella rumorosa e vacanziera dei nostri giorni quando,...
Samarcanda, ultimo mito
Sarà perché – come scrive Cecchi ne "La via dorata per Samarcanda" (Giunti...
Nozze gay: dove giurarsi amore eterno
Le nozze gay in Italia sono ancora un miraggio. Per questo Paola Concia, deputata del Partito...
Follie di fine inverno
Il bello delle compagnie aeree low-cost è che ti permettono di scoprire destinazioni...
Fede e colori delle Settimane Sante
  Non solo turisticamente parlando, in Spagna la Pasqua è più importante del...
Molise, regione discreta
Il Molise è situato geograficamente nell'Italia Centrale (la sua latitudine è quella di Roma) anche...
Blevio e le "Serate in Musica"
  Il lago di Como luogo di eccellenza per la promozione dell’arte e della cultura....
Gita a Zagabria e Abbazia (2)
Milano dista da Zagabria, storica capitale della Croazia, poco meno 650 km, una distanza -...
Valsesia, la "valle dell'acqua"
La notizia è curiosa: il rifugio Margherita sul gruppo del Rosa, a 4554 metri, ospiterà una...
Lazio: riscopriamo sapori e tradizioni
  «Promuovere il turismo, sostenere il cambiamento delle imprese ma anche rendere le...
LIBRI E GUIDE
Maria Callas di Roberta Maresci, Gramese Editore, pagine 160, Euro 12,90.
Manuale dello chef di Claudio Sadler, Giunti Editore, Fotografie di Francesca Brambilla e Serena Serrani, pagine 288, Euro 19,90.
TUTTI I DOSSIER
0.21825695037842