Sabato 1 Novembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Citt europee
Lione, trionfo dell'urbanistica
La seconda citt della Francia, dopo Parigi, racchiude un concentrato di opere progettate dai pi grandi architetti degli ultimi due secoli: Garnier, Soufflot, Chenavard, Pollet, fino a Buren, Drevet a Piano e Calatrava. E alle grandi firme dell'architettura affianca anche il primato di cuochi pluristellati
di Elena Luraghi

La Halle Tony Garnier, da ex mattatoio a spazio espositivo dalle linee indedite

Immaginate i più grandi architetti degli ultimi due secoli seduti allo stesso tavolo per progettare un palazzo, un quartiere, una fontana, un teatro. Nonostante le differenze stilistiche (e temporali) noterete immediatamente che le loro opere hanno tutte un comune denominatore. Infatti sono opere pensate per Lione, la seconda città francese dopo Parigi, punto di riferimento in fatto di astronomia, cinema, e adesso anche architettura. Ma procediamo con ordine. Il primo, grande progettista a sedersi al tavolo immaginario di questa “petite” capitale di un milione e duecentomila abitanti bagnata da due fiumi, il Rhône e la Saône, circondata da colline e con un centro storico dichiarato dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, è stato Tony Garnier.

Un urbanista straordinario, che dopo aver frequentato la Scuola delle Belle Arti di Lione, nel 1889 va a studiare a Parigi, poi si trasferisce negli Stati Uniti e con le sue teorie sulla città industriale, rivoluziona il concetto moderno di urbanizzazione. Tornato nella sua città natale realizza diverse opere, tra le quali la Halle Tony Garnier, l’ex mattatoio, oggi trasformato in sede di mostre e spettacoli.

Geni dell'architettura all'opera
L'Opra nazionale restaurata da Jean Nouvel

Mentre Garnier disegnava la nuova Lione, altri tre architetti, Soufflot, Chenavard e Pollet, avevano già progettato e rielaborato l’edificio-simbolo della città: l’Opéra nazionale. Un secolo dopo, esattamente nel 1980, Jean Nouvel viene incaricato di seguirne il restauro. Il progettista francese più famoso nel mondo ci pensa su, poi decide: lascerà intatti i muri esterni e trasformerà solo il cuore del teatro e la copertura. Il risultato è un guscio neoclassico sul quale brilla una cupola in vetro pulsante di luce rossa, come un grande cuore. Poco distante, anche place des Terraux è stata sottoposta a un lifting stilistico (ad opera di Daniel Buren e Christien Drevet): adesso ha sessantanove geyser che spruzzano acqua con colori differenti a seconda dell’ora del giorno o della notte. Un po’ più in periferia, Renzo Piano ha invece realizzato la Cité internationale - una città nella città - con il Palazzo dei congressi, il Museo d’arte contemporanea, un cinema multisala, hotel, caffè e ristoranti.

Mentre un altro genio della progettazione, lo spagnolo Santiago Calatrava, è l’autore della stazione TGV di St. Exupéry: un “uccello” di vetro, metallo e cemento, che collega l’aeroporto alla città.

Grandi cuochi pluristellati. A Lione
L'inventore della Nouvelle cuisine, Paul Bocuse

Lione "petite" capitale dell’architettura, dunque. Ma la sua vocazione alla grandeur non finisce qui. Negli anni Settanta Paul Bocuse, chef di fama internazionale e lionese doc, ha inventato una moda gastronomica che ha conquistato il mondo: la Nouvelle cuisine. E nelle sale dipinte di rosa del ristorante del suo pupillo, Pierre Orsi, pranzano regolarmente statisti come Clinton, Chirac, l’ex cancelliere tedesco Kohl e l’imperatore del Giappone.

Pierre aveva sedici anni quando è diventato allievo di Bocuse. Oggi ha i capelli bianchi e numerose ricette al suo attivo, dai ravioli di foie gras al carré di agnello ai fiori di timo. Mentre Bocuse, vulcanico fino all’inverosimile, ha aperto quattro brasserie di charme a pochi chilometri di distanza l’una dall’altra: le Nord, per una cucina tradizionale tutta arrosti e legumi; le Sud, con ricette dei Paesi mediterranei e del Nord Africa; l’Est, per gli amanti dell’etnico; e infine l’Ouest, ispirato alla cucina esotica delle Antille Francesi. Mica male per una città che ha trasformato la sua vocazione per l’haute-cuisine in una pioggia di stelle Michelin e che ai piatti della tradizione accompagna - preferibilmente - le migliori etichette di Beaujolais, il celebre vino del territorio.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Sport & Spa tra le Dolomiti
Dal 7 settembre al 3 novembre 2014
Adolphe Sax in mostra
Dall'8 febbraio 2014 all'11 gennaio 2015
Offerte di viaggio
Grantour della Turchia
Ultimo dell'anno in Baviera
Capodanno in Slovenia tra terme e cultura
NOTIZIE
31/10/14 - Mercati
Sono aperte le iscrizioni per l’edizione 2014 del BizTravel Forum, l’evento di...
31/10/14 - Voli
Dal 15 dicembre Alitalia inaugurerà i nuovi voli giornalieri per Berlino e Dusseldorf in...
31/10/14 - Montagna
Il Consorzio Turistico Dolomiti Stars potenzia il servizio di transfer Dolomiti Ski Shuttle...
31/10/14 - Tour operator
In concomitanza con il lancio della programmazione invernale, che comprende i cataloghi...
31/10/14 - Cultura
“Questa mattina è stata riconsegnata a Pompei un’antefissa in terracotta di fine...
San Andrès e Providencia, isole Caraibiche
Atterro a San Andrès, isola caraibica che appartiene alla Colombia, solo perché la...
Kenya, l'ultima Africa a Kitich Camp
Mathews Range? Un punto interrogativo e facce perplesse sono le risposte alle domande su dove sia...
Ucraina, il bello dell' "arancio"
Questo viaggio è davvero strano. E' come entrare in un mondo sconosciuto di cui si sa davvero poco....
Backwater, dove l'acqua ricama la terra
  Come precisato, le principali attrazioni/appeals del Kerala sono la medicina Ayurvedica, le...
Penisola di Valdes, la natura a portata di mano
Un viaggio lungo diciassette ore, che da Buenos Aires ci porta verso sud, in Patagonia, è il...
Dal Kings Canyon ad Alice Spring
È la zona che gli australiani definiscono “Outback Desert Experience”. Ma...
La Via Alta, da Vercelli ad Arles
Grande itinerario culturale europeo, come dichiarato dal Consiglio d’Europa, la Via Alta, si...
Blu di Pastel, colore di Francia
I campi di colza gialli sono simili a pagine di un libro squinternato che il vento ha gettato qua e...
Stoccolma e l'arcipelago infinito
Arrivando a Stoccolma in aereo, poco prima dell'atterraggio si passa sopra una grande insenatura,...
Un Palazzo "deluxe" nella città di Romeo e Giulietta
  A tre anni dalla nascita de “Il Salviatino”, palazzo storico del quindicesimo...
Giordania Verde. Mare, rocce e deserti del sud
Il Regno di Giordania non è molto esteso. Le zone più densamente popolate si trovano...
LIBRI E GUIDE
I grandi miti della psicologia popolare di Lilienfeld S.O., Lynn S.J., Ruscio J., Beyerstein B.L., Raffaello Cortina Editore, pagine 392, Euro 26,00.
Io sono un mito di Francesca Bonazzoli, Michele Robecchi, Electa, pagine 144, illustrazioni 175, Euro 19,90.
TUTTI I DOSSIER
1.1386210918427