Domenica 31 Agosto 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Citt europee
Lione, trionfo dell'urbanistica
La seconda citt della Francia, dopo Parigi, racchiude un concentrato di opere progettate dai pi grandi architetti degli ultimi due secoli: Garnier, Soufflot, Chenavard, Pollet, fino a Buren, Drevet a Piano e Calatrava. E alle grandi firme dell'architettura affianca anche il primato di cuochi pluristellati
di Elena Luraghi

La Halle Tony Garnier, da ex mattatoio a spazio espositivo dalle linee indedite

Immaginate i più grandi architetti degli ultimi due secoli seduti allo stesso tavolo per progettare un palazzo, un quartiere, una fontana, un teatro. Nonostante le differenze stilistiche (e temporali) noterete immediatamente che le loro opere hanno tutte un comune denominatore. Infatti sono opere pensate per Lione, la seconda città francese dopo Parigi, punto di riferimento in fatto di astronomia, cinema, e adesso anche architettura. Ma procediamo con ordine. Il primo, grande progettista a sedersi al tavolo immaginario di questa “petite” capitale di un milione e duecentomila abitanti bagnata da due fiumi, il Rhône e la Saône, circondata da colline e con un centro storico dichiarato dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, è stato Tony Garnier.

Un urbanista straordinario, che dopo aver frequentato la Scuola delle Belle Arti di Lione, nel 1889 va a studiare a Parigi, poi si trasferisce negli Stati Uniti e con le sue teorie sulla città industriale, rivoluziona il concetto moderno di urbanizzazione. Tornato nella sua città natale realizza diverse opere, tra le quali la Halle Tony Garnier, l’ex mattatoio, oggi trasformato in sede di mostre e spettacoli.

Geni dell'architettura all'opera
L'Opra nazionale restaurata da Jean Nouvel

Mentre Garnier disegnava la nuova Lione, altri tre architetti, Soufflot, Chenavard e Pollet, avevano già progettato e rielaborato l’edificio-simbolo della città: l’Opéra nazionale. Un secolo dopo, esattamente nel 1980, Jean Nouvel viene incaricato di seguirne il restauro. Il progettista francese più famoso nel mondo ci pensa su, poi decide: lascerà intatti i muri esterni e trasformerà solo il cuore del teatro e la copertura. Il risultato è un guscio neoclassico sul quale brilla una cupola in vetro pulsante di luce rossa, come un grande cuore. Poco distante, anche place des Terraux è stata sottoposta a un lifting stilistico (ad opera di Daniel Buren e Christien Drevet): adesso ha sessantanove geyser che spruzzano acqua con colori differenti a seconda dell’ora del giorno o della notte. Un po’ più in periferia, Renzo Piano ha invece realizzato la Cité internationale - una città nella città - con il Palazzo dei congressi, il Museo d’arte contemporanea, un cinema multisala, hotel, caffè e ristoranti.

Mentre un altro genio della progettazione, lo spagnolo Santiago Calatrava, è l’autore della stazione TGV di St. Exupéry: un “uccello” di vetro, metallo e cemento, che collega l’aeroporto alla città.

Grandi cuochi pluristellati. A Lione
L'inventore della Nouvelle cuisine, Paul Bocuse

Lione "petite" capitale dell’architettura, dunque. Ma la sua vocazione alla grandeur non finisce qui. Negli anni Settanta Paul Bocuse, chef di fama internazionale e lionese doc, ha inventato una moda gastronomica che ha conquistato il mondo: la Nouvelle cuisine. E nelle sale dipinte di rosa del ristorante del suo pupillo, Pierre Orsi, pranzano regolarmente statisti come Clinton, Chirac, l’ex cancelliere tedesco Kohl e l’imperatore del Giappone.

Pierre aveva sedici anni quando è diventato allievo di Bocuse. Oggi ha i capelli bianchi e numerose ricette al suo attivo, dai ravioli di foie gras al carré di agnello ai fiori di timo. Mentre Bocuse, vulcanico fino all’inverosimile, ha aperto quattro brasserie di charme a pochi chilometri di distanza l’una dall’altra: le Nord, per una cucina tradizionale tutta arrosti e legumi; le Sud, con ricette dei Paesi mediterranei e del Nord Africa; l’Est, per gli amanti dell’etnico; e infine l’Ouest, ispirato alla cucina esotica delle Antille Francesi. Mica male per una città che ha trasformato la sua vocazione per l’haute-cuisine in una pioggia di stelle Michelin e che ai piatti della tradizione accompagna - preferibilmente - le migliori etichette di Beaujolais, il celebre vino del territorio.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
La Banda del Talos Festival
Dal 4 al 14 settembre
ChamoiSic 2014
Dall'8 al 10 agosto 2014
Offerte di viaggio
Calabria: mare e relax in famiglia
Grantour della Turchia
Crociera nel Mediterraneo Occidentale
NOTIZIE
29/08/14 - Arte
Fino al 21 settembre si può visitare la mostra “Simboli vivi”. L'esposizione...
29/08/14 - Turismo
Si rinnova l'appuntamento con il TTT – Tourism Think Tank dal 30 settembre al 1 ottobre 2014...
29/08/14 - Mestieri vecchi e nuovi
Quello del casaro è uno dei mestieri più antichi, che per essere svolto oggi...
29/08/14 - Trasporti
Interessante l’indagine di flightright.it, un portale online dedicato ai passeggeri del...
29/08/14 - Enogastronomia
Friuli DOC, la fiera enogastronomica regionale del Friuli Venezia Giulia, torna a Udine...
Valli di Comacchio, create dal Po e dal mare
È una piacevole sorpresa ritrovarsi in un ambiente così diverso. Diverso dalle vicine...
Toscana: ecoturismo in Val di Cecina
Tra le meravigliose colline toscane, nella Val di Cecina, si trova Pomarance, un caratteristico...
Bali, l'isola degli Dei
È paradossale che il terrorismo sia arrivato a colpire uno dei popoli più miti del mondo. Dove,...
Le isole delle Orche
Aringhe. Tutto dipende da loro. E tutto comincia con il loro arrivo, nei fiordi frastagliati di...
Carinzia, "Terra dell'acqua"
Dopo tanti anni in giro per l'Europa, l'Austria è un luogo che conosco bene e dove vado...
La Rocca Borromeo di Angera
"Niente al mondo può essere paragonato al fascino di queste giornate ardenti d'estate...
Dalla Grande Baia al fascinoso Bush
  Lo spazio è vita. E in nessun luogo della terra, fatta eccezione forse per il solo...
I Romani di Liqian
  Nel profondo del deserto del Gobi (parola mongola che significa “il nulla”),...
Roma caput Galliae
Sorpresa: nella "grandeur" francese, almeno per ciò che riguarda il turismo, c'è anche un bel po'...
Anima India a Barra Velha
Zaino in spalla, il mio compagno di viaggio ed io camminiamo in silenzio, affondando i piedi nudi...
Un viaggio, mille viaggi
Si intitola "Dalla terra alla luna: metafore di viaggio" (Castello di Rivoli, fino al 26 agosto) e...
LIBRI E GUIDE
Il bambino scambiato di Kenzaburo Oe, Garzanti, pagine 448, Euro 24.00.
Triestini Guida ai migliori difetti e alle peggiori virtù di Lucia Cosmetico e Claudia Mitri, Sonda Edizioni, pagine 128 con inserto fotografico, Euro 11,00.
TUTTI I DOSSIER
1.0695459842682