Sabato 1 Novembre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Modellismo
Signori, in carrozza!
In Alto Adige stato costruito il plastico ferroviario pi grande d'Italia. Un capolavoro di tecnologia ferromodellistica dove corrono i trenini di una grande collezione
di Graziano Capponago del Monte

Treno in viaggio in mezzamontagna

Dieci persone al lavoro giorno e notte per un anno per progettare e costruire un plastico ferroviario di 130 metri quadrati. Un antico fienile, patrimonio storico, ristrutturato e adeguato a sede espositiva, un investimento di quasi due milioni e mezzo di euro ricavati da sponsor privati e pubblici, come la Giunta Provinciale di Bolzano.

Questi sono solo alcuni dati di "Mondotreno" aperto il 30 giugno a Rablà nell'altoatesina Val Venosta che, con oltre 20.000 pezzi tra locomotive e vagoni è la più grande installazione di ferrovie in miniatura in Italia.

Mondotreno nasce da una delle maggiori collezioni private di ferrovie in miniatura d'Europa che il proprietario, Gunther Steitz, collezionista e medico tedesco, ha regalato all'Associazione Amici della Ferrovia in Miniatura, costituita per l'occasione, per renderla permanentemente accessibile al pubblico. Si tratta di un “regalo” impegnativo visto che la collezione, tutti pezzi originali in scala HO (la scala più comune dei trenini) delle case più importanti del calibro di Märklin, Roco o Rivarossi è valutata sul milione e mezzo di euro.

Modelli in azione
Il Northlander del Canada

L'idea di base di Mondotreno è di fare correre i modelli. Ci sono anche alcune vetrine espositive dove sono mostrati i pezzi di maggior pregio, o per il “valore storico” del convoglio, come per esempio il treno del re Ludovico II di Baviera, o per il valore collezionistico come il “Northlander”, il TEE canadese, prodotto dalla Märklin negli anni 70 in tiratura limitata di 5.000 pezzi.

Questo modello è uno dei pezzi da collezionista più pregiati e allo stesso momento più richiesti della casa tedesca.

Sono due i plastici esposti, entrambi sono in scala 1:87 comandati digitalmente, cioè c'è un computer che li manovra, più o meno come avviene per i treni veri. Il primo rappresenta l'Alto Adige in miniatura lungo il percorso ferroviario, da Terme di Brennero a Malles. Con i suoi 62 metri di lunghezza per 130 metri quadrati di superficie, 400 metri lineari di binari e 40 treni in movimento, questo plastico ha richiesto 20.000 ore di lavoro ed è il più grande scenario panoramico dell'Alto Adige in miniatura esistente al mondo. Vi sono i numerosi castelli e le fortezze, ma anche dettagli di vita quotidiana. A intervalli regolari il sole tramonta in sala e si accendono tante piccole luci e magici effetti speciali che creano un'atmosfera davvero unica.

Cura per il dettaglio
La ricostruzione di un incidente sulla statale

Il secondo, “Mezzamontagna”, rappresenta un paesaggio di fantasia. Si sviluppa su quattro livelli, dal fondovalle fino all'alta montagna. Sono 30 metri quadrati con 400 metri lineari di binario, 30 treni in movimento e oltre 500 figure all'interno degli scenari che ha richiesto oltre 5.000 ore di lavoro. I percorsi dei vari treni si snodano in uno spazio ristretto, attraversando diverse epoche storiche con un'enorme cura dei dettagli e un' incredibile varietà di paesaggi. Inoltre, per i bimbi, più o meno cresciuti c'è la possibilità di toccare e fare da soli, e addirittura condurre un treno. (2/7/09)

 

Per saperne di più:

www.eisenbahnwelt.it

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Relax e costiera amalfitana
Dall'1 aprile al 31 ottobre 2014
Tra rose, storie e leggenda
Da Aprile a Novembre (chiuso Luglio e Agosto)
Offerte di viaggio
Capodanno in Slovenia tra terme e cultura
L'isola del cioccolato
Crociera ai Caraibi sulla Norwegian Getaway
NOTIZIE
31/10/14 - Mercati
Sono aperte le iscrizioni per l’edizione 2014 del BizTravel Forum, l’evento di...
31/10/14 - Voli
Dal 15 dicembre Alitalia inaugurerà i nuovi voli giornalieri per Berlino e Dusseldorf in...
31/10/14 - Montagna
Il Consorzio Turistico Dolomiti Stars potenzia il servizio di transfer Dolomiti Ski Shuttle...
31/10/14 - Tour operator
In concomitanza con il lancio della programmazione invernale, che comprende i cataloghi...
31/10/14 - Cultura
“Questa mattina è stata riconsegnata a Pompei un’antefissa in terracotta di fine...
Antichi mestieri del vino e dell'olio
Forse sorriderebbero i contadini e i vignaioli di un tempo a vedere come oggi i "vecchi" mestieri...
Asilo Bianco d'artista ad Ameno
  Siamo ad Ameno in provincia di Novara, nomen omen perché il paesino è davvero...
La Brianza creativa di Gatto Panceri
“Sto tornando a casa, in Brianza”. Quando risponde al cellulare, per l’ennesima...
Gavardo dove si trova il popolo dei laghi
  Gavardo è un comune bresciano, sito nell’immediato o quasi entroterra del lago...
La Francia della Cultura
Il dipartimento "Turismo e Cultura" di Atout France, l'Ente per lo Sviluppo del Turismo...
I mosaici di Ravenna volano in Finlandia
La collezione delle copie dei mosaici antichi di Ravenna, di proprietà del Comune di...
Candelo accende il Medioevo
L'investitura di un cavaliere, la condanna alla gogna di un malfattore colto in flagrante, il...
La passione per la musica fa tappa a Tokyo
Sarà Tokyo, città icona e luogo d’ispirazione nota per l’innovazione...
Jaisalmer, fratelli e sorelle in festa
Incontro Mr. Jackie per caso: un bagaglio sporco di benzina, vestiti da buttare, la ricerca di...
Torna a splendere la Pietà di Giovanni Bellini
La Pinacoteca nazionale di Brera a Milano presenta il restauro della Pietà di Giovanni...
In autunno allena la tua mente (con l'arte)
Quando arriva l’autunno si riducono le attività. Fisiche e celebrali. Sbagliato....
LIBRI E GUIDE
Càneve e spelònce a cura di Marco Rech, Serena Turrin, edito da DBS Zanetti, pagine 190, Euro 10,00.
Mamma, papà: devo dirvi una cosa di Giovanni e Paola Dall'Orto, Sonda edizioni, pagine 200, Euro 14,00.
TUTTI I DOSSIER
1.1426239013672