Giovedì 18 Dicembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Bere e mangiare
L'oro bianco di Valencia
La terza citt di Spagna stabilmente diventata una destinazione turistica di prim'ordine, forse anche grazie alla squisitezza del suo prodotto pi tipico...
di Graziano Capponago del Monte

La Plaza de la Virgen con la Basilica de la Virgen de los Desamparados e il retro della Cattedrale

Sull’aereo che mi riportava in Italia pensavo a quale motivazione dare per un viaggio a Valencia. Le spiagge sabbiose? Belle, ampie, pulite e a portata di mano, ma ci sono tanti posti simili nel mondo… Il centro storico ottimamente conservato? In Italia abbiamo centinaia di città antiche… La parte moderna con le architetture ardite come il Museo delle Scienze, l’Oceanografic e il porto della Coppa America? Opere di Calatrava (che tra l'altro è valenciano) ce ne sono dappertutto e vedere i docks con i nomi delle squadre, se non sei un appassionato di vela, in fin dei conti non è niente di particolare…

Per mettere KO la sete
L'interno dell'antica Horchateria Santa Catalina. Due secoli di tradizione

Insomma pur avendo apprezzato enormemente Valencia come città in sé e per le sue potenzialità turistiche non riuscivo a trovare un qualcosa che fosse “unico” quando improvvisamente ho avuto l’ispirazione: l'orxata e la xufa! Quando il sole picchia sulla testa (e da quelle parti della Spagna succede spesso) e la sete si fa sentire, l’orxata (si pronuncia “orciata”) è un toccasana. È una bevanda che somiglia vagamente al latte di mandorle, ricavata per macerazione di un tubero ricavato dalla xufa (si pronuncia “ciufa”), nome latino Cyperus Esculentus e in italiano zigolo dolce. Si serve freddissima o come granita bevuta da sola o accompagnata dai fartons specie di biscotti a forma di sigaro. I valenciani sono orgogliosissimi e gelosissimi della loro “bevanda nazionale”, infatti la xufa si produce solo nella Generalitat Valenciana, in particolare vicino al capoluogo ed è un prodotto che ha ottenuto la DOP della Comunità Europea. L’orxata è un prodotto fondamentalmente artigianale, le numerose orxaterias disseminate in tutta la città, alcune delle quali addirittura secolari, la producono quotidianamente perché non si può conservare per più di due-tre giorni. In giro si trova anche una produzione industriale ma è soprattutto a base di latte vaccino per poterla pastorizzare e commercializzare e non ha niente a che vedere con la bontà della vera orxata.

Locali storici per una ricetta antica
El Collado un ambiente "ruspante" nel cuore della parte antica di Valencia

Insomma, una delizia! Di solito una bevanda molto fredda con una base di zucchero dona un refrigerio e un sollievo immediato per lasciare poi più assetati di prima. Con l’orxata non è così. Portato da Beatriz, la mia guida per Valencia ci siamo seduti comodamente a un tavolino de El Collado, un’antica orxateria nel cuore della città vecchia ma un filino defilato dai flussi turistici. Non era la prima orxata che bevevo ma lì, in quel locale semplicissimo, per non dire modesto, negli arredamenti, frequentato dai locali me la sono assaporata con particolare attenzione e piacere dopo una mattinata di intenso girare. Il gusto ricorda la mandorla e la noce e la consistenza è leggermente densa. Si beve lentamente sorseggiando con una cannuccia preferibilmente in compagnia per lasciare il tempo, tra una chiacchiera e l’altra, che il potassio e le vitamine E e C contenute nella bevanda facciano il loro effetto rinfrancante.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Il luogo più bello del mondo
Valido solo il 25 Gennaio 2015
Sorsi di Musica - Concerti Villa Bardini
Valido da novembre 2014 a Febbraio 2015
Offerte di viaggio
Matrimonio da sogno alle Maldive
Benessere ad alta quota
Tour di Capodanno in Cilento
Ricette dal Mondo
A cento metri dalla riva
NOTIZIE
18/12/14 - Concerti
L’Harlem Gospel Choir, chiamato calorosamente dai fan “Gente di Dio che viene da...
18/12/14 - Cinema
Cinecittà ha compiuto settantasette anni. Vi sono stati girati circa quattromila film, di...
18/12/14 - Gastronomia
“Si può fare un cenone o un pranzo di Natale low cost,  risparmiando senza...
18/12/14 - Festival
A St. Croix, nelle Antille, per un mese intero si celebrerà il CRUCIAN CHRISTMAS FESTIVAL....
18/12/14 - Cataloghi
Il nuovo catalogo Gastaldi1860 sull’Africa del Sud valido fino a dicembre 2015 propone idee...
Il pasto del pellegrino, quando il chilometro zero era la...
Qualche sera fa Chef Boris è stato invitato ad assaggiare un menu particolare: il Menu del...
Note e sapori in Valle di Cembra
Si chiama "Adagio con Gusto" l’appuntamento enogastronomico che aprirà l'estate...
Investigatori buongustai
Invito a cena con delitto è in programma sabato 23 ottobre dalle 20.15 al Castello dei Rossi...
Frutti di mare, stufati, birra stout. I sapori d'Irlanda
Lo scorso fine settimana Chef Boris è stato trascinato in una strana avventura a Dublino....
Da Genova a Milano, il "trionfo" della carne
A due passi dal Naviglio Grande a Milano ha aperto una macelleria, con tavoli. Entri e fronteggi...
A piedi sulle tracce di Artusi
  Il centenario della morte di Pellegrino Artusi, che cade il 30 marzo, verrà celebrato...
Il sapore dell'Est
  Questa settimana aria di casa! Con qualche variante il Borsch è la minestra tipica...
O mia bèla polpetina...
  Tanto tempo fa, un amico milanese invitò Chef Boris a una strana esperienza...
Italia golosa: Panettone Doc e dintorni
"Non mangerà il panettone". No, non è il consiglio di un nutrizionista, né il profetico annuncio di...
Turismo: la Lombardia fa da sé
Può piacere o meno, si possono approvare le sue posizioni o rifiutarle ma di certo Pier Gianni...
Nel trevigiano, la "Bengodi" del formaggio
Mangiare in bottega è la nuova formula proposta dalla Latteria Perenzin a Bagnolo di San...
LIBRI E GUIDE
Cosa vuoi fare da grande di Ivan Baio e Angelo Orlando Meloni, Del Vecchio Editore, pagine 184, Euro 12,00.
In Viaggio di Laura Gemini, FrancoAngeli, pagine 176, Euro 21,00.
TUTTI I DOSSIER
1.1465790271759