Martedì 31 Marzo 2015 - Anno XIII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Attualit / Terremoto e polemiche
Haiti: inferno e paradiso sotto lo stesso cielo azzurro
In una parte dell'isola morti e distruzione, nell'altra vacanzieri che sbarcano dalle navi da crociera. Facile rimanere sgomenti da questo paradosso. Le ragioni di chi continua a lavorare su Haiti
di Graziano Capponago del Monte

Nave da crociera nelle acque di Haiti

In molti hanno storto il naso leggendo che mentre a Port-au-Prince, la capitale di Haiti, la gente è allo stremo, ci sono ancora persone vive sotto le macerie, il caos e la violenza montano ogni momento, a circa 200 chilometri, sulla costa nord dell'isola attracchino le navi da crociera della Royal Caribbean con il loro carico di vacanzieri.

“Questioni di opportunità - si dice -. Non ci si può divertire dove la gente soffre”, e sotto un certo punto di vista il discorso non fa una piega. La questione è però più complessa. Innanzitutto coinvolge la sensibilità e la libertà individuale, cose che non si possono imporre. Molti sono stati, infatti, i passeggeri che si sono rifiutati di sbarcare a Labadee, lo scalo privato della Compagnia di crociere Royal Caribbean, mentre altri sono tranquillamente scesi a terra (la località non è stata toccata dal terremoto).

Giusto? Sbagliato? Difficile stabilirlo, però bisogna pensare che il terremoto è stato un avvenimento imprevedibile e straordinario e coloro che avevano prenotato una vacanza l’avevano programmata da tempo e sarebbe stato difficile cambiare i piani così sotto data.

Aiuti umanitari in crociera
Macerie a Port-au-Prince

Royal Caribbean si è sentita toccata da questa ondata di riprovazione che, “dietro il cappello” o apertamente, è montata nell’opinione pubblica ed è corsa ai ripari con un comunicato stampa dove spiega le ragioni della Compagnia. Per prima cosa si sottolinea l’impatto di Labadee nell’economia locale come datore di lavoro, direttamente o indirettamente, per centinaia di persone dei villaggi vicini.

Poi si cita una dichiarazione dell’inviato speciale del governo di Haiti presso le Nazioni Unite, Leslie Voltaire, secondo la quale "è bene accetta la continuazione di tutti i rapporti economici positivi”, visti come un contributo alla ricostruzione. Il terzo punto espresso dalla Compagnia appare quello più convincente: lo scalo di Labadee costituisce un terminale per gli aiuti umanitari e questa, in una situazione di caos totale nelle infrastrutture di Port-au-Prince, è certamente una cosa importante.

Finora le navi Royal Caribbean hanno trasportato oltre cento bancali di beni di prima necessità, inoltre sono stati donati all’ospedale di Cap Haiten sdraio, lettini e materassi. Sempre secondo il comunicato sarebbe stato stanziato un milione di dollari, in parte destinato ad associazioni umanitarie, in parte a un fondo a favore degli oltre 200 membri di equipaggio delle navi Caribbean e delle loro famiglie.

L’ultima parola spetta ad Adam Goldstein, presidente della compagnia: “Cambiare il porto di scalo non aiuterebbe”. Forse suona un po’ cinica ma fotografa ottimamente lo stato delle cose. In questa situazione tutto può essere utile… (20/1/2010)

Per aiutare i terremotati

Di seguito gli indirizzi Internt di tre organizzazioni che si occupano di fornire soccorso alle popolazioni di Haiti. Sui siti troverete le modalità per aiutarli nella loro opera.

 

Medecine sans frontiere (Assistenza sanitaria)

www.msf.it

 

Fondazione Rava (Assistenza agli orfani)

www.nphitalia.org

 

Croce Rossa Italiana (Protezione civile)

www.cri.it

 

ONG Agire

www-agire.it

 

Unicef 

www.unicef.it/haiti

 

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Tra orchidee ed erbe spontanee
Da Maggio 2015 a Luglio 2015
Napoli e Costiera Amalfitana
Dal 24 al 27 maggio 2015 - Quota € 318,00
Offerte di viaggio
Carinzia: l'inverno è donna!
Benessere ad alta quota
Cultura e benessere in Slovenia
NOTIZIE
31/03/15 - Premi
Domenica 22 marzo il nostro giornale turistico mondointasca.org ha partecipato alla prima edizione...
31/03/15 - Città d'arte
Apre al pubblico a Roma l’Antiquarium di Lucrezia Romana, museo archeologico che presenta le...
31/03/15 - Internet
Presentato il nuovo portale turistico istituzionale della Regione Umbria che sarà più...
31/03/15 - Expo Milano 2015
"Abbastanza piccolo da essere grande", fa riferimento alla sua capacità di...
30/03/15 - News e servizi
I servizi di biglietteria generale dell’Aeroporto di Milano Bergamo hanno introdotto la...
Come difendere le opere d'arte nelle chiese
Il Comando Carabinieri per Tutela Patrimonio Culturale ha presentato una guida per prevenire i...
Milano Capitale dell'Integrazione?
Sapevate che … La ministra Kyenge auspica che Milano (e godrebbe di maggior lustro...
A Cortona la collezione etrusca dell'Ermitage
Doppia novità per il Maec, museo dell'accademia etrusca e della città di Cortona. Dal prossimo 7...
Martigny, la collezione del museo Pushkin
L'evento estivo della Fondazione Gianadda, a Martigny, riserva come d’abitudine una...
Bolivia, bella sconosciuta del Sud America
Ci sono posti che Madre Natura ha relegato in angoli un filino appartati del nostro pianeta, al...
Fitur di Madrid
Si dice negli States, e laggiù se ne intendono, che “Le fiere e i Saloni non servono a...
L'Olanda dà i numeri
Dieci musei, quattro città, tre temi. Con questi numeri si può riassumere il progetto "Holland...
Zibaldone Geografico-Turistico-Natalizio
Milano, Italia, ore 6 del 26 dicembre, Santo Stefano. È festa pure oggi e si permetta...
"Accademia Cuciniera" nel Novarese
Mi scuso per il titolo, più ermetico di una poesia di Ungaretti, ma la vicenda che passo a...
Spigolando tra turismo e dintorni
Sapevate che Il turista, oh che cuccagna, in Spagna spende e mai si lagna?Ogni turista straniero...
Expo 2015: ecco il Padiglione Azerbaijan
Tre studi milanesi - Simmetrico, lo studio di architettura Arassociati e i paesaggisti di AG&P....
LIBRI E GUIDE
I grandi miti della psicologia popolare di Lilienfeld S.O., Lynn S.J., Ruscio J., Beyerstein B.L., Raffaello Cortina Editore, pagine 392, Euro 26,00.
La dieta dell'acqua di Nicola Sorrentino, con Paola Gambino, Salani Editore. Euro 12,90
TUTTI I DOSSIER
0.25669717788696