Modellismo
Signori, in carrozza!
In Alto Adige è stato costruito il plastico ferroviario più grande d'Italia. Un capolavoro di tecnologia ferromodellistica dove corrono i trenini di una grande collezione
di Graziano Capponago del Monte

Treno in viaggio in mezzamontagna

Dieci persone al lavoro giorno e notte per un anno per progettare e costruire un plastico ferroviario di 130 metri quadrati. Un antico fienile, patrimonio storico, ristrutturato e adeguato a sede espositiva, un investimento di quasi due milioni e mezzo di euro ricavati da sponsor privati e pubblici, come la Giunta Provinciale di Bolzano.

Questi sono solo alcuni dati di "Mondotreno" aperto il 30 giugno a Rablà nell'altoatesina Val Venosta che, con oltre 20.000 pezzi tra locomotive e vagoni è la più grande installazione di ferrovie in miniatura in Italia.

Mondotreno nasce da una delle maggiori collezioni private di ferrovie in miniatura d'Europa che il proprietario, Gunther Steitz, collezionista e medico tedesco, ha regalato all'Associazione Amici della Ferrovia in Miniatura, costituita per l'occasione, per renderla permanentemente accessibile al pubblico. Si tratta di un “regalo” impegnativo visto che la collezione, tutti pezzi originali in scala HO (la scala più comune dei trenini) delle case più importanti del calibro di Märklin, Roco o Rivarossi è valutata sul milione e mezzo di euro.

Modelli in azione
Il Northlander del Canada

L'idea di base di Mondotreno è di fare correre i modelli. Ci sono anche alcune vetrine espositive dove sono mostrati i pezzi di maggior pregio, o per il “valore storico” del convoglio, come per esempio il treno del re Ludovico II di Baviera, o per il valore collezionistico come il “Northlander”, il TEE canadese, prodotto dalla Märklin negli anni 70 in tiratura limitata di 5.000 pezzi.

Questo modello è uno dei pezzi da collezionista più pregiati e allo stesso momento più richiesti della casa tedesca.

Sono due i plastici esposti, entrambi sono in scala 1:87 comandati digitalmente, cioè c'è un computer che li manovra, più o meno come avviene per i treni veri. Il primo rappresenta l'Alto Adige in miniatura lungo il percorso ferroviario, da Terme di Brennero a Malles. Con i suoi 62 metri di lunghezza per 130 metri quadrati di superficie, 400 metri lineari di binari e 40 treni in movimento, questo plastico ha richiesto 20.000 ore di lavoro ed è il più grande scenario panoramico dell'Alto Adige in miniatura esistente al mondo. Vi sono i numerosi castelli e le fortezze, ma anche dettagli di vita quotidiana. A intervalli regolari il sole tramonta in sala e si accendono tante piccole luci e magici effetti speciali che creano un'atmosfera davvero unica.

Cura per il dettaglio
La ricostruzione di un incidente sulla statale

Il secondo, “Mezzamontagna”, rappresenta un paesaggio di fantasia. Si sviluppa su quattro livelli, dal fondovalle fino all'alta montagna. Sono 30 metri quadrati con 400 metri lineari di binario, 30 treni in movimento e oltre 500 figure all'interno degli scenari che ha richiesto oltre 5.000 ore di lavoro. I percorsi dei vari treni si snodano in uno spazio ristretto, attraversando diverse epoche storiche con un'enorme cura dei dettagli e un' incredibile varietà di paesaggi. Inoltre, per i bimbi, più o meno cresciuti c'è la possibilità di toccare e fare da soli, e addirittura condurre un treno. (2/7/09)

 

Per saperne di più:

www.eisenbahnwelt.it

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 
Week-end e tempo libero
Luciano Fabro in mostra
Dal 15 febbraio al 4 maggio 2014
Universi Diversi: Sacrearmonie
Dal 29 marzo al 30 maggio 2014
Offerte di viaggio
Crociera alle Bahamas
Minitour storico e archeologico in Israele
In tour nel nord del Madagascar
NOTIZIE
20/04/14 - Natura
Sempre di più in Italia si sta riscoprendo un turismo "bucolico", dove il contatto con la...
20/04/14 - Cinema
Dal 28 al 31 maggio prossimi Cortina d’Ampezzo (BL) ospita il Festival internazionale Ciak...
18/04/14 - Trasporti
Le partenze per le vacanze pasquali sono già iniziate e dalle grandi città...
19/04/14 - Consumi
I ristoratori italiani restano ancora in attesa della ripresa dei consumi che non si...
18/04/14 - Curiosità
"Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi". Il detto popolare sembra non riguardare gli operatori...
"Pelle di Donna": la bellezza si mette in mostra
  Week-end al museo con esame gratuito della pelle. Succede alla Triennale di Milano dove fino...
Düsseldorf a tutta musica
Fine mese musicale a Düsseldorf in Germania. Si inizia con il Festival dedicato al compositore...
Copenaghen: castelli e "affari" reali
  È appena giunto sugli schermi italiani il film danese pluripremiato “A Royal...
Vicenza, visita a Villa Pojana
Nuova vita per Villa Pojana, l'edificio progettato intorno al 1550 da Andrea Palladio nelle...
Il museo è digitale
Adobe Museum digital media apre mercoledì 6 ottobre. L'inaugurazione, però,...
La notte è magica a Carpeneto
Il piccolo borgo dell'Alto Monferrato è noto non solo per i suoi vini ma anche per la sua...
Ricami di luce in Salento
Un rito in cui sacro e profano vanno a braccetto. Accade molto spesso nelle feste popolari che...
Babbo Natale è di casa al Castello di Govone
  Govone ospita fino al 7 gennaio il Magico Paese di Natale. Il paese sulle colline che fanno...
Castellani per una notte
  Castellani per una notte (o più notti, se si vuole)... impossibile, dicono in molti,...
Contadini in slitta
Il 12 febbraio i contadini dell'Alta Badia tornano a radunarsi per la "slittada da paur". La gita...
Londra sulle corde di un violino
  Ogni anno 30milioni di persone visitano Londra. Tra loro c’è anche il...
LIBRI E GUIDE
Le armi e gli amoridi Patrizia CarranoRizzoli Editore, 2003Euro 16,00
Il Marinaio goloso di Massimo Caimmi, Magenes editore, pagine 240, Euro 19,50.
TUTTI I DOSSIER
2.2318141460419