Giovedì 2 Ottobre 2014 - Anno XII
IL PRIMO GIORNALE ONLINE ITALIANO DI TURISMO E CULTURA DEL VIAGGIARE
Itinerari
Michelangelo tra due paesi
Il sommo artista visse tra Caprese e Chiusi della Verna, due località della Provincia di Arezzo. Una nuova segnaletica conduce alla scoperta di splendidi paesaggi e del Museo della scultura
di Graziano Capponago del Monte

Tondo Doni, Museo degli Uffizi, Firenze

Del genio di Michelangelo Buonarroti è inutile stare a parlarne, scultura, pittura, architettura e poesia erano per lui così naturali da arrivare al sommo grado di maestria. Questo grande dell’Arte universale nacque casualmente a Caprese, oggi Caprese Michelangelo in provincia di Arezzo. Casualmente perché suo padre, il nobile fiorentino Ludovico Leonardo, era il podestà di un territorio abbastanza vasto che comprendeva oltre a Caprese anche Chiusi della Verna ed era obbligato a risiedere sei mesi in un posto e sei mesi nell’altro. Michelangelo nacque il 6 marzo, pochi giorni prima del cambio di residenza che, per consuetudine, avveniva il 25 marzo, il capodanno del calendario fiorentino.

Geografia pittorica
Il profilo del Monte Penna

Il giovane Michelagnolo (come è scritto in un’iscrizione nella camera da letto della casa natale) era pertanto familiare con entrambe le località, di questo fatto siamo più che sicuri perché l’aspro paesaggio del Monte Penna è chiaramente e perfettamente descritto pittoricamente in almeno due se non addirittura quattro capolavori: ne “La creazione di Adamo”, sesta volta della Cappella Sistina in Vaticano e nel “Tondo Doni” agli Uffizi di Firenze; nella “Crocefissione di San Pietro” e nella "Conversione di San Paolo”, entrambe ai Musei Vaticani in Roma un po’ più sfumati.

Con queste premesse, è chiaro che Caprese Michelangelo e Chiusi della Verna rappresentino due luoghi importanti nella vita di Michelangelo. Nel suo nome, o meglio, sulle sue tracce ci sono parecchi turisti, anche stranieri, che vanno a visitare i luoghi e i musei. Per loro è stata predisposta un’apposita segnaletica in italiano e in inglese con pannelli informativi, bacheche e cartelli stradali.

La casa natale
Il Palazzo del Podestà a Caprese

Il Castello Medioevale di Caprese, contiene il Palazzo del Podestà, la casa natale dell’artista, che ospita riproduzioni fotografiche degli affreschi di Casa Buonarroti a Firenze, fatti eseguire nel ‘600 da un pronipote di Michelangelo per celebrarne la gloria. Un impianto multimediale proietta un documentario sulla vita. Ci sono anche le copie fotostatiche di documenti antichi e importanti e la copia in bronzo del famoso busto opera di Daniele da Volterra oltre a numerosi calchi in gesso delle sue sculture. Però, non c’è solo la casa natale di Michelangelo, ma anche Palazzo Clusini, oltre alla Corte Alta e un giardino.

(C) RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagine: 1 - 2 - 
Week-end e tempo libero
Giardini in fiore
Dal 29 marzo al 31 ottobre 2014
Gusto ad Alta Quota sulle Dolomiti
Dal 17 maggio all'1 novembre 2014
Offerte di viaggio
Grantour della Turchia
Alla scoperta del Botswana
Viaggio Missionario del Sorriso
NOTIZIE
02/10/14 - Fiere
Per generare nuovo business bisogna saper rompere gli schemi. Con queste parole è stata...
02/10/14 - Festival
In Toscana si celebra dal 9 al 19 ottobre la Settimana della Cultura. Il sito web di...
02/10/14 - Solidarieta'
Domenica 26 ottobre, Opera San Francesco per i Poveri Onlus (OSF) rinnova il suo invito...
01/10/14 - Enogastronomia
In Trentino, trascinati dal gusto dei suoi tipici prodotti enogastronomici. A partire dal 3 ottobre...
01/10/14 - Tecnologia
Hotels.com presenta oggi una novità per la sua app Android: la possibilità di...
Soweto, il rione-città dell'apartheid
Uno scalo di qualche ora a Johannesburg,  può rivelarsi un'esperienza di vita memorabile. Tutto...
Storia di una valigia abbandonata
Shanghai, l’addio - Mercoledì 3 aprile 2013, l'altro ieri, nella stanza 1006 del Grand...
Essere o Benessere
Il benessere nel senso fisico è ormai il bene più ricercato, la merce che si propone...
Fondo Val Chiusella, moderna Shangri-La
La prima “arrampicata” dalla grande valle è una strada comoda e non...
L'ora del Grand Tour
  Fu soprattutto nel Settecento e nell’Ottocento che si sviluppò la professione...
Nutrire corpo e spirito al ristorante India
Parlare di "cucina indiana" significa parlare delle abitudini alimentare di un popolo di oltre...
Una Certosa a due passi dal Cielo
  Riassunto delle puntate precedenti 15/18 novembre: A Sieti, borgo – ma Capitale della...
Roma oltreoceano
Una mostra a Los Angeles e una futura tappa a Roma sono il cuore dello scambio culturale...
Il purè di Pierino a Viganò
Andare a cena da Pierino Penati a Viganò è come entrare in un piccolo sogno...
Lie on Line
La nuova frontiera del telefilm poliziesco punta sempre più sullo scientifico. Dopo i Ris di...
Memorie della Grande Guerra
  La Prima Guerra Mondiale occupa ancora uno spazio importante nella memoria collettiva delle...
LIBRI E GUIDE
Non volare via di Sara Rattaro, Garzanti, pagine 224, Euro 14,90.
La semplicità delle piccole cose. Ricordi ed emozioni di Agostino Picicco, editore ED Insieme, Terlizzi (Ba), pagine 160, Euro 10,00.
TUTTI I DOSSIER
1.0762228965759