Universo Sandokan
Dai celeberrimi romanzi di Salgari, un mondo oggi reale che in Italia era già conosciuto attraverso le fantastiche descrizioni dello scrittore veronese. Ma i riscontri con la realtà non sono pochi
di Anna Folli

La copertina di uno dei noti romanzi di Salgari
"Al di fuori l’uragano e qua io! Qual è il più tremendo?"
E’ così che si presenta Sandokan, nel primo degli undici libri del ciclo sui "Pirati della Malesia". Tra i tanti personaggi creati da Emilio Salgari, il principe spodestato dal trono dei suoi avi dal diabolico James Brooke, divenuto poi feroce pirata, è certamente l’eroe più amato.
Per un intero secolo e per molte migliaia di ragazzi, Sandokan è stato un simbolo. Ha rappresentato la forza e il coraggio, la capacità di opporsi all'ingiustizia per far trionfare la libertà. Dal suo inespugnabile rifugio nella piccola isola di Mompracem, Sandokan infestava con i suoi "tigrotti" le acque del Borneo.
E intorno a questo personaggio, Salgari ha creato tutto un mondo dove protagonisti sono pirati e tagliatori di teste, principi, raja bianchi e delicate fanciulle inglesi. E’ quindi anche a causa sua che in occidente il Borneo è da sempre considerato la terra degli uomini d’avventura, di bucanieri senza scrupoli e di selvaggi feroci.
Salgari, un sedentario
Emilio Salgari
In realtà Emilio Salgari il Borneo non l’aveva mai visto. Nato a Verona nel 1862 da una famiglia di modesti commercianti, non si era mai allontanato dall’Italia (la sua unica esperienza come "uomo di mare" si era risolta in un viaggio sul mercantile "Italia Una" che per tre mesi aveva navigato nell'Adriatico). Ma con la sua smisurata fantasia e con un attento lavoro di documentazione, Salgari ha saputo miscelare abilmente avvenimenti storici e brillanti invenzioni letterarie. Alla fine, quelle avventure che aveva soltanto immaginato, sono divenute parte integrante della sua vita. Persino la sua morte sanguinosa, una sorta di suicidio rituale con un pugnale simile a quello usato dai protagonisti dei suoi romanzi, è stato l’ultimo tributo a quel mondo immaginario che lui stesso aveva creato e alimentato.
Nei luoghi delle "fantasie" raccontate
Ancora oggi, soprattutto per chi da ragazzo si è nutrito della lettura dei romanzi di Salgari, un viaggio nel Borneo può diventare un’immersione in quell’universo primordiale creato dallo scrittore. D’altra parte, lo sforzo d’immaginazione richiesto al turista che cammina nella giungla o naviga tra le isole dei piccoli arcipelaghi della Malesia orientale, non è certo eccessivo: il Borneo, infatti, è tuttora una delle aree meno contaminate dell’intero sud est asiatico e specie nelle zone più interne ed isolate, non è cambiato granché rispetto ai tempi in cui i pirati infestavano le sue coste.
Se dunque non esiste nella realtà una vera Mompracem (ma sono decine le piccole isole che potrebbero fare da sfondo alle avventure immaginate da Salgari) sono molti i luoghi da visitare in un viaggio immaginario sulle tracce di Sandokan.
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 3 - 4 - 
Week-end e tempo libero
Sci e divertimento per tutti
Valido fino al 21 aprile 2014
Falo' e canti per la primavera
Dal 30 aprile al primo maggio 2014
Offerte di viaggio
Trekking, balene e citta' in Canada
Self drive in moto lungo la Route 66
Gran Tour del Peru'
NOTIZIE
20/04/14 - Natura
Sempre di più in Italia si sta riscoprendo un turismo "bucolico", dove il contatto con la...
20/04/14 - Cinema
Dal 28 al 31 maggio prossimi Cortina d’Ampezzo (BL) ospita il Festival internazionale Ciak...
18/04/14 - Trasporti
Le partenze per le vacanze pasquali sono già iniziate e dalle grandi città...
19/04/14 - Consumi
I ristoratori italiani restano ancora in attesa della ripresa dei consumi che non si...
18/04/14 - Curiosità
"Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi". Il detto popolare sembra non riguardare gli operatori...
I monti in mezzo al mare
Amuleti. In argento, lavorati a cera persa, a filigrana, a traforo, a sbalzo, in pasta vitrea, di...
A Genova, quest'anno, la "cultura" è di casa
La Superba è, fra le città italiane, quella che riceverà nel corso di quest'anno un considerevole...
L'alfabeto delle Olimpiadi torinesi - 2
NNoi 2006 - I volontari. Bello, lo slancio della città metropolitana nel dare una mano. La...
Mar Rosso, la magia di un deserto senza fine
"Marsa Alam rappresenta la realizzazione di un sogno", sostiene Luigi Colombo, Presidente di...
Genova 2004: un Porto per l'Europa
Il porto di Genova è in piena rimonta, cresce, si espande e punta a diventare la porta sud...
Yucatàn sconosciuto
C'è chi dice che a sud di Tulum non c'è nulla. Ma non è così. Lì termina il Corredor Turistico, che...
Il "mio" Camino Gallego
"Più il pellegrino si avvicinava al santuario, più affidabili diventavano le indicazioni relative...
Kuala Lumpur, a "contatto" di giungla
Al mattino nella giungla, alla sera all'Opera. Se c'è una sintesi turistica che può colpire...
Ars Olympica
Vedranno, i visitatori, "spiritelli viola" volare sul Monte dei Cappuccini (‘Piccoli spiriti blu',...
Santo Domingo, l'antica Hispaniola
Oltre cinquecento anni fa, Colombo definì l'attuale isola di Santo Domingo "la più bella che ho mai...
Due ruote di libertà
Esercizio fisico abbinato a una scoperta del territorio lenta, graduale senza consumare una goccia...
LIBRI E GUIDE
In cucina con I Promessi Sposi di Patrizia Rossetti, Pietro Macchione Editore, pagine 175, Euro 20,00.
Mongolia in viaggio di Irene Cabiati, Alpine Studio editore, pagine 246, euro 13,00. con fotografie a colori e in bianco e nero.
TUTTI I DOSSIER
2.3209271430969