Mercoledì 23 Luglio 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Taman Negara, magico mondo verde
Esiste ancora il paradiso terrestre, popolato da uninfinit di animali e ricoperto da una vegetazione antica e lussureggiante? Si, ed lorgoglio della Malaysia
di Laura Mulassano

Entrare in tutta tranquillit, semi sdraiati su comode canoe a motore, in una foresta primaria che conta 130 milioni di anni unesperienza davvero singolare. Le piante che letteralmente incombono sul fiume, formando due muraglie verdi lungo le rive e creando improvvise zone dombra, sono scampate allEra Glaciale che diecimila anni orsono vedeva la terra ricoperta di calotte di ghiaccio.
Oggi la "rain forest" (foresta pluviale) malese rappresenta - unitamente alla foresta congolese e allAmazzonia - una delle tre sole sopravvissute a infinite e devastanti mutazioni climatiche.
Nato con gli inglesi, cresciuto con i malesi
Il Monte Gunung Tahan
Taman Negara significa in lingua malay Parco Nazionale. Il Taman Negara - fino allindipendenza della Malesia dedicato al re Giorgio V dInghilterra - nato come parco nel 1938 e occupa parte degli Stati Federali Malesi del Pahang, del Kelantan e del Terengganu. Nel 1957, alla dichiarazione di indipendenza della Malesia, il Parco King Gorge V divenne ufficialmente Taman Negara.
Il parco copre unarea di 4343 chilometri quadrati, area protetta da ben tre leggi federali ed sotto la tutela del Ministero delle Scienze, della Tecnologia e dellAmbiente. Nel Taman Negara, per lesattezza nellarea di nord ovest, svetta il picco pi alto del Paese, il Gunung Tahan (2187 metri).
Verde, fiori e animali, in perfetta simbiosi
Il varano, una specie particolare di iguana
Ma la vera meraviglia di questa straordinaria foresta sta nella sua natura particolare, che ospita ben quattordicimila specie di piante tropico-equatoriali e non, duecento specie di mammiferi, trecento specie di uccelli, ottanta differenti specie di pipistrelli e trecento variet di topi. In pi, innumerevoli specie di rettili e di pesci, che vivono tra lacqua e il terreno.
La vegetazione della foresta pluviale composta di alberi sempreverdi (dai trenta ai cinquanta metri di altezza), alcuni dei quali sono alberi da frutta (durian, rambutan e altri), di ficus e di felci giganti, i cui tronchi sono ricoperti di altre piante parassite e da una rete incredibile di liane e arbusti di orchidee selvagge. Tra le piante, oltre i 750 metri di altitudine, la foresta si arricchisce di querce, rattan, palme e conifere. A 1500 daltitudine, il verde emerge dalle nuvole.
Tra gli animali che vivono nel Parco - rari ormai da vedere, a causa degli insediamenti umani e del turismo allinterno del Parco stesso - lelefante (circa quattrocento esemplari), la famosa e ormai rarissima tigre della Malesia, il rinoceronte di Sumatra (soltanto una ventina gli animali rimasti, purtroppo). E poi il tapiro, il cervo sambar, il maialino selvatico, alcuni tipi di cervidi rari, il cane selvatico malese, alcune specie di scimmie (macachi, gibboni).
(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 -  - 
Week-end e tempo libero
La Banda del Talos Festival
Dal 4 al 14 settembre
Un nuovo Artelibro
Dal 18 al 21 settembre 2014
Offerte di viaggio
Crociera alle Bahamas
Grantour della Turchia
Alla scoperta dell'India tra yoga e spiritualità
NOTIZIE
22/07/14 - Trasporti
Hunnu Air è una compagnia aerea privata mongola. Ha scelto APG Italy (società...
22/07/14 - Gastronomia
Dal 5 al 7 settembre Asiago (VI) ospita la terza edizione di Made in Malga, la manifestazione...
22/07/14 - Trasporti
MSC Crociere e Chicco, insieme, per una crociera a misura di “baby” e famiglie. I due...
22/07/14 - Eventi e mostre
Al Palazzo della Ragione di Milano in questi giorni si può ammirare ‘Genesi’:...
22/07/14 - Tempo libero
Un picnic tra arte, cultura e spettacolo seduti sul prato sopra grandi e comodi...
I Parchi del Sabah
"Orang Utan", cioè le persone, gli esseri della foresta. Una storia particolare quella che racconta...
Pedalando in Europa
Sono disponibili 30 itinerari per circa 4mila km. Buona segnaletica, cartografia e notevole...
L'alfabeto delle Olimpiadi torinesi -1
AArata Isozaki - E architetti vari. Lasciare una città agli architetti (vedi Brasilia) non è...
Città e paesi con "vista mare"
Le dita dell'oceano infilate nei suoi fianchi, intrecciate con i suoi fiumi in una stretta umida e...
Quando l'accoglienza è una questione di classe
Due località del Massachussets situate agli opposti angoli del piccolo stato compreso nel più vasto...
Torino "durante"
Shopping strano, particolare. Non banale. Ecco Baricole (via della Rocca 41, telefono 011 8122583)...
A Genova, quest'anno, la "cultura" è di casa
La Superba è, fra le città italiane, quella che riceverà nel corso di quest'anno un considerevole...
Una cucina di terra e di mare
Basta un rapido sguardo alla carta geografica della Spagna per notare che i confini della Galizia...
Sotto i cieli del Tibet in mountain bike
Come nasce l'idea di visitare un luogo piuttosto che un altro e farlo con passo lento, a bordo di...
Kuala Lumpur, a "contatto" di giungla
Al mattino nella giungla, alla sera all'Opera. Se c'è una sintesi turistica che può colpire...
Pasqua di lusso sulle sponde del Dubai Creek
I grattacieli sull'acqua, le vie dello shopping e degli affari, il lusso che convive con la...
LIBRI E GUIDE
Il giro del mondo in 80 isole Lucrezia Argentiero, Iter Edizioni, pagine 144, Euro 11.90
Cosa vuoi fare da grande di Ivan Baio e Angelo Orlando Meloni, Del Vecchio Editore, pagine 184, Euro 12,00.
TUTTI I DOSSIER
0.87964391708374