Lunedì 1 Settembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
AttualitÓ / Terremoto e polemiche
Haiti: inferno e paradiso sotto lo stesso cielo azzurro
In una parte dell'isola morti e distruzione, nell'altra vacanzieri che sbarcano dalle navi da crociera. Facile rimanere sgomenti da questo paradosso. Le ragioni di chi continua a lavorare su Haiti
di Graziano Capponago del Monte

Nave da crociera nelle acque di Haiti

In molti hanno storto il naso leggendo che mentre a Port-au-Prince, la capitale di Haiti, la gente è allo stremo, ci sono ancora persone vive sotto le macerie, il caos e la violenza montano ogni momento, a circa 200 chilometri, sulla costa nord dell'isola attracchino le navi da crociera della Royal Caribbean con il loro carico di vacanzieri.

“Questioni di opportunità - si dice -. Non ci si può divertire dove la gente soffre”, e sotto un certo punto di vista il discorso non fa una piega. La questione è però più complessa. Innanzitutto coinvolge la sensibilità e la libertà individuale, cose che non si possono imporre. Molti sono stati, infatti, i passeggeri che si sono rifiutati di sbarcare a Labadee, lo scalo privato della Compagnia di crociere Royal Caribbean, mentre altri sono tranquillamente scesi a terra (la località non è stata toccata dal terremoto).

Giusto? Sbagliato? Difficile stabilirlo, però bisogna pensare che il terremoto è stato un avvenimento imprevedibile e straordinario e coloro che avevano prenotato una vacanza l’avevano programmata da tempo e sarebbe stato difficile cambiare i piani così sotto data.

Aiuti umanitari in crociera
Macerie a Port-au-Prince

Royal Caribbean si è sentita toccata da questa ondata di riprovazione che, “dietro il cappello” o apertamente, è montata nell’opinione pubblica ed è corsa ai ripari con un comunicato stampa dove spiega le ragioni della Compagnia. Per prima cosa si sottolinea l’impatto di Labadee nell’economia locale come datore di lavoro, direttamente o indirettamente, per centinaia di persone dei villaggi vicini.

Poi si cita una dichiarazione dell’inviato speciale del governo di Haiti presso le Nazioni Unite, Leslie Voltaire, secondo la quale "è bene accetta la continuazione di tutti i rapporti economici positivi”, visti come un contributo alla ricostruzione. Il terzo punto espresso dalla Compagnia appare quello più convincente: lo scalo di Labadee costituisce un terminale per gli aiuti umanitari e questa, in una situazione di caos totale nelle infrastrutture di Port-au-Prince, è certamente una cosa importante.

Finora le navi Royal Caribbean hanno trasportato oltre cento bancali di beni di prima necessità, inoltre sono stati donati all’ospedale di Cap Haiten sdraio, lettini e materassi. Sempre secondo il comunicato sarebbe stato stanziato un milione di dollari, in parte destinato ad associazioni umanitarie, in parte a un fondo a favore degli oltre 200 membri di equipaggio delle navi Caribbean e delle loro famiglie.

L’ultima parola spetta ad Adam Goldstein, presidente della compagnia: “Cambiare il porto di scalo non aiuterebbe”. Forse suona un po’ cinica ma fotografa ottimamente lo stato delle cose. In questa situazione tutto può essere utile… (20/1/2010)

Per aiutare i terremotati

Di seguito gli indirizzi Internt di tre organizzazioni che si occupano di fornire soccorso alle popolazioni di Haiti. Sui siti troverete le modalità per aiutarli nella loro opera.

 

Medecine sans frontiere (Assistenza sanitaria)

www.msf.it

 

Fondazione Rava (Assistenza agli orfani)

www.nphitalia.org

 

Croce Rossa Italiana (Protezione civile)

www.cri.it

 

ONG Agire

www-agire.it

 

Unicef 

www.unicef.it/haiti

 

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Relax e costiera amalfitana
Dall'1 aprile al 31 ottobre 2014
Dichiarare amore in volo
Fino al 19 ottobre 2014
Offerte di viaggio
Matrimonio da sogno alle Maldive
Crociera nel Mediterraneo Occidentale
Costa Rica, Nicaragua, Panama: El Mundo Verde
NOTIZIE
01/09/14 - Spettacoli
Ritorna l’edizione autunnale della Broadway Week dall’1 al 14 settembre 2014....
01/09/14 - Gastronomia
Golosi di prelibatezze italiche, segnatevi questa data in agenda: a Spilamberto (Modena), nel...
01/09/14 - Eventi e mostre
Resta aperta sino al 21 settembre a Castellamonte (Torino) la 54° Mostra della Ceramica. La...
29/08/14 - Arte
Fino al 21 settembre si può visitare la mostra “Simboli vivi”. L'esposizione...
29/08/14 - Turismo
Si rinnova l'appuntamento con il TTT – Tourism Think Tank dal 30 settembre al 1 ottobre 2014...
Expo 2015 a rischio? Sapevate che...
Sapevate che... Per raggiungere il tanto sospirato scaglionamento delle ferie, quelli...
Libri per l'infanzia
Manca poco a Natale, la corsa alla ricerca del regalo è sempre più affannosa....
Il rilancio dell'Italia passa attraverso il turismo
La politica e gli operatori nostrani hanno scoperto che il turismo nel Belpaese può diventare una...
Cresce l'agriturismo, strutture raddoppiate in dieci anni
In Italia le aziende agrituristiche sono in costante crescita. Oggi sono 20.474, soltanto nel 2003...
Avvoltoi in agguato alla Valtur. Sapevate che...
Sapevate che... I commissari di Valtur hanno intimato alla Grandi Viaggi di non fregarle i clienti?...
Finalmente Matilde di Canossa
Si avvicina la data di inaugurazione della doppia mostra dedicata a Matilde di Canossa, a Mantova e...
Spigolando tra turismo e dintorni. Sapevate che...
Sapevate che... Siamo stati (anche noi) alla Bit? Eh sì, da sedicenti cronisti turistici...
Nelle feste ad Arcore si parlava di filosofia
Sapevate che... Formigoni avrebbe bisogno di un Leader? Nel senso di un “tour leader”...
Sempre insieme. Anche in vacanza
Chi ha un cane o un gatto lo sa perfettamente. Viaggi o brevi gite sono i momenti più...
Il bagaglio ora ha il Chip. Sapevate che...
Sapevate che... Quando la ministro/a del Turismo Brambilla fa qualcosa di buono (mica sempre, ma va...
Giorno della Memoria. Dolore senza fine
L’11 settembre del 2001 mi trovavo a Mdina, l’antica capitale maltese, in visita allo...
LIBRI E GUIDE
Il bambino scambiato di Kenzaburo Oe, Garzanti, pagine 448, Euro 24.00.
NUR. La luce nascosta dell'Afghanistan di MoniKa Bulaj, Editore Electa, pagine 256, 163 illustrazioni, Euro 39,00.
TUTTI I DOSSIER
1.1431789398193