Domenica 26 Ottobre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Reportage / Le strade della storia
Sudan, tra le rovine dei Faraoni Neri
Il Sudan un paese dimenticato. Dimenticato dalle due grandi divinit contrapposte di questo immenso pezzo d'Africa: Dio e Allah. Anche i potenti della terra lo hanno abbandonato, pur se conserva le tracce di una storia millenaria
di Nico Tondini

Piramidi di Karima, Sudan

Definito "uno dei grandi nemici degli Stati Uniti", il Sudan ha veramente poche chances di risollevarsi dalla catastrofica situazione di inerzia politica, di stasi caotica e di distacco culturale in cui i cosiddetti "grandi" del mondo lo hanno confinato.

Nel sud di questo stato si combatte una guerra tutta africana, fra poveri. Il nord bianco, arabo e musulmano vuole imporre la Sharia, la legge coranica, al sud nero, cristiano e animista. Si combatte, a periodi alterni, dal 1962. È la guerra civile più lunga della storia, lunga come l’elenco sbiadito dei nomi di quei due milioni di sudanesi che hanno gettato la vita in questo scontro.

Al nord non si combatte, il territorio nubiano è unificato da anni e vive sotto l’occhio severo di Allah e la mano protettrice di Fatma. “Allah U Akbar” (Dio è grande) recitano con monotonia i muezzin di Khartoum, lanciando le loro melanconiche melodie religiose sopra Al Jazira, la confluenza tra Nilo Azzurro e Nilo Bianco. I due fiumi si fondono ai piedi della capitale, dando origine al grande, unico Nilo: El Bahr (il mare) come lo chiamano qui.

Antichi splendori e recenti orrori della capitale
Old Dongola, rovine di una chiesa copta

Khartoum è un caos organizzato, dove la “deregulation” è applicata, da chi governa, in maniera metodica e quasi maniacale. Se si escludono i mercati, dove si respira aria d’Africa vera, molte strade e palazzi sembrano appartenere all’architettura a “blocchi” tipica dell’ex mondo comunista dell’est, prima della “glasnost”.

Del recente e affascinante passato in città non è rimasto niente, solo la villa di Gordon Pascià, trasformata in museo. È una delle rare testimonianze del periodo di colonialismo anglo-egiziano, finito tragicamente nel 1884 con la testa del generale inglese infilzata su una pertica e portata, grondante di vittoria, al Mahdi, il capo spirituale e insieme delle agguerrite milizie irredentiste sudanesi. Khartoum è una città lasciata a vivere il suo tempo attuale, avvolta dalle polveri del vento harmattan che soffia da nord e racconta storie di antiche civiltà perdute.

Alla ricerca di un passato glorioso
Karima, colonne di Hator

Erodoto narrò del mitico regno di Kush, dei faraoni neri, di Meroe, della potenza militare dei Nubiani che avevano soggiogato l’Egitto e costruito nella loro terra decine di piramidi per celebrare in modo regale e imperituro la morte dei loro sovrani. Le antiche capitali dell’impero Kushita (Napata, Meroe, Karima) sono state inghiottite dai secoli e tra le grandi dune barcane si è diluito e poi perso nel tempo anche il ricordo di quella civiltà. Ho ringraziato il Dio Amon Ra, il dio del sole, di essere stato qui. Ho sfiorato con la mano le colonne della Dea Hator e ho sacrilegamente cavalcato uno dei quattro arieti di pietra che fanno una muta guardia alla piana di Karima. Ho ascoltato le voci delle Huri, le meravigliose creature del paradiso musulmano, che muovevano le loro ombre diafane tra le piramidi dei faraoni neri. Ho seguito il corso del Nilo, su a nord, oltre Khartoum e come Chatwin mi sono chiesto: “Che ci faccio io qui ?” Sono venuto per leggere un libro di storia coperto dalla polvere del deserto, per vedere quello che pochi conoscono e per percorrere le piste del Sudan in cerca della mitica Kush.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 3 - 
Week-end e tempo libero
Gran Mercato dell'Antico
Dal 14 al 16 novembre 2014
Luminarie di Salerno, Amalfi e Napoli
Dal 5 all'8 dicembre 2014
Offerte di viaggio
In India per festeggiare il nuovo anno
Australia Fantastica con Chiariva
Capodanno in Slovenia tra terme e cultura
NOTIZIE
24/10/14 - Enogastronomia
F.I.CO Eataly World sarà il primo grande parco tematico dell’agroalimentare e...
24/10/14 - Tecnologia
Venerdì 24 ottobre, a Milano, Cisalpina Tours, azienda specializzata nella gestione dei...
24/10/14 - Trasporti
Biman Bangladesh Airlines, compagnia di bandiera del Paese Asiatico, dal prossimo 3 novembre...
24/10/14 - Enogastronomia
Vino e cultura si incontrano nuovamente a Poderi dal Nespoli, a Civitella di Romagna. Il...
24/10/14 - Itinerari
Sabato 8 novembre sarà organizzato per la prima volta un treno storico in Sicilia...
Bruxelles, Capitale d'Europa e dei Fumetti
Non solo birra, Manneken-Pis, la Grand-Place e il Parlamento Europeo. A Bruxelles, nell'anno...
Estremadura. Qui la 'intrahistoria' è maestra di vita
  Nutro molta aficiòn per Miguel de Unamuno, poeta, filosofo, scrittore, drammaturgo e...
Maldive le "famosissime" isole dei sogni
  Non so voi, ma io ho voglia di andare al mare. Data la nostra stagione invernale,...
Rotaie del mondo nei cinque Continenti
  Non v’è dubbio che spetti allo scomparso Orient Express e alla Transiberiana...
Dolomiti, scuola di vita e di cultura
Come sono fatte le Dolomiti? Quali sono i paesaggi, se non ci si accontenta di guardare i monti da...
Obiettivo sulla tigre asiatica
Un buon viaggiatore è uno che non sa dove sta andando, e un viaggiatore perfetto non sa da...
Pamplona, correre con "los toros"
Suonata da orchestrine improvvisate, dalle bande delle "peas" (i club taurini) che attraversano la...
"Ho Chi Minh", per sempre Saigon
"Il destino dell'uomo è una goccia di rugiada su un filo d'erba". Frase attribuita al bonzo...
India tribale. Il mosaico etnico dell'Orissa
  Ovunque nel mondo esistono confini visibili e confini invisibili. E ambedue trovano ampia...
Una crociera con Dalmacija sulle onde dell'Adriatico
Premessa. Deontologia professionale (raggiunta una certa età in uno stato di non totale povertà, si...
Providencia e Santa Catalina: natura esotica e intrigante
Appena scesi dall'aereo a Providencia (novanta chilometri a nordovest da San Andrès, venti...
LIBRI E GUIDE
Terra degli uomini di Antoine de Saint-Exupéry, Mursia, pagine 176, Euro 12,00.
Andare a piedi Filosofia del Camminare di Frédéric Gros, Garzanti, pagine 232, Euro 14,90.
TUTTI I DOSSIER
0.99409604072571