Martedì 29 Luglio 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
AttualitÓ / Terremoto e polemiche
Haiti: inferno e paradiso sotto lo stesso cielo azzurro
In una parte dell'isola morti e distruzione, nell'altra vacanzieri che sbarcano dalle navi da crociera. Facile rimanere sgomenti da questo paradosso. Le ragioni di chi continua a lavorare su Haiti
di Graziano Capponago del Monte

Nave da crociera nelle acque di Haiti

In molti hanno storto il naso leggendo che mentre a Port-au-Prince, la capitale di Haiti, la gente è allo stremo, ci sono ancora persone vive sotto le macerie, il caos e la violenza montano ogni momento, a circa 200 chilometri, sulla costa nord dell'isola attracchino le navi da crociera della Royal Caribbean con il loro carico di vacanzieri.

“Questioni di opportunità - si dice -. Non ci si può divertire dove la gente soffre”, e sotto un certo punto di vista il discorso non fa una piega. La questione è però più complessa. Innanzitutto coinvolge la sensibilità e la libertà individuale, cose che non si possono imporre. Molti sono stati, infatti, i passeggeri che si sono rifiutati di sbarcare a Labadee, lo scalo privato della Compagnia di crociere Royal Caribbean, mentre altri sono tranquillamente scesi a terra (la località non è stata toccata dal terremoto).

Giusto? Sbagliato? Difficile stabilirlo, però bisogna pensare che il terremoto è stato un avvenimento imprevedibile e straordinario e coloro che avevano prenotato una vacanza l’avevano programmata da tempo e sarebbe stato difficile cambiare i piani così sotto data.

Aiuti umanitari in crociera
Macerie a Port-au-Prince

Royal Caribbean si è sentita toccata da questa ondata di riprovazione che, “dietro il cappello” o apertamente, è montata nell’opinione pubblica ed è corsa ai ripari con un comunicato stampa dove spiega le ragioni della Compagnia. Per prima cosa si sottolinea l’impatto di Labadee nell’economia locale come datore di lavoro, direttamente o indirettamente, per centinaia di persone dei villaggi vicini.

Poi si cita una dichiarazione dell’inviato speciale del governo di Haiti presso le Nazioni Unite, Leslie Voltaire, secondo la quale "è bene accetta la continuazione di tutti i rapporti economici positivi”, visti come un contributo alla ricostruzione. Il terzo punto espresso dalla Compagnia appare quello più convincente: lo scalo di Labadee costituisce un terminale per gli aiuti umanitari e questa, in una situazione di caos totale nelle infrastrutture di Port-au-Prince, è certamente una cosa importante.

Finora le navi Royal Caribbean hanno trasportato oltre cento bancali di beni di prima necessità, inoltre sono stati donati all’ospedale di Cap Haiten sdraio, lettini e materassi. Sempre secondo il comunicato sarebbe stato stanziato un milione di dollari, in parte destinato ad associazioni umanitarie, in parte a un fondo a favore degli oltre 200 membri di equipaggio delle navi Caribbean e delle loro famiglie.

L’ultima parola spetta ad Adam Goldstein, presidente della compagnia: “Cambiare il porto di scalo non aiuterebbe”. Forse suona un po’ cinica ma fotografa ottimamente lo stato delle cose. In questa situazione tutto può essere utile… (20/1/2010)

Per aiutare i terremotati

Di seguito gli indirizzi Internt di tre organizzazioni che si occupano di fornire soccorso alle popolazioni di Haiti. Sui siti troverete le modalità per aiutarli nella loro opera.

 

Medecine sans frontiere (Assistenza sanitaria)

www.msf.it

 

Fondazione Rava (Assistenza agli orfani)

www.nphitalia.org

 

Croce Rossa Italiana (Protezione civile)

www.cri.it

 

ONG Agire

www-agire.it

 

Unicef 

www.unicef.it/haiti

 

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
La Banda del Talos Festival
Dal 4 al 14 settembre
Sinfonia d'estate in Val di Fassa
Dall'8 luglio al 26 agosto 2014
Offerte di viaggio
In vacanza con mamma o papa' ...
Islanda in Mountain Bike
Grantour della Turchia
NOTIZIE
29/07/14 - Eventi e mostre
Se amate i deserti, segnatevi queste date in agenda: dal 10 al 14 settembre 2014 si terrà la...
29/07/14 - All'aria aperta
In Trentino ci sono degli hotel dove il titolare non solo accoglie il turista ma si preoccupa anche...
29/07/14 - Animali
Nel giugno 2013, un giovane leone marino (Mirounga leonina) è approdato, esausto e affamato,...
29/07/14 - Fiere
Tutto quasi già pronto per NoFrills, la manifestazione b2b turistica che si...
28/07/14 - Avvenimenti
Giovedì 31 luglio, dalle 17 alle 23, il Galata Museo del Mare di Genova festeggia il suo...
Belluno, Venezia e Chioggia: "Etilometrica" gita veneta
Alla vigilia di una intrigante non meno che lunga trasferta in Messico ed Ecuador, che mi...
Romania, cominciando da Bucarest... (1)
Era tanto che non andavo in Romania, per l’esattezza dai tempi di Ceausescu (in neolatina...
Visita in Italia del Ministro del Turismo della Malesia
Ha scritto James Albert Michener (1907-1997) popolarissimo romanziere e scrittore di viaggio...
Adutei presenta le destinazioni estere
«Non si viaggia per viaggiare ma per aver viaggiato», questo il leit motiv che ci...
Nella Bassa Ferrarese, tra "tajadèl" e corse al trotto
Nella precedente puntata ho spiegato (ricorrendo persino a una Elegia di Tibullo) perché,...
Vacanze estive in Europa, in economia e senza contanti
Le vacanze estive per i cittadini europei, anche nel 2013, saranno all'insegna del risparmio. In...
Il Turismo Ellenico ci prova con i quiz
Sapevate che... La presentazione della neodemiurga del Turismo Greco (pardòn, Ellenico) ha...
Tasse a terra. Tasse in volo. E poi c'è lo Spread. Sapevate...
Sapevate che... “Grazie” all’aumento delle tasse aeroportuali nel 2013 viaggiare...
Repubblica Ceca, City Break e pellegrinaggi
Praga attrae, il resto del paese affascina. Potrebbe essere questo lo slogan per la Repubblica...
Piccoli turisti crescono
Secondo le indagini dell'Istat sono loro le persone che viaggiano di più, i bambini. Ogni...
E-commerce in accelerata
Gli acquisti sul web da siti italiani godono di ottima salute. Le vendite sono tornate a crescere...
LIBRI E GUIDE
Triestini Guida ai migliori difetti e alle peggiori virtù di Lucia Cosmetico e Claudia Mitri, Sonda Edizioni, pagine 128 con inserto fotografico, Euro 11,00.
NUR. La luce nascosta dell'Afghanistan di MoniKa Bulaj, Editore Electa, pagine 256, 163 illustrazioni, Euro 39,00.
TUTTI I DOSSIER
1.1558840274811