Giovedì 18 Dicembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
AttualitÓ / Terremoto e polemiche
Haiti: inferno e paradiso sotto lo stesso cielo azzurro
In una parte dell'isola morti e distruzione, nell'altra vacanzieri che sbarcano dalle navi da crociera. Facile rimanere sgomenti da questo paradosso. Le ragioni di chi continua a lavorare su Haiti
di Graziano Capponago del Monte

Nave da crociera nelle acque di Haiti

In molti hanno storto il naso leggendo che mentre a Port-au-Prince, la capitale di Haiti, la gente è allo stremo, ci sono ancora persone vive sotto le macerie, il caos e la violenza montano ogni momento, a circa 200 chilometri, sulla costa nord dell'isola attracchino le navi da crociera della Royal Caribbean con il loro carico di vacanzieri.

“Questioni di opportunità - si dice -. Non ci si può divertire dove la gente soffre”, e sotto un certo punto di vista il discorso non fa una piega. La questione è però più complessa. Innanzitutto coinvolge la sensibilità e la libertà individuale, cose che non si possono imporre. Molti sono stati, infatti, i passeggeri che si sono rifiutati di sbarcare a Labadee, lo scalo privato della Compagnia di crociere Royal Caribbean, mentre altri sono tranquillamente scesi a terra (la località non è stata toccata dal terremoto).

Giusto? Sbagliato? Difficile stabilirlo, però bisogna pensare che il terremoto è stato un avvenimento imprevedibile e straordinario e coloro che avevano prenotato una vacanza l’avevano programmata da tempo e sarebbe stato difficile cambiare i piani così sotto data.

Aiuti umanitari in crociera
Macerie a Port-au-Prince

Royal Caribbean si è sentita toccata da questa ondata di riprovazione che, “dietro il cappello” o apertamente, è montata nell’opinione pubblica ed è corsa ai ripari con un comunicato stampa dove spiega le ragioni della Compagnia. Per prima cosa si sottolinea l’impatto di Labadee nell’economia locale come datore di lavoro, direttamente o indirettamente, per centinaia di persone dei villaggi vicini.

Poi si cita una dichiarazione dell’inviato speciale del governo di Haiti presso le Nazioni Unite, Leslie Voltaire, secondo la quale "è bene accetta la continuazione di tutti i rapporti economici positivi”, visti come un contributo alla ricostruzione. Il terzo punto espresso dalla Compagnia appare quello più convincente: lo scalo di Labadee costituisce un terminale per gli aiuti umanitari e questa, in una situazione di caos totale nelle infrastrutture di Port-au-Prince, è certamente una cosa importante.

Finora le navi Royal Caribbean hanno trasportato oltre cento bancali di beni di prima necessità, inoltre sono stati donati all’ospedale di Cap Haiten sdraio, lettini e materassi. Sempre secondo il comunicato sarebbe stato stanziato un milione di dollari, in parte destinato ad associazioni umanitarie, in parte a un fondo a favore degli oltre 200 membri di equipaggio delle navi Caribbean e delle loro famiglie.

L’ultima parola spetta ad Adam Goldstein, presidente della compagnia: “Cambiare il porto di scalo non aiuterebbe”. Forse suona un po’ cinica ma fotografa ottimamente lo stato delle cose. In questa situazione tutto può essere utile… (20/1/2010)

Per aiutare i terremotati

Di seguito gli indirizzi Internt di tre organizzazioni che si occupano di fornire soccorso alle popolazioni di Haiti. Sui siti troverete le modalità per aiutarli nella loro opera.

 

Medecine sans frontiere (Assistenza sanitaria)

www.msf.it

 

Fondazione Rava (Assistenza agli orfani)

www.nphitalia.org

 

Croce Rossa Italiana (Protezione civile)

www.cri.it

 

ONG Agire

www-agire.it

 

Unicef 

www.unicef.it/haiti

 

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Il luogo pi├╣ bello del mondo
Valido solo il 25 Gennaio 2015
Le iniziative invernali di Aquila Bianca
Dal 17 gennaio 2015 al 28 febbraio 2015
Offerte di viaggio
Australia Fantastica con Chiariva
Crociera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
Ultimo dell'anno in Baviera
NOTIZIE
18/12/14 - Cataloghi
Il nuovo catalogo Gastaldi1860 sull’Africa del Sud valido fino a dicembre 2015 propone idee...
17/12/14 - Neve
Arrivato alla quarta edizione, Artesina Freeride Fest, è ormai considerato l’evento...
17/12/14 - Musica per viaggiare
“Fai musica con chi fa musica”. Questo l’obiettivo della scuola Padovarte Musica,...
17/12/14 - News e servizi
Per la vacanze di Natale 2014, arriva l’offerta Orange Holiday, la scheda prepagata ideale...
17/12/14 - Paesi lontani
Il Natale al caldo ha di certo il suo fascino. Lo sanno bene gli abitanti di Melbourne in...
Biglietti aerei, commissioni last minute sulle prenotazioni...
Lo sviluppo dell’e-commerce ha fatto lievitare considerevolmente il volume di transazioni...
A Pamplona, una "Fiesta Peligrosa"
Cominciai tanti anni fa (facciamo cinquanta) ad andare a Pamplona per i Sanfermines. Per quei tre o...
Alle terme per star bene
Terme per curare e terme per ritrovare la forma e il benessere. È la doppia faccia della...
A Sochi lo sport italiano con l'interprete
Sapevate che… Alle Olimpiadi di Sochi lo sport italiano sta vivendo momenti di grande...
I pendolari di Trenord hanno visto la fine del mondo
Sapevate che... Sensibile al certissimo struggimento che dopo la lettura della straziante notizia...
Vacanze tricolore
Quando si parla di turismo in Italia, un tasto dolente è quello della scarsa unità. A...
Alitalia punta su Milano
Malpensa sarà la base di Air One configurata come Smart Carrier, cioè una compagnia...
Disegnare il futuro del turismo
Viaggi e web, lavoro e nuove professioni, tendenze, mete, strategie. Il turismo chiave di volta...
Vacanze low cost, il 76% degli utenti le organizza via...
Le vacanze low cost sono un imperativo per gli italiani, visti i tempi difficili. Il loro...
Germania, il turismo guarda al futuro
Mondointasca.org prosegue l'analisi a consuntivo dei viaggi degli italiani verso l'Europa, per il...
Il bagaglio ora ha il Chip. Sapevate che...
Sapevate che... Quando la ministro/a del Turismo Brambilla fa qualcosa di buono (mica sempre, ma va...
LIBRI E GUIDE
Io sono un mito di Francesca Bonazzoli, Michele Robecchi, Electa, pagine 144, illustrazioni 175, Euro 19,90.
Il bambino scambiato di Kenzaburo Oe, Garzanti, pagine 448, Euro 24.00.
TUTTI I DOSSIER
1.3859419822693